Usa 2016: Se Hillary lasciasse? Scenari inediti in America

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Dopo il malore dell'11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare

Dopo il malore dell’11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare

NEW YORK. – E se Hillary Clinton gettasse la spugna? Dopo il malore dell’11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare: non è però mai successo a livello di candidature presidenziali.

Sia il partito democratico che quello repubblicano hanno regole per riempire il vuoto anche a ridosso della data del voto, quest’anno l’8 novembre. Il presidente del partito, nello specifico la presidente ad interim Donna Brazile, dovrebbe convocare il Comitato Nazionale per votare a maggioranza semplice. Le stesse procedure si applicano in caso di morte o ritiro di un presidente eletto dopo l’elezione generale ma prima della riunione del Collegio Elettorale: nel senso che il partito è l’arbitro assoluto per rimediare alla vacanza.

Se non è mai successo al primo posto del ticket presidenziale, precedenti esistono per candidati alla vicepresidenza: nel 1912, il numero due repubblicano James Sherman morì sei giorni prima delle elezioni ma in quel caso la riunione del partito fu cancellata perché alla fine il democratico Woodrow Wilson vinse le elezioni.

Sessant’anni dopo fu la volta del vice del candidato democratico George McGovern: Thomas Eagleton fu costretto ad abbandonare la gara 18 giorni soltanto dopo la nomination quando si scoprì che era stato in cura per depressione. Per tradizione spetta al numero uno del ticket scegliere il suo vice e fu così che McGovern scelse il capo dei PeaceCorps Sargent Shriver. Per mettersi in regola fu convocato il Comitato Nazionale Democratico che confermò Shriver in agosto, prima delle elezioni generali.

Se Hillary si dovesse dimettere tornerebbero gioco forza in pista altri nomi: dal vice presidente Joe Biden che meditò a lungo se candidarsi per poi escluderlo dopo la morte del primogenito Beaux per un tumore al cervello, al segretario di Stato John Kerry che nel 2012 raccolse il testimone di Hillary dopo le dimissioni dal Dipartimento di Stato, anche in quel caso per motivi di salute.

Mentre l’attuale numero due Tim Kaine non ha necessariamente precedenza nella scelta del Comitato, si è parlato di nuovo del senatore Bernie Sanders, che all’ex First Lady nelle primarie ha dato tanto filo da torcere, e della collega al Senato Elizabeth Warren (che Hillary ha snobbato come numero due nonostante la possibilità di dar vita ad un inedito ticket tutto femminile).

C’è chi parla di Chelsea Clinton (fantapolitica) e, in questa chiave, c’è chi sogna Michelle Obama: la First Lady scende in campo questa settimana per dare una mano all’altra ex inquilina della Casa Bianca portando davanti agli elettori popolarità, fiducia e carisma in misure tali che la Clinton non è mai riuscita a raccogliere.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

07:32Istituto Bellini ha un ‘buco’ da 14 milioni, 23 arresti

(ANSA) - CATANIA, 30 MAG - Ventitre persone sono state arrestate dalla Guardia di finanza a conclusione di un'indagine sull'Istituto superiore di studi musicali 'Vincenzo Bellini' di Catania che ha portato alla scoperta di un 'buco' di bilancio di 14 milioni di euro. Gli indagati sono funzionari e dipendenti della scuola e persone giuridiche esterne all'ente pubblico. Il Gip ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei degli indagati e 17 arresti domiciliari, e anche disposto il sequestro preventivo equivalente di beni per 14 milioni di euro. I reati contestati, a vario titolo, sono peculato continuato, ricettazione, riciclaggio e associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio connessi alla illecita distrazione e depauperamento di risorse finanziarie dell'Istituto pubblico catanese.

02:02Iraq: autobomba a Baghdad, almeno 10 morti

(ANSA) - BAGHDAD, 30 MAG - Almeno 10 persone sono morte e altre 22 rimaste ferite per l'esplosione ieri sera di una autobomba fuori da una popolare gelateria di Baghdad. L'attentato è avvenuto pochi giorni dopo l'inizio del Ramadan, mese sacro durante il quale i musulmani digiunano durante le ore diurne: al tramonto bar e ristoranti si riempiono rapidamente di avventori, tra cui molte famiglie. L'attacco ha colpito un locale nel centro della capitale irachena ed è stato effettuato con dell'esplosivo piazzato in una macchina lasciata parcheggiata. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione ma nel passato l'Isis ha rivendicato attentanti simili, come quello con un camion bomba esploso durante il Ramadan dello scorso anno che ha ucciso centinaia di persone.

00:35Voto Gb:May su Brexit, non pagheremo qualunque prezzo

(ANSA) - LONDRA, 30 MAG - "Nessun accordo sulla Brexit è meglio di uno cattivo". La premier britannica ha ribadito in modo chiaro, nel corso del dibattito televisivo a distanza col leader laburista Jeremy Corbyn, che è pronta ad abbandonare i negoziati sull'uscita dall'Europa nel caso in cui non si riesca a trovare una intesa con l'Ue, a partire dalla questione del cosiddetto 'conto del divorzio'. Il primo ministro conservatore ha sottolineato che non è intenzionata a "pagare ogni prezzo" per ottenere un accordo.

22:56Voto Gb: Corbyn, ‘con noi non ci sarà Brexit senza accordo’

(ANSA) - LONDRA, 29 MAG - La Brexit ci sarà, ma non avverrà "senza un accordo" con l'Ue se al governo in Gran Bretagna andrà il Labour. Lo ha detto il leader laburista, Jeremy Corbyn, nel dibattito televisivo elettorale a distanza di stasera, assicurando di voler "rispettare il risultato del referendum", ma di voler negoziare anche "un accordo di libero scambio con Bruxelles" e mantenere rapporti stretti con l'Europa. Il leader laburista si è poi detto pronto a pagare all'Ue "quanto legalmente dovuto" per il divorzio. Quanto all'immigrazione, Corbyn ha infine detto di ritenere "probabile" una leggera riduzione dell'immigrazione, ma senza fare alcuna promessa di limitarla. Secondo Corbyn, l'attentato di Manchester è stato un gesto orribile e non ci sono giustificazioni per chi la commesso, ma deve suggerire anche una revisione della politica estera, che "non significa una politica estera più soft", bensì una politica che punti a stabilizzare i Paesi devastati da guerre e interventi militari, come la Siria e la Libia.

21:29Auto ‘impazzita’ travolge 5 persone a Roma, 2 gravi

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Un'auto ha travolto 5 pedoni stasera a Roma. E' accaduto in via dei Colli Portuensi. I 5 feriti sono stati trasportati in ospedale dal 118 di Roma. Secondo quanto si è appreso, il più grave è un ragazzo di circa 30 anni rimasto incastrato sotto le ruote della macchina. Trasportata in ospedale in codice rosso anche una donna con vari traumi alla schiena. Gli altri tre sembrerebbero meno gravi. Sul posto polizia e polizia locale per i rilievi. Alla guida della Smart c'era una donna. Non si esclude che possa aver avuto un malore.

21:20Tennis: Roland Garros, Fognini al secondo turno

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - Anche Fabio Fognini si aggiunge alla piccola pattuglia di azzurri che ha raggiunto il secondo turno al Roland Garros. Il tennista ligure e' riuscito solo al quinto set ad avere ragione del giovane statunitense Frances Tiafoe, col punteggio di 6-4, 6-3, 3-6, 1-6, 6-0, in due ore e 45 minuti di gioco. L'incrocio del tabellone lo porta ad affrontare un altro italiano, Andreas Seppi.

21:02Totti: Spalletti “Francesco vuole fare vicepresidente Roma”

(ANSA) - ROMA, 29 MAG - "Totti? Gli devono far fare il vicepresidente della Roma, è quello che lui vuole. I fischi di ieri? Mi hanno fatto pagare il conto". Così Luciano Spalletti, in una intervista che andrà in onda integralmente in serata (alle ore 21) nel corso della trasmissione di Sportitalia 'La Partita Perfetta'. Il tecnico della Roma annuncerà il suo futuro domani in una conferenza stampa: "Dirò cose molto importanti, la prima di tutte è che la Roma è in Champions. Di Francesco? Ne parlerò domani..." aggiunge l'allenatore toscano, rifilando una stoccata al collega Sarri: "Il suo Napoli gioca un calcio da paradiso, ma non parli dei nostri rigori".

Archivio Ultima ora