Renzi da Obama, crescita e Libia sempre i temi forti

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Renzi da Obama, crescita e Libia sempre i temi forti

Renzi da Obama, crescita e Libia sempre i temi forti

ROMA. – Matteo Renzi torna da Obama il prossimo 18 ottobre per una visita che non sarà solo di commiato. L’amico americano del premier, a pochi giorni dalle presidenziali Usa (8 novembre), ha scelto di riceverlo insieme alla moglie Agnese con una cena di Stato, omaggio non frequente per la Casa Bianca.

“Sono impressionato dall’energia di Renzi, dalla sua volontà di sfidare lo status quo, dalla visione per le riforme che servono a scatenare il potenziale economico dell’Italia”, disse Barack Obama nell’aprile 2015 dalla Casa Bianca lanciando così il suo primo “endorsement” al Governo Renzi.

I complimenti, si sa, costano poco ma il presidente statunitense aveva in corso una battaglia interna per la crescita e la stagnazione europea rallentava i suoi piani. A seguito della Brexit Obama ha intensificato le sue richieste agli europei a fare di più per la crescita, lasciando a tempi migliori il consolidamento del bilancio pubblico.

Musica per le orecchie del premier che si appresta a varare la legge di Bilancio che si gioca nelle pieghe delle concessioni di flessibilità della Commissione europea. Elogi a stelle e strisce che si incrociano con quelli di pochi giorni fa dal vertice G20 in Cina dove Obama, ancora una volta ha citato l’Italia come esempio di “buon lavoro di governo”, soprattutto nel campo delle riforme.

Ma il vero dossier aperto che Obama lascerà in eredità è quello della lotta all’Isis in tutte le sue derivazioni, dall’Iraq alla Sira fino alla Libia. E proprio sulla Libia da mesi si gioca una partita diplomatica difficilissima tra le principali capitali europee e Washington.

E’ di oggi la notizia che Roma invierà a Misurata 100 medici, con la protezione di circa 200 parà, per curare i soldati libici. Una accelerazione d’impegno italiano che Obama aspettava e che Renzi porterà in dote nell’incontro alla Casa Bianca, insieme all’uso delle basi italiane per i caccia americani.

Matteo Renzi ha resistito alle richieste di un impegno diretto sul terreno ma non può lasciare interamente il campo a Parigi e Berlino pronte a dire sì ad ogni richiesta americana. Con l’offensiva in corso contro l’Isis e le complicatissime dinamiche di intervento nell’area di Paesi forti come la Russia e la Turchia, per l’Italia, alleato strategico e fondamentale degli Usa, non basta più la conferma dell’impegno militare in Afghanistan. La Libia è nel radar.

(di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

15:16Corea Nord: ok Malaysia, corpo Kim verso Pyongyang

(ANSA) - PECHINO, 30 MAR - La Malaysia ha accettato di far trasferire in Corea del Nord il corpo di Kim Jong-nam, il fratellastro del leader Kim Jong-un ucciso col gas nervino Vx il 13 febbraio all'aeroporto di Kuala Lumpur, mettendo fine al duro scontro diplomatico tra i due Paesi. Lo riferisce l'agenzia Kcna, secondo cui "con la Corea del Nord che ha prodotto i documenti necessari da parte della famiglia, la Malaysia ha accettato di facilitare il trasporto del corpo alla famiglia in Corea del Nord", riporta una nota congiunta.

15:14Droga: clan Casalesi, traffico con basso Lazio, due arresti

(ANSA) - CASERTA, 30 MAR - I carabinieri del Ros di Napoli hanno arrestato in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Napoli il 65enne Antonio Orlando Manzi, ritenuto esponente del clan Graziano di Quindici (Avellino) e il 54enne Raffaele Fiorinelli, accusati di aver gestito l'attività di acquisto e cessione di elevati quantitativi di droga tra il territorio casertano e il Basso Lazio con la complicità di esponenti di spicco del clan dei Casalesi; per tali reati però il Gip ha escluso l'aggravante mafiosa. Il magistrato ha inoltre rigettato la richiesta di misura avanzata dalla Dda di Napoli per altri 28 indagati. Il provvedimento restrittivo è stato così emesso solo per Manzi e Fiorinelli; il primo è stato catturato a Tivoli, il secondo a San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno) mentre altri quattro indagati rispondono di associazione mafiosa.

15:11Calcio: Ferrero, Schick? Vediamo se fa un gol a settimana

(ANSA) - GENOVA, 30 MAR - "Schick? chi è? Lo sai che ha fatto un film? C'era una vecchina che passava uno che si chiamava lo sciccoso, che ogni giorno prendeva una mela... vediamo se Schick ogni settimana ci fa un gol". Lo ha detto il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero stamani a Genova rispondendo a chi gli chiedeva se la società ha intenzione di blindare l'attaccante ceco della Samp. Ferrero si era appena recato al Sampdoria Point per "far preparare un pacco per dei bambini - ha detto - Ci sono persone meno fortunate, magari sono tifosi o forse no... ma una felpa può servire a chiunque".

15:07Calcio: Kroos a Neuer, per rientrare prenditi tempo che vuoi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Manuel Neuer è out, dopo essere stato operato al piede, a meno di due settimane della sfida di Champions fra il Bayern Monaco e il Real Madrid. Sulla vicenda dell'infortunio del portiere tedesco è intervenuto l'ex compagno di squadra del Bayern, oggi al Real, Tony Kroos che, sul proprio profilo Facebook, ha scherzato: "Prenditi il tempo che ti serve per rientrare, in tutta tranquillità...", ha scritto il giocatore del Real Madrid, che è anche compagno di Nazionale del portiere. (ANSA).

15:01Putin, cooperazione con usa più forte

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - La cooperazione fra la Russia e gli Usa sulla Siria si rafforza e questo è un buon segnale. Così Vladimir Putin al forum dell'Artico. "In alcuni campi importanti, come la cooperazione in Siria, nonostante diverse dichiarazioni esterne, si amplia e diventa più profonda, sentiamo l'interesse dei nostri partner americani in questo senso ed è un segnale buono", ha detto Putin citato dalla Tass. La Russia, ha aggiunto, ha ripetutamente invitato gli Usa a cooperare nella sfera della cyber-sicurezza ma da Washington non è arrivata nessuna risposta.

14:54Gentiloni: Italia paese aperto, di qualità e scambi

(ANSA) - MONFALCONE (GORIZIA), 30 MAR - "Abbiamo le carte in regola per competere su questo mercato (cantieristica navale, ndr) senza essere aggressivi verso nessuno perché l'Italia è un paese aperto, che punta su qualità e scambi. Così facendo è capace anche di affermare l'essenza della propria manifattura, le proprie capacità. Il mondo ha grandi difficoltà: la globalizzazione non è solo rose e fiori, ma questo mondo di grandi viaggi, dell'apertura, ci fa dire benvenuti ai cinesi". Lo ha detto il premier Gentiloni alla consegna della nave Majestic Princess destinata al mercato cinese.

14:49Stamina: Spedali Civili Brescia, chieste 4 condanne

(ANSA) - TORINO, 30 MAR - Quattro condanne sono state chieste nell'ultimo dei processi avviati dalla procura di Torino sul caso Stamina, la controversa terapia patrocinata da Davide Vannoni. Gli imputati sono chiamati in causa per i ruoli ricoperti negli Spedali Civili di Brescia. I pm hanno proposto 3 anni per Ermanna Derelli, ex direttrice sanitaria, e Carmen Terraroli, segretaria referente del comitato etico; 2 anni e 9 mesi per Arnalda Lanfranchi, responsabile di un laboratorio e per il pediatra Fulvio Porta.

Archivio Ultima ora