L’Europa lancia il suo Piano Marshall per l’Africa

Pubblicato il 14 settembre 2016 da ansa

Migranti: Ue lancia il suo Piano Marshall per l'Africa

Migranti: Ue lancia il suo Piano Marshall per l’Africa

BRUXELLES. – Bruxelles vara il suo piano Marshall per l’Africa, una piattaforma che partendo da una base di 3,7 miliardi di euro e grazie a leve moltiplicatrici potrà arrivare a sprigionare un potenza di fuoco da 44 miliardi di euro di investimenti, anzi fino a 88 miliardi, se Stati membri e altre istituzioni contribuiranno.

“Una rivoluzione copernicana”, la chiama l’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini, grande regista dell’operazione. L’obiettivo del ‘piano Mogherini’ è creare una situazione “win win”, spiega il capo della diplomazia europea, con opportunità sia per le imprese dell’Unione che per i Paesi beneficiari.

La posta in gioco sono sviluppo, occupazione, stabilizzazione, o in altre parole, le principali cause delle migrazioni. Un’iniziativa che alla Commissione sperano di vedere già in funzione per marzo 2017, in occasione del vertice Ue-Africa, e che nel medio-lungo termine potrà dare frutti importanti perché, avverte Mogherini, “44 miliardi di euro sono più di quanto l’Ue” abbia mai investito “sull’aiuto allo Sviluppo a livello mondiale, di cui è primo donatore. Si tratta di un importo molto cospicuo, che può fare la differenza”.

Ma l’Alto rappresentante chiarisce anche: “Il Piano di investimenti ed i Migration compact sono due progetti separati, che agiscono insieme perché entrambi ci aiuteranno a gestire il fenomeno migratorio. Nel caso del Piano più nel lungo periodo; mentre con i ‘compact’ nell’immediato”.

Per l’ex ministro e ora europarlamentare Pd Cecile Kyenge si tratta comunque di un segnale “importante” per “agire sulle cause profonde dell’immigrazione dall’Africa verso l’Europa. E’ il pilastro decisivo da mettere in campo per affrontare la crisi”.

Intanto l’Ue stringe le maglie dei controlli alle sue frontiere esterne per ridurre immigrazione irregolare e lottare contro il terrorismo. Lo annuncia il presidente della Commissione Jean Claude Juncker nel suo discorso sullo stato dell’Unione: “Ogni volta che una persona entrerà in Ue sarà registrata, con luogo, data e motivo dello spostamento”.

Bruxelles ha infatti allo studio un Sistema di informazioni di viaggio e autorizzazione (Etias) che permetterà uno screening dei viaggiatori di Paesi Terzi che non hanno obbligo di visto, determinando la loro candidabilità ad entrare nell’area Schengen, e se la loro presenza ponga rischi.

Per novembre la Commissione conta di presentare la proposta di legge. Per metà ottobre è inoltre previsto l’avvio delle attività della nuova agenzia europea dei guardacoste e guardie di frontiera, dopo l’ok definitivo giunto oggi del Consiglio Ue.

(di Patrizia Antonini/ANSA)

Ultima ora

22:13Inchiesta Girgenti acque, 73 indagati per vari reati

(ANSA) - AGRIGENTO, 17 GEN - Sono stati notificati, dalla Procura di Agrigento, 73 avvisi di proroga delle indagini nell'ambito di un'inchiesta che ipotizza un'associazione a delinquere legata anche ad assunzioni a "Girgenti Acque", società che gestisce il servizio idrico e fognario in molti Comuni dell'Agrigentino. Agli indagati vengono contestati l' associazione per delinquere, truffa, corruzione, riciclaggio e inquinamento ambientale. Fra gli indagati anche il prefetto di Agrigento Nicola Diomede e Angelo Alfano, padre del ministro degli Esteri Angelino.

22:10Germania: Schulz,ampio sostegno da Spd Baviera su coalizione

(ANSA) - BERLINO, 17 GEN - La missione bavarese di Martin Schulz, in vista del voto di domenica sulla Grosse Koalition, restituisce il sorriso al leader dei socialdemocratici, che oggi ha trovato nella sezione locale del partito "ampio sostegno", come ha detto comparendo alla fine davanti alla stampa. Se da un lato Angela Merkel ha auspicato che l'Spd decida di procedere alle consultazioni, la cancelliera ha anche chiarito che i risultati dei colloqui esplorativi, "nei suoi punti cruciali, non potrà essere sottoposto a nuove trattative". Un principio che Schulz sembra accettare, ma l'ex presidente del Parlamento Ue ha anche affermato che le consultazioni saranno il momento in cui quei risultati "potranno essere approfonditi e precisati". Nei giorni scorsi lo scontro sulla possibile nuova Grosse Koalition nella partito si è inasprito, con l'offensiva lanciata dai giovani dello Juso e diversi direttivi regionali che hanno votato contro, come quello di Berlino.

