Unione Europea: è l’ora del coraggio delle scelte

Pubblicato il 15 settembre 2016 da ansa

Unione Europea:  è l'ora del coraggio delle scelte

Unione Europea: è l’ora del coraggio delle scelte

SOFIA. – E’ l’ora del coraggio delle scelte, di archiviare lo shock della Brexit con una “nuova intesa” che rilanci crescita e occupazione, abbatta la burocrazia comunitaria, rilanciando il sogno europeo attraverso l’allargamento ai Balcani occidentali. Dieci presidenti europei lanciano l’estremo appello ai 27 premier che si incontreranno a Bratislava con l’ambizioso compito di riportare l’Unione europea in carreggiata.

E che sembrano già sconfitti, pronti a definire un successo un’agenda minima che tenga in vita ancora un po’ un’Europa in piena “crisi esistenziale”, per citare le parole del presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Una richiesta forte di dieci capi di Stato non esecutivi ma che forse rappresentano meglio il “feeling” dei cittadini, più liberi di credere ancora nell’integrazione di quanto possano o vogliano capi di Governo impaludati in preoccupazioni di politica interna (in vista degli appuntamenti elettorali in Olanda, Francia, Germania).

Il richiamo viene univoco dalla Bulgaria dove si sono conclusi i lavori del vertice “United for Europe”, un format ormai più che decennale che ha riunito presidenti di Paesi non omogenei, da quello tedesco al portoghese, dall’ungherese allo sloveno.

Per l’Italia Sergio Mattarella, europeista instancabile che questa volta a Sofia ha riscontrato con soddisfazione quanto – in conversazioni libere e senza documenti – le conclusioni siano in realtà vicine sui pilastri fondamentali dell’Unione.

“Dopo la Brexit l’Unione Europea è oggi impegnata in una riflessione su se stessa, sui ritardi e gli errori compiuti. Diversi sono – ha spiegato il presidente della Repubblica tracciando un bilancio dei lavori – i fronti aperti che richiedono una maggiore politica comune”, a partire dall’economia per creare occupazione fino all’indispensabile “allargamento”, strumento ancora più necessario dopo l’uscita della Gran Bretagna.

Pienamente d’accordo si è detto il presidente tedesco Joachim Gauck: a Bratislava si deve fare “un punto decisivo” sul futuro dell’integrazione europea dopo la Brexit. Ora “serve una nuova intesa sul ruolo, sulle istituzioni europee e sul concetto di sussidiarietà. Il Vertice di Bratislava apra una nuova prospettiva anche su crescita e occupazione”.

Ma la sintonia dei presidente è ancora più forte su un tema caldo come quello dell’allargamento: dieci su dieci concordano sulla necessità strategica di dare un segnale di movimento con un nuovo allargamento, richiamando l’urgenza di non lasciare fuori dalla porta Paesi balcanici come la Serbia, il Montenegro e l’Albania.

Da troppo tempo il silenzio tombale di Bruxelles è calato su queste capitali che pure stanno lavorando per i necessari adeguamenti agli standard europei. “E’ un enorme errore ignorare quei Paesi: ci troviamo a un crocevia e l’unica strada è quella di avere più Europa”, ha sintetizzato il presidente sloveno Borut Pahor.

“Che aspettiamo? Abbiamo già aspettato troppo; l’attendismo è stato il problema dell’Europa. Diano già un segnale a Bratislava”, ha rinforzato il neo presidente portoghese Marcelo Rebelo de Sousa.

(Dell’inviato Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

09:40F1: Australia, ultimo Gp vinto da Ferrari a Singapore 2015

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - La Ferrari non vinceva un Gran Premio di Formula 1 dal 20 settembre 2015 quando sul circuito di Singapore Sebastian Vettel vinse la sua terza gara al volante della Rossa. Nel 2016 la Rossa non aveva vinto nessun Gran Premio.

