Unione Europea: è l’ora del coraggio delle scelte

Pubblicato il 15 settembre 2016 da ansa

Unione Europea:  è l'ora del coraggio delle scelte

Unione Europea: è l’ora del coraggio delle scelte

SOFIA. – E’ l’ora del coraggio delle scelte, di archiviare lo shock della Brexit con una “nuova intesa” che rilanci crescita e occupazione, abbatta la burocrazia comunitaria, rilanciando il sogno europeo attraverso l’allargamento ai Balcani occidentali. Dieci presidenti europei lanciano l’estremo appello ai 27 premier che si incontreranno a Bratislava con l’ambizioso compito di riportare l’Unione europea in carreggiata.

E che sembrano già sconfitti, pronti a definire un successo un’agenda minima che tenga in vita ancora un po’ un’Europa in piena “crisi esistenziale”, per citare le parole del presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Una richiesta forte di dieci capi di Stato non esecutivi ma che forse rappresentano meglio il “feeling” dei cittadini, più liberi di credere ancora nell’integrazione di quanto possano o vogliano capi di Governo impaludati in preoccupazioni di politica interna (in vista degli appuntamenti elettorali in Olanda, Francia, Germania).

Il richiamo viene univoco dalla Bulgaria dove si sono conclusi i lavori del vertice “United for Europe”, un format ormai più che decennale che ha riunito presidenti di Paesi non omogenei, da quello tedesco al portoghese, dall’ungherese allo sloveno.

Per l’Italia Sergio Mattarella, europeista instancabile che questa volta a Sofia ha riscontrato con soddisfazione quanto – in conversazioni libere e senza documenti – le conclusioni siano in realtà vicine sui pilastri fondamentali dell’Unione.

“Dopo la Brexit l’Unione Europea è oggi impegnata in una riflessione su se stessa, sui ritardi e gli errori compiuti. Diversi sono – ha spiegato il presidente della Repubblica tracciando un bilancio dei lavori – i fronti aperti che richiedono una maggiore politica comune”, a partire dall’economia per creare occupazione fino all’indispensabile “allargamento”, strumento ancora più necessario dopo l’uscita della Gran Bretagna.

Pienamente d’accordo si è detto il presidente tedesco Joachim Gauck: a Bratislava si deve fare “un punto decisivo” sul futuro dell’integrazione europea dopo la Brexit. Ora “serve una nuova intesa sul ruolo, sulle istituzioni europee e sul concetto di sussidiarietà. Il Vertice di Bratislava apra una nuova prospettiva anche su crescita e occupazione”.

Ma la sintonia dei presidente è ancora più forte su un tema caldo come quello dell’allargamento: dieci su dieci concordano sulla necessità strategica di dare un segnale di movimento con un nuovo allargamento, richiamando l’urgenza di non lasciare fuori dalla porta Paesi balcanici come la Serbia, il Montenegro e l’Albania.

Da troppo tempo il silenzio tombale di Bruxelles è calato su queste capitali che pure stanno lavorando per i necessari adeguamenti agli standard europei. “E’ un enorme errore ignorare quei Paesi: ci troviamo a un crocevia e l’unica strada è quella di avere più Europa”, ha sintetizzato il presidente sloveno Borut Pahor.

“Che aspettiamo? Abbiamo già aspettato troppo; l’attendismo è stato il problema dell’Europa. Diano già un segnale a Bratislava”, ha rinforzato il neo presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa.

(Dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

21:59Casaleggio, aiutiamo Di Maio, M5s sia squadra volontari

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "In bocca al lupo a Di Maio. Lo dovremo aiutare tutti assieme perche' dobbiamo essere una squadra di volontari ignoti". Lo afferma Davide Casaleggio dal palco di Italia 5 Stelle. "Dobbiamo aiutare il M5S a cambiare l'Italia senza cercare qualcosa subito ma per cercare di cambiare questa nazione", prosegue Casaleggio ribadendo come su Rousseau saranno fatte le scelte piu' importanti per "creare una smart nation, una nazione intelligente"

Archivio Ultima ora