Il malessere di Clinton, nuovo argomento di polemica

Pubblicato il 14 settembre 2016 da redazione

Un principio di polmonite costringe Hillary Clinton a lasciare la commemorazione per i 15 anni della tragedia delle Torri gemelle. Spunta l’ipotesi, poco credibile, di un suo ritiro dalla corsa alla Casa Bianca

Un principio di polmonite costringe Hillary Clinton a lasciare la commemorazione per i 15 anni della tragedia delle Torri gemelle. Spunta l’ipotesi, poco credibile, di un suo ritiro dalla corsa alla Casa Bianca

Flavia Romani

NEW YORK – Una campagna elettorale atipica fin dal suo inizio. Dopo una corsa alla “nomination” combattuta fino all’ultimo delegato, complice il malessere sofferto da Hillary Clinton durante la commemorazione dell’attentato dell’11 settembre, irrompe con prepotenza nella scena politica un nuovo argomento di discussione e polemica: la salute dei candidati. Ma non solo. Viene alla luce anche l’età dei candidati: 68 anni lei, 70 lui.

Non che nessuno ne fosse a conoscenza, ma fino a ieri non gli era stata attribuita grande importanza. D’altronde, Ronald Reagan aveva 69 anni quando entrò alla Casa Bianca per la prima volta. Appena uno in più di Clinton e uno in meno di Trump.

La salute dei candidati è sempre stata relegata all’ambito dei pettegolezzi e delle indiscrezioni. Fu John McCain, nel 2008, a dare importanza all’argomento. Eroe di guerra in Vietnam, aveva 71 anni quando si candidò alla presidenza degli Stati Uniti. Gli americani speculavano sui postumi della prigionia e delle torture subite.

E per dissipare ogni dubbio, McCain rese noto oltre 1200 pagine di referti medici. L’unico reso noto è quello del suo medico personale, una lettera assai vaga in cui si assicura la buona salute del candidato senza entrare nei dettagli.

Ma il piccolo imprevisto ha portato alla luce anche un altro dettaglio. La candidata dei democratici non ha informato di avere un principio di polmonite. Clinton non ha nascosto la sua malattia, come non ha nascosto tanti dettagli della sua vita. Semplicemente non li ha resi noti. E non è semplice problema di semantica.

Donald Trump, dopo quanto accaduto con l’avversaria politica, ha promesso di rendere noti gli ultimi risultati degli esami una volta ottenuti. Anche il candidato repubblicano ha i suoi angoli oscuri. Ad esempio, non ha ancora pubblicato l’ammontare del suo patrimonio personale.

Quali saranno le conseguenze sulla campagna elettorale di Clinton? Immediatamente dopo il suo malore, i sondaggi hanno rivelato una lieve flessione. E’ stata la reazione alla notizia che la candidata non aveva informato della sua malattia. Il vero giudizio, comunque, si avrà dopo il dibattito. Dipenderà dalla Clinton saper rassicurare gli americani. Se sarà aggressiva, brillante, chiara allora i sondaggi torneranno a salire. E’ già accaduto in passato.

Il giudizio dell’elettore americano è assai volubile. Nel 1984, l’allora presidente Reagan, in corsa per la rielezione, parve in difficoltà, annebbiato, insicuro al primo dibattito. Pare cominciassero a presentarsi i primi sintomi dell’Alzheimer. Ma nei seguenti dibattiti apparve frizzante ed energico, così come volevano gli elettori.
La malattia della candidata potrebbe renderla più “umana” agli occhi degli elettori.

D’altronde si tratta solo di una semplice polmonite, come la soffrrono o possono soffrrirla tanti americani. Stando agli esperti, la malattia potrebbe trasformare la candidata in un’“eroica” donna, pronta al sacrificio pur di essere presente a una delle commemorazione più importante per gli Stati Uniti.

E’ forse questa una delle ragioni per le quali pare sia stato consigliato a Trump di non insistere sull’argomento. Presentarsi come l’uomo forte di fronte alla donna debole potrebbe allontanare elettori e allienargli simpatie. Insomma, la polmonite umanizza.

Gli esperi si chiedono anche se sia possibile cambiare candidato quando sia già iniziata la corsa alla Casa Bianca. In teoria, sarebbe possibile. Ad abbandonare, comunque, dovrebbe essere il candidato per permettere al partito di scegliere il successore. A questo punto, si aprirebbero le porte per Bernie Sanders. E la corsa alla Casa Bianca si trasformerebbe in una sfida tra due modi diametralmente opposti di interpretare la realtà.

Ultima ora

20:43Gentiloni, M5S non ci deve spaventare, non ha i numeri

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Non sono affatto spaventato. Penso che il rispetto agli elettori M5S sia dovuto. Ma penso che la possibilità che il movimento arrivi a guidare il governo non ci sia. E' una forza che se anche avesse risultati significativi che gli vengono attribuiti da sondaggi non so quanto generosi, non avrebbe i numeri per governare. Rispetto assoluto per l' elettorato del M5S. Ma fuori dall'Italia nessuno mi ha mai mostrato preoccupazione per la possibilità, a cui nessuno crede, che il movimento possa arrivare al governo". Lo dichiara in un'intervista a "Il Foglio" in edicola domani il premier Paolo Gentiloni.

20:41Ferito a colpi di pistola custode cimitero Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 21 GEN - Il custode del cimitero di Vibo Valentia, Alessandro Sicari, di 48 anni, è stato ferito ad un braccio e ad una gamba da due colpi di pistola. Il fatto è accaduto nel pomeriggio, mentre il custode stava chiudendo il cancello. Ai carabinieri, che hanno subito avviato le indagini, l'uomo ha detto che mentre era intento a chiudere, ha sentito due colpi d'arma da fuoco e si è subito reso conto di essere stato raggiunto al braccio ed alla gamba, subito soccorso, l'uomo è stato portato dalla polizia municipale nell'ospedale di Vibo Valentia dove si trova ricoverato. I medici lo hanno giudicato guaribile in una decina di giorni. Al momento dell'agguato, nella zona del cimitero, oltre al buio, era calata una fitta nebbia e non sono presenti telecamere.

20:40Siria: Assad condanna l’offensiva militare turca

(ANSA) - DAMASCO, 21 GEN - Il presidente siriano Bashar al Assad ha condannato la "brutale aggressione" della Turchia contro l'enclave curda in Siria di Afrin, sostenendo che l'azione militare è parte del sostegno di Ankara ai "terroristi" dello Stato Islamico.

20:22Calcio: Spagna, Real prova a scacciare la crisi con 7 gol

(ANSA) - MADRID, 21 GEN - Il Real Madrid ritrova la vittoria e ne segna sette in una volta sola al Deportivo La Coruna, mentre i giornali spagnoli di oggi scrivono che il presidente Florentino Perez ha detto chiaro e tondo a Cristiano Ronaldo che non ci sono i soldi per aumentargli l'ingaggio che attualmente è di 21 milioni di euro all'anno. Il successo per 7-1 delle 'merengue' al Bernabeu arriva dopo un periodo da incubo dopo due Ko consecutivi in casa e un solo punto raccolto nelle ultime tre partite. La squadra di Zidane (che, a sorpresa, nella formazione iniziale schiera Mayoral centravanti, con Benzema in panchina) parte male, perché va in vantaggio il Deportivo, ma poi spazzia via la squadra galiziana grazie alle doppiette di Nacho, Bale e Cristiano Ronaldo e alla rete di Modric. Questi tre punti consentono al Real di tornare in zona Champions e di ridurre la distanza dal secondo e terzo posto dopo il pari di ieri dell'Atletico Madrid e il ko del Valencia, ora distanti rispettivamente 8 e 5 punti.

20:20Calcio: Bologna, Donadoni “fascia a Verdi? Idea di Mirante”

(ANSA) - BOLOGNA, 21 GEN - Roberto Donadoni si gode il ritorno dei tre punti e continua a coccolarsi Verdi a cui oggi ha affidato la fascia di capitano. "Il capitano Mirante ha avuto questa idea - ha detto Donadoni - che ho avallato subito, insieme con la squadra. Cio' dimostra che rapporto professionale c'è, il clima di affetto e stima. Verdi ha risposto benissimo. E' stata una giornata importante e va dato merito a tutta la squadra". "Quello di oggi è stato un buon risultato che ci fa guardare alla prossima settimana con un po' più di serenità. Ma non era tutto da buttare prima - ha detto il mister riferendosi alla striscia di una sola vittoria in cinque partite - non tutto è stato risolto ora". Quanto alla fascia in futuro Donadoni non chiude a un passaggio definitivo: "Non mettiamo il carro davanti ai buoi. Comunque non sarà mai una decisione unilaterale. Ora l'importante per Simone è mettersi alle spalle questo periodo e non parlarne più: gli ho detto, chiudi il telefono".

20:16Calcio: Pecchia “sconfitta pesante”

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Fabio Pecchia arriva in sala stampa un'ora dopo la fine della gara. Lo 0-3 incassato ad opera del Crotone è duro da digerire per il tecnico del Verona. "Una sconfitta pesante, una brutta gara - ammette -. Molto è dipeso dalla rete iniziale, abbiamo perso gli equilibri anche se nella prima frazione ci ha detto male, il palo, l'occasione di Romulo. Nella ripresa ci siamo disuniti e abbiamo perso completamente la serenità. Dispiace perché nelle ultime prestazioni la squadra aveva tenuto discretamente il campo". Pecchia non si sbilancia sul suo destino di allenatore in terra veronese. "Il futuro? Sono un professionista, continuo a fare il mio lavoro e mi sento sempre in discussione - taglia corto - Io continuo a credere alla squadra e nel gruppo".

20:15Calcio: De Zerbi “brutta giornata Benevento, passi indietro”

(ANSA) - BOLOGNA, 21 GEN - "Una giornata brutta, abbiamo fatto dei passi indietro rispetto a prima della sosta". E' amaro il commento di Roberto De Zerbi alla netta sconfitta del Benevento a Bologna. Ma l'allenatore dei campani non si dà per vinto e rilancia perché "non è che dopo la Samp avessi detto che la situazione era semplice. La situazione è disperata. Ma finché possiamo vincere partite non vedo perché non dobbiamo sperare". Quanto al risultato, che non sembrerebbe lasciare spazio ad alibi, De Zerbi lo ritiene frutto di pochi episodi. Con esiti diversi. "Le palle inattive determinano spesso le partite - ha detto - Siamo partiti bene. Abbiamo avuto un'occasione vera poi loro hanno segnato su palla inattiva e noi invece sempre su palla inattiva non abbiamo trovato il pari. Altrimenti parleremmo di un'altra partita. L'uno e poi il due a zero su calcio piazzato l'hanno cambiata. Un palo no".

Archivio Ultima ora