Usa 2016: Se Hillary lasciasse? Scenari inediti in America

Pubblicato il 12 settembre 2016 da ansa

Dopo il malore dell'11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare

Dopo il malore dell’11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare

NEW YORK. – E se Hillary Clinton gettasse la spugna? Dopo il malore dell’11 settembre a Ground Zero, molti si interrogano su uno scenario che porterebbe una corsa alla Casa Bianca a muoversi in acque se possibile ancor più inesplorate. Cambiare un candidato presidenziale a metà corsa tra nomination ed elezioni è clamoroso ma si può fare: non è però mai successo a livello di candidature presidenziali.

Sia il partito democratico che quello repubblicano hanno regole per riempire il vuoto anche a ridosso della data del voto, quest’anno l’8 novembre. Il presidente del partito, nello specifico la presidente ad interim Donna Brazile, dovrebbe convocare il Comitato Nazionale per votare a maggioranza semplice. Le stesse procedure si applicano in caso di morte o ritiro di un presidente eletto dopo l’elezione generale ma prima della riunione del Collegio Elettorale: nel senso che il partito è l’arbitro assoluto per rimediare alla vacanza.

Se non è mai successo al primo posto del ticket presidenziale, precedenti esistono per candidati alla vicepresidenza: nel 1912, il numero due repubblicano James Sherman morì sei giorni prima delle elezioni ma in quel caso la riunione del partito fu cancellata perché alla fine il democratico Woodrow Wilson vinse le elezioni.

Sessant’anni dopo fu la volta del vice del candidato democratico George McGovern: Thomas Eagleton fu costretto ad abbandonare la gara 18 giorni soltanto dopo la nomination quando si scoprì che era stato in cura per depressione. Per tradizione spetta al numero uno del ticket scegliere il suo vice e fu così che McGovern scelse il capo dei PeaceCorps Sargent Shriver. Per mettersi in regola fu convocato il Comitato Nazionale Democratico che confermò Shriver in agosto, prima delle elezioni generali.

Se Hillary si dovesse dimettere tornerebbero gioco forza in pista altri nomi: dal vice presidente Joe Biden che meditò a lungo se candidarsi per poi escluderlo dopo la morte del primogenito Beaux per un tumore al cervello, al segretario di Stato John Kerry che nel 2012 raccolse il testimone di Hillary dopo le dimissioni dal Dipartimento di Stato, anche in quel caso per motivi di salute.

Mentre l’attuale numero due Tim Kaine non ha necessariamente precedenza nella scelta del Comitato, si è parlato di nuovo del senatore Bernie Sanders, che all’ex First Lady nelle primarie ha dato tanto filo da torcere, e della collega al Senato Elizabeth Warren (che Hillary ha snobbato come numero due nonostante la possibilità di dar vita ad un inedito ticket tutto femminile).

C’è chi parla di Chelsea Clinton (fantapolitica) e, in questa chiave, c’è chi sogna Michelle Obama: la First Lady scende in campo questa settimana per dare una mano all’altra ex inquilina della Casa Bianca portando davanti agli elettori popolarità, fiducia e carisma in misure tali che la Clinton non è mai riuscita a raccogliere.

(di Alessandra Baldini/ANSA)

Ultima ora

07:26Cina:Xi,Pcc deve mantenere assoluto controllo militari

PECHINO - Il Partito comunista cinese "deve mantenere l'assoluto controllo sulle forze armate". Lo ha detto il segretario generale del Pcc Xi Jinping, nel discorso d'apertura del 19/mo congresso assicurando che il Partito "si opporra' a ogni azione che metta a rischio la leadership".

07:23Cina:XI,rinnovamento nazione non ‘come passeggiata’ in parco

PECHINO - Raggiungere il rinnovamento della Cina non sara' "come una passeggiata nel parco". Nel suo intervento introduttivo al 19/mo congresso del Partito comunista, il segretario generale Xi Jinping ha rimarcato che il "sogno cinese" richiede una lotta decisa alle contraddizioni e forte impegno su progetti e cause.

07:19Cina: Xi, economia restera’ a passo medio-alto

PECHINO - La Cina manterra' il tasso di crescita della sua economia "a un passo medio-alto". Lo ha detto il segretario generale Xi Jinping nella relazione d'apertura del 19/mo congresso del Partito comunista cinese.

07:15Cina: Xi, prospettive luminose ma sfide impegnative

PECHINO - Le prospettive della Cina ''sono luminose ma restano sfide impegnative''. Lo ha affermato il segretario generale del Partito comunista cinese Xi Jinping, nella sua relazione d'apertura. Negli ultimi 5 anni, ha ricordato, il Pil E' aumentato da 54.000 miliardi di yuan a quota 80.000, pari a 12.100 miliardi di dollari circa.

07:10Cina: aperti lavori 19/mo congresso Partito comunista

PECHINO - Il premier cinese Li Keqiang ha aperto ufficialmente i lavori dEl 19/mo congresso del Partito comunista, chiamato a rinnovare gli organismi interni a partire dal Comitato centrale. Il segretario generale Xi Jinping ha iniziato la sua relazione dedicata ai cinque anni passati e alle prospettive del prossimo quinquennio e oltre. Xi, nelle attese, dovrebbe rafforzare i suoi poteri quale ''core leader'', nucleo del Partito.

07:01Amnesty,centinaia Rohingya uccisi da sicurezza birmana

BANGKOK - Le forze di sicurezza birmane hanno ucciso centinaia di persone nell'ambito di una campagna sistematica per espellere dal paese la minoranza musulmana dei Rohingya. La denuncia viene da Amnesty International. Per il suo rapporto, diffuso oggi, l'organizzazione umanitaria ha intervistato piu' di 120 Rohingya fuggiti alle violenze.

06:58Trump, non demolire storia Usa. E difende Colombo

WASHINGTON - Gli Usa dovrebbero celebrare e preservare la loro storia, ''non demolirla'': lo ha detto Donald Trump intervenendo davanti al think tank conservatore Heritage Foundation, dove ha criticato il movimento che mira ad abbattere le statue sudiste ed altri simboli del controverso passato americano. ''Ora stanno tentando anche di abbattere le statue di Cristoforo Colombo, cosa succedera' dopo?'', si e' chiesto il presidente, che nel proclamare il Columbus day aveva difeso in modo netto la figura dell'esploratore genovese.

Archivio Ultima ora