Il malessere di Clinton, nuovo argomento di polemica

Pubblicato il 14 settembre 2016 da redazione

Un principio di polmonite costringe Hillary Clinton a lasciare la commemorazione per i 15 anni della tragedia delle Torri gemelle. Spunta l’ipotesi, poco credibile, di un suo ritiro dalla corsa alla Casa Bianca

Un principio di polmonite costringe Hillary Clinton a lasciare la commemorazione per i 15 anni della tragedia delle Torri gemelle. Spunta l’ipotesi, poco credibile, di un suo ritiro dalla corsa alla Casa Bianca

Flavia Romani

NEW YORK – Una campagna elettorale atipica fin dal suo inizio. Dopo una corsa alla “nomination” combattuta fino all’ultimo delegato, complice il malessere sofferto da Hillary Clinton durante la commemorazione dell’attentato dell’11 settembre, irrompe con prepotenza nella scena politica un nuovo argomento di discussione e polemica: la salute dei candidati. Ma non solo. Viene alla luce anche l’età dei candidati: 68 anni lei, 70 lui.

Non che nessuno ne fosse a conoscenza, ma fino a ieri non gli era stata attribuita grande importanza. D’altronde, Ronald Reagan aveva 69 anni quando entrò alla Casa Bianca per la prima volta. Appena uno in più di Clinton e uno in meno di Trump.

La salute dei candidati è sempre stata relegata all’ambito dei pettegolezzi e delle indiscrezioni. Fu John McCain, nel 2008, a dare importanza all’argomento. Eroe di guerra in Vietnam, aveva 71 anni quando si candidò alla presidenza degli Stati Uniti. Gli americani speculavano sui postumi della prigionia e delle torture subite.

E per dissipare ogni dubbio, McCain rese noto oltre 1200 pagine di referti medici. L’unico reso noto è quello del suo medico personale, una lettera assai vaga in cui si assicura la buona salute del candidato senza entrare nei dettagli.

Ma il piccolo imprevisto ha portato alla luce anche un altro dettaglio. La candidata dei democratici non ha informato di avere un principio di polmonite. Clinton non ha nascosto la sua malattia, come non ha nascosto tanti dettagli della sua vita. Semplicemente non li ha resi noti. E non è semplice problema di semantica.

Donald Trump, dopo quanto accaduto con l’avversaria politica, ha promesso di rendere noti gli ultimi risultati degli esami una volta ottenuti. Anche il candidato repubblicano ha i suoi angoli oscuri. Ad esempio, non ha ancora pubblicato l’ammontare del suo patrimonio personale.

Quali saranno le conseguenze sulla campagna elettorale di Clinton? Immediatamente dopo il suo malore, i sondaggi hanno rivelato una lieve flessione. E’ stata la reazione alla notizia che la candidata non aveva informato della sua malattia. Il vero giudizio, comunque, si avrà dopo il dibattito. Dipenderà dalla Clinton saper rassicurare gli americani. Se sarà aggressiva, brillante, chiara allora i sondaggi torneranno a salire. E’ già accaduto in passato.

Il giudizio dell’elettore americano è assai volubile. Nel 1984, l’allora presidente Reagan, in corsa per la rielezione, parve in difficoltà, annebbiato, insicuro al primo dibattito. Pare cominciassero a presentarsi i primi sintomi dell’Alzheimer. Ma nei seguenti dibattiti apparve frizzante ed energico, così come volevano gli elettori.
La malattia della candidata potrebbe renderla più “umana” agli occhi degli elettori.

D’altronde si tratta solo di una semplice polmonite, come la soffrrono o possono soffrrirla tanti americani. Stando agli esperti, la malattia potrebbe trasformare la candidata in un’“eroica” donna, pronta al sacrificio pur di essere presente a una delle commemorazione più importante per gli Stati Uniti.

E’ forse questa una delle ragioni per le quali pare sia stato consigliato a Trump di non insistere sull’argomento. Presentarsi come l’uomo forte di fronte alla donna debole potrebbe allontanare elettori e allienargli simpatie. Insomma, la polmonite umanizza.

Gli esperi si chiedono anche se sia possibile cambiare candidato quando sia già iniziata la corsa alla Casa Bianca. In teoria, sarebbe possibile. Ad abbandonare, comunque, dovrebbe essere il candidato per permettere al partito di scegliere il successore. A questo punto, si aprirebbero le porte per Bernie Sanders. E la corsa alla Casa Bianca si trasformerebbe in una sfida tra due modi diametralmente opposti di interpretare la realtà.

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora