Uber sfida Google car, debutta la flotta di auto senza pilota

Uber sfida Google car, debutta la flotta di auto senza pilota
Uber sfida Google car, debutta la flotta di auto senza pilota
Uber sfida Google car, debutta la flotta di auto senza pilota

NEW YORK. – Negli Stati Uniti è partita l’ennesima sfida a Google Car: questa volta a lanciarla è Uber, con il debutto ufficiale a Pittsburgh, in Pennsylvania, della sua auto senza pilota. La start up di San Francisco ha messo a disposizione della stampa una ventina di Ford Fusion fornite di laser, videocamere e sensori per testare il servizio, e a girare per la città saranno anche alcuni suv della Volvo.

La sperimentazione per il momento riguarderà fino a mille clienti Uber, ma la società ha assicurato che entro la fine dell’anno ci saranno decine di vetture senza pilota. In questa fase sperimentale, tuttavia, un ingegnere della società rimarrà al volante per intervenire in caso di necessità o di errore del sistema.

“Credo davvero che la cosa più importante che i computer faranno nei prossimi dieci anni sarà guidare le automobili”, ha affermato Anthony Levandowski, leader del progetto sulle vetture senza pilota di Uber. Per la società, che di recente ha acquistato la start up Otto, specializzata in robotica e automatismi tecnologici, tali veicoli sono una scommessa a lungo termine su quello che ritiene essere il futuro del trasporto urbano, grazie alla possibilità di tagliare i costi eliminando la necessità degli autisti.

Dopo aver raccolto oltre 15 miliardi dai suoi investitori, Uber è diventata una delle aziende private più finanziate della Silicon Valley, e ha investito molto in ricerca. Raffi Krikorian, direttore del Centro di tecnologie avanzate della società, ha spiegato al Financial Times che Pittsburgh ha le “condizioni ideali” per testare le nuove auto, essendo una vecchia città con strade strette e condizioni meteorologiche estreme.

“Se riusciamo a destreggiarci nella guida qui – ha precisato – pensiamo di avere buone possibilità di poterlo fare nella maggior parte delle altre città del mondo”. E mentre Uber ha lanciato ufficialmente la sua sfida non solo a Google, ma anche a anche giganti del settore automotive come Ford, Fiat Chrysler, General Motors, Bmw e Tesla Motors, la sperimentazione della Apple Car sembra essere giunta al capolinea.

Quello di Cupertino era un progetto ambizioso, ma il sogno di Tim Cook di superare la rivale Mountain View sul terreno delle auto senza guidatore sembra tramontare: il New York Times ha rivelato infatti che Apple ha già tagliato il segretissimo ‘Project Titan’, mandando a casa decine di esperti e dipendenti che vi avevano lavorato negli ultimi anni.

(di Valeria Robecco/ANSA)