09:35F1:Australia,Vettel, oggi potevo guidare Ferrari per sempre

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - ''E' stato un Gp fantastico, è stato folle in senso positivo vedere tutte queste bandiere rosse, la macchina è divertente da guidare, è stata una giornata bellissima''. Parola di Sebastian Vettel sul podio di Melbourne tra una doccia di champagne, gli abbracci e le strette di mano con gli avversari. ''Noi ci siamo - ha detto il pilota tedesco della Ferrari - siamo qui per lottare. Abbiamo fatto un lavoro eccellente, la Ferrari ci permette di competere quest'anno, è molto divertente da guidare, oggi avrei potuto continuare a guidare per sempre''.

09:33Vettel esulta in italiano’grande Ferrari, è per noi’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - ''Questa è per noi, grande Ferrari, grazie ragazzi''. Gioia ed esultanza targata Sebastian Vettel che appena tagliato il traguardo per primo del Gran Premio d'Australia si lascia andare parlando in italiano con il box ad una gioia irrefrenabile. Poi sceso dall'abitacolo salta come un grillo andando ad abbracciare i suoi meccanici dando il via alla festa della Rossa sul podio di Melbourne, nella prima gara della stagione di Formula 1.

09:32Usa: Pence, ‘lotta all’Obamacare continuerà’

(ANSA) - WASHINGTON, 26 MAR - La lotta all'Obamacare "proseguirà" per mettere fine a "un incubo e dare al popolo americano l'assistenza sanitaria che merita". E' quanto ha sottolineato il vicepresidente americano Mike Pence, intervenendo ad un incontro di imprenditori in West Virginia, all'indomani del fallimento del tentativo Gop di abrogare la legge di assistenza sanitaria voluta da Barack Obama che non è riuscito a raccogliere il sostegno repubblicano sufficiente per essere approvato alla Camera.

09:31Usa: si barrica su bus a Las Vegas e spara, un morto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Un uomo su un autobus a due piani nella zona dei casinò di Las Vegas, ha estratto una pistola e ha cominciato a sparare, uccidendo una persona e ferendone un'altra per poi barricarsi all'interno per diverse ore prima di arrendersi ed essere arrestato dalla polizia. Le due persone colpite sono state portate in ospedale ma per una di loro non c'era più niente a fare, ha fatto sapere una fonte del University Medical Centermorto. Per ore, i negoziatori, robot e veicoli blindati hanno circondato il bus con le autorità incerte se ci fossero altre vittime all'interno. Nel frattempo, gli ufficiali hanno fatto evacuare i casinò vicini, mettendo in guardia i turisti e i passanti di allontanarsi dalla zona.

09:31F1: Australia, Giovinazzi chiude suo primo Gp al 12/o posto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Il pilota italiano della Sauber Antonio Giovinazzi ha chiuso al dodicesimo posto il Gran Premio d'Australia, il primo della sua carriera in Formula 1. Dopo 6 anni di assenza, dai tempi di Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi l'Italia, l'Italia rivede un suo driver passare sotto la bandiera a scacchi di un Gp della massima serie. Chiude al quinto posto la Red Bull di Verstappen davanti alla Williams di Massa e alla Force India di Perez. Ottava posizione per la Toro Rosso di Sainz che ha preceduto il compagno di scuderia Kvyat e la Force India di Ocon. Ritirata l'altra Red Bull dell'idolo di casa Daniel Ricciardo e stessa sorte per la McLaren di Fernando Alonso.

09:26Usa: scontri tra pro e anti-Trump in California, 4 arresti

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Tafferugli tra i sostenitori e gli oppositori di Donald Trump su una popolare spiaggia della California del Sud. Il bilancio è di 4 arresti. Lo riferiscono i media statunitensi. Un gruppo di sostenitori di Trump ha improvvisato un corteo sulla spiaggia di Bolsa Chica. Un gruppetto di oppositori - tutti vestiti in nero - era nei pressi. Si è scatenata una battaglia a colpi di pugni e spray al peperoncino.

Archivio Ultima ora