Verso il referendum il 27 novembre, possibile rinvio della Consulta

Pubblicato il 15 settembre 2016 da ansa

Il presidente della Repubblica Enrico De Nicola firma la costituzione italiana alla presenza di Alcide De Gasperi

Il presidente della Repubblica Enrico De Nicola firma la costituzione italiana alla presenza di Alcide De Gasperi

ROMA. – Matteo Renzi avrebbe deciso: il referendum istituzionale sarà quasi certamente il 27 novembre. Frenando il pressing di alcuni dei suoi, che spingevano per votare il prima possibile, e ascoltando la moral suasion di vari interlocutori istituzionali, Colle incluso, per mettere prima in sicurezza la legge di bilancio in almeno una delle due Camere, il premier, nel consiglio dei ministri del 26 settembre, fisserà la data attesa dai due fronti per dare il via alla battaglia sulla Costituzione.

Indicando nel 26 settembre la riunione del consiglio dei ministri, il premier ha di fatto ristretto la forbice dei giorni, con l’obiettivo di stoppare il tormentone su quando si voterà. Secondo la legge, infatti, il decreto che indice il referendum indica un tempo tra i 50 e 70 giorni per fissare le urne. Le domeniche possibili, calendario alla mano, sono il 20, il 27 novembre ed il 4 dicembre. Ma, secondo quanto riferiscono più fonti parlamentari, si è già deciso per il 27:

“Alla Camera un mese di tempo basta per esaminare ed approvare la legge di bilancio, se volessimo approvarla anche in commissione al Senato, il referendum andrebbe troppo a ridosso del Natale, quindi il 20 novembre possiamo chiudere la manovra a Montecitorio e concedere anche una settimana alla campagna referendaria”.

La data del referendum, però, non è solo un rovello per addetti ai lavori. Perchè incrocia un altro verdetto molto atteso dalla politica: il pronunciamento della Corte Costituzionale sui ricorsi contro l’Italicum. La data dell’udienza è fissata il 4 dicembre e, a quanto si apprende, dovrebbe essere confermata.

Il governo si guarda bene dal lasciar trapelare qualsiasi desiderata che potrebbe apparire come un’ingerenza nelle scelte dei giudici. Ma fonti di maggioranza osservano la sensatezza delle tesi del ‘partito del rinvio’ della decisione a dopo il referendum.

“L’Italicum è un sistema pensato con una sola Camera legiferante, quindi i ricorsi sarebbero ammissibili e valutabili dopo il referendum che ridisegna il bicameralismo e quindi rende applicabile la legge elettorale”, spiega un dirigente dem.

Al di là di valutazioni di opportunità politica, cioè non impattare su una campagna referendaria che divide i partiti, dunque, sostengono le stesse fonti, i giudici della Consulta potrebbero ritenere opportuno prendere una decisione alla luce dell’esito del referendum quando il quadro normativo sarà chiaro. Un timing di questo tipo consentirebbe al governo di consultare senza fretta le forze politiche per concordare modifiche all’Italicum.

“Tanto la minoranza dem ha già deciso che voterà no, iniziative strumentali, come la mozione di Sel, non aiutano a fare reali passi avanti”, spiegano ai vertici del Pd che guardano con un certo fastidio al voto parlamentare della prossima settimana.

Ultima ora

13:54Terremoto: scossa a largo Ancona magnitudo 2.6

(ANSA) - ANCONA, 25 SET - E' stata di magnitudo 2.6 la scossa di terremoto avvenuta in mare, al largo di Ancona alle ore 12:59, e distintamente avvertita dalla popolazione. Lo rende noto l'Ingv. Il sisma, avvenuto a una profondità di 10 km, è stato preceduto da un boato. Al momento non sono segnalati danni, solo molta paura per la popolazione.

13:52Russia: fermata coppia cannibali

(ANSA) - MOSCA, 25 SET - Un uomo e una donna sono stati arrestati dalla polizia nella regione di Krasnodar, in Russia, con il sospetto di aver rapito, ucciso e divorato fino a 30 persone. Lo riportano i media russi. Al momento le forze dell'ordine sono riusciti a identificare 'solo' sette vittime. La coppia - stando a Mir24 - ha ammesso che le parti umane rinvenute nel frigorifero del loro appartamento erano destinate a un "consumo successivo". La coppia potrebbe aver cominciato nel 1999.

13:45Escort uccisa in albergo, condanna a 30 anni

(ANSA) - BOLOGNA, 25 SET - Condanna a trent'anni, come chiesto dal Pm Antonello Gustapane. E' la sentenza di condanna pronunciata a Bologna dal Gup Francesca Zavaglia a carico di Claudio Villani, 56enne ferrarese processato in abbreviato per l'omicidio di Barbara Fontana, escort uccisa con 38 colpi di cacciavite e tre di coltello in una camera d'albergo di San Pietro in Casale, nel Bolognese, nella notte tra il 4 e il 5 agosto 2016. Il giudice ha anche disposto l'interdizione dai pubblici uffici e tre anni di libertà vigilata a pena espiata. La perizia psichiatrica conferita nella scorsa udienza ha dichiarato l'imputato pienamente in grado di intendere e di volere. Provvisionali da 30mila euro ciascuno sono state stabilite per le parti civili, il padre, la madre e il marito di Fontana, difesi dagli avvocati Assunta Acri e Valerio Borghesani e di cinquemila euro per l'Unione donne italiane, rappresentata dall'avvocato Rossella Mariuz. La Procura esprime "soddisfazione" per l'esito del giudizio. (ANSA).

