Draghi, pericoloso fermare l’Ue. La sovranità va condivisa

Pubblicato il 13 settembre 2016 da ansa

Draghi, pericoloso fermare l'Ue.

Draghi, pericoloso fermare l’Ue.

ROMA. – Avanti tutta sull’integrazione europea, perché “fermarla a metà è l’opzione più pericolosa”: superare Brexit rilanciando la condivisione di sovranità fra gli Stati membri anziché arretrare, così da avere un’Europa efficace che offra soluzioni.

E’ l’unica risposta – secondo il presidente della Bce Mario Draghi – alle sfide globali e alla crisi delle istituzioni che coinvolge anche gli Usa, e deve passare sia attraverso iniziative esistenti – anche la proposta italiana di un sussidio di disoccupazione europeo – sia attraverso nuove politiche europee, e nuovi poteri a Bruxelles su “migrazioni, sicurezza e difesa”, campi dove iniziative targate Ue sono “non solo legittime, ma anche essenziali”.

Draghi per una volta ha lasciato da parte la politica monetaria per dedicarsi a un tema divenuto ancora più scottante dopo il voto per la Brexit: il balzo in avanti nell’integrazione europea a cui del resto lavora da anni come uno dei ‘Cinque presidenti’ che l’anno scorso hanno depositato un piano per completare l’unione economica.

La lectio magistralis in occasione del conferimento del ‘Premio Alcide De Gasperi’ a Trento, il cui assegno verrà devoluto alle comunità colpite dal terremoto di agosto, offre però al presidente della Bce l’occasione per un affondo ancora più forte contro le forze centrifughe che agitano l’Europa.

E’ la visione di De Gasperi, gli anni del dopoguerra e della svolta della Comunità del carbone dell’acciaio, a fare da sfondo a un discorso in cui il banchiere centrale richiama le “conquiste” messe a disposizione degli europei da quella che sarà l’Unione: benessere (Pil pro-capite cresciuto del 33% più che negli Usa), sicurezza, pace, libertà, con l’occasione offerta di spagnoli, portoghesi e greci di lasciarsi alle spalle le dittature.

Ed è proprio citando De Gasperi che Draghi ricorda la necessità non solo di creare istituzioni europee, ma anche di dar loro vigore e spinta politica, in modo da offrire ai cittadini sempre più disillusi dall’Ue soluzioni concrete. E dunque il mercato unico, “costruzione politica”, ci tiene a sottolineare, “deve essere completato” per poterlo proteggere: a partire dal trattato di Schengen, che ha abolito i confini interni dell’Unione ma – causa incompletezza istituzionale – non ha rafforzato quelli esterni.

Gli anni di crisi hanno portato i consensi a favore dell’Europa ai minimi storici. Anche gli Usa sono in difficoltà. E infatti Draghi evoca il “calo di consensi per l’integrazione economica”: il pensiero va ai negoziati di liberalizzazione commerciale tornati nel cassetto, ma anche all’unione bancaria incompleta e a quella di bilancio che appare lontanissima fra i veti incrociati dei Paesi del nord e del sud del Vecchio Continente.

E forse non a caso Draghi, per una volta, si sofferma non tanto sui vincoli di bilancio da rispettare o sul Fiscal Compact che pare archiviato, ma sull’altro lato della medaglia: gli “effetti redistributivi” dell’integrazione europea. Promuove “le recenti discussioni sull’equità fiscale e su un fondo europeo di assicurazione dei disoccupati” – iniziativa per cui spinge particolarmente l’Italia – che possono aiutare a legittimare l’Europa unita.

Un sasso nello stagno in cui è finita la spinta all’integrazione nata dopo la grande crisi: il bivio, se fare o disfare l’Europa, è sempre lì.

(di Domenico Conti/ANSA)

Ultima ora

00:23Calcio: Douglas Costa, vittoria difficile ma importante

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Sono contento del gol e di aver aiutato la squadra. Nel secondo tempo siamo un po' calati fisicamente, è stata difficile ma non abbiamo subito gol con grande sacrificio a parte di tutti: abbiamo portato a termine la partita in vantaggio e quello è l'importante". Le parole a caldo del giocatore juventino Douglas Costa dopo l'1-0 sul Genoa che ha riportato i bianconeri a -1 dal Napoli. "Mettere pressione al Napoli? Noi dobbiamo pensare solo a noi stessi e andare avanti senza guardare gli altri", ha aggiunto il centrocampista.

