Usa: aumento record dei redditi, cala la povertà

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Shoppers browse items for sale in a Toys R Us store in Queensbury, New York, USA, 26 November 2015.  EPA/ANDREW GOMBERT

Shoppers browse items for sale in a Toys R Us store in Queensbury, New York, USA, 26 November 2015.
EPA/ANDREW GOMBERT

WASHINGTON. – A pochi mesi dalla fine del secondo mandato di Barack Obama, l’America completa la ripresa dalla terribile recessione del 2008 con un balzo record dei redditi famigliari e un calo altrettanto record della povertà nel 2015: rispettivamente +5,2% (56.516 dollari, 2798 dollari in piu’) e -1,2% (pari a 3,5 milioni di persone), con un tasso di povertà che passa dal 14,8% al 13,5%.

E’ la foto scattata dal Census of Bureau, che non registra queste variazioni dall’inizio della sua attività, ossia dal 1968. Un’eredità che il presidente americano ha vantato adesso a Filadelfia anche nella campagna elettorale a sostegno di Hillary Clinton contro un Donald Trump che continua a denunciare l’arretramento dell’economia americana.

E per contrastare la retorica del tycoon contro la presunta sudditanza Usa verso altri giganti economici, Obama ha presentato un ricorso al Wto contro la Cina, accusandola di fornire eccessivi sussidi statali (oltre 100 mld di dlr) al settore agricolo, alterando i prezzi di riso, grano e mais e danneggiando la produzione di altri Paesi esportatori come gli Stati Uniti.

L’aumento dell”houshold income’ è trasversale, spalmato su tutte le classi di età, i gruppi etnici e le aree geografiche, con l’unica eccezione di chi vive fuori delle aree urbane. La crescita più veloce si è verificata tra i redditi più bassi e medi, a beneficio quindi di quella middle class che resta al centro della campagna elettorale.

Merito della crescita costante dell’occupazione, della crescita dei salari reali (anche grazie all’aumento dei minimi, seppur a macchia di leopardo) e dell’inflazione bassa. A questo si aggiunge la progressiva estensione dell’assicurazione sanitaria grazie all’Obamacare, che ha abbattuto la barriera del 10%: “solo” il 9,1% vive senza, ossia 29 milioni di americani, ma nel 2014 erano 33 milioni (10,4%).

Traguardi che la Casa Bianca ostenta con orgoglio e soddisfazione: “il rapporto odierno del Census Bureau dimostra lo straordinario progresso che le famiglie americane hanno fatto mentre la ripresa continua a rafforzarsi”, commenta il Council of Economics advisers, che analizza e interpreta gli sviluppi economici e consiglia il presidente Obama sulla politica economica.

La solida crescita dell’occupazione e il robusto incremento degli stipendi reali sino a questo momento, aggiunge, “suggerisce che i redditi stanno continuando ad aumentare anche quest’anno”. I redditi delle famiglie erano continuati a calare dopo il 2008, cominciando a risalire solo nel 2013, ma solo nel 2015 hanno superato quelli dell’anno della recessione, anche se il dato è ancora inferiore dell’1,6% rispetto al 2007 e più basso del 2,4% rispetto al boom di fine anni Novanta.

Se però il trend prosegue, il 2016 potrebbe essere l’anno del ritorno ai livelli pre-crisi. Tra i dati 2015 che colpiscono di più, la maggiore crescita dei salari delle donne (+2,7% contro l’1,5% degli uomini), che riduce il gap ad un livello anch’esso record.

Anche coloro che non hanno la cittadinanza americana hanno guadagnato di più dei ‘native-born’: +10,5% (45,100 dlr), contro il 4,4% (57,200). Segno che anche gli immigrati stanno riducendo il gap nei confronti degli americani.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

07:59Corea Nord: media, Usa inviano terza portaerei

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Gli Stati Uniti avrebbero inviato una terza portaerei nel Pacifico occidentale come deterrente per i test missilistici e il programma nucleare della Corea del Nord. Lo riportano i media americani, sottolineando che la USS Nimitz si unirà alla USS Carl Vinson e alla USS Ronald Reagan già presenti nell'area.

07:56Usa: Mattis, Trump ‘molto aperto’ su clima

(ANSA) - NEW YORK, 28 MAG - Il presidente Donald Trump è "molto aperto" sul tema dell'accordo sul clima di Parigi e "valuta i pro e i contro" di un'eventuale permanenza degli Stati Uniti nell'intesa. Lo afferma il segretario alla Difesa, James Mattis, in un'intervista alla Cbs di cui sono stati diffusi gli estratti. "Stiamo valutando quale sarà la nostra politica sul tema. Ho partecipato ad alcuni degli incontri a Bruxelles dove il clima è stato uno degli argomenti, e il presidente era aperto. Era curioso del perché gli altri avevano assunto una certa posizione sul tema", mette in evidenza Mattis.

00:17Calcio: 3-1 all’Alaves, il Barcellona vince la Coppa del Re

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Barcellona saluta Luis Enrique vincendo 3-1 la finale di Coppa del Re contro l'Alaves. Per i blaugrana si tratta del 29/o successo nel torneo, il terzo consecutivo. L'allenatore lascia dopo tre anni e con un bottino di nove titoli. L'incontro al 'Vicente Calderon' di Madrid non ha avuto storia, con il Barca che ha chiuso il primo tempo in ampio vantaggio grazie alle reti di Messi (30'), Neymar (45', in dubbio offside) e Paco Alcacer (48'), più che sufficienti a stroncare ogni velleità dell'Alaves che pure aveva trovato il pareggio su punizione al 33' con Hernandez.

00:14Calcio: un autogol piega l’Angers, coppa di Francia al Psg

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Paris Saint Germain vince la 100/a edizione della coppa di Francia, conquistando il trofeo per l'undicesima volta, la terza consecutiva. Nessuna sorpresa nel risultato della sfida tra la corazzata di Unai Emery, forse al passo d'addio, e la cenerentola Angers, ma la partita allo Stade de France è andata in maniera diversa rispetto alle attese. Il 93' il risultato era ancora sullo 0-0 e solo una sfortunata autorete di Cissokho ha consentito al Psg di passare in vantaggio e vincere l'incontro quando ormai i bianconeri speravano di aver conquistato i supplementari.

23:54Basket: playoff, Milano-Trento 71-78

(ANSA) - ASSAGO (MILANO), 27 MAG - La sfrontatezza di Flaccadori, la versatilità di Craft e la prestanza atletica di Sutton: con questi ingredienti la Dolomiti Energia Trento sorprende nuovamente una deludente EA7 (71-78), portandosi avanti 2-0 nella serie di semifinale. Il Forum d'Assago è spaccato in due ma unito in un clima di contestazione generale: la curva prende di mira la dirigenza e chiede le dimissioni del presidente Proli e del gm Portaluppi, il resto dell'arena becca coach Repesa, poco convincente in molte delle sue scelte. Trento è piena zeppa di meriti, Milano confusa e infelice. E ora senza più possibilità di sbagliare: per riportare la serie al Forum dovrà sbancare almeno una volta Trento.

23:24Calcio: playoff serie B, Benevento-Perugia 1-0

(ANSA) - BENEVENTO, 27 MAG - Il Benevento supera 1-0 il Perugia e si aggiudica il primo atto della semifinale playoff di serie B. Di Chibsah, al 14' st, la rete che decide il match e consente ai sanniti la possibilità di passare il turno anche con un pareggio nel ritorno allo stadio 'Curi'. I giallorossi partono a spron battuto ma al 10' una conclusione sbilenca di Mustacchio diventa un assist per Dezi che di testa batte Cragno. Dopo un lungo conciliabolo, però, l'arbitro annulla per offside. Il gol decisivo giunge nella ripresa. Ingenuità di Gnahoré che al limite dell'area si fa rubar palla da Chibsah, lesto ad entrare in area e freddo nel battere Brignoli. La reazione del Perugia è veemente ma sterile e di nitide chance non se ne registrano.

23:01Calcio: Borussia Dortmund vince la coppa di Germania

(ANSA) - ROMA, 27 MAG - Il Borussia Dortmund si aggiudica la coppa di Germania battendo 2-1 l'Eintracht Francoforte nella finale disputata allo stadio olimpico di Berlino. Dopo tre ko consecutivi nella partita decisiva, la squadra guidata ha Thomas Tuchel ha conquistato la quinta coppa nazionale della sua storia, ritrovando un successo che mancava dal 2012. Andato in vantaggio all'8' con Dembele, il Borussia ha subito al 29' il pareggio di Rebic, tornando poi avanti in maniera definitiva grazie ad un rigore trasformato da Aubemeyang al 22' della ripresa.

Archivio Ultima ora