Siria: la tregua tiene. Onu chiede garanzie per aiuti

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Siria: tregua tiene. Onu chiede garanzie per aiuti

Siria: tregua tiene. Onu chiede garanzie per aiuti

BEIRUT. – Oltre 24 ore dopo la sua entrata in vigore, la tregua concordata tra Russia e Usa in Siria sembra tenere, nonostante alcuni fisiologici scambi di accuse sulla sua violazione. Ma le popolazioni ridotte allo stremo sono ancora in attesa dell’arrivo dei convogli umanitari, mentre l’Onu chiede garanzie per la sicurezza del suo personale e il governo afferma che tutte le operazioni dovranno essere concordate con Damasco.

Il vero brivido è venuto in mattinata dal fronte sud-occidentale, cioè dalle Alture del Golan in parte occupate da Israele. Qui le forze siriane hanno affermato di aver abbattuto un caccia e un drone israeliano. L’esercito dello Stato ebraico ha subito smentito, affermando che suoi aerei hanno compiuto un raid contro una postazione dell’artiglieria siriana dopo che alcuni colpi erano finiti sul versante israeliano durante combattimenti con i ribelli.

E’ il quinto incidente di questo genere avvenuto dalla scorsa settimana. Secondo il portavoce militare israeliano sono stati lanciati effettivamente dai siriani due razzi terra-aria, che però non hanno minacciato gli aerei. Isolate violazioni del cessate il fuoco sono state denunciate in particolare nella provincia di Hama e ad Aleppo. In questa città la Russia ha detto che nel corso della notte sei persone sono state uccise e dieci ferite da forze ribelli.

La televisione panaraba Al Jazira, edita dal Qatar, ha accusato le forze governative di 14 violazioni. Mentre l’agenzia turca Anadolu ha detto che due ribelli feriti in un attacco governativo nella provincia di Idlib sono stati portati in territorio turco per essere curati. La stessa Turchia ha detto di avere colpito con l’artiglieria due obiettivi in Siria, dopo che un colpo di mortaio era stato sparato verso la provincia frontaliera turca di Hatay da zone ritenute sotto il controllo di Damasco.

Episodi di poco conto, paragonati ai massacri di una guerra civile che in cinque anni e mezzo ha provocato oltre 300.000 morti, secondo un bilancio stilato dall’Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Di questi, oltre 86.000 sono civili, tra i quali 15.100 bambini e adolescenti.

Viste queste premesse, è lecito aspettarsi che ci vorrà del tempo per costruire un clima di maggiore fiducia tra le parti in conflitto, ma anche tra le due superpotenze che hanno sponsorizzato la tregua. Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha proposto di sottoporre l’accordo all’approvazione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, rendendolo pubblico.

“Mosca non ha nulla da nascondere”, ha sottolineato Lavrov, sottintendendo che la stessa cosa non vale per gli Usa. E’ dunque un processo delicato quello che dovrebbe portare, dopo una settimana di tregua, ad un nuovo accordo tra Mosca e Washington per bombardare non solo l’Isis, ma anche i qaedisti del Fronte Fatah ash Sham (ex Al Nusra), che in alcune regioni come ad Aleppo e Idlib combattono fianco a fianco con gruppi degli insorti.

Proprio Fatah ash Sham ha affermato oggi che “l’accordo russo-americano non è altro che un nuovo complotto contro la rivoluzione nel Levante”, e ha ringraziato le formazioni ribelli che hanno rifiutato il cessate il fuoco. Anche organizzare gli aiuti umanitari non si presenta come un compito semplice.

La Turchia ha fatto entrare in Siria 20 tir che trasportavano cibo, vestiti e giocattoli. Ma il governo siriano si è dichiarato contrario all’ingresso di mezzi provenienti dalla Turchia con aiuti mandati non solo da Ankara, ma anche da agenzie dell’Onu e da altri organismi internazionali, “senza che questi invii siano stati prima concordati e coordinati con le autorità di Damasco”.

(di Alberto Zanconato/ANSAmed)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora