Inter: De Boer punta in alto, a S.Siro vinciamole tutte

Pubblicato il 14 settembre 2016 da ansa

Inter's coach Frank De Boer talks with his player Senna Miangue during the Italian Serie A soccer match FC Inter vs US Palermo at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 28 August 2016. ANSA/MATTEO BAZZI

Inter’s coach Frank De Boer talks with his player Senna Miangue during the Italian Serie A soccer match FC Inter vs US Palermo at Giuseppe Meazza stadium in Milan, Italy, 28 August 2016.
ANSA/MATTEO BAZZI

MILANO. – Vincere le tre partite casalinghe per andare avanti in Europa League, iniziando da domani contro l’Hapoel Be’er Sheva, senza pensare alla partita di domenica contro la Juventus. E’ il messaggio dell’allenatore dell’Inter Frank De Boer, dopo il successo di Pescara.

L’olandese vuole fare di San Siro un fortino e cancellare il ricordo dei fischi dei tifosi nerazzurri dopo la sconfitta in campionato contro il Palermo. “Se sei l’Inter – dice, nella conferenza della vigilia – vuoi vincere sempre. Sarà importante trovare continuità, dopo il successo di Pescara, domani è il nostro primo passo in Europa League. Vogliamo vincere tutte e tre le sfide europee in casa”.

L’obiettivo del club è tornare in Champions, o centrando il terzo posto in classifica, o aggiudicandosi l’Europa League. Anche Mauro Icardi, seduto al fianco del tecnico, in conferenza, non nasconde il sogno di alzare la coppa da capitano.

Per questo De Boer cerca di focalizzare l’attenzione sull’esordio di domani, evitando le domande sul big-match di domenica: “Si parla già della sfida con la Juve, ma chi è qui sa che la cosa più importante è la prossima partita. Ottenere tre punti, e nella prima partita, sarebbe importante: vogliamo dimostrarlo ai tifosi”.

De Boer dice di non sottovalutare gli israeliani del Be’er Sheva, capaci di sfiorare la qualificazione in Champions League battendo l’Olympiacos e arrendendosi solo all’ultimo minuto col Celtic. Ma in realtà il pensiero corre già alla Juve e lo dimostra l’ampio turnover scelto dal tecnico olandese.

Senza Kondogbia, Joao Mario, Jovetic e Gabigol – non inseriti nella lista Uefa -, con Perisic non al meglio per un affaticamento muscolare (si è allenato a parte), De Boer concederà una chance a chi finora ha avuto meno spazio. A centrocampo si rivedranno Brozovic e Felipe Melo, in attacco Eder dovrebbe scendere in campo dal 1′ come Palacio e Biabiany.

Solo ipotesi perché l’allenatore preferisce non dare indizi sulla formazione: “Non parlo mai prima della partita di quali giocatori saranno titolari. Tutta la squadra deve fare di più rispetto a Pescara. Bisogna reggere meglio la partita perché abbiamo lasciato campo aperto agli avversari e non va bene”.

Progressi necessari senza però sentire la pressione di una settimana fa. La prima vittoria stagionale ha zittito le critiche e concesso maggiore tranquillità a tutto l’ambiente. “C’è un’atmosfera diversa – conferma anche lo stesso De Boer – volevamo i tre punti anche perché a livello mentale migliora tutto. Dobbiamo continuare così, lottando e lavorando duro”.

Ultima ora

14:23Bersani,se replica Pd arrogante punto non ritorno

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Speranza ha preso una iniziativa importante e ha fatto una proposta seria. C'è da augurarsi che le risposte siano serie e non arroganti e propagandistiche. Sarebbe un punto di non ritorno". Lo scrive su Facebook Pier Luigi Bersani, rilanciando l'intervista in cui il coordinatore di Mdp Roberto Speranza chiede al Pd un tavolo per discutere di alleanze future.

14:23Pd: Rosato, ok a incontro con Mdp ma votino l.elettorale

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - "Se c'è la volontà di collaborare, e noi l'abbiamo tutta, le condizioni da mettere devono riguardare il futuro. Intanto approviamo insieme questa legge elettorale, che è un buon modello che ci consentirà di fare la coalizione". Lo dice il capogruppo del Pd Ettore Rosato al gr Rai rispondendo alla richiesta di un incontro con Renzi avanzata del leader Mdp Speranza.

14:10Terremoto: Arca a Norcia “dove progettare il futuro”

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 22 OTT - Firmato il protocollo di intesa per la realizzazione del concorso internazionale di progettazione per la realizzazione dell'Arca di Norcia. Stamani, al centro polivalente Boeri, l'associazione "I love Norcia", l'Ordine nazionale degli architetti, la Regione Umbria e il Comune di Norcia hanno siglato l'accordo che porterà alla realizzazione di uno spazio dedicato alla città, "dove progettare il futuro, far vivere il presente e tenere viva la memoria", ha detto Vincenzo Bianconi, presidente dell'associazione, nata all'indomani della grande scossa del 30 ottobre scorso. "I love Norcia è un qualcosa che ha radici in città e occhi che guardano al mondo, è un sogno che oggi ha un suo punto di atterraggio con la firma che apponiamo e soprattutto dobbiamo aspirare ad essere un modello per il mondo, in particolare per il nostro saper convivere con i terremoti", ha aggiunto Bianconi. "L'Arca sarà la casa di tutti i nursini, sarà un luogo sicuro e un grande laboratorio di idee che guardano all'innovazione", ha evidenziato il presidente. Il concorso per la progettazione è promosso dall'Ordine nazionale degli architetti, il cui presidente, Giuseppe Capocchin, ha spiegato che si svolgerà in maniera diversa da tutti gli altri: "Le cinque idee migliori avranno l'incarico di realizzare i cinque progetti con un contributo di 20 mila euro ciascuno, il miglior progetto realizzerà l'Arca". Alla firma dell'accordo erano presenti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini e il sindaco Nicola Alemanno. A raccordare gli interventi, Davide Rampello, docente al Politecnico di Torino. Nel corso del convegno si sono susseguite le testimonianze dei consiglieri di "I love Norcia" e della dirigente scolastica dell'istituto onnicomprensivo De Gasperi-Battaglia, Rosella Tonti. (ANSA).

14:06Referendum: alle 12 in Lombardia affluenza al 6,25%

(ANSA) - MILANO, 22 OTT - In Lombardia per il referendum sull'autonomia alle 12 hanno votato 492.061 elettori, il 6,25% del totale. L'affluenza più bassa è stata registrata nella città metropolitana di Milano, con 85.808 votanti, pari al 3,49%; la più alta, con il 9,58% e 26.116 votanti, a Lecco.

14:03Referendum: Veneto, alle 12 affluenza al 21,1%

(ANSA) - VENEZIA, 22 OTT - E' stata del 21,1% l'affluenza dei votanti alle ore 12 per il referendum consultivo sull'autonomia del Veneto. Il dato è dell'osservatorio elettorale regionale. La provincia con maggior affluenza percentuale è stata Vicenza con 25,2. Chiude, tra le sette province venete, sul piano percentuale Rovigo con il 16%. Le urne si chiuderanno alle 23 e il referendum veneto prevede per essere valido un quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto.

14:00Giappone: exit poll, vince coalizione governo

(ANSA) - TOKYO, 22 OTT - La coalizione di governo in Giappone, guidata dai liberal democratici del premier Shinzo Abe assieme alla forza di centro destra New Komeito, si conferma la prima forza politica alle elezioni legislative indette per il rinnovo della Camera bassa. In base ai primi exit poll - pochi minuti dopo la chiusura delle urne - l'attuale formazione dell'esecutivo ha conquistato 280 seggi sui 465 in lizza.

13:57Catalogna: convocazione urne ‘non è sul tavolo’ Generalitat

(ANSA) - ROMA, 22 OTT - La convocazione di elezioni in Catalogna da parte del presidente della Generalitat "non é sul tavolo": lo ha detto il portavoce del governo di Barcellona, Jordi Turull, nel corso di un'intervista a RAC1, secondo quanto riporta il quotidiano La Vanguardia. Come é noto, il governo di Madrid ha proposto ieri il commissariamento della Generalitat, con dure misure per bloccare la corsa verso l'indipendenza della regione ribelle, e la convocazione di nuove elezioni al massimo entro sei mesi. Le misure annunciate ieri dal governo, ha commentato Turull, dimostrano che "c'é uno Stato che non vuole la Catalogna". E poi: "Ciò che é la Catalogna lo deciderà il Parlament eletto in modo legittimo dai cittadini".

Archivio Ultima ora