Draghi, pericoloso fermare l’Ue. La sovranità va condivisa

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Draghi, pericoloso fermare l'Ue.

Draghi, pericoloso fermare l’Ue.

ROMA. – Avanti tutta sull’integrazione europea, perché “fermarla a metà è l’opzione più pericolosa”: superare Brexit rilanciando la condivisione di sovranità fra gli Stati membri anziché arretrare, così da avere un’Europa efficace che offra soluzioni.

E’ l’unica risposta – secondo il presidente della Bce Mario Draghi – alle sfide globali e alla crisi delle istituzioni che coinvolge anche gli Usa, e deve passare sia attraverso iniziative esistenti – anche la proposta italiana di un sussidio di disoccupazione europeo – sia attraverso nuove politiche europee, e nuovi poteri a Bruxelles su “migrazioni, sicurezza e difesa”, campi dove iniziative targate Ue sono “non solo legittime, ma anche essenziali”.

Draghi per una volta ha lasciato da parte la politica monetaria per dedicarsi a un tema divenuto ancora più scottante dopo il voto per la Brexit: il balzo in avanti nell’integrazione europea a cui del resto lavora da anni come uno dei ‘Cinque presidenti’ che l’anno scorso hanno depositato un piano per completare l’unione economica.

La lectio magistralis in occasione del conferimento del ‘Premio Alcide De Gasperi’ a Trento, il cui assegno verrà devoluto alle comunità colpite dal terremoto di agosto, offre però al presidente della Bce l’occasione per un affondo ancora più forte contro le forze centrifughe che agitano l’Europa.

E’ la visione di De Gasperi, gli anni del dopoguerra e della svolta della Comunità del carbone dell’acciaio, a fare da sfondo a un discorso in cui il banchiere centrale richiama le “conquiste” messe a disposizione degli europei da quella che sarà l’Unione: benessere (Pil pro-capite cresciuto del 33% più che negli Usa), sicurezza, pace, libertà, con l’occasione offerta di spagnoli, portoghesi e greci di lasciarsi alle spalle le dittature.

Ed è proprio citando De Gasperi che Draghi ricorda la necessità non solo di creare istituzioni europee, ma anche di dar loro vigore e spinta politica, in modo da offrire ai cittadini sempre più disillusi dall’Ue soluzioni concrete. E dunque il mercato unico, “costruzione politica”, ci tiene a sottolineare, “deve essere completato” per poterlo proteggere: a partire dal trattato di Schengen, che ha abolito i confini interni dell’Unione ma – causa incompletezza istituzionale – non ha rafforzato quelli esterni.

Gli anni di crisi hanno portato i consensi a favore dell’Europa ai minimi storici. Anche gli Usa sono in difficoltà. E infatti Draghi evoca il “calo di consensi per l’integrazione economica”: il pensiero va ai negoziati di liberalizzazione commerciale tornati nel cassetto, ma anche all’unione bancaria incompleta e a quella di bilancio che appare lontanissima fra i veti incrociati dei Paesi del nord e del sud del Vecchio Continente.

E forse non a caso Draghi, per una volta, si sofferma non tanto sui vincoli di bilancio da rispettare o sul Fiscal Compact che pare archiviato, ma sull’altro lato della medaglia: gli “effetti redistributivi” dell’integrazione europea. Promuove “le recenti discussioni sull’equità fiscale e su un fondo europeo di assicurazione dei disoccupati” – iniziativa per cui spinge particolarmente l’Italia – che possono aiutare a legittimare l’Europa unita.

Un sasso nello stagno in cui è finita la spinta all’integrazione nata dopo la grande crisi: il bivio, se fare o disfare l’Europa, è sempre lì.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

04:27Trump, storia Russia e’ truffa, guardare Bill e Hillary

NEW YORK - ''La storia di Trump e la Russia e' una truffa. Perche' la commissione di intelligence della Camera non guarda agli accordi di Bill e Hillary'' Clinton ''con la Russia, ai discorsi pagati dalla Russia a Bill o alla societa' russa di Podesta?''. Lo afferma il presidente Donald Trump su Twitter.

04:11Messico: narcoboss trasferito in carcere Ciudad Juarez

CITTA' DEL MESSICO - Miguel Angel Trevino Morales, leader del cartello messicano della droga Los Zetas, e' stato trasferito dal carcere di Altiplano a quello di Ciudad Juarez, la citta' di confine tra il paese centramericano e El Paso, in Texas, tristemente nota, fra l'altro, per l'alto numero di femminicidi. Sono state le stesse autorita' messicane a renderlo noto precisando che il trasferimento e' da considerarsi ''di routine'' per evitare eventuali fughe. Il carcere e' lo stesso nel quale venne recluso Joaquin ''El Chapo'' Guzman dopo la sua nuova cattura dell'8 gennaio 2016 e prima dell'estradizione negli Stati Uniti nel gennaio scorso.

03:33Usa: class action contro agenti Ny, in mirino chi sembra gay

NEW YORK - Prendevano di mira uomini che sembravano 'gay' o 'non conformi al loro sesso' e li arrestavano con la falsa accusa di masturbarsi in pubblico. E' l'accusa mossa agli agenti del Dipartimento di Polizia di Port Authority di New York in una class action. I poliziotti della stazione di bus avrebbe ''abusato'' del loro potere per spiare nei bagni chi a loro avviso non 'rispettava' il proprio sesso o appariva effeminato.

03:28Trump:bufera su presidente commissione intelligence, ‘lasci’

NEW YORK - Il presidente della commissione di intelligence della Camera, Devin Nunes, ammette di aver incontrato alla Casa Bianca la fonte delle sue rivelazioni sulle intercettazioni nel transition team di Donald Trump. E scoppia il caso, con i democratici che chiedono si astenga dalle indagini sul Russiagate. Lo chiede il leader dei democratici alla Camera, Nancy Pelosi, mentre il leader dei democratici in Senato ne chiede le dimissioni da capo della commissione di intelligence.

03:24Trump: Usa valutano ruolo maggiore in conflitto in Yemen

NEW YORK - Gli Stati Uniti valutano la possibilita' di rafforzare il loro ruolo nel conflitto in Yemen aiutando direttamente gli alleati del Golfo nella battaglia contro i ribelli sciiti Houthi. Lo riporta la stampa americana citando alcune fonti. La maggiore assistenza americana potrebbe includere anche un sostegno dal punta di vista dell'intellingence.

03:21Trump: Giuliani legale turco che ha violato sanzioni Iran

NEW YORK - Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York e alleato di Donald Trump, entra nella squadra legale di Reza Zarrab, il trader di oro turco arrestato per aver violato le sanzioni americane contro l'Iran. Un caso gia' al centro delle relazioni fra Turchia e Stati Uniti. Lo riporta il New York Times, sottolineando che Giuliani e un altro legale, Michael Mukasey, hanno incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan nell'ambito degli sforzi per difendere Zarrab.

03:15Trump: chiesti 1 mld dollari per primi 99,7 km muro

NEW YORK - L'amministrazione Trump ha chiesto formalmente 1 miliardo di dollari per i primi 99,7 chilometri di muro con il Messico. Lo riporta la Cnn citando documenti del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale. I fondi serviranno per le riparazioni di alcune infrastrutture di confine gia' esistenti e per la costruzione di 77,2 chilometri di muro nuovo.

Archivio Ultima ora