13:43Iraq: Erdogan, esercito turco pronto a passi necessari

(ANSA) - ISTANBUL, 25 SET - L'esercito turco è schierato al confine con il nord Iraq, pronto a intraprendere i "passi necessari" a seguito del referendum consultivo sull'indipendenza del Kurdistan iracheno. Lo ha detto il presidente Recep Tayyip Erdogan. Da una settimana, sono in corso esercitazioni militari alla frontiera delle forze armate di Ankara. "Potremmo entrare (in Iraq) improvvisamente di notte - ha minacciato Erdogan -. Come abbiamo liberato Jarablus, al-Rai e al-Bab da Daesh (l'Isis) in Siria, se ce ne sarà bisogno non ci tireremo indietro dal compiere passi simili in Iraq". Il leader di Ankara ha anche ipotizzato un embargo al commercio petrolifero del Kurdistan iracheno. "Vedremo a chi lo venderanno, la Turchia controlla la valvola", ha detto, riferendosi all'oleodotto che collega Kirkuk al terminale turco di Ceyhan, sul Mediterraneo.

13:43Fassina, problema Germania non sono migranti ma “mini jobs”

(ANSA) - ROMA, 25 SET - "Le elezioni tedesche smascherano la favola della "Germania Felix". La sofferenza economica e sociale è ampia anche nel Paese leader della UE, sebbene meno che nella periferia dell'Unione. Non è l'immigrazione la variabile che spiega il risultato di AfD. La AfD accresce i suoi consensi in misura maggiore nei lander orientali dove l'immigrazione è più bassa. È la precarietà e la povertà del lavoro, nascosta dalle statistiche della disoccupazione, la spiegazione principale: è la svalutazione del lavoro, praticata intensamente dalla Germania a partire dalle "riforme Hartz" di Schroeder, e imposta a tutto il continente attraverso la moneta unica". Così in una nota Stefano Fassina, deputato di SI. "Larghe fasce di popolo vengono attratte in modo preoccupante dalle sirene di Afd perché la Spd è stata ed è corresponsabile della rotta liberista dei Trattati UE e dell'euro che fa gli interessi delle imprese esportatrici e delle relative aristocrazie operaie, ma lascia ai mini-Jobs milioni di persone".

13:41Milan: confronto Montella-dirigenza dopo ko con Samp

(ANSA) - MILANO, 25 SET - All'indomani del flop in trasferta con la Sampdoria, questa mattina è andato in scena un confronto fra la dirigenza del Milan e Vincenzo Montella. L'ad Marco Fassone e il ds Massimiliano Mirabelli prima dell'allenamento hanno incontrato a Milanello l'allenatore rossonero, come era già accaduto due settimane fa dopo la disfatta in casa della Lazio. "Queste sconfitte non devono essere considerate come routine: il Milan non deve perdere contro avversarie ritenute più deboli di noi", ha chiarito ieri Fassone, spiegando che "non ci sono alibi" e che "l'atteggiamento deve essere cambiato rapidamente". Per il cammino verso la qualificazione in Champions nonché per le sorti di Montella, rischiano di essere decisivi i prossimi due impegni di campionato, contro Roma e Inter. Intanto la squadra tornerà in campo giovedì sera per la seconda partita del girone di Europa League, con il Rijeka.

13:40Bomba sotto auto nel vibonese, ferito gravemente conducente

(ANSA) - SORIANELLO (VIBO VALENTIA), 25 SET - Una bomba collocata sotto un'automobile è esplosa stamani dopo le 11 in via Nazionale a Savini, nel comune di Sorianello, ferendo gravemente l'uomo che era a bordo, Nicola Ciconte, di 28 anni, già noto alle forze dell'ordine per reati legati alla droga. L'auto era parcheggiata davanti l'abitazione della vittima, all'interno di una proprietà privata. Ciconte, che comunque non sarebbe in pericolo di vita, ha riportato gravi ferite tra le quali una lacerazione al polpaccio destro. Soccorso è stato trasferito in elisoccorso all'ospedale di Catanzaro nel tentativo di salvargli la gamba. Sul posto i carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno e della Stazione di Soriano che hanno avviato le indagini. Ancora da accertare il sistema utilizzato per innescare l'esplosivo. Allo stato l'unica cosa che viene esclusa è che l'ordigno fosse collegato al sistema di accensione della vettura. (ANSA).

Archivio Ultima ora