Usa 2016: Se Hillary lasciasse? Scenari inediti in America

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Dopo il malore dell'11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare

Dopo il malore dell’11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare

NEW YORK. – E se Hillary Clinton gettasse la spugna? Dopo il malore dell’11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare: non è però mai successo a livello di candidature presidenziali.

Sia il partito democratico che quello repubblicano hanno regole per riempire il vuoto anche a ridosso della data del voto, quest’anno l’8 novembre. Il presidente del partito, nello specifico la presidente ad interim Donna Brazile, dovrebbe convocare il Comitato Nazionale per votare a maggioranza semplice. Le stesse procedure si applicano in caso di morte o ritiro di un presidente eletto dopo l’elezione generale ma prima della riunione del Collegio Elettorale: nel senso che il partito è l’arbitro assoluto per rimediare alla vacanza.

Se non è mai successo al primo posto del ticket presidenziale, precedenti esistono per candidati alla vicepresidenza: nel 1912, il numero due repubblicano James Sherman morì sei giorni prima delle elezioni ma in quel caso la riunione del partito fu cancellata perché alla fine il democratico Woodrow Wilson vinse le elezioni.

Sessant’anni dopo fu la volta del vice del candidato democratico George McGovern: Thomas Eagleton fu costretto ad abbandonare la gara 18 giorni soltanto dopo la nomination quando si scoprì che era stato in cura per depressione. Per tradizione spetta al numero uno del ticket scegliere il suo vice e fu così che McGovern scelse il capo dei PeaceCorps Sargent Shriver. Per mettersi in regola fu convocato il Comitato Nazionale Democratico che confermò Shriver in agosto, prima delle elezioni generali.

Se Hillary si dovesse dimettere tornerebbero gioco forza in pista altri nomi: dal vice presidente Joe Biden che meditò a lungo se candidarsi per poi escluderlo dopo la morte del primogenito Beaux per un tumore al cervello, al segretario di Stato John Kerry che nel 2012 raccolse il testimone di Hillary dopo le dimissioni dal Dipartimento di Stato, anche in quel caso per motivi di salute.

Mentre l’attuale numero due Tim Kaine non ha necessariamente precedenza nella scelta del Comitato, si è parlato di nuovo del senatore Bernie Sanders, che all’ex First Lady nelle primarie ha dato tanto filo da torcere, e della collega al Senato Elizabeth Warren (che Hillary ha snobbato come numero due nonostante la possibilità di dar vita ad un inedito ticket tutto femminile).

C’è chi parla di Chelsea Clinton (fantapolitica) e, in questa chiave, c’è chi sogna Michelle Obama: la First Lady scende in campo questa settimana per dare una mano all’altra ex inquilina della Casa Bianca portando davanti agli elettori popolarità, fiducia e carisma in misure tali che la Clinton non è mai riuscita a raccogliere.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

22:34Corea Sud, arrestata ex presidente Park per corruzione

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Si chiude la parabola discendente dell'ex presidente sudcoreana Park Geun-hye. La donna, accusata di corruzione, è stata arrestata dopo che la Corte distrettuale centrale di Seul aveva dato il via libera al suo mandato di arresto. L'agenzia di stampa Yonhap ha aggiunto che la decisione della Corte è arrivata dopo un'audizione durata circa 9 ore. Il giudice Kang Bu-young ha riferito ai giornalisti di avere preso una decisione in tal senso in quanto c'è la preoccupazione che l'ex presidente possa distruggere le prove che potrebbero essere usate contro di lei nel futuro dibattimento. Park, 65 anni, era decaduta lo scorso 10 marzo, dopo che la Corte costituzionale aveva validato l'impeachment del 9 dicembre votato dal Parlamento. Tre giorni fa la procura aveva deciso di richiedere un mandato d'arresto, descrivendo "molto seri" gli addebiti, nei suoi confronti. E' accusata di aver agito in collaborazione con la 'sciamana' Choi, anch'essa arrestata, per estorcere donazioni alle società sudcoreane.

