Draghi, pericoloso fermare l’Ue. La sovranità va condivisa

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Draghi, pericoloso fermare l'Ue.

Draghi, pericoloso fermare l’Ue.

ROMA. – Avanti tutta sull’integrazione europea, perché “fermarla a metà è l’opzione più pericolosa”: superare Brexit rilanciando la condivisione di sovranità fra gli Stati membri anziché arretrare, così da avere un’Europa efficace che offra soluzioni.

E’ l’unica risposta – secondo il presidente della Bce Mario Draghi – alle sfide globali e alla crisi delle istituzioni che coinvolge anche gli Usa, e deve passare sia attraverso iniziative esistenti – anche la proposta italiana di un sussidio di disoccupazione europeo – sia attraverso nuove politiche europee, e nuovi poteri a Bruxelles su “migrazioni, sicurezza e difesa”, campi dove iniziative targate Ue sono “non solo legittime, ma anche essenziali”.

Draghi per una volta ha lasciato da parte la politica monetaria per dedicarsi a un tema divenuto ancora più scottante dopo il voto per la Brexit: il balzo in avanti nell’integrazione europea a cui del resto lavora da anni come uno dei ‘Cinque presidenti’ che l’anno scorso hanno depositato un piano per completare l’unione economica.

La lectio magistralis in occasione del conferimento del ‘Premio Alcide De Gasperi’ a Trento, il cui assegno verrà devoluto alle comunità colpite dal terremoto di agosto, offre però al presidente della Bce l’occasione per un affondo ancora più forte contro le forze centrifughe che agitano l’Europa.

E’ la visione di De Gasperi, gli anni del dopoguerra e della svolta della Comunità del carbone dell’acciaio, a fare da sfondo a un discorso in cui il banchiere centrale richiama le “conquiste” messe a disposizione degli europei da quella che sarà l’Unione: benessere (Pil pro-capite cresciuto del 33% più che negli Usa), sicurezza, pace, libertà, con l’occasione offerta di spagnoli, portoghesi e greci di lasciarsi alle spalle le dittature.

Ed è proprio citando De Gasperi che Draghi ricorda la necessità non solo di creare istituzioni europee, ma anche di dar loro vigore e spinta politica, in modo da offrire ai cittadini sempre più disillusi dall’Ue soluzioni concrete. E dunque il mercato unico, “costruzione politica”, ci tiene a sottolineare, “deve essere completato” per poterlo proteggere: a partire dal trattato di Schengen, che ha abolito i confini interni dell’Unione ma – causa incompletezza istituzionale – non ha rafforzato quelli esterni.

Gli anni di crisi hanno portato i consensi a favore dell’Europa ai minimi storici. Anche gli Usa sono in difficoltà. E infatti Draghi evoca il “calo di consensi per l’integrazione economica”: il pensiero va ai negoziati di liberalizzazione commerciale tornati nel cassetto, ma anche all’unione bancaria incompleta e a quella di bilancio che appare lontanissima fra i veti incrociati dei Paesi del nord e del sud del Vecchio Continente.

E forse non a caso Draghi, per una volta, si sofferma non tanto sui vincoli di bilancio da rispettare o sul Fiscal Compact che pare archiviato, ma sull’altro lato della medaglia: gli “effetti redistributivi” dell’integrazione europea. Promuove “le recenti discussioni sull’equità fiscale e su un fondo europeo di assicurazione dei disoccupati” – iniziativa per cui spinge particolarmente l’Italia – che possono aiutare a legittimare l’Europa unita.

Un sasso nello stagno in cui è finita la spinta all’integrazione nata dopo la grande crisi: il bivio, se fare o disfare l’Europa, è sempre lì.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

01:47Wp, Trump sollecito’ aiuto due capi 007 contro Fbi

(ANSA) - WASHINGTON, 23 MAG - Donald Trump chiese invano lo scorso marzo ai capi di due agenzie di intelligence di negare pubblicamente l'esistenza di qualsiasi prova di collusione tra il suo entourage e i russi per smontare l'inchiesta dell'Fbi. Lo rivela il Wp citando due dirigenti americani attuali e due ex. La richiesta fu rivolta a Daniel Coats, capo della National Intelligence (Dia), e all'ammiraglio Michael S. Rogers, direttore della National Security Agency (Nsa).

