Italicum-Consulta: i due blocchi di fronte, nodo rinvio

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

Il neo eletto giudice Augusto Barbera (S), entra nella Sala delle Udienze del Palazzo della Consulta, per la sua prima udienza pubblica della Corte Costituzionale, a Roma, 12 gennaio 2016.      ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

Il neo eletto giudice Augusto Barbera (S), entra nella Sala delle Udienze del Palazzo della Consulta, per la sua prima udienza pubblica della Corte Costituzionale, a Roma, 12 gennaio 2016. ANSA / MAURIZIO BRAMBATTI

ROMA. – Decidere, non decidere. Per lo meno non subito. E’ il dilemma che l’Italicum pone alla Consulta. Se ne discute da giorni, tra i membri della Corte e in conciliaboli a porte chiuse tra giuristi. Una decisione definitiva non c’è ancora: lo confermano diverse fonti.

Ma si individuano due ‘blocchi’, sebbene non proprio granitici: quello costituito dai giudici provenienti dalle supreme magistrature – in cui ci sono Criscuolo, Lattanzi, Carosi, Morelli, Coraggio – scettico sulla bontà integrale dell’Italicum e sul rinvio dell’esame a dopo il referendum; quello dei giudici provenienti dal mondo accademico – che annovera tra Amato, Barbera, lo stesso Zanon, relatore della causa, Cartabia, Sciarra, De Pretis – spostato in direzione opposta, anche se non mancano gli incerti. Un docente di storia del diritto, del resto, è anche il presidente Grossi, che per ora ha sempre tenuta ferma la data del 4 ottobre per l’udienza.

E d’altra parte un’eventuale rinvio dell’esame sarà deciso formalmente in quella sede. Metà gennaio appare il termine più probabile per uno slittamento dell’esame, anche perché questo metterebbe un freno a eventuali dinamiche elettorali in caso di vittoria del sì al referendum.

Per vari osservatori vicini alla Corte Costituzionale, le ragioni per spostare la decisione, sono solide. Lo strumento non sarebbe tanto l’ordinanza del tribunale Perugia, sopraggiunta fuori tempo massimo per accodarsi a quelle precedenti di Torino e Messina, già previste in discussione per il fatidico 4 ottobre. La Corte potrebbe fare leva su ragioni giuridiche e processuali più consistenti.

Per quanto riguarda gli aspetti processuali, entrambe le ordinanze di Torino e Messina sono state azionate da ricorsi che precedono il momento in cui l’Italicum è diventato applicabile, cioè luglio 2016. L’ordinanza di Torino è datata 5 luglio. Ma non è quella la data che conta, bensì quella, precedente di vari mesi, in cui i ricorsi sono stati presentati: in quel momento l’azione è stata attivata e può in parte risultare inficiata di fronte alla Corte dal fatto di essere stata proposta quando l’Italicum non era ancora concretamente utilizzabile.

Una situazione ben diversa da quella che si avrà dopo il referendum. Una decisione ora, sostengono alcuni osservatori, interverrebbe in un quadro friabile, mentre dopo referendum gli elettori si saranno espressi sulle riforme, ossia il contesto istituzionale rispetto al quale l’Italicum ha una diretta corrispondenza. Quindi, anche dal punto di vista sostanziale, se la Corte rinvia evita di esprimersi su un testo che potenzialmente, in caso di vittoria del ‘no’, potrebbe non corrispondere più al quadro istituzionale di fondo; e così non rischia di contaminare la volontà degli elettori. Altre ordinanze potrebbero, inoltre, arrivare alla Corte, visto che ricorsi sono stati promossi in ben 23 tribunali.

Se poi vince il sì al referendum, scatta la possibilità di controllo preventivo della legge elettorale attivato dai parlamentari e infine sono già in atto iniziative parlamentari per la modifica dell’Italicum: tutte circostanze che giocano pro-rinvio.

Ultima ora

17:58‘Stato non c’è, giro armato’, giudice rischia trasferimento

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Rischia il trasferimento d'ufficio per incompatibilità il giudice di Treviso Angelo Mascolo che prima in una lettera ai quotidiani veneti del gruppo l'Espresso e poi in alcune interviste ha affermato che lo Stato "non è più in condizioni di garantire la sicurezza dei cittadini, anzi semplicemente non c'è più. D'ora in poi faccio da me: quando esco di casa mi metto in tasca la pistola". Il Comitato di presidenza del Csm ha disposto l'apertura di una pratica in Prima Commissione proprio per accertare se ricorrano le condizioni per una procedura di trasferimento d'ufficio nei confronti del giudice, che aveva scritto ai giornali dopo aver subito di notte un inseguimento mentre tornava a casa.

17:50Calcio: Serie B, due giornate a Mignanelli dell’Ascoli

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Daniele Mignanelli, dell'Ascoli, è stato squalificato per due gare dal giudice sportivo di Serie B dopo le partite della 33/a giornata. Il giocatore era stato espulso per insulti ad un assistente dell'arbitro. Per un turno, invece, sono stati fermati Federico Bonazzoli (Brescia) e Daniele Corvia (Latina), entrambi espulsi, più Daniel Bessa e Romulo Souza Orestes (Verona), Osarimen Ebagua (Vicenza), Matteo Fedele e Denis Tonucci (Bari), Edoardo Lancini (Novara), Manuel Lazzari (Spal), Simone Pasa (Cittadella), Claudio Terzi e Luca Vignali (Spezia), che erano diffidati. Ammenda di 1.500 euro al Brescia per il lancio di un petardo e di un fumogeno in campo.

17:50Brexit: May, ‘domani è un momento storico’

(ANSA) - LONDRA, 28 MAR - "E' uno dei momenti più importanti nelle recente storia del Regno Unito". Così la premier britannica Theresa May ha definito l'annuncio formale che farà domani sull'avvio della Brexit e delle trattative con Bruxelles. Il fine, ha aggiunto il primo ministro, è quello di creare una "relazione profonda e speciale" con l'Europa.

17:45Latitante posta sua foto su Fb, scovato e preso dalla Ps

(ANSA) - NAPOLI, 28 MAR - La Polizia di Stato ha arrestato a Terzigno (Napoli) un latitante albanese ricercato in tutta Europa e destinatario di un mandato di cattura europeo. L'uomo, Genc Locu di 26 anni, dopo esser sfuggito più volte alla cattura, è stato individuato dai poliziotti del Commissariato di Castel Volturno (Caserta) grazie ad una foto postata su un social nel quale compariva alle sue spalle un cartello con un'indicazione stradale che, è emerso, era relativo al comune di Castellamare di Stabia (Napoli). La presenza in Italia di Locu fu segnalata già nel 2014 alla Polizia di Stato dalle autorità albanesi che lo avevano condannato a 4 anni di reclusione. L'uomo allora dimorava nel comune di Castel Voltuno; riuscì però a fuggire. Intanto dalla Germania arrivò un mandato di arresto europeo per reati contro la persona. Le indagini sono proseguite fin quando il 26enne non si è tradito pubblicando on-line la sua foto; dagli accertamenti è emerso che si era nascosto a Terzigno, dove è stato stanato e ammanettato. (ANSA).

17:37Migranti: Paesi Visegrad, no al ricatto dell’Ue

(ANSA) - VARSAVIA, 28 MAR - No al "ricatto" dell'Ue che lega la politica migratoria a quella finanziaria riducendo gli aiuti a chi non accoglie i profughi. E' l'accusa dei Paesi del Gruppo Visegrad (Polonia, Ungheria, Repubblica ceca e Slovacchia), riuniti a Varsavia per un mini-vertice sui migranti e sulla Brexit. Se dovesse saltare l'accordo con la Turchia, l'Ungheria fermerà i migranti, grazie al muro e alle nuove leggi sull'asilo. Lo ha detto il premier ungherese Victor Orban, a Varsavia. I nuovi regolamenti sull'asilo entrano in vigore oggi, ha aggiunto, e le barriere, "costruite solo con soldi ungheresi", ci permetteranno di bloccare un' eventuale nuova ondata migratoria. "Vogliamo che la Brexit avvenga in modo ordinato e senza mettere a rischio gli interessi della Polonia e di altri Paesi membri". Così la premier polacca, Beata Szydło, a Varsavia. "Alla Gran Bretagna - ha aggiunto - non si possono offrire condizioni commerciali migliori rispetto a quelle di cui godono gli altri Paesi Ue", ha aggiunto il premier slovacco Fico.

17:32Dj Fabo: Cappato sarà interrogato da pm settimana prossima

(ANSA) - MILANO, 28 MAR - L'esponente dei Radicali e tesoriere dell'associazione Luca Coscioni, Marco Cappato, sarà interrogato la prossima settimana nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Milano sulla morte di Fabiano Antoniani, noto come dj Fabo, deceduto in una clinica svizzera con la procedura del suicidio assistito lo scorso 27 febbraio. Cappato, che si è autodenunciato raccontando ai carabinieri di aver accompagnato dj Fabo fino in Svizzera e che è indagato per aiuto al suicidio, sarà ascoltato probabilmente lunedì prossimo, 3 aprile, dal pm Tiziana Siciliano, coordinatore dell'inchiesta e del pool 'Ambiente, salute e lavoro'. L'esponente dei Radicali è difeso dal legale Massimo Rossi. Nei giorni scorsi alcuni amici di Antoniani erano stati sentiti in Procura. Agli atti dell'inchiesta è stata anche acquisita documentazione relativa a protocolli, regole e normative in base alle quali alla clinica 'Dignitas', vicino Zurigo, viene praticato il suicidio assistito.

17:18Studente morto Valencia: si fa nuova autopsia

(ANSA) - FERMO, 28 MAR - Una nuova autopsia ed esami tossicologici faranno luce sulla morte di Giacomo Nicolai, lo studente fermano di 24 anni ritrovato morto nel suo appartamento di Valencia, con tre coltellate nel petto. Li ha disposti oggi il pm di Roma Marcello Monteleone, che ha affidato l'incarico al prof. Giorgio Bolino, dell'Università La Sapienza, e alla tossicologa Roberta Tittarelli. La famiglia di Giacomo, che dubita si sia ucciso, ha nominato come consulente il prof. Piergiorgio Fedeli. La perizia si svolgerà il 30 marzo. Il magistrato, spiega l'avv. Igor Giostra, che rappresenta i Nicolai, ha aperto un fascicolo di indagine contro ignoti, a modello 44, e un'ipotesi di reato ancora da formulare, mostrando ''la massima determinazione a determinazione a condurre ogni accertamento utile alle indagini, anche prendendo contatti con la procura spagnola". Il prof. Bolino si è riservato 60 giorni di tempo per depositare le proprie conclusioni.

Archivio Ultima ora