Bicentenario Gendarmeria, due secoli al servizio dei Papi

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

Gendarmeria Pontificia

Gendarmeria Pontificia

CITTA’ DEL VATICANO. – Due secoli di storia, al servizio della sicurezza dei Papi. Il Corpo della Gendarmeria Vaticana – la polizia dello Stato d’Oltretevere – festeggia in questi giorni il suo bicentenario: 200 anni di lavoro come “angeli custodi” dei successori di Pietro, che decorrono a cominciare da quella Gendarmeria Pontificia fondata nel 1816 da papa Pio VII. Occasione d’onore per celebrare l’anniversario sarà domenica prossima, 18 settembre, festa del santo patrono Michele Arcangelo, un ricevimento al Giardino quadrato dei Musei Vaticani, con ospiti di alto profilo come il presidente del Senato Pietro Grasso.

La nascita, nel 1816, della Gendarmeria pontificia fu dovuta all’esigenza di unificare i corpi di polizia dello Stato Pontificio, appena ripristinato nel suo territorio dal Congresso di Vienna. Il corpo, voluto dal segretario di Stato Enrico Consalvi, si ispirava a quelli di carabinieri presenti in tutti gli eserciti moderni. Le funzioni di polizia ad esso attribuite si ispiravano invece alla gendarmeria napoleonica, già istituita in tutti gli stati assoggettati alla Francia.

Nel 1849 il corpo assunse la denominazione di Reggimento dei veliti pontifici: fu disciolto poi nel 1970 da Paolo VI e trasformato l’anno successivo in corpo militarmente organizzato, l’attuale Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano. In base alla legge istitutiva, la Gendarmeria deve curare la sicurezza e l’ordine pubblico e svolgere i compiti istituzionali di polizia, compresi quelli di frontiera, giudiziari e tributari.

L’organico è di 130 elementi (rafforzato ultimamente dall’ingresso di nuove reclute), comandati dal 2006 dall’ispettore generale Domenico Giani. Sono loro i “vigilantes” nella basilica di San Pietro, nei Musei Vaticani e dovunque si affollano pellegrini e turisti. Ma soprattutto, gli uomini scelti del Corpo sono al fianco del Papa in tutti i suoi spostamenti, in Italia e all’estero. Spetta a loro, in primo luogo, la difesa e la protezione del Pontefice.

In Piazza San Pietro e negli spostamenti del Papa in Italia agiscono in collaborazione con le autorità di pubblica sicurezza italiana, mentre fuori dal territorio italiano si raccordano di volta in volta con le autorità di polizia del Paese interessato.

Vestiti sempre di scuro, in giacca e cravatta, li si vede circondare e seguire a piedi la “papamobile” in tutte le udienze e cerimonie. Chi non ricorda il 13 maggio del 1981, quando correvano intorno alla “campagnola” di papa Wojtyla, ferito da Ali Agca? Quando i gendarmi lo bloccarono, l’attentatore turco venne consegnato alle forze dell’ordine italiane, in base alla collaborazione prevista dall’accordo concordatario.

La Gendarmeria è oggi un corpo di polizia sempre più moderno, alle prese con le indispensabili e più avanzate misure di prevenzione antiterrorismo. Tra l’altro, fin dal 2006 ha avviato contatti con le strutture di polizia dei 56 Paesi dell’Osce, mentre il 7 ottobre 2008 è entrata a far parte dell’Interpol.

Proprio la settimana scorsa gli agenti della Gendarmeria hanno celebrato il loro Giubileo insieme alla Guardia svizzera, “l’esercito del Papa”, partecipando a una liturgia in San Pietro presieduta dal cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, che ha sottolineato come questi siano “tempi in cui occorre la massima vigilanza”.

Un aspetto che i Gendarmi hanno ben presente in ogni momento della loro attività e che ritornerà, nel ricevimento di domenica, nel saluto del comandante Giani, nel discorso del cardinale Giuseppe Bertello, presidente del Governatorato vaticano, e nell’intervento dell’arcivescovo Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato, ai quali seguirà la lettura del messaggio di papa Francesco.

