Bosnia: a Mostar manifesti contro burqa

Pubblicato il 14 settembre 2016 da ansa

(ANSAmed) – SARAJEVO, 14 SET – In diversi punti del centro storico di Mostar sono apparsi oggi dei manifesti contro il burka – la rappresentazione grafica del velo integrale con la scritta “Fuck off”. Una chiara manifestazione di insofferenza espressa nei confronti dei turisti provenienti dai paesi arabi, in particolare Bahrein, Oman ed Emirati, il cui numero quest’anno è cresciuto in Bosnia di oltre il 200%. Secondo il portale Klix.ba la maggioranza della popolazione di Mostar, pur giudicando i manifesti “incivili”, disapprova taluni comportamenti dei turisti arabi come quello di pregare all’aperto, nei parchi, cosa che viene vista come ostentazione in Bosnia dove si prega solo nelle moschee o nelle proprie case e dove le musulmane osservanti portano il hijab, il velo che lascia scoperto il viso. Quest’estate i turisti provenienti dai paesi del Golfo – i più numerosi, 4.201, sono arrivati dagli Emirati – tra cui molte donne che indossano il ‘nikab’ nero, hanno invaso anche le vie di Sarajevo, ma gli artigiani che vendono i souvenir tradizionali e i ristoratori del centro storico non ne sono molto entusiasti e accusano i turisti arabi di essere arroganti e boriosi. L’accresciuta presenza di wahabiti radicali, sebbene metà della Bosnia sia musulmana, provoca allarmismo e preoccupazione tra la gente, musulmani compresi, anche perché nell’area del sobborgo meridionale della capitale, Ilidza, sono in costruzione resort di lusso finanziati da investitori arabi e molti di loro, a suon di petrodollari, stanno acquistando terreni e costruendo case. Uno di questi, il saudita Bedr Al-Shemri, lo spiega così: “Basta guardare questo verde, i monti che ci circondano, tutti questi fiumi, laghi, il clima fresco…”, e il quotidiano ‘Dnevni avaz’, con l’allarme tra le righe, titola così un articolo sul tema: “Gli arabi sono turisti o futuri abitanti della Bosnia?”.(ANSAmed).

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

11:13Attacco hacker ai conti di un’azienda piemontese, un arresto

(ANSA) - TORINO, 24 SET - Gli esperti informatici l'hanno battezzato 'man in the middle' ed è uno degli attacchi hacker più comuni e diffusi ai danni delle aziende con rapporti commerciali online. Bastano un indirizzo e-mail e un conto apocrifi ed è possibile dirottare flussi di denaro. E' il caso di una azienda piemontese che si è vista sottrarre il pagamento dall'estero di una ingente fornitura. Il denaro, quasi 40 mila euro, è stato recuperato dalla polizia postale, che ha arrestato un camerunense di 40 anni e indagato la moglie. L'uomo, sorpreso a prelevare in banca, è ora in carcere con l'accusa di riciclaggio; la moglie deve invece rispondere del reato di ricettazione. La polizia è risalita alla loro identità seguendo i movimenti del denaro, dirottato dal conto dell' azienda su un altro deposito e poi versato su un terzo conto per occultarne le tracce. Queste frodi sono ormai frequenti, dicono gli esperti, che invitano le aziende a verificare la correttezza delle comunicazioni online e dei dati scambiati via mail. (ANSA).

11:07Afghanistan: kamikaze a Kabul contro mezzo Nato

(ANSA) - KABUL, 24 SET - E' di almeno tre feriti, secondo la polizia afghana, il primo bilancio di un attacco kamikaze oggi contro un veicolo Nato a Kabul, vicino una sede del Dipartimento nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Lo riferisce 1TvNews. Secondo un'altra emittente afghana, Tolo Tv, l'attentatore suicida avrebbe preso di mira un convoglio militare danese. La zona dell'attentato è stata isolata dalle forze di sicurezza, mentre alcuni elicotteri la stanno sorvolando. Il ministero dell'Interno a Kabul ha confermato all'inizio del pomeriggio che l'esplosione nell'area di Afshar è stata causata da un'automobile imbottita di esplosivo che si è schiantata contro due veicoli blindati appartenenti a militari stranieri. In un breve comunicato si precisa solo che "tre civili feriti sono stati trasportati in un vicino ospedale".

10:46Afghanistan: kamikaze a Kabul, almeno tre feriti

(ANSA) - KABUL, 24 SET - E' di almeno tre feriti secondo la polizia afghana il primo bilancio dell'attacco oggi di un kamikaze ad un veicolo della Nato a Kabul, vicino una sede del Dipartimento nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Lo riferisce 1TvNews. Secondo un'altra emittente afghana, Tolo Tv, l'attentatore suicida avrebbe preso di mira un convoglio militare danese. La zona dell'attentato è stata isolata dalle forze di sicurezza, mentre alcuni elicotteri la stanno sorvolando.

10:44Arabia Saudita: abbattuto missile balistico da Yemen

(ANSA) - DUBAI, 24 SET - L'Arabia Saudita ha annunciato di aver abbattuto un missile balistico lanciato dai ribelli sciiti e dai loro alleati dello Yemen durante la Giornata Nazionale del Regno. Una dichiarazione riportata al mattino presto dall'agenzia statale Saudi Press dice che il missile mirava Khamis Mushait, una città nel sud-ovest dell'Arabia Saudita che ospita la base aerea King Khalid.

10:22Morta a Milano Rosilde Craxi, sorella di Bettino

(ANSA) - MILANO, 24 SET - E' morta a Milano, all'età di 77 anni, Rosilde Craxi, sorella dell'ex leader del Psi, Bettino. Era l'ultima dei fratelli Craxi in vita ed era moglie dell'ex sindaco di Milano, Paolo Pillitteri. Lo ha reso noto all'ANSA la famiglia.

05:05Curry, ‘giornata surreale, Trump non si comporta da leader’

NEW YORK - ''Una giornata surreale'': cosi' la stella della Nba Stephen Curry commenta l'affondo del presidente americano Donald Trump che gli ha ritirato l'invito alla Casa Bianca. ''Non so perche' sente la necessita' di prendere di mira certe persone piuttosto che altre. Io un'idea ce l'ho, ma questo non e' quello che fa un leader''.

04:56James ancora contro Trump, usa sport per dividere Paese

NEW YORK - LeBron James torna ad attaccare Donald Trump, stavolta con un video: ''Mi sento frustrato, perche' questa persona che abbiamo messo al potere dopo quello che e' successo dopo Charlottesville sta tentando di usare lo sport per dividere ancor di piu' il popolo americano. E non e' una cosa che posso tollerare, non e' una cosa su cui posso tacere''. Oltre al caso del suo collega della Nba Stephen Curry, James critica Trump anche per aver chiesto di licenziare i giocatori di football americano che non cantano l'inno in segno di protesta.

Archivio Ultima ora