Italicum-Consulta: i due blocchi di fronte, nodo rinvio

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

Il neo eletto giudice Augusto Barbera (S), entra nella Sala delle Udienze del Palazzo della Consulta, per la sua prima udienza pubblica della Corte Costituzionale, a Roma, 12 gennaio 2016.      ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Il neo eletto giudice Augusto Barbera (S), entra nella Sala delle Udienze del Palazzo della Consulta, per la sua prima udienza pubblica della Corte Costituzionale, a Roma, 12 gennaio 2016. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – Decidere, non decidere. Per lo meno non subito. E’ il dilemma che l’Italicum pone alla Consulta. Se ne discute da giorni, tra i membri della Corte e in conciliaboli a porte chiuse tra giuristi. Una decisione definitiva non c’è ancora: lo confermano diverse fonti.

Ma si individuano due ‘blocchi’, sebbene non proprio granitici: quello costituito dai giudici provenienti dalle supreme magistrature – in cui ci sono Criscuolo, Lattanzi, Carosi, Morelli, Coraggio – scettico sulla bontà integrale dell’Italicum e sul rinvio dell’esame a dopo il referendum; quello dei giudici provenienti dal mondo accademico – che annovera tra Amato, Barbera, lo stesso Zanon, relatore della causa, Cartabia, Sciarra, De Pretis – spostato in direzione opposta, anche se non mancano gli incerti. Un docente di storia del diritto, del resto, è anche il presidente Grossi, che per ora ha sempre tenuta ferma la data del 4 ottobre per l’udienza.

E d’altra parte un’eventuale rinvio dell’esame sarà deciso formalmente in quella sede. Metà gennaio appare il termine più probabile per uno slittamento dell’esame, anche perché questo metterebbe un freno a eventuali dinamiche elettorali in caso di vittoria del sì al referendum.

Per vari osservatori vicini alla Corte Costituzionale, le ragioni per spostare la decisione, sono solide. Lo strumento non sarebbe tanto l’ordinanza del tribunale Perugia, sopraggiunta fuori tempo massimo per accodarsi a quelle precedenti di Torino e Messina, già previste in discussione per il fatidico 4 ottobre. La Corte potrebbe fare leva su ragioni giuridiche e processuali più consistenti.

Per quanto riguarda gli aspetti processuali, entrambe le ordinanze di Torino e Messina sono state azionate da ricorsi che precedono il momento in cui l’Italicum è diventato applicabile, cioè luglio 2016. L’ordinanza di Torino è datata 5 luglio. Ma non è quella la data che conta, bensì quella, precedente di vari mesi, in cui i ricorsi sono stati presentati: in quel momento l’azione è stata attivata e può in parte risultare inficiata di fronte alla Corte dal fatto di essere stata proposta quando l’Italicum non era ancora concretamente utilizzabile.

Una situazione ben diversa da quella che si avrà dopo il referendum. Una decisione ora, sostengono alcuni osservatori, interverrebbe in un quadro friabile, mentre dopo referendum gli elettori si saranno espressi sulle riforme, ossia il contesto istituzionale rispetto al quale l’Italicum ha una diretta corrispondenza. Quindi, anche dal punto di vista sostanziale, se la Corte rinvia evita di esprimersi su un testo che potenzialmente, in caso di vittoria del ‘no’, potrebbe non corrispondere più al quadro istituzionale di fondo; e così non rischia di contaminare la volontà degli elettori. Altre ordinanze potrebbero, inoltre, arrivare alla Corte, visto che ricorsi sono stati promossi in ben 23 tribunali.

Se poi vince il sì al referendum, scatta la possibilità di controllo preventivo della legge elettorale attivato dai parlamentari e infine sono già in atto iniziative parlamentari per la modifica dell’Italicum: tutte circostanze che giocano pro-rinvio.

Ultima ora

17:05Calcio: Caf studia riforma, Coppa d’Africa a giugno-luglio

(ANSA) - ROMA, 21 LUG - Addio Coppa d'inverno, con tutte le problematiche che si portava dietro. La Coppa d'Africa 2019 non si giocherà più a gennaio-febbraio ma, quasi sicuramente, nei mesi estivi, come accade per le altre 'consorelle' continentali. Lo ha stabilito l'Esecutivo della Federcalcio africana (Caf) che ha dato mandato a un gruppo di lavoro di studiare la riforma, decidendo anche di innalzare il numero dei Paesi partecipanti da 16 a 24 e questo già dalla prossima edizione che si disputerà in Camerun nel 2019. La novità stagionale soprattutto rappresenta una grande vittoria per i club europei, costretti a rinunciare a tanti giocatori (e diverse 'stelle') in una fase cruciale della stagione. La prossime edizioni della Coppa d'Africa si disputeranno in Camerun (2019), Costa d'Avorio (2021) e Guinea (2023).

