Renzi da Obama, crescita e Libia sempre i temi forti

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Renzi da Obama, crescita e Libia sempre i temi forti

Renzi da Obama, crescita e Libia sempre i temi forti

ROMA. – Matteo Renzi torna da Obama il prossimo 18 ottobre per una visita che non sarà solo di commiato. L’amico americano del premier, a pochi giorni dalle presidenziali Usa (8 novembre), ha scelto di riceverlo insieme alla moglie Agnese con una cena di Stato, omaggio non frequente per la Casa Bianca.

“Sono impressionato dall’energia di Renzi, dalla sua volontà di sfidare lo status quo, dalla visione per le riforme che servono a scatenare il potenziale economico dell’Italia”, disse Barack Obama nell’aprile 2015 dalla Casa Bianca lanciando così il suo primo “endorsement” al Governo Renzi.

I complimenti, si sa, costano poco ma il presidente statunitense aveva in corso una battaglia interna per la crescita e la stagnazione europea rallentava i suoi piani. A seguito della Brexit Obama ha intensificato le sue richieste agli europei a fare di più per la crescita, lasciando a tempi migliori il consolidamento del bilancio pubblico.

Musica per le orecchie del premier che si appresta a varare la legge di Bilancio che si gioca nelle pieghe delle concessioni di flessibilità della Commissione europea. Elogi a stelle e strisce che si incrociano con quelli di pochi giorni fa dal vertice G20 in Cina dove Obama, ancora una volta ha citato l’Italia come esempio di “buon lavoro di governo”, soprattutto nel campo delle riforme.

Ma il vero dossier aperto che Obama lascerà in eredità è quello della lotta all’Isis in tutte le sue derivazioni, dall’Iraq alla Sira fino alla Libia. E proprio sulla Libia da mesi si gioca una partita diplomatica difficilissima tra le principali capitali europee e Washington.

E’ di oggi la notizia che Roma invierà a Misurata 100 medici, con la protezione di circa 200 parà, per curare i soldati libici. Una accelerazione d’impegno italiano che Obama aspettava e che Renzi porterà in dote nell’incontro alla Casa Bianca, insieme all’uso delle basi italiane per i caccia americani.

Matteo Renzi ha resistito alle richieste di un impegno diretto sul terreno ma non può lasciare interamente il campo a Parigi e Berlino pronte a dire sì ad ogni richiesta americana. Con l’offensiva in corso contro l’Isis e le complicatissime dinamiche di intervento nell’area di Paesi forti come la Russia e la Turchia, per l’Italia, alleato strategico e fondamentale degli Usa, non basta più la conferma dell’impegno militare in Afghanistan. La Libia è nel radar.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora