“Cumbre” dei non-allineati, la scommessa di Maduro

Pubblicato il 13 settembre 2016 da redazione

Summit dei Paesi Non Allineati

Summit dei Paesi Non Allineati

Mauro Bafile

E’ normale che sia così. Chiunque al suo posto farebbe altrettanto. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, scommette sul successo del Vertice dei paesi “non-allineati” per rilanciare, a livello internazionale, la propria immagine e per offrire, ai partecipanti all’evento, una sua versione di quello che sta accadendo in Venezuela. Dipingerà probabilmente un panorama assai diverso da quello che, si suppone, Ambasciate e Consolati abbiano opportunamente e con dovizia di particolari illustrato ai propri governi. Anche così, questa rappresenta un’occasione d’oro per il governo.
Guerra economica, cospirazione, tentativi di “Golpe” e attentati contro il capo dello Stato abortiti dai servizi segreti. Ecco, questi saranno presumibilmente i principali argomenti che il presidente Maduro esporrà ai rappresentanti dei 120 membri dell’organismo e agli osservatori. Sono temi che ormai snocciola con insistenza ogni qualvolta partecipa a manifestazioni o quando l’occasione glielo permette.
Il movimento dei paesi non-allineati fu creato su iniziativa di Tito, Nehru, Sukarno e Nasser. In piena “guerra-fredda”, era il 1956, un centinaio di piccoli paesi e grandi nazioni, allora ancora poco rilevanti come l’India, reclamarono il diritto di restare al margine del conflitto che coinvolgeva gli Stati Uniti e l’allora Unione Sovietica. Con la caduta del “Muro di Berlino” e l’implosione dell’Unione Sovietica in molti si chiesero se il “movimento” dei non-allineati avesse ancora una ragione d’essere, una vera giustificazione.
E’ probabile che durante il Vertice il presidente Maduro si esprimerà impiegando un linguaggio ormai in disuso, ricco di termini come “antimperialismo”, “colonialismo”, “sfruttamento”; parole ormai logore, superate dalla globalizzazione che ha aperto nuove frontiere a chi vuole e ha la capacità per approfittarne e ha generato nuovi mali che meritano ben altri aggettivi. E’ anche probabile che si scontrino punti di vista diametralmente opposti su come rivitalizzare e aggiornare il movimento.
Il Vertice dei non-allineati (Cumbre de los no-alineados) si aprirà oggi e terminerà il 18 settembre. Per pochi giorni l’isola di Margarita sarà off-limits. Il governo cercherà di evitare che le proteste possano turbare la tranquillità del “conclave”. Ciò non vuol dire, comunque, che nel paese non si continui a protestare o a parlare di Referendum, inflazione e recessione. Ma non sull’isola, il cui accesso, per un eccesso di zelo, è stato proibito anche, anzi soprattutto, ai deputati e agli esponenti dell’Opposizione. Il timore del governo è che questi possano provocare momenti di tensione, segnalare gli atteggiamenti anti-democratici dell’Esecutivo e denunciare l’isolamento imposto al Parlamento. In ogni caso, far notare agli invitati le grandi differenze esistenti tra governo e opposizione.
Il presidente del Parlamento, Henry Ramos Allup, ha minacciato di organizzare una giornata di protesta durante la “Cumbre” se il Consiglio Nazionale Elettorale non renderà nota la data della raccolta del 20 per cento delle firme, ultimo passo indispensabile per esigere il Referendum revocatorio. L’Opposizione teme che l’organismo elettorale decida di rimandare tutto e rendere note le date solo dopo il 18 settembre, a Vertice oramai concluso.
Ramos Allup ha sottolineato che l’Opposizione è disposta a riunirsi con qualunque esponente del Governo per discutere sulla consulta popolare.
– Non si dica poi – ha commentato il presidente dell’An – che il Referendum non si è fatto perché non ci siamo seduti a dialogare.
Il Tavolo dell’Unità, in questi giorni, è tra l’incudine e il martello. Da un lato, il governo del presidente Maduro ha incrementato gli attacchi all’Opposizione, sperando in questo modo di poter riconquistare parte del terreno perduto; dall’altro, correnti dell’Opposizione chiedono la radicalizzazione delle proteste. Questo è il caso, ad esempio, dell’Organizzazione dei Venezuelani Perseguitati Politici in Esilio. I membri del Veppex, con un comunicato, hanno esortato gli esponenti dell’eterogenea coalizione dell’Opposizione a non accettare che il Referendum si realizzi il prossimo anno.
Anche l’Assemblea Nazionale, oggi, è al centro del dibattito. Il Tribunale Supremo di Giustizia l’ha oramai svuotato di ogni potere e l’ente preposto a elargire il denaro per pagare gli stipendi dei deputati non ha ancora disposto il trasferimento dei fondi necessari. La pressione sul Parlamento si fa sempre più pesante. E c’è già chi teme che, dopo la decisione presa dalla Corte Costituzionale (Tribunal Supremo de Justicia) di considerare nulle e illegali tutte le decisioni del Parlamento accusato di non aver seguito i suoi dettami, la stessa Alta Corte possa scioglierlo definitivamente. Una decisione che, comunque, sembrerebbe poco probabile, a prescindere dalle aggressioni verbali di dirigenti del governo nei confronti dei parlamentari. È ben noto a tutti che l’esistenza del Parlamento, nei paesi evoluti, è espressione di democrazia.

