Ciampi il banchiere diventato presidente di tutti

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

19981231 - ROMA - ECO - EURO: CIAMPI; SEMBRAVA UTOPIA, OGGI E' REALTA' - Il ''grande sogno'', che sembrava utopia, oggi si e' realizzato. Cosi' ha esclamato, con orgoglio, il ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi fotografato accanto alla macchina coniatrice. ''L' Italia apportera' inventiva e creativita' - ha detto il ministro - e l' immagine dell' uomo di Leonardo che compare sulla prima moneta coniata simboleggia proprio questo contributo all Europa''. CLAUDIO ONORATI/ANSA/DEF

19981231 – ROMA – ECO – EURO: CIAMPI; SEMBRAVA UTOPIA, OGGI E’ REALTA’ – Il ”grande sogno”, che sembrava utopia, oggi si e’ realizzato. Cosi’ ha esclamato, con orgoglio, il ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi fotografato accanto alla macchina coniatrice. ”L’ Italia apportera’ inventiva e creativita’ – ha detto il ministro – e l’ immagine dell’ uomo di Leonardo che compare sulla prima moneta coniata simboleggia proprio questo contributo all Europa”.
CLAUDIO ONORATI/ANSA/DEF

ROMA. – Carlo Azeglio Ciampi è stato un economista di grande prestigio, ha retto la Banca d’Italia per 14 anni e per le sue competenze e qualità morali è approdato alle più alte cariche politiche. Prima come presidente del Consiglio nel periodo più acuto di crisi della Prima Repubblica, dopo come ministro dell’ Economia garante dell’entrata dell’ Italia nell’euro per poi salire al Quirinale come uomo delle istituzioni senza aver alcuna tessera di partito in tasca.

A parte una militanza giovanile nel Partito d’Azione, Ciampi negli anni turbolenti del dopoguerra non aderì ad alcuna formazione politica, non ha mai occupato, peraltro, un seggio in Parlamento, si è costruito il suo prestigio di studioso e di economista lontano dai Palazzi della politica negli austeri ambienti di palazzo Kock.

La sua figura super partes di economista, studioso discreto e servitore dello Stato, capace di avere un consenso bipartisan, prestato alla politica per guidare la transizione apertasi con la crisi dei partiti investiti da tangentopoli, gli ha consentito, una volta eletto al Quirinale nel 1999 di diventare il “presidente di tutti”.

Un volto rassicurante di padre di famiglia su cui poter contare. Dei suoi nove predecessori, l’unico ad avere un identikit simile era stato Luigi Einaudi (1948-1955), anch’egli ex governatore della Banca d’Italia. Cosa ora rimane del “Presidente senza partito”? Sicuramente gli incessanti appelli al dialogo bipartisan. Il confronto – scontro istituzionale, anche se con toni misurati, con Silvio Berlusconi. La riscoperta del Tricolore e dell’Inno di Mameli e il viaggio nella memoria.

Sarà un dettaglio da poco, ma significativo, aver aperto al pubblico il Vittoriale, quel monumento imponente che detiene le spoglie del milite ignoto sempre serrato da una cancellata che i romani avevano battezzato per il suo biancore marmoreo la “torta nunziale”.

Quello di Ciampi è stato un settennato per molti versi sorprendente. Cominciato in sordina, si è imposto con un crescendo inatteso. In tanti ricordano le diffidenze iniziali per un presidente veramente estraneo ai partiti e lo stupore destato dall’elezione con una maggioranza così ampia (707 voti su 990 e al primo scrutinio). Basta dire che per indicare quella eccezionale convergenza di opposti schieramenti fu coniato un nuovo termine: il ‘metodo Ciampi’.

Ad altri, invece, Ciampi sembrò un presidente transitorio, di ripiego. Lo faceva pensare il suo curriculum vitae tutto tecnico. Si sbagliavano: per sette anni è Ciampi a giocare nella vicenda politica nazionale il ruolo di ‘garante attivo’, con il Vangelo della Costituzione in mano, con sue idee politiche, con radicate convinzioni laiche, democratiche ed europeiste, da uomo impegnato a difendere con passione civile e determinazione le sue opinioni.

