“Cumbre” dei non-allineati, la scommessa di Maduro

Pubblicato il 13 settembre 2016 da redazione

Summit dei Paesi Non Allineati

Summit dei Paesi Non Allineati

Mauro Bafile

E’ normale che sia così. Chiunque al suo posto farebbe altrettanto. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, scommette sul successo del Vertice dei paesi “non-allineati” per rilanciare, a livello internazionale, la propria immagine e per offrire, ai partecipanti all’evento, una sua versione di quello che sta accadendo in Venezuela. Dipingerà probabilmente un panorama assai diverso da quello che, si suppone, Ambasciate e Consolati abbiano opportunamente e con dovizia di particolari illustrato ai propri governi. Anche così, questa rappresenta un’occasione d’oro per il governo.
Guerra economica, cospirazione, tentativi di “Golpe” e attentati contro il capo dello Stato abortiti dai servizi segreti. Ecco, questi saranno presumibilmente i principali argomenti che il presidente Maduro esporrà ai rappresentanti dei 120 membri dell’organismo e agli osservatori. Sono temi che ormai snocciola con insistenza ogni qualvolta partecipa a manifestazioni o quando l’occasione glielo permette.
Il movimento dei paesi non-allineati fu creato su iniziativa di Tito, Nehru, Sukarno e Nasser. In piena “guerra-fredda”, era il 1956, un centinaio di piccoli paesi e grandi nazioni, allora ancora poco rilevanti come l’India, reclamarono il diritto di restare al margine del conflitto che coinvolgeva gli Stati Uniti e l’allora Unione Sovietica. Con la caduta del “Muro di Berlino” e l’implosione dell’Unione Sovietica in molti si chiesero se il “movimento” dei non-allineati avesse ancora una ragione d’essere, una vera giustificazione.
E’ probabile che durante il Vertice il presidente Maduro si esprimerà impiegando un linguaggio ormai in disuso, ricco di termini come “antimperialismo”, “colonialismo”, “sfruttamento”; parole ormai logore, superate dalla globalizzazione che ha aperto nuove frontiere a chi vuole e ha la capacità per approfittarne e ha generato nuovi mali che meritano ben altri aggettivi. E’ anche probabile che si scontrino punti di vista diametralmente opposti su come rivitalizzare e aggiornare il movimento.
Il Vertice dei non-allineati (Cumbre de los no-alineados) si aprirà oggi e terminerà il 18 settembre. Per pochi giorni l’isola di Margarita sarà off-limits. Il governo cercherà di evitare che le proteste possano turbare la tranquillità del “conclave”. Ciò non vuol dire, comunque, che nel paese non si continui a protestare o a parlare di Referendum, inflazione e recessione. Ma non sull’isola, il cui accesso, per un eccesso di zelo, è stato proibito anche, anzi soprattutto, ai deputati e agli esponenti dell’Opposizione. Il timore del governo è che questi possano provocare momenti di tensione, segnalare gli atteggiamenti anti-democratici dell’Esecutivo e denunciare l’isolamento imposto al Parlamento. In ogni caso, far notare agli invitati le grandi differenze esistenti tra governo e opposizione.
Il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, ha minacciato di organizzare una giornata di protesta durante la “Cumbre” se il Consiglio Nazionale Elettorale non renderà nota la data della raccolta del 20 per cento delle firme, ultimo passo indispensabile per esigere il Referendum revocatorio. L’Opposizione teme che l’organismo elettorale decida di rimandare tutto e rendere note le date solo dopo il 18 settembre, a Vertice oramai concluso.
Ramos Allup ha sottolineato che l’Opposizione è disposta a riunirsi con qualunque esponente del Governo per discutere sulla consulta popolare.
– Non si dica poi – ha commentato il presidente dell’An – che il Referendum non si è fatto perché non ci siamo seduti a dialogare.
Il Tavolo dell’Unità, in questi giorni, è tra l’incudine e il martello. Da un lato, il governo del presidente Maduro ha incrementato gli attacchi all’Opposizione, sperando in questo modo di poter riconquistare parte del terreno perduto; dall’altro, correnti dell’Opposizione chiedono la radicalizzazione delle proteste. Questo è il caso, ad esempio, dell’Organizzazione dei Venezuelani Perseguitati Politici in Esilio. I membri del Veppex, con un comunicato, hanno esortato gli esponenti dell’eterogenea coalizione dell’Opposizione a non accettare che il Referendum si realizzi il prossimo anno.
Anche l’Assemblea Nazionale, oggi, è al centro del dibattito. Il Tribunale Supremo di Giustizia l’ha oramai svuotato di ogni potere e l’ente preposto a elargire il denaro per pagare gli stipendi dei deputati non ha ancora disposto il trasferimento dei fondi necessari. La pressione sul Parlamento si fa sempre più pesante. E c’è già chi teme che, dopo la decisione presa dalla Corte Costituzionale (Tribunal Supremo de Justicia) di considerare nulle e illegali tutte le decisioni del Parlamento accusato di non aver seguito i suoi dettami, la stessa Alta Corte possa scioglierlo definitivamente. Una decisione che, comunque, sembrerebbe poco probabile, a prescindere dalle aggressioni verbali di dirigenti del governo nei confronti dei parlamentari. È ben noto a tutti che l’esistenza del Parlamento, nei paesi evoluti, è espressione di democrazia.

Ultima ora

12:58Gerusalemme: appello Papa, ‘moderazione e dialogo’

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 LUG - Il Papa segue "con trepidazione le gravi tensioni e le violenze di questi giorni a Gerusalemme". Lo ha detto lo stesso Francesco oggi dopo l'Angelus. "Sento il bisogno di esprimere un accorato appello alla moderazione e al dialogo. Vi invito ad unirvi a me nella preghiera, affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace" ha aggiunto il pontefice.

12:35Incendiari arrestati in flagrante a Viterbo e nel messinese

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Cinque incendiari sono stati bloccati dai Carabinieri nel messinese e a Montalto di Castro, in provincia di Viterbo, mentre davano fuoco a delle sterpaglie. Sui monti Peloritani, a ridosso della strada Asi, i militari dell'Arma che stavano perlustrando la zona dopo i diversi incendi dei giorni scorsi, hanno arrestato un uomo di 28 anni: hanno visto un bagliore e, dopo essersi nascosti dietro un cespuglio, hanno sorpreso il giovane mentre si allontanava. "E' stata una bravata": così, invece, si sono giustificati 4 ragazzi, un 21enne e tre 16enni che sono stati sorpresi dai Carabinieri ad appiccare il fuoco ad un bosco di pini e cerri lungo la litoranea a Montalto di Castro. I militari hanno sorpreso i quattro amici, tutti provenienti da Roma, mentre davano alle fiamme il terzo rogo dopo averne appiccato altri due a poca distanza. Il maggiorenne è stato arrestato mentre i tre 16enni sono stati deferiti alla Procura di Roma, tutti per il reato di incendio doloso.

12:10Migranti: Usa, almeno 8 morti a San Antonio in Texas

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - E' di almeno otto morti, tra cui due bambini, il primo bilancio di un dramma dell'immigrazione clandestina a San Antonio, in Texas. Secondo FoxNews, in un camion con rimorchio, parcheggiato nei pressi di un Wal-Mart della città texana, la polizia ha trovato, oltre agli otto cadaveri, altre 30 persone, tra cui 20 in gravi condizioni. L'autista è stato arrestato. Il capo della Polizia di San Antonio, William McManus, ha detto che i corpi sono stati scoperti dopo una telefonata nella serata di sabato, riferisce la Cnn. "Abbiamo ricevuto una telefonata da un impiegato di Walmart per effettuare un controllo a un rimorchio parcheggiato lì davanti", ha detto McManus durante una conferenza stampa. "L'impiegato era stato avvicinato da qualcuno del camion che gli aveva chiesto dell'acqua. Dopo avergli dato una bottiglia ci ha chiamato e al nostro arrivo abbiamo trovato 8 cadaveri nel retro del rimorchio", ha aggiunto.

12:10Calcio: Cuadrado, “Barca è grande squadra ma anche la Juve”

(ANSA) - TORINO, 23 LUG - La Juventus "è una grande squadra e non è cambiata molto rispetto all'anno scorso". La sconfitta col Barcellona, nella prima amichevole della tournee americana, non fa cambiare idea sulla Juventus a Cuadrado. "Gli spagnoli sono un grandi avversari - aggiunge sul sito internet del club bianconero - sempre molto difficili da affrontare". Per lo juventino l'importante ora è continuare a "lavorare per trovare la migliore condizione e per conoscere il più in fretta possibile i nuovi compagni. Ora - conclude - dobbiamo prepararci bene, per arrivare pronti alla Supercoppa".

11:49Brexit: ministro Gb, deve verificarsi entro marzo 2019

(ANSA) - ROMA, 23 LUG - Due anni di negoziati al massimo per la Brexit, da chiudere possibilmente entro il marzo 2019, e comunque prima di elezioni politiche in Gran Bretagna. Lo suggerisce Liam Fox, un euroscettico, attualmente ministro per il commercio con l'estero. Lo stesso Fox lo ha detto oggi all'Andrew Marr Show della Bbc. Il ministro si trova attualmente negli Stati Uniti, per una serie di colloqui sulle future relazioni commerciali tra Gb e Usa.

11:32Incendi: in Sicilia continua rogo in riserva dello Zingaro

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Brucia ormai da quasi 24 ore la parte sud della Riserva naturale dello Zingaro, in provincia di Trapani, dopo l'incendio scoppiato nel pomeriggio di ieri. Sul posto stanno operando forestali, vigili del fuoco e 3 Canadair, uno dei quali arrivato in supporto questa mattina ai due che già da ieri erano in azione. La parte sud della riserva è in cenere e non si possono ancora valutare i danni del resto del'area. La riserva, che si estende dal mare verso la collina, aveva già subito un incendio devastante nel 2012. Nella zona è arrivato anche l'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici, insieme al direttore della riserva. Il sindaco di Castellammare del Golfo, Nicolò Coppola, ha spiegato che stanotte sono stati evacuati per prudenza anche alcuni alberghi e villette, mentre gruppi di volontari hanno operato nel tentativo di creare barriere naturali alle fiamme, diserbando alcune aree.

11:31Donna seminuda trovata morta per strada a Palermo

(ANSA) - PALERMO, 23 LUG - Una donna è stata trovata morta a Palermo in corso dei Mille, una strada molto trafficata alla periferia orientale della città. A notare il cadavere, che era adagiato tra due auto, è stato un passante che ha chiamato la polizia. La donna era seminuda e con i vestiti strappati. È il secondo caso a Palermo in pochi giorni: lo scorso nove luglio il cadavere di un'altra donna era stato scoperto sempre nella zona di Corso dei Mille. La vittima, tra i 25 e i 35 anni, era stata trovata priva di documenti accanto ad alcuni cassonetti dei rifiuti; non presentava segni di violenza sul corpo. Sui due ritrovamenti indaga la squadra mobile.

Archivio Ultima ora