Ultima ora

00:30Calcio: Nicola, mantengo la promessa e vado in bici a Torino

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Io ci credevo". Davide Nicola è forse il meno sorpreso della salvezza del suo Crotone. "Sono molto soddisfatto e gratificato - le sue parole a Premium Sport - Ero convinto che attraverso il lavoro e la costruzione di un gruppo si potesse raggiungere quest'obiettivo. La squadra ha lavorato per meritare di rimanere in A: l'ho sempre detto ai ragazzi. Dal punto di vista tecnico, tattico e mentale c'è stato un grande lavoro dietro ed è per questo che non volevo sentir parlare del Crotone come di una favola. Avremmo potuto salvarci prima, ma anche retrocedere prima: la realtà è che più si vuole ottenere un obiettivo, più si deve essere disposti a perderlo". Poi il tecnico rivela che manterrà fede alla promessa fatta in caso di salvezza: "Crotone-Torino in bicicletta? È la parte più facile: lo farò con grande piacere, le promesse le mantengo. In questo momento la prima parola che mi viene in mente è gratitudine. E sono dispiaciuto per l'Empoli, perché so che per una squadra che festeggia ce n'è una che soffre".

00:27Auto: Indianapolis, guasto al motore e Alonso si ritira

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Il team Andretti Autosport si aggiudica la 500 Miglia a Indianapolis, ma non è Fernando Alonso a regalargli la vittoria, bensì l'ex pilota di Formula 1 Takuma Sato, primo giapponese a vincere su questo circuito in questa classe, che ha beffato Helio Castroneves nel finale di gara. Per lo spagnolo, che oggi ha saltato il Gran Premio di Monaco, restano invece da ricordare solo i 27 giri condotti in testa, prima di essere costretto al ritiro a 20 dalla fine per un guasto al motore della sua McLaren-Honda (in quel momento era settimo). Un peccato perché l'ex ferrarista stava ben animando la gara e il pubblico lo aveva anche accolto molto calorosamente.

00:04Totti: Zeman, oggi non è stata una festa ma una tragedia

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - "Mi spiace per Totti, perché non è stato lui a decidere. E oggi, anziché una festa, è stata una tragedia. Oggi gli consiglierei di continuare a giocare: lui ha ancora voglia. In Italia no, bisogna vedere se fuori troverà una squadra adatta alle sue qualità". Così Zdenek Zeman a Premium Sport sull'addio di Francesco Totti alla maglia giallorosa.

00:01Basket: semifinali playoff, Venezia-Avellino 88-77

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - L'Umana Reyer Venezia risponde alla sconfitta in gara-1 di semifinale dominando la Sidigas Avellino: l'88-77 finale, infatti, è frutto del relax con cui Venezia ha chiuso la gara, che aveva portato sull'88-65. A trascinare i veneziani è stato l'mvp Peric (23 punti), ma ha pagato anche la scelta di coach De Raffaele di inserire nel quintetto un centro di peso come Batista. Venezia, infatti, ha dominato anche a rimbalzo: 39-23 il conto. Avellino, invece, ha dovuto fare i conti con la serata negativa di Ragland, fermatosi a 5 punti in 19 minuti in campo, quando la sua squadra ha subìto un parziale negativo di 18 punti rispetto agli avversari. Avellino ha provato più volte a riavvicinarsi nel punteggio, ma non è mai scesa sotto i quattro punti di ritardo, soffrendo l'intensità difensiva e il dinamismo offensivo dell'Umana Reyer, che ha mandato in doppia cifra ben cinque giocatori: oltre a Peric, anche Haynes (13), Ejim (11), Batista e McGee (entrambi 10 punti personali). Martedì, ad Avellino, gara-3.

23:50Calcio: Roma, per Emerson rottura del crociato

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro: questa la diagnosi riscontrata ad Emerson Palmieri, infortunatosi oggi nel primo tempo dell'ultima di campionato tra Roma e Genoa. Il terzino giallorosso, peraltro, era stato appena convocato dal ct Ventura in azzurro, ma dovrà rimandare il suo esordio con l'Italia. Domani sarà operato a Villa Stuart, a Roma.

23:49Dante: Gifuni legge Paradiso dalla Torre di Pisa

(ANSA) - PISA, 28 MAG - Finale ad effetto per "Danteprima", la manifestazione dedicata a Dante Alighieri, con l'attore Fabrizio Gifuni che ha letto alcuni canti del Paradiso dall'alto della Torre pendente di Pisa. Quello di stasera è stato l'ultimo appuntamento con la rassegna che Pisa, capitale dantesca, dedica a Dante in vista delle celebrazioni per il settecentenario dalla morte del sommo poeta nel 2021. (ANSA).

23:46Pallavolo: verso la World League, all’Italia la Vesuvio Cup

(ANSA) - ROMA, 28 MAG - Con due vittorie su due, la Nazionale italiana di pallavolo maschile si aggiudica la prima edizione della Vesuvio Cup, torneo triangolare disputato a Napoli. Dopo aver sconfitto ieri l'Argentina 3-1, oggi i ragazzi del ct Blengini hanno battuto con lo stesso risultato il Giappone: 25-17, 11-25, 25-15, 25-22. Il gruppo azzurro si ritroverà a Pesaro martedì sera per riprendere la preparazione in vista del primo weekend di World League, da venerdì a domenica, con le gare contro Brasile, Polonia e Iran.

Archivio Ultima ora