Unione Europea: è l’ora del coraggio delle scelte

Pubblicato il 15 settembre 2016 da ansa

Unione Europea:  è l'ora del coraggio delle scelte

Unione Europea: è l’ora del coraggio delle scelte

SOFIA. – E’ l’ora del coraggio delle scelte, di archiviare lo shock della Brexit con una “nuova intesa” che rilanci crescita e occupazione, abbatta la burocrazia comunitaria, rilanciando il sogno europeo attraverso l’allargamento ai Balcani occidentali. Dieci presidenti europei lanciano l’estremo appello ai 27 premier che si incontreranno a Bratislava con l’ambizioso compito di riportare l’Unione europea in carreggiata.

E che sembrano già sconfitti, pronti a definire un successo un’agenda minima che tenga in vita ancora un po’ un’Europa in piena “crisi esistenziale”, per citare le parole del presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Una richiesta forte di dieci capi di Stato non esecutivi ma che forse rappresentano meglio il “feeling” dei cittadini, più liberi di credere ancora nell’integrazione di quanto possano o vogliano capi di Governo impaludati in preoccupazioni di politica interna (in vista degli appuntamenti elettorali in Olanda, Francia, Germania).

Il richiamo viene univoco dalla Bulgaria dove si sono conclusi i lavori del vertice “United for Europe”, un format ormai più che decennale che ha riunito presidenti di Paesi non omogenei, da quello tedesco al portoghese, dall’ungherese allo sloveno.

Per l’Italia Sergio Mattarella, europeista instancabile che questa volta a Sofia ha riscontrato con soddisfazione quanto – in conversazioni libere e senza documenti – le conclusioni siano in realtà vicine sui pilastri fondamentali dell’Unione.

“Dopo la Brexit l’Unione Europea è oggi impegnata in una riflessione su se stessa, sui ritardi e gli errori compiuti. Diversi sono – ha spiegato il presidente della Repubblica tracciando un bilancio dei lavori – i fronti aperti che richiedono una maggiore politica comune”, a partire dall’economia per creare occupazione fino all’indispensabile “allargamento”, strumento ancora più necessario dopo l’uscita della Gran Bretagna.

Pienamente d’accordo si è detto il presidente tedesco Joachim Gauck: a Bratislava si deve fare “un punto decisivo” sul futuro dell’integrazione europea dopo la Brexit. Ora “serve una nuova intesa sul ruolo, sulle istituzioni europee e sul concetto di sussidiarietà. Il Vertice di Bratislava apra una nuova prospettiva anche su crescita e occupazione”.

Ma la sintonia dei presidente è ancora più forte su un tema caldo come quello dell’allargamento: dieci su dieci concordano sulla necessità strategica di dare un segnale di movimento con un nuovo allargamento, richiamando l’urgenza di non lasciare fuori dalla porta Paesi balcanici come la Serbia, il Montenegro e l’Albania.

Da troppo tempo il silenzio tombale di Bruxelles è calato su queste capitali che pure stanno lavorando per i necessari adeguamenti agli standard europei. “E’ un enorme errore ignorare quei Paesi: ci troviamo a un crocevia e l’unica strada è quella di avere più Europa”, ha sintetizzato il presidente sloveno Borut Pahor.

“Che aspettiamo? Abbiamo già aspettato troppo; l’attendismo è stato il problema dell’Europa. Diano già un segnale a Bratislava”, ha rinforzato il neo presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa.

(Dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

00:53Cnn turca, arrestato killer di Capodanno a Istanbul

(ANSAmed) - ROMA, 16 GEN - Il killer del nightclub 'Reina' a Istanbul, l'uzbeko Abdulkadir Masharipov, è stato arrestato stasera con il figlio di 4 anni nel quartiere di Esenyurt a Istanbul. Lo riferisce la Cnn Turk. Altre 3 persone sono state arrestate stasera dall'antiterrorismo turca. I 3 sospetti sono stati trovati nella stessa abitazione dell'attentatore nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul, durante il blitz che ha portato al suo arresto. Abdulkadir Masharipov si sarebbe nascosto 3 giorni fa nell'abitazione in cui è stato arrestato. Lo riferisce Ntv, secondo cui si tratterebbe di un covo dell'Isis e le 3 persone trovate insieme a lui sarebbero anche loro militanti jihadisti. La polizia turca ha rilasciato una foto in cui si vede il volto del principale sospettato per la strage del Reina con ecchimosi e ferite e macchie di sangue sulla maglietta.

