Letteratura e territorio: Il distretto Torre Annunziata, Castellammare, Sorrento

Pubblicato il 13 settembre 2016 da redazione

Antonio Carosella – Trittici vesuviani – Loffredo, Napoli (2006) – Pagg. 174, € 14,00

Antonio Carosella – Trittici vesuviani – Loffredo, Napoli (2006) – Pagg. 174, € 14,00

Fuori dai circuiti della grande distribuzione certe marche di prodotti commerciali o vengono ricercate dai competenti dal gusto raffinato (élites intellettuali), o sono destinate ad essere riconosciute (perché conosciute) nell’ambito ristretto della zona di produzione; oppure finiscono per scomparire e perdersi nelle macerie di una discarica.

Ora i libri che sto presentando non sono di quelli che si trovano citati in tutti i quotidiani, o presentati in televisione, o esposti sui banchi delle grandi librerie. Ma non sono neppure letteratura locale, o provinciale, letteratura generalistica, o marginale, come potrebbero sembrare. Essi sono invece un prodotto che non ha avuto la fortuna di un’adeguata pubblicizzazione.

Di questo non vogliamo fare qui un processo per l’individuazione delle cause o delle eventuali responsabilità. Ma, aggiungendo fatica a fatica (contenti di farla, come se fossimo in una palestra), approfittiamo di questa bacheca, con la speranza che resti aperta e si trasformi in scaffale, per mettere a disposizione del pubblico alcuni testi che attendevano di essere recensiti e, possibilmente, anche letti. Cercandoseli.

Tra i libri consegnatimi dal professore Carosella negli ultimi due anni precedenti alla sua morte, avvenuta il 18 febbraio 2012, mi ritrovo anche questo TRITTICI VESUVIANI, edito da Loffredo (Napoli2008) in cui sono presentati, a tre a tre, scrittori dell’area vesuviana, o più esattamente di quella parte estrema del golfo che è il seno di Castellammare di Stabia. Per intenderci: Torre Annunziata, Boscotrecase, Castellammare e i paesi della penisola sorrentina: quasi un omogeneo circondario culturale. “Il distretto”.

L’Autore presenta sei trittici: includendo in ognuno tre opere letterarie legate da una qualche affinità ideale, o cronologica, o geografica, o anche dettata da contingenze legate alla sua stessa disponibilità di tempo.

Un panorama di opere prodotte in un decennio, in un’area, in un contesto socio-economico, che esprimono l’humus culturale di questa “provincia addormentata”, che nel risveglio caparbiamente mostra la volontà di vivere pienamente la nuova giornata che sorge. La costante è proprio questa provincialità nobile che a prescindere da qualsiasi intento programmatico si respira nei testi, ma soprattutto nella vita quotidiana della regione e nel tessuto relazionale di quelle realtà impegnate alla promozione e allo sviluppo del territorio.

La prosa del Carosella, insegnante, conferenziere, scrittore che per mezzo secolo ha operato in questo angolo di mondo vesuviano testimoniando una sua coerenza morale, si fa apprezzare per gli ampi spazi descrittivi e argomentativi con qualche scorcio narrativo, propri dello studioso attento e del critico avveduto.

Il prof. Luigi Casale con l'autore del libro Antonio Carosella

Il prof. Luigi Casale con l’autore del libro Antonio Carosella

Augurando ai lettori di poter reperire questi TRITTICI VESUVIANI per mettersi finalmente sulla scorta delle opere ivi recensite, do qui l’elenco dei sei quadri con tutte le diciotto tavole.

I Trittico Mario Guaraldi Esteban il sottile – T. Marotta editore, Napoli 1995
Michele Prisco Il pellicano di pietra – Rizzoli, Milano 1996
Maria Orsini Natale Francesca e Nunziata – Avagliano, Cava de’ Tirreni 1995

II Trittico Michele del Gaudio La toga strappata – T. Pironti, Napoli 1992
Antonio Cirillo La tràstula – F.lli Fiorentino, Napoli 1997
Vincenzo Esposito La festa di Santa Elisabetta – Avagliano, Cava de’ T. 1999

III Trittico M. Orsini Il terrazzo della villa rosa – Avagliano, Cava de’ T. 1998
Maria Donnarumma D’Alessio Vedere dal cuore – Gribaudi, Milano 1999
M. Prisco Gli altri – Rizzoli, Milano 1999

IV Trittico M. Orsini La bambina dietro la porta – Avagliano, Cava de’ T. 2000
Richard Sanders Il lago (Racconti) – Guida, Napoli 1997
V. Esposito La quinta stagione dell’anno – Avagliano, Cava 2001

V Trittico M. Guaraldi I giorni del fuco (Poesie) – Ed. EPB, Napoli 1962
Elvira Manfuso Il passo del fiume …. e altre poesie – Mercato S. Sev. 1993
M. Orsini Poesie (in Canto a tre voci – Avagliano, Cava de’ T. 2002)

VI Trittico M. Orsini Cieli di carta – Avagliano, Cava de’ T. 2002
M. Del Gaudio A un passo dalla luna (Racconto) – Pironti, Napoli 2001
Alessandro Di Nocera La notte dell’Immacolata – Derive/Aprodi, Roma 2002

Nel segnalare che il libro è corredato da una serie di schede biografiche degli autori presentati, voglio concludere citando le parole stesse del Carosella:

“L’artista ritrae e rappresenta solo l’immagine ch’egli si porta dentro di un dato paesaggio, anche quando ritiene o è convinto di rappresentarlo nella sua realtà: in tal caso non devono ingannare le corrispondenze che si riscontrano tra realtà e rappresentazione, perché comunque anche quelle sono immerse in un’atmosfera tutta creata e soggettiva, legata, per analogia o anche per contrasto, allo stato d’animo dell’artista o del personaggio o persino al particolare momento della vicenda che si sta narrando.”

Luigi Casale

Ultima ora

19:05Totti: Baldissoni, come in campo non avrà un ruolo fisso

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il contratto da dirigente di Francesco Totti sarà valido anche se dovesse continuare a giocare? "Sì - risponde a Premium Sport il dg della Roma Mauro Baldissoni - Ma queste sono cose secondarie. Se dovesse scegliere di continuare a giocare è libero di farlo, ma in qualsiasi momento Totti avrà le porte aperte. Francesco sta vivendo una fase delicata della sua vita e noi dobbiamo stargli vicino senza alimentare polemiche che non esistono. Questa giornata è speciale, vivremo emozioni molto intense: per noi che l'abbiamo visto giocare fin dall'inizio, ci sarà una vena di tristezza, ma dev'esserci anche la felicità di trasferire a un campione come Totti tutto il nostro affetto". Definito il ruolo proposto? "Sì, a parte che, così come in campo, Totti non avrà un ruolo fisso: speriamo che faccia il Totti anche da dirigente. Abbiamo parlato più volte, mostrandogli le aree in cui potrà intervenire; dovrà imparare un nuovo lavoro, ma non lo andremo certo a chiudere in un recinto con un titolo attaccato all'armadio".

19:04Calcio: Fassone “nessun giallo,Milan aspetta risposta Gigio”

(ANSA) - CAGLIARI, 28 MAG - La trattativa fra il Milan e Gianluigi Donnarumma "non è una partita a scacchi, né un giallo". Lo ha spiegato l'ad rossonero Marco Fassone, chiarendo che il portiere "è stato il primo giocatore incontrato" dalla nuova dirigenza per parlare di rinnovo: "stiamo facendo ragionevoli sacrifici per trattenerlo, ci aspettiamo una risposta". Dopo l'ultima partita del campionato, persa a Cagliari, Fassone ha parlato anche di Vincenzo Montella, pure lui con un contratto in scadenza nel 2018. "Montella è certamente il nostro allenatore del prossimo anno - ha dichiarato -. Si lavora molto bene con Vincenzo. Sono convinto che sarà l'allenatore che ci riporterà in alto".

18:54Bangladesh: torna statua di Lady Justice

(ANSA) - DACCA, 28 MAG - Una statua raffigurante una reinterpretazione in chiave indù di Themis, la dea della giustizia greca, rimossa due giorni fa per le pressioni di movimenti islamici fondamentalisti dal piazzale antistante la Corte Suprema di Dacca, è stata reinstallata oggi davanti ad un altro edificio periferico della stessa istituzione. Lo ha riferito il portale di notizie BdNews24. Lo scultore Mrinal Haque, che aveva descritto come "un dolore equivalente alla morte di mia madre" la decisione di rimuovere la scultura raffigurante una donna in sari con una spada nella destra e la bilancia nella sinistra, ha supervisionato personalmente il lavoro di ricollocazione dell'opera in una zona meno visibile del compound giudiziario. Lo spostamento è stato ottenuto dal leader del movimento Hifazat-e-Islami, Shah Ahmed Shafi, secondo cui reinterpretare una statua greca in chiave indù "equivale a idolatria".

18:54Calcio: Montella, stagione comunque ampiamente positiva

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Siamo partiti male, il Cagliari aveva più ritmo; poi, dopo il loro primo gol, siamo migliorati e nella ripresa abbiamo fatto bene. Ma è stata una gara di fine stagione, non bella, e non mi sono divertito". Lo ha detto a Premium Sport l'allenatore del Milan Vincenzo Montella dopo il ko rossonero a Cagliari. L'errore di Donnarumma sul secondo gol e la prestazione di Bacca, forse infastidito da radiomercato, sono nel mirino. "Lasciamo stare Donnarumma e lasciamolo sbagliare - ha risposto il tecnico - Qualche mezzo errore a volte ci può stare, ha fatto una grande gara anche oggi. Bacca non è un ragazzino che si fa condizionare. Io potevo far qualcosa in più per lui come allenatore e anche lui poteva far di più. C'è sempre stata la volontà di fare il massimo, ma nessuno dei due ci è riuscito. Un voto alla stagione del Milan? Non so. A parte questa gara, non valutabile, è stata ampiamente positiva: siamo tornati in Europa, abbiamo alzato una coppa, lanciato molti ragazzi e dato un'identità a questa squadra".

18:40Affonda barca nel lago di Garda, illesi tre austriaci

(ANSA) - BRESCIA, 28 MAG - Tre ragazzi austriaci tra 25 e i trent'anni sono rimasti feriti nelle acque del lago di Garda a Sirmione in seguito all'esplosione del motore della loro barca, che è affondata. È accaduto nel primo pomeriggio e i giovani sono stati soccorsi in acqua. Sono spaventati e lievemente feriti. "L'imbarcazione è esplosa come se fosse scoppiata una bomba" hanno spiegato i soccorritori. Ancora da capire il motivo dello scoppio del motore.(ANSA).

18:37Totti: Franceschini, ora che potevamo vederti con la Spal…

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Certo proprio adesso che potevamo vederti contro la #Spal... #Tottiday". Così, sul filo dell'ironia, il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, ferrarese e tifoso della Spal, saluta Francesco Totti su Twitter.

18:35Totti: su schermi Olimpico messaggi da 10 grandi campioni

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Dieci campioni per il n.10. Prima del fischio d'inizio di Roma-Genoa sui maxi-schermi dello stadio Olimpico sono state trasmesse le testimonianze di grandi calciatori che hanno condiviso il campo con Francesco Totti, giunto all'ultima partita con la maglia giallorossa. Il primo videomessaggio è stato quello di Maldini, seguito da Cassano, Del Piero, Buffon (l'unico fischiati dai 70mila sugli spalti), Beckham, Sergio Ramos, Seedorf, Gerrard e De Rossi.

Archivio Ultima ora