Usa: aumento record dei redditi, cala la povertà

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Shoppers browse items for sale in a Toys R Us store in Queensbury, New York, USA, 26 November 2015.  EPA/ANDREW GOMBERT

Shoppers browse items for sale in a Toys R Us store in Queensbury, New York, USA, 26 November 2015.
EPA/ANDREW GOMBERT

WASHINGTON. – A pochi mesi dalla fine del secondo mandato di Barack Obama, l’America completa la ripresa dalla terribile recessione del 2008 con un balzo record dei redditi famigliari e un calo altrettanto record della povertà nel 2015: rispettivamente +5,2% (56.516 dollari, 2798 dollari in piu’) e -1,2% (pari a 3,5 milioni di persone), con un tasso di povertà che passa dal 14,8% al 13,5%.

E’ la foto scattata dal Census of Bureau, che non registra queste variazioni dall’inizio della sua attività, ossia dal 1968. Un’eredità che il presidente americano ha vantato adesso a Filadelfia anche nella campagna elettorale a sostegno di Hillary Clinton contro un Donald Trump che continua a denunciare l’arretramento dell’economia americana.

E per contrastare la retorica del tycoon contro la presunta sudditanza Usa verso altri giganti economici, Obama ha presentato un ricorso al Wto contro la Cina, accusandola di fornire eccessivi sussidi statali (oltre 100 mld di dlr) al settore agricolo, alterando i prezzi di riso, grano e mais e danneggiando la produzione di altri Paesi esportatori come gli Stati Uniti.

L’aumento dell”houshold income’ è trasversale, spalmato su tutte le classi di età, i gruppi etnici e le aree geografiche, con l’unica eccezione di chi vive fuori delle aree urbane. La crescita più veloce si è verificata tra i redditi più bassi e medi, a beneficio quindi di quella middle class che resta al centro della campagna elettorale.

Merito della crescita costante dell’occupazione, della crescita dei salari reali (anche grazie all’aumento dei minimi, seppur a macchia di leopardo) e dell’inflazione bassa. A questo si aggiunge la progressiva estensione dell’assicurazione sanitaria grazie all’Obamacare, che ha abbattuto la barriera del 10%: “solo” il 9,1% vive senza, ossia 29 milioni di americani, ma nel 2014 erano 33 milioni (10,4%).

Traguardi che la Casa Bianca ostenta con orgoglio e soddisfazione: “il rapporto odierno del Census Bureau dimostra lo straordinario progresso che le famiglie americane hanno fatto mentre la ripresa continua a rafforzarsi”, commenta il Council of Economics advisers, che analizza e interpreta gli sviluppi economici e consiglia il presidente Obama sulla politica economica.

La solida crescita dell’occupazione e il robusto incremento degli stipendi reali sino a questo momento, aggiunge, “suggerisce che i redditi stanno continuando ad aumentare anche quest’anno”. I redditi delle famiglie erano continuati a calare dopo il 2008, cominciando a risalire solo nel 2013, ma solo nel 2015 hanno superato quelli dell’anno della recessione, anche se il dato è ancora inferiore dell’1,6% rispetto al 2007 e più basso del 2,4% rispetto al boom di fine anni Novanta.

Se però il trend prosegue, il 2016 potrebbe essere l’anno del ritorno ai livelli pre-crisi. Tra i dati 2015 che colpiscono di più, la maggiore crescita dei salari delle donne (+2,7% contro l’1,5% degli uomini), che riduce il gap ad un livello anch’esso record.

Anche coloro che non hanno la cittadinanza americana hanno guadagnato di più dei ‘native-born’: +10,5% (45,100 dlr), contro il 4,4% (57,200). Segno che anche gli immigrati stanno riducendo il gap nei confronti degli americani.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora