Bicentenario Gendarmeria, due secoli al servizio dei Papi

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

Gendarmeria Pontificia

Gendarmeria Pontificia

CITTA’ DEL VATICANO. – Due secoli di storia, al servizio della sicurezza dei Papi. Il Corpo della Gendarmeria Vaticana – la polizia dello Stato d’Oltretevere – festeggia in questi giorni il suo bicentenario: 200 anni di lavoro come “angeli custodi” dei successori di Pietro, che decorrono a cominciare da quella Gendarmeria Pontificia fondata nel 1816 da papa Pio VII. Occasione d’onore per celebrare l’anniversario sarà domenica prossima, 18 settembre, festa del santo patrono Michele Arcangelo, un ricevimento al Giardino quadrato dei Musei Vaticani, con ospiti di alto profilo come il presidente del Senato Pietro Grasso.

La nascita, nel 1816, della Gendarmeria pontificia fu dovuta all’esigenza di unificare i corpi di polizia dello Stato Pontificio, appena ripristinato nel suo territorio dal Congresso di Vienna. Il corpo, voluto dal segretario di Stato Enrico Consalvi, si ispirava a quelli di carabinieri presenti in tutti gli eserciti moderni. Le funzioni di polizia ad esso attribuite si ispiravano invece alla gendarmeria napoleonica, già istituita in tutti gli stati assoggettati alla Francia.

Nel 1849 il corpo assunse la denominazione di Reggimento dei veliti pontifici: fu disciolto poi nel 1970 da Paolo VI e trasformato l’anno successivo in corpo militarmente organizzato, l’attuale Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano. In base alla legge istitutiva, la Gendarmeria deve curare la sicurezza e l’ordine pubblico e svolgere i compiti istituzionali di polizia, compresi quelli di frontiera, giudiziari e tributari.

L’organico è di 130 elementi (rafforzato ultimamente dall’ingresso di nuove reclute), comandati dal 2006 dall’ispettore generale Domenico Giani. Sono loro i “vigilantes” nella basilica di San Pietro, nei Musei Vaticani e dovunque si affollano pellegrini e turisti. Ma soprattutto, gli uomini scelti del Corpo sono al fianco del Papa in tutti i suoi spostamenti, in Italia e all’estero. Spetta a loro, in primo luogo, la difesa e la protezione del Pontefice.

In Piazza San Pietro e negli spostamenti del Papa in Italia agiscono in collaborazione con le autorità di pubblica sicurezza italiana, mentre fuori dal territorio italiano si raccordano di volta in volta con le autorità di polizia del Paese interessato.

Vestiti sempre di scuro, in giacca e cravatta, li si vede circondare e seguire a piedi la “papamobile” in tutte le udienze e cerimonie. Chi non ricorda il 13 maggio del 1981, quando correvano intorno alla “campagnola” di papa Wojtyla, ferito da Ali Agca? Quando i gendarmi lo bloccarono, l’attentatore turco venne consegnato alle forze dell’ordine italiane, in base alla collaborazione prevista dall’accordo concordatario.

La Gendarmeria è oggi un corpo di polizia sempre più moderno, alle prese con le indispensabili e più avanzate misure di prevenzione antiterrorismo. Tra l’altro, fin dal 2006 ha avviato contatti con le strutture di polizia dei 56 Paesi dell’Osce, mentre il 7 ottobre 2008 è entrata a far parte dell’Interpol.

Proprio la settimana scorsa gli agenti della Gendarmeria hanno celebrato il loro Giubileo insieme alla Guardia svizzera, “l’esercito del Papa”, partecipando a una liturgia in San Pietro presieduta dal cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, che ha sottolineato come questi siano “tempi in cui occorre la massima vigilanza”.

Un aspetto che i Gendarmi hanno ben presente in ogni momento della loro attività e che ritornerà, nel ricevimento di domenica, nel saluto del comandante Giani, nel discorso del cardinale Giuseppe Bertello, presidente del Governatorato vaticano, e nell’intervento dell’arcivescovo Angelo Becciu, sostituto della Segreteria di Stato, ai quali seguirà la lettura del messaggio di papa Francesco.

Ultima ora

11:37Tragedia in istituto disabili: paziente muore carbonizzato

(ANSA) - GENOVA, 20 GEN - Tragedia la scorsa notte all'istituto per disabili e anziani Don Orione di via Berghini, sulle alture di San Fruttuoso, a Genova. Un ospite 49enne, disabile psichiatrico che si muoveva su una sedia a rotelle, è morto carbonizzato nel bagno del reparto dove era ricoverato. La causa potrebbe essere stata una sigaretta caduta sulla tuta acrilica che indossava che si è incendiata. L'uomo, come tutte le sere, era andato in bagno per fumare una sigaretta prima di addormentarsi. L'uomo potrebbe aver avuto un malore che gli ha fatto cadere dalla mano la sigaretta che ha innescato il rogo. La prima ad accorgersi di quanto stava accadendo è stata l'infermiera di turno del reparto che con un estintore ha spento le fiamme, ma il paziente era già morto. L'infermiera è stata ricoverata in ospedale per intossicazione. Per il fumo sprigionatosi, un'ala della struttura che ospita una decina di persone è stata evacuata dai vigili del fuoco. Sul posto con i medici del 118 e gli agenti di polizia delle volanti.

11:33Calcio: sfumato Mourinho, il PSG adesso punta su Guardiola

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Dopo il raggiunto accordo fra Josè Mourinho e il Manchester United, per prolungare il rapporto di collaborazione, il Paris Saint-Germain ha cambiato obiettivo per il futuro della propria panchina, attualmente occupata da Unai Emery, virando con decisione su Pep Guardiola, ora al Manchester City. Lo scrive il Mirror, che parla di un contatto già avvenuto fra i dirigenti del club francese e l'allenatore catalano, il cui contratto con i 'Citizens' scadrà il 30 giugno dell'anno prossimo. (ANSA).