22:07Nigeria: doppio attentato kamikaze con 12 morti

(ANSA) - MAIDUGURI (NIGERIA), 17 GEN - In un doppio attentato kamikaze compiuto in un mercato in Nigeria 12 persone sono morte e 48 altre sono rimaste ferite. L'attentato è avvenuto a Maiduguri, capitale dello Stato federale del Borno dove è attivo il gruppo terrorista islamico Boko Haram. Una prima persona si è fatta esplodere all'interno del mercato mentre una seconda è rimasta fuori, uccidendo solo se stesso, ha riferito un commerciante. L'attentatore che si è fatto esplodere nel mercato era un donna, mentre il secondo era un uomo, ha precisato il capo delle operazioni di soccorso dell'Agenzia di Stato di gestione delle emergenze, Bello Dambatta. I Boko Haram sono un'organizzazione terroristica jihadista sunnita diffusa nel nord della Nigeria e alleatasi nel 2015 con l'Isis. Dal 2009 ha ucciso circa 20 mila persone in Nigeria e Paesi confinanti innescando una crisi umanitaria da 2,3 milioni di sfollati e profughi.

22:06Polonia: migliaia contro stretta aborto

(ANSA) - VARSAVIA, 17 GEN - Migliaia di donne polacche sono scese in piazza a Varsavia e in altre 60 città polacche contro un nuovo tentativo di introdurre ulteriori restrizioni sull'aborto, già fortemente limitato dalle leggi polacche. Le marce sono state promosse in risposta a una decisione del parlamento, che la scorsa settimana ha accolto una nuova proposta di legge che vieta alle donne di abortire in caso di malattia del feto scoperta con le analisi prenatali. La misura è sostenuta fortemente dall'episcopato cattolico.

22:00India: petroliera in fiamme al largo del Gujarat

(ANSA) - NEW DELHI, 17 GEN - Un incendio è scoppiato oggi pomeriggio a bordo della petroliera indiana MT Genessa che era all'ancora a 15 miglia nautiche al largo del porto di Deendayal nel distretto di Kutch dello Stato nord-occidentale di Gujarat. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti, precisando che non si segnalano vittime. Un portavoce della Guardia costiera ha DETto che tutti i 26 membri dell'equipaggio sono stati tratti in salvo, che due hanno ustioni importanti, e che nei serbatoi della nave vi sono 30.000 tonnellate di gasolio. La stessa fonte ha detto che le fiamme si sono sprigionate nella zona delle cabine dell'equipaggio e che sul posto sono in corso le operazioni di spegnimento dell'incendio, con l'ausilio di unità navali e di un aereo. Sono inoltre intervenute unità specializzate nella lotta all'inquinamento che per una eventuale fuoriuscita di carburante.

21:38Maltempo: cade da tetto scoperchiato da vento e muore

(ANSA) - CROTONE, 17 GEN - Un uomo è morto cadendo dal tetto di un edificio sul quale era salito per verificare i danni provocati dal vento che aveva scoperchiato l'abitazione del fratello. Giuseppe Talarico insieme al fratello, è salito per verificare i danni e per cause da accertare è caduto nel vuoto. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime ed è stato deciso di trasferirlo nell'ospedale di Catanzaro, ma è morto poco prima dell'arrivo. Il fratello è rimasto ferito in maniera non grave. A Crotone un altro uomo è rimasto ferito dopo che un albero abbattuto dal vento lo ha colpito. Soccorso dai vigili del fuoco è stato portato in ospedale. Le sue condizioni non sono gravi. Il forte vento, assimilabile a trombe d'aria, che si è abbattuto oggi sulla fascia ionica calabrese ha provocato danni in varie località, con alberi e cartelloni pubblicitari caduti e tegole divelte. Danni si registrano anche sulla rete elettrica in alcune zone delle province di Crotone, Catanzaro e Cosenza. (ANSA).

21:08Alberi caduti e tetti pericolanti per vento nel Bolognese

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - Un cedro alto 20 metri sradicato e finito su un autocarro a San Lazzaro di Savena, mentre a Pianoro un albero è caduto nel giardino della scuola elementare. Sono alcuni dei danni causati dal forte vento che nel pomeriggio ha colpito molte zone del Bolognese. I Vigili del fuoco hanno fatto un centinaio di interventi, anche per finestre e tetti pericolanti e per pali elettrici piegati dalle raffiche. In città sono state colpite soprattutto le zone Arcoveggio e Andrea Costa, ma ci sono stati interventi anche in centro storico. Non sono stati segnalati feriti, ma diversi danni. L'albero che si è spezzato nel cortile della scuola a Pianoro è stato rapidamente messo in sicurezza. Il cedro caduto a San Lazzaro, in via Pasubio, ha danneggiato la recinzione del condominio dove era piantato, e l'autocarro di un artigiano che era in zona per fare lavori. Alcuni residenti e l'amministratore del condominio avevano già segnalato le condizioni dell'albero e di altri due cedri vicini.

Archivio Ultima ora