Usa: aumento record dei redditi, cala la povertà

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Shoppers browse items for sale in a Toys R Us store in Queensbury, New York, USA, 26 November 2015.  EPA/ANDREW GOMBERT

Shoppers browse items for sale in a Toys R Us store in Queensbury, New York, USA, 26 November 2015.
EPA/ANDREW GOMBERT

WASHINGTON. – A pochi mesi dalla fine del secondo mandato di Barack Obama, l’America completa la ripresa dalla terribile recessione del 2008 con un balzo record dei redditi famigliari e un calo altrettanto record della povertà nel 2015: rispettivamente +5,2% (56.516 dollari, 2798 dollari in piu’) e -1,2% (pari a 3,5 milioni di persone), con un tasso di povertà che passa dal 14,8% al 13,5%.

E’ la foto scattata dal Census of Bureau, che non registra queste variazioni dall’inizio della sua attività, ossia dal 1968. Un’eredità che il presidente americano ha vantato adesso a Filadelfia anche nella campagna elettorale a sostegno di Hillary Clinton contro un Donald Trump che continua a denunciare l’arretramento dell’economia americana.

E per contrastare la retorica del tycoon contro la presunta sudditanza Usa verso altri giganti economici, Obama ha presentato un ricorso al Wto contro la Cina, accusandola di fornire eccessivi sussidi statali (oltre 100 mld di dlr) al settore agricolo, alterando i prezzi di riso, grano e mais e danneggiando la produzione di altri Paesi esportatori come gli Stati Uniti.

L’aumento dell”houshold income’ è trasversale, spalmato su tutte le classi di età, i gruppi etnici e le aree geografiche, con l’unica eccezione di chi vive fuori delle aree urbane. La crescita più veloce si è verificata tra i redditi più bassi e medi, a beneficio quindi di quella middle class che resta al centro della campagna elettorale.

Merito della crescita costante dell’occupazione, della crescita dei salari reali (anche grazie all’aumento dei minimi, seppur a macchia di leopardo) e dell’inflazione bassa. A questo si aggiunge la progressiva estensione dell’assicurazione sanitaria grazie all’Obamacare, che ha abbattuto la barriera del 10%: “solo” il 9,1% vive senza, ossia 29 milioni di americani, ma nel 2014 erano 33 milioni (10,4%).

Traguardi che la Casa Bianca ostenta con orgoglio e soddisfazione: “il rapporto odierno del Census Bureau dimostra lo straordinario progresso che le famiglie americane hanno fatto mentre la ripresa continua a rafforzarsi”, commenta il Council of Economics advisers, che analizza e interpreta gli sviluppi economici e consiglia il presidente Obama sulla politica economica.

La solida crescita dell’occupazione e il robusto incremento degli stipendi reali sino a questo momento, aggiunge, “suggerisce che i redditi stanno continuando ad aumentare anche quest’anno”. I redditi delle famiglie erano continuati a calare dopo il 2008, cominciando a risalire solo nel 2013, ma solo nel 2015 hanno superato quelli dell’anno della recessione, anche se il dato è ancora inferiore dell’1,6% rispetto al 2007 e più basso del 2,4% rispetto al boom di fine anni Novanta.

Se però il trend prosegue, il 2016 potrebbe essere l’anno del ritorno ai livelli pre-crisi. Tra i dati 2015 che colpiscono di più, la maggiore crescita dei salari delle donne (+2,7% contro l’1,5% degli uomini), che riduce il gap ad un livello anch’esso record.

Anche coloro che non hanno la cittadinanza americana hanno guadagnato di più dei ‘native-born’: +10,5% (45,100 dlr), contro il 4,4% (57,200). Segno che anche gli immigrati stanno riducendo il gap nei confronti degli americani.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

12:32Tennis: Australia, Murray “ha pesato perdita primo set”

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Incredulo e naturalmente deluso Andy Murray dopo l'eliminazione agli Open di Australia da parte del russo-tedesco Misha Zverev, che con il punteggio di 7-5 5-7 6-2 6-4 ha negato alo scozzese l'accesso ai quarti di finale. Il numero uno del mondo, 5 volte finalista a Melbourne, si aspettava un match diverso contro il numero 50 del ranking, un tennista mai assurto ad alti livelli e mai vittorioso contro uno dei grandi del mondo. Ma le cose sono andate diversamente ed è lo stesso Murray ad ammetterlo a fine gara: "ha pesato non aver vinto il primo set. Lui ha giocato molto bene, specie nei momenti cruciali, trovando colpi splendidi quando ne aveva bisogno e io non ho potuto farci granché se non complimentarmi con lui. C'è da dire -ha aggiunto Murray- che il primo set è stato frustrante, sono stato due-tre volte avanti di un break e se lo avessi vinto poteva cambiare la partita. Sono ovviamente molto deluso per questo risultato. Cercherò di imparare da questa sconfitta e di tornare ancora più forte". (ANSA).

12:23Tennis: Australia, clamoroso ko di Murray

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Gli Australian Open registrano un'altra eliminazione più che eccellente, quella del numero uno del tennis mondiale, lo scozzese Andy Murray, 5 volte finalista a Melbourne, fatto fuori in quattro set e oltre tre ore e mezza di gioco dal russo-tedesco Misha Zverev, n. 50 del mondo. Al secondo turno era saltata la testa di Novak Djokovic, a lungo re della racchetta, poi spodestato appunto da Murray in vetta al ranking. Entrambi puntavano a rinnovare il duello ai vertici del tennis mondiale, cominciando proprio dal torneo di Melbourne. Invece entrambi tornano a casa. Oggi Murray è stato irriconoscibile, ha sbagliato molto al servizio, e il Murray vero sembrava invece Zverev che ha combattuto con vigore, rifilando al blasonato rivale il punteggio di 7-5 5-7 6-2 6-4. Per Zverev quella di oggi è stata la più importante vittoria in carriera. Ai quarti dovrà misurarsi con il vincente dell'ultimo incontro programmato nella Rod Laver Arena tra lo svizzero Roger Federer e il giapponese Kei Nishikori. (ANSA).