17:00Putin, non ho ancora deciso se mi candiderò nel 2018

(ANSA) - MOSCA, 21 LUG - "Non ho ancora deciso se devo continuare ad espletare le mie funzioni da presidente. Sapete che ci saranno le elezioni nel 2018, prima del voto c'è ancora tempo". Lo ha affermato il presidente russo Vladimir Putin in un incontro con i giovanissimi allievi del centro di istruzione 'Syrius' di Sochi trasmesso in diretta dal canale televisivo Ntv.

16:55Migranti: giunti 111mila, l’85% in Italia

(ANSA) - GINEVRA, 21 LUG - Un totale di 111.514 migranti e rifugiati sono giunti in Europa via mare dall'inizio dell'anno e 2.360 sono morti mentre cercavano di attraversare il Mediterraneo. Lo riferisce l'Oim (Organizzazione internazionale delle migrazioni). L'agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni precisa che circa l'85% arrivi sono stati registrati in Italia.

16:53Appalto truccato in cambio di assunzione figlio, 5 condanne

(ANSA) - SAVONA, 21 LUG - Si è concluso con 5 condanne il processo per l'inchiesta "Trash", riguardante irregolarità nell'assegnazione dell'appalto per la gestione dei rifiuti a Pietra Ligure Savona. Il tribunale di Savona ha condannato l'allora responsabile del settore servizi tecnici specializzati Fabio Basso (4 anni e 10 mesi di reclusione) ed i funzionari di Ata Spa Roberto Balbis (3 anni) e Mario Cena (2 anni e 8 mesi). Condannati anche due dipendenti del Comune, Vincenzo Trevisano ed Andrea Nencioni (per entrambi 8 mesi con la sospensione condizionale). Trevisano e Basso sono stati inoltre assolti da due dei capi d'accusa. Le indagini erano iniziate nel marzo 2013: l'accusa della Procura era che i cinque avessero "truccato" la gara per l' assegnazione del servizio di raccolta differenziata favorendo Ata Spa, società partecipata del Comune di Savona. Un "favore" ricambiato dalla promessa di assumere in azienda il figlio di Basso.(ANSA).

16:47Orban a Gentiloni, Italia chiuda i porti

(ANSA) - BUDAPEST, 21 LUG - L'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo. Lo sostiene il premier ungherese Viktor Orban, annunciando che i quattro leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) hanno scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

16:43Incendi in Toscana: Rossi, dichiarato stato emergenza

(ANSA) - FIRENZE, 21 LUG - Stato di emergenza regionale per gli incendi in Toscana. "A fronte della situazione in atto in Toscana da maggio ad oggi, e dell'intensificarsi del numero e della gravità degli incendi nell'ultimo periodo ho ritenuto indispensabile procedere alla dichiarazione di stato d'emergenza regionale che permetterà alla giunta, nell'immediato, di valutare le prime azioni necessarie da intraprendere per mitigare le criticità e i presupposti per richiedere l'eventuale dichiarazione dello stato d'emergenza nazionale", ha detto il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. "Abbiamo rafforzato l'attività di tutto il sistema antincendi e in particolare dell'attività della Sala operativa regionale che ormai costantemente, da maggio, gestisce l'emergenza 24ore su 24", ha aggiunto.

16:41Erdogan, Berlino ‘non è così forte da spaventarci’

(ANSA) - ISTANBUL, 21 LUG - "Voglio dire ai miei amici tedeschi e al mondo intero: non siete abbastanza forti per diffamare la Turchia e non sarete mai abbastanza forti da spaventarci". Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, nel suo primo intervento dopo la 'linea dura' annunciata ieri da Berlino nei suoi rapporti con Ankara. "La Germania deve darsi un contegno", ha aggiunto Erdogan, definendo "senza fondamento" le parole del ministro degli Eteri tedesco, Sigmar Gabriel, secondo cui i turisti e le aziende della Germania potrebbero correre rischi in Turchia.

Archivio Ultima ora