Ultima ora

04:29Usa: retromarcia Casa Bianca, pubblichera’ permessi lobbisti

NEW YORK - La Casa Bianca fa un passo indietro e decide che pubblichera' le dispense e i permessi concessi ad alcuni ex lobbisti per lavorare nell'amministrazione. Le esenzioni e i permessi sono necessari per coloro che vogliono lavorare a politiche governative che li vedevano direttamente coinvolti nel settore privato come lobbisti o legali di settore. Le deroghe sono emesse da ogni singola agenzia governativa e dalla Casa Bianca caso per caso, e consentono a chi le ottiene di ignorare le politiche etiche.

04:26Russiagate: Reuters, spuntano 3 nuove telefonate Kushner

NEW YORK - Jared Kushner, uno dei piu' stretti consiglieri di Donald Trump e marito di Ivanka, avrebbe avuto piu' contatti di quanto finora noto con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak. Lo riporta la Reuters citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe avuto almeno tre telefonate, finora non note, con Kislyak fra l'aprile e il novembre 2016. Kushner, afferma il suo legale Jamie Gorelick, non ricorda le telefonate.

04:23G7: nessuna conferenza stampa in programma per Trump

NEW YORK - Nessuna conferenza stampa in programma per il presidente Donald Trump al termine del G7. Secondo le indicazioni offerte dalla Casa Bianca, il presidente americano partecipa ai lavori del G7, con il primo appuntamento alle 9,15 del mattino italiane di sabato. Alle 11,45 Trump partecipa al pranzo del G7 e alla sessione di lavoro. Poi il programma presidenziale passa subito all'appuntamento delle 17,15 a Sigonella, dove Trump rilascera' una dichiarazione davanti alle forze militari americane. Alle 17,54 e' prevista la partenza con direzione Washington.

04:21Russiagate: Senato chiede documenti a campagna Trump da 2015

NEW YORK - La commissione di intelligence del Senato, alla quale fa capo l'indagine sulla possibile interferenza della Russia alle elezioni del 2016, ha chiesto alla campagna di Donald Trump di raccogliere e presentare tutti i documenti, le email e le telefonate con la Russia a partire dal 2015, da quando Trump ha lanciato la sua campagna elettorale. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti.

04:16Russiagate: democratici attaccano, Trump licenzi Kushner

NEW YORK - Donald Trump ''non ha altra scelta'' che licenziare Jared Kushner, uno dei suoi consiglieri piu' stretti e marito di Ivanka. Lo afferma il Democratic National Committee, commentando le indiscrezioni del Washington Post, secondo le quali Kushner avrebbe chiesto all'ambasciatore russo negli Stati Uniti un canale di comunicazione diretto e segreto con il Cremlino.

04:13Russiagate: Wp, Kushner voleva canale diretto Cremlino

NEW YORK - Jared Kushner, il consigliere di Donald Trump e marito di Ivanka, ha discusso con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergei Kislyak, la possibilita' di instaurare un canale di comunicazione segreto e sicuro fra il transition team di Trump e il Cremlino. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti, secondo le quali Kushner avrebbe suggerito di usare le strutture diplomatiche russe per le comunicazioni in modo da schermarle.

04:06Afghanistan: talebani uccidono 18 soldati in Kandahar

KABUL - Un folto gruppo di talebani ha attaccato nella notte fra mercoledì e giovedi' una base dell'esercito afghano nella provincia meridionale di Kandahar uccidendo almeno 18 soldati e ferendone altri 16. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pajhwok. Un ufficiale, che ha chiesto di non essere identificato, ha indicato che l'attacco e' avvenuto nell'area di Zangitan del distretto di Shah Walikot provocando uno scontro a fuoco durato tre ore.

Archivio Ultima ora