Letteratura e territorio: Il distretto Torre Annunziata, Castellammare, Sorrento

Pubblicato il 13 settembre 2016 da redazione

Antonio Carosella – Trittici vesuviani – Loffredo, Napoli (2006) – Pagg. 174, € 14,00

Antonio Carosella – Trittici vesuviani – Loffredo, Napoli (2006) – Pagg. 174, € 14,00

Fuori dai circuiti della grande distribuzione certe marche di prodotti commerciali o vengono ricercate dai competenti dal gusto raffinato (élites intellettuali), o sono destinate ad essere riconosciute (perché conosciute) nell’ambito ristretto della zona di produzione; oppure finiscono per scomparire e perdersi nelle macerie di una discarica.

Ora i libri che sto presentando non sono di quelli che si trovano citati in tutti i quotidiani, o presentati in televisione, o esposti sui banchi delle grandi librerie. Ma non sono neppure letteratura locale, o provinciale, letteratura generalistica, o marginale, come potrebbero sembrare. Essi sono invece un prodotto che non ha avuto la fortuna di un’adeguata pubblicizzazione.

Di questo non vogliamo fare qui un processo per l’individuazione delle cause o delle eventuali responsabilità. Ma, aggiungendo fatica a fatica (contenti di farla, come se fossimo in una palestra), approfittiamo di questa bacheca, con la speranza che resti aperta e si trasformi in scaffale, per mettere a disposizione del pubblico alcuni testi che attendevano di essere recensiti e, possibilmente, anche letti. Cercandoseli.

Tra i libri consegnatimi dal professore Carosella negli ultimi due anni precedenti alla sua morte, avvenuta il 18 febbraio 2012, mi ritrovo anche questo TRITTICI VESUVIANI, edito da Loffredo (Napoli2008) in cui sono presentati, a tre a tre, scrittori dell’area vesuviana, o più esattamente di quella parte estrema del golfo che è il seno di Castellammare di Stabia. Per intenderci: Torre Annunziata, Boscotrecase, Castellammare e i paesi della penisola sorrentina: quasi un omogeneo circondario culturale. “Il distretto”.

L’Autore presenta sei trittici: includendo in ognuno tre opere letterarie legate da una qualche affinità ideale, o cronologica, o geografica, o anche dettata da contingenze legate alla sua stessa disponibilità di tempo.

Un panorama di opere prodotte in un decennio, in un’area, in un contesto socio-economico, che esprimono l’humus culturale di questa “provincia addormentata”, che nel risveglio caparbiamente mostra la volontà di vivere pienamente la nuova giornata che sorge. La costante è proprio questa provincialità nobile che a prescindere da qualsiasi intento programmatico si respira nei testi, ma soprattutto nella vita quotidiana della regione e nel tessuto relazionale di quelle realtà impegnate alla promozione e allo sviluppo del territorio.

La prosa del Carosella, insegnante, conferenziere, scrittore che per mezzo secolo ha operato in questo angolo di mondo vesuviano testimoniando una sua coerenza morale, si fa apprezzare per gli ampi spazi descrittivi e argomentativi con qualche scorcio narrativo, propri dello studioso attento e del critico avveduto.

Il prof. Luigi Casale con l'autore del libro Antonio Carosella

Il prof. Luigi Casale con l’autore del libro Antonio Carosella

Augurando ai lettori di poter reperire questi TRITTICI VESUVIANI per mettersi finalmente sulla scorta delle opere ivi recensite, do qui l’elenco dei sei quadri con tutte le diciotto tavole.

I Trittico Mario Guaraldi Esteban il sottile – T. Marotta editore, Napoli 1995
Michele Prisco Il pellicano di pietra – Rizzoli, Milano 1996
Maria Orsini Natale Francesca e Nunziata – Avagliano, Cava de’ Tirreni 1995

II Trittico Michele del Gaudio La toga strappata – T. Pironti, Napoli 1992
Antonio Cirillo La tràstula – F.lli Fiorentino, Napoli 1997
Vincenzo Esposito La festa di Santa Elisabetta – Avagliano, Cava de’ T. 1999

III Trittico M. Orsini Il terrazzo della villa rosa – Avagliano, Cava de’ T. 1998
Maria Donnarumma D’Alessio Vedere dal cuore – Gribaudi, Milano 1999
M. Prisco Gli altri – Rizzoli, Milano 1999

IV Trittico M. Orsini La bambina dietro la porta – Avagliano, Cava de’ T. 2000
Richard Sanders Il lago (Racconti) – Guida, Napoli 1997
V. Esposito La quinta stagione dell’anno – Avagliano, Cava 2001

V Trittico M. Guaraldi I giorni del fuco (Poesie) – Ed. EPB, Napoli 1962
Elvira Manfuso Il passo del fiume …. e altre poesie – Mercato S. Sev. 1993
M. Orsini Poesie (in Canto a tre voci – Avagliano, Cava de’ T. 2002)

VI Trittico M. Orsini Cieli di carta – Avagliano, Cava de’ T. 2002
M. Del Gaudio A un passo dalla luna (Racconto) – Pironti, Napoli 2001
Alessandro Di Nocera La notte dell’Immacolata – Derive/Aprodi, Roma 2002

Nel segnalare che il libro è corredato da una serie di schede biografiche degli autori presentati, voglio concludere citando le parole stesse del Carosella:

“L’artista ritrae e rappresenta solo l’immagine ch’egli si porta dentro di un dato paesaggio, anche quando ritiene o è convinto di rappresentarlo nella sua realtà: in tal caso non devono ingannare le corrispondenze che si riscontrano tra realtà e rappresentazione, perché comunque anche quelle sono immerse in un’atmosfera tutta creata e soggettiva, legata, per analogia o anche per contrasto, allo stato d’animo dell’artista o del personaggio o persino al particolare momento della vicenda che si sta narrando.”

Luigi Casale

Ultima ora

19:27Gip: ‘Norberto Confalonieri resti ai domiciliari’

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - Deve restare ai domiciliari Norberto Confalonieri, il primario del Cto-Pini arrestato giovedì scorso e accusato di corruzione, turbativa d'asta e lesioni volontarie sui pazienti, nell'ambito dell'inchiesta dei pm milanesi Eugenio Fusco e Letizia Mannella sulla 'sponsorizzazione' di forniture di protesi di due multinazionali sanitarie (indagate), la Johnson&Johnson e la B.Braun, in cambio di tangenti. Il gip Teresa De Pascale, infatti, ha respinto la richiesta di revoca della misura cautelare presentata dal suo avvocato Ivana Anomali. La difesa del chirurgo sta valutando ora di presentare un'istanza al Riesame. "Affranto e sconcertato dalla gogna mediatica, col cuore in mano, mi rivolgo ai miei pazienti operati e a quelli che aspettano di essere curati. Non sono un mostro": questo il contenuto di una lettera-memoriale scritta dal chirurgo a un paziente e consegnata a Matrix. Il contenuto integrale della lettera verrà diffuso nella trasmissione di questa sera, su Canale 5.

19:20Resistenza: morto conte Dal Verme, comandante Maino

(ANSA) - RUINO (PAVIA), 29 MAR - E' morto a 103 anni il conte Luchino Dal Verme, noto personaggio della Resistenza. Con il nome di battaglia di 'Maino' ha guidato l'88/ma brigata Casotti e la 'Gramsci' della divisione Garibaldi, partecipando a numerose azioni di guerra. La sua brigata fu tra le prime a raggiungere Milano nel 1945. Era soprannominato il 'conte partigiano' per via delle sue nobili origini, essendo nato in una famiglia aristocratica di Verona. Entrò nella Resistenza, abbandonando così la tradizione monarchica di famiglia, con il nome di 'Comandante Maino'. "La scelta partigiana - ha commentato l'Anpi di Pavia - del Comandante, aristocratico fianco a fianco combattente con ragazzi e uomini di altra estrazione sociale e di diversa radice politica, rompe gli schemi ingessati dell'Italietta meschina vacuamente acquiescente al fascismo, ed efficacemente incarna il sentire profondo della Resistenza italiana".

19:18Calcio: Zappacosta punta l’Udinese, serve grande attenzione

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Contro l'Udinese servirà grande concentrazione: vogliamo concludere bene la stagione, non possiamo prendere alla leggera questa partita". Appena rientrato dalla Nazionale, Davide Zappacosta si sintonizza subito sui prossimi impegni del Torino, di scena domenica contro la formazione allenata da Del Neri. "Una squadra molto organizzata, che merita il massimo della attenzione da parte nostra", sottolinea il laterale granata. Un Torino che sta puntando sui giovani, come dimostrano gli acquisti del portiere serbo Milinkovic-Savic e del difensore brasiliano Lyanco: "Fa molto bene il Torino a puntare su giocatori giovani, specialmente se hanno qualità - ha aggiunto -. Adesso sta a noi ripagare la società". Fiducia già ripagata dal terzino, reduce dall'esperienza da protagonista con la Nazionale: "Sono molto soddisfatto, abbiamo disputato due ottime partite, il gruppo che sta crescendo. La qualificazione? Sono positivo, dobbiamo pensare partita per partita".

19:12Calcio: Caldara, la Juve? Resto a Bergamo per crescere

(ANSA) - BERGAMO, 29 MAR - "La Juventus? Non ci penso, devo rimanere qui e lavorare per crescere ancora". Mattia Caldara, una delle rivelazioni dell'Atalanta di Gasperini, smentisce un suo approdo anticipato nella società che l'ha rilevato a gennaio lasciandolo in prestito a Bergamo fino al giugno 2018: "Qui abbiamo un obiettivo, Gasperini ci ha inculcato da tempo la voglia di non accontentarci mai e io devo anche meritarmi la convocazione all'Europeo Under 21", spiega il difensore bergamasco, che ha dovuto saltare gli impegni con gli azzurrini per le noie ai flessori ora smaltite. C'è l'esordio nella Nazionale senior dei compagni Spinazzola e Petagna, più l'ex atalantino Gagliardini, da commentare: "Ci sono arrivati grazie al lavoro ed ai sacrifici, è il coronamento dei sogni di tutti i bambini che giocano a calcio".

18:46Calcio: ds Cagliari, Di Gennaro non ha accettato rinnovo

(ANSA) - CAGLIARI, 29 MAR - Cagliari e Di Gennaro, il futuro per ora non è insieme. "Gli abbiamo proposto un contratto biennale - spiega il direttore sportivo del club rossoblù Stefano Capozucca - ma il giocatore non ha accettato le nostre condizioni". Il divorzio, dunque, si formalizzerebbe a fine stagione alla scadenza del contratto. Mercato che si riapre? Non ci sarebbero per il momento piste che portano lontano dall'Italia. Capozucca non parla comunque di porte chiuse: "Chissà - ha detto il ds - per il momento non ha accettato la nostra proposta, ma magari potrebbe anche cambiare idea". Di Gennaro era arrivato a Cagliari nell'estate del 2015 dal Vicenza. Ed è stato tra i protagonisti del campionato della promozione in A con trentuno presenze e quattro gol. In questa stagione Di Gennaro ha collezionato venti apparizioni e due reti, ma non sempre è stato schierato titolare da Rastelli. (ANSA).

18:42Massacrata in casa: giudici appello, 30 anni al marito

(ANSA) - FIRENZE, 29 MAR - I giudici della corte d'appello di Firenze (presidente Alessandro Nencini) hanno condannato a 30 anni per omicidio volontario aggravato, Giacomo Benvenuti, 42 anni, l'operaio di Fucecchio (Firenze), accusato di aver ucciso la moglie Marinella Bertozzi, 40 anni. In primo grado l'uomo, processato con rito abbreviato, era stato condannato a 18 anni di carcere: il reato era stato riqualificato in morte come conseguenza di maltrattamenti. Il pm Sandro Cutrignielli aveva chiesto l'ergastolo e l'isolamento. L'avvocato Francesco Stefani, difensore di Benvenuti, ha annunciato ricorso in Cassazione, "dove sono convinto verrà riconosciuta l'illegittimità di certe prove riammesse in appello". Marinella Bertozzi morì il 30 ottobre 2015: per l'accusa l'uomo, che nel tempo l'aveva ridotta "in schiavitù", l'avrebbe percossa "con immane violenza", con calci, pugni e anche con corpi contundenti. La morte, era stata classificata come "naturale" e solo la denuncia del fratello della vittima fece aprire un fascicolo.

18:42Cade a scuola, bimba 4 anni in prognosi riservata

(ANSA) - AREZZO, 28 MAR - E' ricoverata in prognosi riservata, nel reparto di rianimazione dell'ospedale pediatrico Meyer di Firenze, una bambina di quattro anni che questa mattina, in una scuola materna di Arezzo, è inciampata e nella caduta ha sbattuto violentemente la testa. Per lei la diagnosi è di trauma cranico. Soccorsa immediatamente dalle maestre che hanno allertato il 118, la piccola è stata portata al pronto soccorso dell'ospedale San Donato di Arezzo in ambulanza per poi essere trasferita, a bordo dell'elisoccorso Pegaso, al Meyer dove è arrivata in codice rosso.

Archivio Ultima ora