00:18Donna uccisa in agguato a Napoli, tre colpi al volto

(ANSA) - NAPOLI, 22 GEN - Una donna di 54 anni, Annamaria Palmieri, è stata uccisa in un agguato ed è stata trovata riversa in via del'Alveo Artificiale nel quartiere periferico di San Giovani a Teduccio a Napoli. Lo si apprende da fonti della Questura. Dai primi rilievi emerge che la donna è stata raggiunta da tre colpi di pistola al volto. La donna, rilevano le stesse fonti, aveva precedenti per reati contro il patrimonio, per droga e per associazione per delinquere. Agenti della Scientifica stanno operando nell'area del rinvenimento del corpo.

00:08Calcio: serie A, Juventus-Genoa 1-0

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - La Juventus con il minimo sforzo batte il Genoa nel posticipo della 21/a giornata si serie A e tiene il passo del Napoli, vittorioso ieri a Bergamo. Di Douglas Costa, al 16', l'unica rete della partita, alla quale il Genoa non ha saputo replicare. I bianconeri, alla quarta vittoria di fila, seguono ad una lunghezza il Napoli, che comanda a quota 54, e hanno 10 lunghezze di vantaggio sulla terza, la Lazio. Il Genoa, reduce da tre risultati utili consecutivi, è fermo a 21 punti, +5 dalla zona retrocessione.

22:32Calcio: Marotta, quella su Balotelli è una bufala

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - "Le voci su Balotelli? C'è affetto e stima per questo ragazzo, ma è una notizia da fantacalcio, una bufala. Quello di Balotelli è un profilo che non occorre alla Juventus". L'ad della Juventus, Giuseppe Marotta, prima di Juve-Genoa nega ogni interesse per l'attaccante del Nizza e anche per il giocatore della Lazio De Vrij: "non è un nostro obiettivo". Confermata invece la pista Emre Can. "L'interesse è chiaro - dice il dirigente a Premium Sport - vogliamo tentare di portarlo con noi, ma non è detto che ci riusciremo perché al momento ha un contratto con il Liverpool. Potrebbe rinnovarlo e oltretutto ci sono altre squadre su di lui".

22:21Calcio: Verona, presidente conferma la panchina a Pecchia

(ANSA) - VERONA, 22 GEN - Niente cambi sulla panchina del Verona. Fabio Pecchia resta in sella, e guiderà la squadra gialloblù anche nel prossimo impegno di campionato, in trasferta al Franchi, contro la Fiorentina. Lo ha deciso il presidente del club, Maurizio Setti. La squadra andrà intanto in ritiro. "Al termine di una giornata di riflessioni e confronti - spiega il Verona in una nota - il presidente dell'Hellas Verona, Maurizio Setti, ha deciso che la squadra andrà in ritiro fino a data da destinarsi. Il gruppo, in vista del match contro la Fiorentina, si allenerà ad Imola agli ordini di Fabio Pecchia e del suo staff, con il primo allenamento in programma per mercoledì 24 gennaio". La proprietà comunica inoltre di aver indetto il silenzio stampa, esteso "a tutti i propri tesserati".

22:15Calcio: Rafinha, voglio vincere dei titoli con l’Inter

(ANSA) - MILANO, 22 GEN - "Sono davvero molto felice, è una grande soddisfazione arrivare qui. E' una tappa importante della mia vita e ho tanta voglia di affrontare questa nuova fase della mia carriera. All'Inter sono passati tanti giocatori importanti, che hanno fatto la storia. Voglio fare del mio meglio e dare tutto per arrivare il più in alto possibile e vincere titoli con questi colori". Sono le prime parole di Rafinha da giocatore, rilasciate a Inter TV. "Cerco sempre di ottenere il massimo, voglio vincere più partite possibili e aiutare la squadra a raggiungere il nostro obiettivo, la Champions League", ha aggiunto. Rafinha, che vestirà la maglia numero 8, ritrova anche Mauro Icardi, compagno ai tempi della Cantera del Barcellona: "È sempre bello avere nel gruppo chi parla la tua lingua, conosco anche Mauro, ho giocato con lui. Mi ha dato subito una mano facendomi visitare il Centro Sportivo di Appiano Gentile".

22:12Calcio: 40 anni Buffon, France Football gli dedica copertina

(ANSA) - ROMA, 22 GEN - Un regalo per i 40 anni di Gianluigi Buffon, che li compirà domenica prossima. France Football, nel suo numero in edicola domani, dedica la copertina e uno speciale di 16 pagine al portiere juventino e della Nazionale, definito, tra l'altro, un monumento del calcio. Lo speciale rievoca la lunga carriera del giocatore "fenomeno di longevità e di successo", che "pur ancora in piena attività è già diventato una leggenda del football mondiale" e un "modello per i colleghi, per le prestazioni e il comportamento". Non manca nello speciale una carrellata di auguri, a volte sorprendenti, di colleghi di tutto il mondo e l'interrogativo se il portiere azzurro sia da inserite tra i cinque più forti della storia.

Archivio Ultima ora