21:58Sperona auto ex e l’accoltella, fiaccolata a Borgo Vercelli

(ANSA) - VERCELLI, 30 MAR - Fiaccolata nel centro di Borgo Vercelli per Fiorilena Ronco, la donna accoltellata due giorni fa dall'ex marito. Centinaia i cittadini che partecipano alla manifestazione, nel centro della cittadina, organizzata dai compagni di scuola. "Un atto dovuto per la nostra Fiorilena - dice il sindaco Mario Demagistri - e per riaffermare la necessità di stare vicino alle vittime di violenza". Presente anche l'assessore alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti. La piccola folla si è radunata davanti alla chiesa di Santa Caterina per poi passare in via Tavallini, dopo mercoledì l'ex marito della donna l'ha attesa fuori dal lavoro e l'ha aggredita dopo avere speronato l'auto con cui cercava di allontanarsi. L'uomo è stato arrestato. La donna è ricoverata all'ospedale Sant'Andrea di Vercelli in prognosi riservata.(ANSA).

21:52Calcio: Siviglia ufficializza ‘divorzio’ ds Monchi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - Adesso c'è anche l'ufficialità: Ramón Rodríguez Verdejo, per tutti Monchi, lascia la direzione tecnica del Siviglia. Lo ha annunciato il club andaluso con una nota pubblicata sul sito. "Il Siviglia ha raggiunto un accordo con il direttore sportivo Monchi, poi ratificato dal Consiglio di amministrazione del club si è riunito oggi pomeriggio". Domani è in programma una conferenza stampa alle 12.30. Da trent'anni al Siviglia, prima come calciatore e poi come dirigente, Monchi è in predicato di passare alla Roma.

21:25Questore Napoli, nessun giudizio negativo sul Comune

(ANSA) - NAPOLI, 30 MAR - "Non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune consapevole delle difficoltà di amministrare una città complessa, anche dal punto di vista degli aspetti di criminalità ancora persistenti, e per la circostanza che per dieci anni sono stato assente dal territorio". Così il questore Antonio De Iesu. "In merito al colloquio tra il presidente della Regione On. De Luca e l'On. Impegno in un fuori onda desidero evidenziare che il contesto che ha caratterizzato l'incontro con il Governatore nel mio ufficio riguardava il sostegno espresso nei confronti delle forze di Polizia per i fatti dell'11 marzo a Fuorigrotta. A tal riguardo ho espresso il mio rammarico per la mancata solidarietà offerta dall'amministrazione comunale in favore dei 27 agenti delle forze dell'ordine coinvolti negli incidenti. Nel corso dell'incontro non ho evidenziato considerazioni negative sulla gestione amministrativa e politica del Comune".

20:39Pd: Marcucci, Renzi vince, chi lo insegue si dia pace

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Renzi è largamente in testa nelle preferenze dei militanti. Chi insegue a grande distanza se ne faccia una ragione, lavori per il proprio programma, senza denigrare. Allo stato attuale, Renzi è il candidato reputato più in grado di far vincere il Pd dagli iscritti che votano nei congressi". Così in una nota il senatore dem Andrea Marcucci replica ai sostenitori delle mozioni Orlando ed Emiliano.

20:37Turchia: scontri con feriti davanti consolato Bruxelles

(ANSA) - BRUXELLES, 30 MAR - Una serie di scontri tra pro-Erdogan e oppositori curdi sono avvenuti davanti al consolato turco a Bruxelles. Lo riferisce l'agenzia Belga, secondo cui si è sviluppata una rissa con diversi feriti. Non si sa ancora se ci siano stati fermi o arresti e quante persone siano state coinvolte. E' comunque stata aperta un'inchiesta.

20:33Calcio: Bari, audio presunta combine Trapani, club denuncia

(ANSA) - BARI, 30 MAR - Il presidente del Bari Cosmo Giancaspro ha presentato una querela contro ignoti per calunnia e diffamazione in seguito alla diffusione in rete di un file audio di una persona non identificata che descriveva la partita Trapani-Bari (persa dai pugliesi 4-0 il 18 marzo scorso) come una gara combinata. L'audio ha poi generato forti polemiche sui forum del tifo biancorosso ed è stato commentato con durezza dal tecnico Stefano Colantuono: "Tutte invenzioni e cazz...". Alla denuncia è stato allegato il file audio in questione.

Archivio Ultima ora