00:36Maradona ‘dopo 30 anni chiedo scusa a mio figlio Diego’

(ANSA) - NAPOLI 16 GENNAIO - 'Chiedo scusa dopo 30 anni a mio figlio Diego. Non ti lascerò mai più''. Così Diego Maradona ha concluso a sorpresa lo spettacolo 'Tre volte dieci', rivolgendosi al figlio avuto dalla napoletana Cristiana Sinagra che sedeva nella platea del San Carlo. Il ragazzo si è alzato ed ha salutato inchinandosi verso il pubblico che applaudiva. Prima, accanto a Alessandro Siani, autore dello show, Maradona aveva detto: 'Auguro che il Napoli vinca tutto quello che deve vincere. So che la gente di Napoli ha bisogno'. Ora devo andare a Dubai, ho tre anni di contratto. Ma ci sono giocatori del Napoli che vogliono che la gente sia felice, quindi sono tranquillo. E il presidente vuole vincere''.

00:11Calcio: Torino-Milan 2-2

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Torino-Milan 2-2 (2-0) nell'ultimo posticipo della 20/a giornata della Serie A. A segno per i granata Belotti (21' pt) e Benassi (26' pt). Per i rossoneri in gol Bertolacci all'11' st (rete convalidata da Tagliavento grazie all'ausilio della gol-line technology) e Bacca su rigore al 15' st. Nel primo tempo Ljajic fallisce un calcio di rigore.

23:44Juve:Agnelli, disappunto per ko, ma obiettivo leggenda

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - "Il risultato di ieri è un motivo di disappunto, ma dobbiamo restare concentrati sull'obiettivo finale: questa stagione ci può e deve portare nella leggenda". Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, questa sera al Museo delle Scienze e della Tecnologia di Milano dove presenta il nuovo logo del club.

23:26Investiti da treno nel Fiorentino, 1 morto e un ferito

(ANSA) - MONTELUPO (FIRENZE), 16 GEN - Una persona è morta, un'altra è rimasta ferita, sembra in modo non grave, in un incidente avvenuto, poco dopo le 21, alla stazione ferroviaria di Montelupo (Firenze). Secondo le prime informazioni le due persone sarebbero state investite dal treno regionale Pisa-Firenze. Ancora da chiarire la dinamica di quanto successo. Sul posto, oltre al 118, la polfer e i carabinieri. La linea ferroviaria è interrotta in entrambe le direzioni. (ANSA).

23:21Maltempo: Firenze, domani chiusi parchi, giardini e cimiteri

(ANSA) - FIRENZE, 16 GEN - Chiusi domani a Firenze parchi, giardini e cimiteri comunali. Lo ha deciso l'unità di crisi, presieduta dalla vicesindaca Giachi, che si è insediata alle 19 al centro operativo della Protezione civile all'Olmatello, a Firenze. In un nuovo alert system lanciato dalla protezione civile del Comune dopo che le nuove previsioni meteo hanno confermato, per domani, codice arancione per il vento forte, si invitano poi i cittadini a prestare la massima attenzione ed evitare, domani, spostamenti e attività all'aperto in particolare dalle 7 alle 13. Il centro coordinerà l'attività delle strutture operative per fronteggiare eventuali criticità. Al momento, però, non si registrano emergenze. (ANSA).

23:15Trasporti: riattivato traffico in Stazione Centrale a Milano

(ANSA) - MILANO, 16 GEN - E' stato pienamente riattivato alle 19.45 il traffico ferroviario nella stazione Milano Centrale, dopo che un guasto alla linea elettrica di alimentazione dei treni ha fortemente rallentato la circolazione ferroviaria dalle 17.05. Secondo quanto comunica RFI, i treni a lunga percorrenza e i regionali hanno registrato ritardi medi di circa un'ora, con un picco massimo di tre ore per due treni, oltre a limitazioni di percorso, deviazioni e cancellazioni. Sono in corso di accertamento le cause del guasto che ha interessato i binari dall'1 al 12. (ANSA).

Archivio Ultima ora