12:18Mo: Israele, dimostrazione contro demolizioni case arabe

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Diverse migliaia di arabi israeliani hanno inscenato ieri ad Arara (nel Nord di Israele) una manifestazione di protesta contro le recenti demolizioni in localita' arabe di case definite "abusive". Hannno anche invocato le dimissioni del ministro per la sicurezza interna Ghilad Erdan (Likud) in seguito alla morte di un beduino in scontri avvenuti mercoledì con la polizia nel Neghev. Secondo le autorità durante i preparativi per le demolizioni di case nel villaggio beduino di Um el-Hiran (Neghev) l'uomo - Yaakub Abu Al-Kyan, 45 anni, vice preside di una scuola locale - ha travolto ed ucciso intenzionalmente un agente di polizia, prima di essere colpito a sua volta dal fuoco di altri agenti. I dimostranti hanno invece accusato il ministro Erdan di aver fornito una versione menzognera dei fatti ed hanno invocato che sull' incidente sia condotta una inchiesta indipendente. (ANSAmed).

12:02Mo: ad inizio febbraio possibile incontro Trump-Netanyahu

(ANSAmed) - TEL AVIV, 22 GEN - Benyamin Netanyahu potrebbe incontrare il neo presidente Usa Donald Trump nella prima settimana di febbraio a Washington. Lo indicano alcune indiscrezioni giornalistiche che citano fonti non specificate a Gerusalemme. Secondo queste Netanyahu - che ha definito Trump "un vero amico di Israele" - non aspetterebbe il congresso dell'Aipac, la principale lobby filo israeliana negli Usa, prevista per fine marzo e dove è tradizionale che partecipi il premier, ma tenderebbe ad anticipare i tempi. Netanyahu a fine gennaio ha in calendario due trasferte all'estero: Australia e Singapore. Ma subito dopo andrebbe in America. In questo primo, cruciale, incontro, sono molti i temi: dalla situazione della regione alla costruzione delle colonie ebraiche, dall'accordo sul nucleare dell'Iran alla ripresa delle sanzioni contro Teheran, al trasferimento del'ambasciata americana da Tel Aviv a Gerusalemme.

11:52Francia: primarie, sinistra sceglie candidato all’Eliseo

(ANSA) - PARIGI, 22 GEN - Urne aperte dalle 9 in Francia per il primo turno delle primarie della sinistra che sceglie oggi il suo candidato nella corsa all'Eliseo della prossima primavera. Lacerata al suo interno dopo cinque anni di governo tutti in salita, la gauche teme per l'affluenza e punta a un risultato - 1,5 - 2 milioni di votanti - che sarebbe comunque la metà dei partecipanti alle primarie della destra a fine novembre. I candidati favoriti sono l'ex premier socialista Manuel Valls, l'ex ministro dell'Economia e oggi portatore di ricette radicali, Arnaud Montebourg, e il capo della "fronda" interna alla maggioranza di sinistra, Benoit Hamon. Completano il quadro l'altro ex ministro Vincent Peillon, gli ecologisti Jean-Luc Bennhamias e Francois de Rugy, la radicale di sinistra Sylvia Pinel. Primo turno stasera, ballottaggio fra i due che si classificheranno ai primi posti fissato per domenica prossima.

11:43Maltempo: nelle Marche frazioni tutte raggiunte

(ANSA) - ANCONA, 22 GEN - Sono state tutte raggiunte le frazioni dell'entroterra marchigiano rimaste isolate per la neve, ma restano ancora diverse strade da aprire. Le persone per giorni bloccate sono state comunque raggiunte, anche a piedi e con gli sci, dalla macchina dei soccorsi, che ha portato, dov'era stato richiesto, viveri e medicinali. Continua il monitoraggio per l'allerta valanghe e slavine (ieri la frazione di Pozza di Acquasanta Terme, in provincia di Ascoli Piceno, era stata evacuata a causa dell'alto pericolo che una slavina potesse abbattersi sulla strada provinciale che conduce al paese) e dei fiumi. In tutta la regione ci sono 165 centraline per controllare l'innalzamento dei corsi d'acqua con il rischio di possibili esondazioni. Per quanto riguarda l'energia elettrica, ci sono ancora 5-600 utenze disalimentate. Il dato è riferito all'ultimo aggiornamento, di ieri sera. E' probabile che nel frattempo i tecnici Enel ne abbiano riattivate altre.

11:19Ritrovati due sciatori dispersi su montagne Irpinia

(ANSA) - AVELLINO, 22 GEN - Sono stati trovati dai Vigili del fuoco in una zona impervia dell'altopiano del Laceno, nell'Avellinese, due giovani di Atripalda (Avellino) dispersi da ieri: si erano recati con alcuni amici sulle vette innevate dell'altopiano per sciare, e ad un certo punto si sono separati dalla comitiva, dandosi appuntamento alle auto nel tardo pomeriggio. Appuntamento al quale non si sono presentati, suscitando l'allarme del resto della comitiva. I caschi rossi del distaccamento di Montella e di Lioni hanno lavorato tutta la notte setacciando l'area anche con l'ausilio di un gatto delle nevi del comando di Avellino. Stamane si è alzato in volo un elicottero ed ha individuato i due, infreddoliti ma in buone condizioni. (ANSA).

Archivio Ultima ora