Lavoro: crescono gli occupati. Renzi, jobs act funziona

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Lavoro: crescono gli occupati. Renzi, jobs act funziona

Lavoro: crescono gli occupati. Renzi, jobs act funziona

ROMA. – La battuta d’arresto dell’economia italiana nel secondo trimestre non frena la creazione di posti di lavoro, ma a crescere – adesso – sono soprattutto i contratti a termine. “Nel secondo trimestre 2016 più 189 mila posti di lavoro. Da inizio nostro governo: più 585mila. Il #JobsAct funziona”, scrive il premier, Matteo Renzi, su Twitter, rilanciando i dati del rapporto Istat ‘Il mercato del lavoro’.

L’istituto di statistica registra, in un anno, 439 mila occupati in più, 109 mila disoccupati in meno e un primo calo anche dei Neet, i ragazzi ‘not in education, employment or training’, che non studiano e non lavorano: sono 252 mila in meno rispetto al secondo trimestre 2015 ma rappresentano ancora il 22,3% dei giovani tra i 15 e i 29 anni. Tre anni fa, all’apice della crisi, erano il 25%.

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, attribuisce questa riduzione dei Neet alle “opportunità prodotte dal programma Garanzia Giovani” e afferma che “prosegue il miglioramento della qualità del lavoro” con un aumento, nell’arco di dodici mesi, delle transizioni verso il lavoro a tempo indeterminato, in particolare per i dipendenti a termine e i collaboratori, e una crescita del flusso dalla disoccupazione verso l’occupazione.

“Il Jobs Act funziona”, conclude Poletti, facendo eco a Renzi. Le opposizioni non potrebbero essere in maggiore disaccordo. “Il Jobs Act è evaporato appena i costosi incentivi del Governo sono stati diminuiti”, si legge sul blog di Beppe Grillo, che parla di “Italia in rovina” e lancia l’hashtag #Dilloalgiornalista per diffondere le notizie “passate in sordina” dalla stampa. Il blog indica, come esempio, l’aumento dei licenziamenti del 17,8% nel secondo trimestre rispetto al primo, comunicato nei giorni scorsi dal Ministero del Lavoro.

Entra nella polemica anche la responsabile Comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini, che cita i dati Istat relativi a luglio, quando gli occupati sono calati dello 0,3% rispetto a giugno, e afferma: “la tendenza positiva si è interrotta ma il Pd non se ne è ancora accorto o finge di non accorgersene”.

Anche dal fronte sindacale la Cgil, con Riccardo Sanna, giudica i dati sul secondo trimestre “rilevazioni già superate da quelle non positive di luglio” e afferma che “non esiste alcuna statistica che dimostri che il Jobs Act abbia funzionato”, nonostante la spesa di oltre 6 miliardi di incentivi fiscali e contributivi nel 2015. Sulla stessa linea, il segretario confederale della Cisl Gigi Petteni concorda che “la riduzione dell’incentivo tra 2015 e 2016 ha fatto perdere appeal al contratto a tutele crescenti” mentre, per la Uil, Gugliemo Loy ritiene che il tema vero sia “la crescita bassa e insufficiente” perché “con un Pil quasi immobile è complicato aspettarsi una risalita significativa del tasso di occupazione”.

Da Confindustria, arriva, invece, un incoraggiamento al governo e il presidente, Vincenzo Boccia, invita l’esecutivo ad “andare avanti” su questa strada perché gli effetti positivi sul mercato del lavoro del Jobs Act non sono esauriti.

Nuovi dati – di segno opposto – sono diffusi anche dal Tesoro e dall’Ocse. Il ministero dell’Economia indica un calo delle nuove partite Iva a luglio dell’8,4% rispetto all’anno precedente mentre l’Ocse sottolinea che, sempre a luglio, l’Italia vede il maggiore calo del tasso di disoccupazione nell’Eurozona dopo la Spagna. Il tasso italiano scende di 0,2 punti percentuali, fino all’11,4%, mentre a Madrid il ribasso è di 0,3 punti al 19,6%. In entrambi i Paesi la disoccupazione resta sopra la media dell’area dell’euro (10,1%).

Tornando ai dati dell’Istat, risultano in crescita, nel secondo trimestre rispetto al primo tutte le tipologie di occupati ma, mentre l’aumento per i dipendenti a termine raggiunge il 3,2%, l’incremento si ferma allo 0,3% per quelli a tempo indeterminato. A livello territoriale, il Mezzogiorno batte il resto del paese per la crescita, con un +1,4% a fronte del +0,8% del Centro e del +0,6% del Nord.

Il Sud risulta al primo posto anche nelle statistiche sulle esportazioni delle regioni, diffuse ancora dall’Istat. Nel primo semestre, a fronte di un andamento stazionario dell’export nazionale, il Sud segna infatti +11,1%, mentre il Nord-Est si ferma al +1,9% e nel Nord Ovest c’è un calo dell’1,6%. Al boom del Meridione, guidato dal +82,7% della Basilicata, si sottraggono le Isole, dove l’export si contrae del 23,1%.

(di Chiara Munafò/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora