“Cumbre” dei non-allineati, la scommessa di Maduro

Pubblicato il 13 settembre 2016 da redazione

Summit dei Paesi Non Allineati

Summit dei Paesi Non Allineati

Mauro Bafile

E’ normale che sia così. Chiunque al suo posto farebbe altrettanto. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, scommette sul successo del Vertice dei paesi “non-allineati” per rilanciare, a livello internazionale, la propria immagine e per offrire, ai partecipanti all’evento, una sua versione di quello che sta accadendo in Venezuela. Dipingerà probabilmente un panorama assai diverso da quello che, si suppone, Ambasciate e Consolati abbiano opportunamente e con dovizia di particolari illustrato ai propri governi. Anche così, questa rappresenta un’occasione d’oro per il governo.
Guerra economica, cospirazione, tentativi di “Golpe” e attentati contro il capo dello Stato abortiti dai servizi segreti. Ecco, questi saranno presumibilmente i principali argomenti che il presidente Maduro esporrà ai rappresentanti dei 120 membri dell’organismo e agli osservatori. Sono temi che ormai snocciola con insistenza ogni qualvolta partecipa a manifestazioni o quando l’occasione glielo permette.
Il movimento dei paesi non-allineati fu creato su iniziativa di Tito, Nehru, Sukarno e Nasser. In piena “guerra-fredda”, era il 1956, un centinaio di piccoli paesi e grandi nazioni, allora ancora poco rilevanti come l’India, reclamarono il diritto di restare al margine del conflitto che coinvolgeva gli Stati Uniti e l’allora Unione Sovietica. Con la caduta del “Muro di Berlino” e l’implosione dell’Unione Sovietica in molti si chiesero se il “movimento” dei non-allineati avesse ancora una ragione d’essere, una vera giustificazione.
E’ probabile che durante il Vertice il presidente Maduro si esprimerà impiegando un linguaggio ormai in disuso, ricco di termini come “antimperialismo”, “colonialismo”, “sfruttamento”; parole ormai logore, superate dalla globalizzazione che ha aperto nuove frontiere a chi vuole e ha la capacità per approfittarne e ha generato nuovi mali che meritano ben altri aggettivi. E’ anche probabile che si scontrino punti di vista diametralmente opposti su come rivitalizzare e aggiornare il movimento.
Il Vertice dei non-allineati (Cumbre de los no-alineados) si aprirà oggi e terminerà il 18 settembre. Per pochi giorni l’isola di Margarita sarà off-limits. Il governo cercherà di evitare che le proteste possano turbare la tranquillità del “conclave”. Ciò non vuol dire, comunque, che nel paese non si continui a protestare o a parlare di Referendum, inflazione e recessione. Ma non sull’isola, il cui accesso, per un eccesso di zelo, è stato proibito anche, anzi soprattutto, ai deputati e agli esponenti dell’Opposizione. Il timore del governo è che questi possano provocare momenti di tensione, segnalare gli atteggiamenti anti-democratici dell’Esecutivo e denunciare l’isolamento imposto al Parlamento. In ogni caso, far notare agli invitati le grandi differenze esistenti tra governo e opposizione.
Il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, ha minacciato di organizzare una giornata di protesta durante la “Cumbre” se il Consiglio Nazionale Elettorale non renderà nota la data della raccolta del 20 per cento delle firme, ultimo passo indispensabile per esigere il Referendum revocatorio. L’Opposizione teme che l’organismo elettorale decida di rimandare tutto e rendere note le date solo dopo il 18 settembre, a Vertice oramai concluso.
Ramos Allup ha sottolineato che l’Opposizione è disposta a riunirsi con qualunque esponente del Governo per discutere sulla consulta popolare.
– Non si dica poi – ha commentato il presidente dell’An – che il Referendum non si è fatto perché non ci siamo seduti a dialogare.
Il Tavolo dell’Unità, in questi giorni, è tra l’incudine e il martello. Da un lato, il governo del presidente Maduro ha incrementato gli attacchi all’Opposizione, sperando in questo modo di poter riconquistare parte del terreno perduto; dall’altro, correnti dell’Opposizione chiedono la radicalizzazione delle proteste. Questo è il caso, ad esempio, dell’Organizzazione dei Venezuelani Perseguitati Politici in Esilio. I membri del Veppex, con un comunicato, hanno esortato gli esponenti dell’eterogenea coalizione dell’Opposizione a non accettare che il Referendum si realizzi il prossimo anno.
Anche l’Assemblea Nazionale, oggi, è al centro del dibattito. Il Tribunale Supremo di Giustizia l’ha oramai svuotato di ogni potere e l’ente preposto a elargire il denaro per pagare gli stipendi dei deputati non ha ancora disposto il trasferimento dei fondi necessari. La pressione sul Parlamento si fa sempre più pesante. E c’è già chi teme che, dopo la decisione presa dalla Corte Costituzionale (Tribunal Supremo de Justicia) di considerare nulle e illegali tutte le decisioni del Parlamento accusato di non aver seguito i suoi dettami, la stessa Alta Corte possa scioglierlo definitivamente. Una decisione che, comunque, sembrerebbe poco probabile, a prescindere dalle aggressioni verbali di dirigenti del governo nei confronti dei parlamentari. È ben noto a tutti che l’esistenza del Parlamento, nei paesi evoluti, è espressione di democrazia.

Ultima ora

06:18Slavina su hotel, arrivati i soccorritori

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Sono giunti sul posto i soccorritori in marcia da ore nella neve per raggiungere l'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, travolto ieri da una slavina mentre ospitava circa 20 persone. Gli uomini del Soccorso alpino Guardia di finanza (Sagf) e del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico (Cnsas) ancora non sentono voci provenire dall'interno, ma vedono alcune luci accese.

02:52Slavina su hotel, “aiuto, moriamo di freddo”

(ANSA) - FARINDOLA (PESCARA), 19 GEN - "Aiuto aiuto stiamo morendo di freddo": è l'sms inviato ai soccorritori dalla coppia di clienti rimasta intrappolata nell'hotel Rigopiano in provincia di Pescara, colpito da una slavina. È composta da 20 uomini e 7 mezzi dei Vigili del fuoco, due squadre del Soccorso alpino e speleologico, sei ambulanze del 118 e forze di polizia la colonna che sta cercando di raggiungere la struttura nel comune di Farindola: date le condizioni serviranno ancora ore per arrivare sul luogo, rende noto la Protezione civile. La colonna dei soccorritori si troverebbe a circa sette chilometri dall'albergo e sta incontrando diverse difficoltà a causa di un'ulteriore slavina presente sulla strada.

00:24Calcio: 4-2 al Genoa, Lazio ai quarti Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 18 GEN - La Lazio ha battuto il Genoa 4-2 (2-2) e si è qualificata per i quarti di finale di Coppa Italia. Biancocelesti in vantaggio al 20' pt con Djordjevic e raddoppio di Hoedt al 31', accorcia Pinilla al 41' e pareggia Pandev al 45', poi Milinkovic-Savic al 25'st e Immobile al 30' chiudono la gara. Nel prossimo turno, il 31 gennaio, la Lazio affronterà l'Inter.

22:24Obama, la democrazia ha bisogno della stampa

(ANSA) - NEW YORK, 18 GEN - "Avere voi in questo edificio ci ha fatto lavorare tutti meglio, perché la stampa è l'occhio critico su quelli che hanno il potere": Così Obama nell'ultima conferenza stampa da presidente, sottolineando come "gli americani e la democrazia hanno bisogno della stampa. "Manning ha scontato una dura sentenza in carcere, la sua condanna era sproporzionata. Ho valutato il suo caso nei dettagli", ha aggiunto sottolineando di non prestare attenzione ai tweet di Assange. "Intrattenere rapporti costruttivi con la Russia è una priorità degli Usa ed è nell'interesse del mondo", ha detto aggiungendo però che con Putin c'è stata un'escalation del sentimento anti-americano." Poi ha invitato gli Usa a difendere la propria visione del mondo e a non perpetrare prepotenze nei confronti dei Paesi più piccoli, con un riferimento a Russia e Cina. "Cordiali" i rapporti con Trump. "Gli ho offerto i miei consigli, ha aggiunto, riferendo di aver detto al presidente eletto che il lavoro del presidente è "non lo si può fare da soli".

22:00Parigi sogna il vaporetto con linee di bus fluviali

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - "Il fiume deve essere parte integrante della nostra strategia di trasporto come le teleferiche o i veicoli autonomi. Dobbiamo esplorare tutte le possibilità tecnologiche sui corsi d'acqua, dalla Senna ai canali": ne è convinta Valérie Pécresse, presidente dell'Ile-de-France, la regione parigina, e del suo sindacato dei trasporti pubblici Stif, che lo ha spiegato a Le Monde. Il sogno di Parigi è di trasformare la Senna in uno dei mezzi di trasporto abituali: il trasporto fluviale è un sogno di cui si parla da anni ma che si è sempre scontrato con la realtà per diverse ragioni, spesso logistiche ed ambientali. Ma ora Pécresse vuole provare a fare sul serio.

21:51Sindaco Montegallo, 5 frazioni isolate,40 sfollati

(ANSA) - MONTEGALLO (ASCOLI PICENO), 18 GEN - ''Abbiamo 5 frazioni isolate sotto 2 metri e 30 cm di neve, con una trentina di persone, non abbiamo energia elettrica, la situazione è critica, e intanto continua a nevicare''. Lo dice all'ANSA il sindaco di Montegallo (Ascoli Piceno) Sergio Fabiani. ''Per fortuna, ad ora, non abbiamo malati o anziani gravi da assistere''. Gli sfollati del nuovo sisma, ''non per i crolli ma per la neve e la paura'', sono 40. Già da questa sera troveranno accoglienza negli hotel di Grottammare. ''Vengono da alcune delle 23 frazioni del comprensorio. Hanno timore a restare in casa, li capisco''. In paese sono al lavoro i carabinieri, i vigili urbani del contingente messo a disposizione dalla Regione Emilia-Romagna, una squadra dei vigili del fuoco, ma mancano mezzi spartineve e pale gommate che possano aprire un varco per raggiungere le frazioni. ''La Provincia di Ascoli - spiega Fabiani, che è al suo posto nonostante 38 di febbre - ha promesso che domani ci manderà dei mezzi in più''.

21:43Cannes, rapina da 15 mln in gioielleria Harry Winston

(ANSA) - PARIGI, 18 GEN - Un uomo a volto scoperto è entrato nella gioielleria Harry Winston sul celebre boulevard della Croisette di Cannes e si è impadronito di 26 parure di gioielli, essenzialmente di diamanti per un valore di circa 15 milioni di euro. Il ladro aveva una pistola e una granata, non si sa ancora se vera o finta, riporta il quotidiano Le Figaro. L'uomo si è presentato intorno alle 11 del mattino, da solo, nella gioielleria come un semplice cliente. Aveva il volto coperto soltanto da un paio di occhiali da sole e "ha chiesto di vedere delle parure di diamanti per conto di un acquirente. La commessa si è insospettita e gli ha mostrato un catalogo", riporta ancora il quotidiano. L'uomo, allora, ha tirato fuori le armi per farsi aprire le vetrine dalle 2 commesse presenti e facendo stendere a terra la guardia di sicurezza. Si è impadronito dei gioielli e, senza sparare nessun colpo, è riuscito a uscire dalla boutique indisturbato, a piedi come era venuto, senza lasciare traccia.

Archivio Ultima ora