11:31Cardiologa Modena assolta completamente in Cassazione

(ANSA) - MODENA, 20 GEN - Maria Grazia Modena, ex primario di Cardiologia del Policlinico di Modena, è stata assolta in Cassazione da tutte le accuse dell'inchiesta 'camici sporchi', che nel novembre 2012 la portò ai domiciliari (misure cautelari anche per altri 8 medici) per presunte sperimentazioni abusive sui pazienti inconsapevoli che l'accusa, il pm è Marco Niccolini, sosteneva avvenissero nel reparto. I giudici, chiusa la camera di consiglio all'una di notte, hanno assolto la prof dall'ultima accusa rimasta, quella di falso, "perché il fatto non sussiste". Dichiarati inammissibili i ricorsi delle parti civili: Regione, Policlinico, procura generale e associazione 'Amici del cuore'. Condannata in primo grado a 4 anni nel febbraio 2015 per associazione a delinquere, truffa al sistema sanitario, corruzione, abuso d'ufficio e falso, vide ribaltata la sentenza in Appello: condanna ridotta a 8 mesi per falso. A novembre in tribunale erano arrivate condanne per 36 anni per i 12 imputati che avevano scelto il rito ordinario. (ANSA).

11:28India: delitto d’onore, 6 condanne morte

(ANSA) - NEW DELHI, 20 GEN - Un tribunale indiano ha condannato oggi a morte sei persone a Nashik, nello Stato di Maharashtra, riconoscendole colpevoli di aver brutalmente ucciso nel 2013 nel villaggio di Sonai tre giovani 'dalit' (senza casta) nell'ambito di una vicenda presentata come 'delitto d'onore'. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Le indagini avevano provato che uno dei tre giovani 'dalit' uccisi aveva stretto una relazione con una delle studentesse appartenente ad una casta superiore. I famigliari della ragazza, assolutamente contrari alla continuazione del rapporto, attirarono l'1 gennaio 2013 in casa loro il giovane insieme a due amici con il pretesto di un lavoro di pulitura di una fossa settica. Ma il giorno dopo la polizia, allertata dai parenti dei tre giovani di cui non avevano più notizie, ne ha rivenuto i cadaveri orrendamente martoriati vicino alla casa. Dei sette imputati, uno è stato assolto mentre gli altri, fra cui il padre e il fratello sono stati condannati alla pena capitale.

11:12Thailandia: arrestato trafficante avorio

(ANSA) - BANGKOK, 20 GEN - La polizia thailandese ha arrestato uno dei più grossi trafficanti di animali selvatici, sospettato di aver gestito la maggior parte del contrabbando in Asia negli ultimi dieci anni. Boonchai Bach, 40enne thailandese di origini vietnamite, è stato preso in custodia ieri nel nord-est del paese, in relazione al contrabbando di zanne di rinoceronti provenienti dall'Africa, per un valore di oltre un milione di dollari, con il coinvolgimento di un funzionario locale e di un cittadino cinese. L'uomo - che ha respinto le accuse - avrebbe giocato un ruolo chiave insieme con la sua famiglia nel traffico di avorio, tigri, leoni ed altre specie a rischio di estinzione. La Thailandia è un paese di transito per il traffico di animali esotici, soprattutto verso la Cina, ed era considerata il più grande mercato illegale di avorio del mondo, prima dell'introduzione nel 2015 di un legge che punisce questi traffici.

11:09Ciclismo: Tour down under, Porte vince la penultima tappa

(ANSA) - ADELAIDE (AUSTRALIA), 20 GEN - Richie Porte ha vinto la 5/a e penultima tappa del Tour down under, gara d'apertura della stagione ciclistica internazionale, che si concluderà domani. L'australiano, vero e proprio beniamino di casa, con il tempo di 3h42'22", si è aggiudicato la McLaren Vale-Willunga Hill, lunga 151,5 chilometri, precedendo nell'ordine il sudafricano Daryl Impey di 8" e l'olandese Tom-Jelte Slagter di 10". Quest'ultimo guidava un gruppetto di corridori giunti sul traguardo con lo stesso tempo e del quale faceva parte anche l'italiano Diego Ulissi, che si è piazzato al settimo posto. In classifica generale al comando c'è sempre Impey, in 18h02'15", davanti a Porte (stesso tempo) e Slagter (a 16"), mentre Ulissi è quarto, con 20" di ritardo. Domani gran finale con la Adelaide-Adelaide (king William street) lunga 90 chilometri. (ANSA).

10:46Tennis: Australia, Fognini vola negli ottavi dopo cinque set

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Fabio Fognini segue l'esempio dell'altro azzurro Andreas Seppi e si qualifica per gli ottavi degli Australian open, in corso sui campi di Melbourne. Il tennista nato a Sanremo, 25/a testa di serie del torneo, ha battuto il 36enne francese Julien Benneteau, numero 59 del ranking Atp, dopo cinque set: di 3-6, 6-2, 6-1, 4-6, 6-3, il punteggio maturato in tre ore di gioco. Dal 1976, anno del successo in Coppa Davis in Cile, l'Italia non riusciva a presentare due atleti negli ottavi del tabellone maschile di un torneo valido per lo Slam: l'ultima volta accadde al Roland Garros, con Adriano Panatta - che poi avrebbe vinto - e Corrado Barazzutti.

Archivio Ultima ora