01:44Manchester: morti e feriti a concerto

(ANSA) - LONDRA, 22 MAG - Ci sono alcuni morti e feriti a causa dell'incidente avvenuto in serata alla Manchester Arena, dove e' stata udita 'almeno una esplosione' che ha scatenato il panico fra migliaia di persone subito dopo la conclusione di un concerto della cantante americana Ariana Grande. Lo riferisce la polizia della città britannica. Stando alle prime informazioni l'esplosione sarebbe avvenuta nella zona delle biglietterie, subito fuori dall'arena, che può contenere circa 20.000 spettatori.

01:44Svezia: tracce esplosivo in borsa, evacuato scalo

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - E' stato evacuato in Svezia l'aeroporto internazionale di Goteborg Landvetter, dopo che in un bagaglio lasciato incustodito sono state rilevate tracce di esplosivo. La borsa abbandonata era nell'area partenze, che è stata subito evacuata, transennata e raggiunta da polizia e artificieri. L'allarme è scattato verso le 21 di ieri. Il bagaglio sospetto è stato trovato vicino a un banco informazioni e dopo che la sicurezza non è riuscita a trovarne il proprietario sono scattati gli accertamenti, dai quali è risultata la presenza di tracce di esplosivo. La polizia svedese afferma che per ora non si può parlare di una situazione di "minaccia effettiva", ma le indagini sono ancora in corso.

23:47Calcio: Quagliarella, a Schick dico di restare alla Samp

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Consiglio a Schick di restare un altro anno alla Sampdoria per confermare quanto di buono fatto e continuare a crescere. Non ho mai giocato con un calciatore simile". Fabio Quagliarella, vincitore del 22esimo 'Premio Gentleman', suggerisce al suo compagno di aspettare a lasciare Genova, ma concede un indizio sull'altro oggetto del desiderio del mercato, Muriel: "Muriel è nell'età giusta per poter partire se ci sono delle richieste che soddisfano il presidente. Contro l'Udinese non ha fatto una cosa bella, ma si è reso conto dell'errore. Non c'è stato alcuna rissa con Danilo e alla fine ha chiesto scusa". Quagliarella conferma il suo desiderio di restare alla Samp ("ho ancora due anni di contratto") e spende parole al miele per Francesco Totti: "E' una leggenda. Sono orgoglioso si averci giocato contro. Un ragazzo eccezionale, c'e solo da togliersi il cappello. Non mi permetto di dire nulla a Spalletti, ma Totti non va trattato così".

23:44Calcio: Montella, il Milan vuole tenere Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 22 MAG - "Il rinnovo di Donnarumma? So che la società sta facendo degli sforzi enormi per riconoscere le grandi qualità di Gigio. Voglio bene come a un figlio a Donnarumma, ma ora deve fare una scelta e capire cosa vuole fare da grande perché é anche diventato maggiorenne. Ma con la massima serenità perché la società sta facendo di tutto per tenerlo". Così Vincenzo Montella a margine del 22esimo Premio Gentleman, parla delle trattative per il rinnovo di Donnarumma, ma non svela nulla su chi sarà il prossimo centravanti del Milan: "Chi sarà il prossimo numero 9 tra Keita, Kalinic e Morata? Forse nessuno dei tre. La maglia numero 9 è di Lapadula e per il momento se la tiene lui".

23:15Calcio: Pescara batte Palermo 2-0

(ANSA) - PESCARA, 22 MAG - Il Pescara ha battuto 2-0 il Palermo nel posticipo della 37/a giornata della serie A di calcio, partita che ha messo di fronte due formazioni già retrocesse. Gli abruzzesi sono passati in vantaggio al 15' con la prima rete in A del croato Robert Muric. Nel finale dell'incontro è giunto il raddoppio siglato dal suo sostituto, il romeno Mitrita. Il Pescara ha così vinto la terza partita in campionato.

23:08Calcio: playoff serie B, Carpi in semifinale

(ANSA) - ROMA, 22 MAG - Il Carpi è la prima semifinalista dei playoff di serie B ed il 26 e 29 maggio affronterà il Frosinone per contendergli un posto in serie A. La squadra allenata da Fabrizio Castori ha vinto 2-1 sul campo del Cittadella. Carpi in vantaggio con Lollo al 33' del primo tempo: gran tiro dai 35 metri che si è infilato sotto l'incrocio dei pali. Raddoppio degli ospiti al 20' della ripresa con Mbakogu, lanciato a rete da Letizia. Due minuti dopo Iunco, entrato da poco al posto di Chiaretti, ha accorciato le distanze con un colpo di testa su cross dalla sinistra di Valzania. Vano l'assalto finale del Cittadella per portare la partita ai supplementari. L'eventuale parità al termine di questi ultimi avrebbe comunque promosso la squadra veneta, che ha chiuso il campionato un punto sopra il Carpi.

Archivio Ultima ora