Il presidente livornese era stato per 14 anni (1979-1993) alla guida della Banca d’Italia, per un anno presidente del Consiglio (1993-1994), per tre anni ministro del Tesoro. Il prestigio e l’autorevolezza guadagnati in questi ruoli gli permisero di dare al Quirinale una centralità in gran parte inedita nella vita italiana. Col suo lavoro di raccordo fra le istituzioni, la riscoperta dell’Inno Nazionale e del Tricolore come momenti forti attorno ai quali “cementare l’identità nazionale”, dei monumenti simbolo dell’Unità nazionale, Ciampi conferì al Quirinale l’immagine della ”casa degli italiani”, come amava ripetere in quegli anni.

La scelta europeista, e la grande partita per far entrare l’Italia nel gruppo di testa tra i paesi che hanno adottato l’Euro, fu una costante, un punto fermo, un radicamento della sua vita politica prima e durante il settennato. Era il “padre della moneta unica” e lo ricordava costantemente insieme alla sua vocazione europea.

La sua azione di persuasione, svolta in gran parte per linee interne, è passata come lo stile della moral suasion che si condensa nella formula: senza dialogo non si trovano mai soluzioni politiche. La moral suasion ha avuto successo anche su fatti eclatanti come dopo il G8 di Genova, e alla vigilia dell’attacco anglo-americano contro Saddam Hussein, quando Ciampi richiamò l’art.11 della Costituzione e trattenne il governo Berlusconi dalla tentazione di deliberare una partecipazione militare italiana da belligeranti: il premier ripiegò poi sull’invio di una missione umanitaria protetta militarmente e giunta in Iraq quando le operazioni belliche per la caduta del regime erano già concluse.

Ciampi ha usato con moderazione i suoi pochi poteri (ma li ha usati) ed ha usato il prestigio personale e l’autorevolezza per ampliarli: con le esternazioni e attraverso l’intesa con altre istituzioni. Ha rivendicato ed esercitato il diritto-dovere di dare consigli a tutti: anche all’esecutivo. In questo senso, è stato un presidente interventista dallo stile indubbiamente innovativo. In alcuni casi è intervenuto anche nell’iter legislativo, con la ‘moral suasion’. Ma quando i suoi richiami non sono stati ascoltati ha detto dei ‘no’ chiari e tondi.

Ciampi ha toccato le corde profonde del Paese nei momenti più drammatici, impersonando il dolore di una Nazione: le sfide-ricatto delle bombe del ’93;i solenni funerali di Stato per i caduti di Nassiriya, le esequie dei bambini della scuola terremotata di San Giuliano di Puglia. Nei momenti di disorientamento è stato il pacificatore, il pompiere che ha spento mille focolai di scontro troppo acceso, l’arbitro dei conflitti insanabili, il predicatore instancabile del dialogo e della concertazione, il saggio che indica i nodi da sciogliere e al tempo stesso istilla fiducia.

(di Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

22:32Ventenne pestato da branco ad Alatri, è morto a Roma

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' morto stasera all'Umberto I di Roma il ventenne di Alatri pestato a sangue in piazza nella città in provincia di Frosinone. Lo si è appreso da fonti investigative. Emanuele Morganti non ce l'ha fatta dopo ore di agonia ed un intervento chirurgico. Era stato aggredito due notti fa da un gruppo di persone dopo una lite in un locale nel centro storico del comune frusinate per difendere la fidanzata. Il pm della procura di Frosinone ed i carabinieri stanno interrogando alcuni sospettati.

21:49Marine Le Pen, ‘l’Ue morirà, la gente non la vuole più’

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "L'Unione europea morirà perche' la gente non la vuole più". Ne è convinta Marine Le Pen, la candidata euroscettica alle presidenziali in Francia. Durante un comizio elettorale a Lille la leader del Front National ha rassicurato i suoi sostenitori che lasciare l'eurozona, come da lei proposto, "non trascinerebbe il Paese nel caos". "E' arrivato il tempo di sconfiggere i 'globalisti'. Il mio è un messaggio di libertà, emancipazione e liberazione", ha aggiunto Le Pen invitando "tutti i patrioti a riunirsi sotto la nostra bandiera".

21:40Atletica: Mondiali cross, il Kenya detta legge

(ANSA) - KAMPALA, 26 MAR - L'infinito dualismo tra Kenya ed Etiopia ha appena scritto un nuovo capitolo della sua storia ai Mondiali di corsa campestre. Oggi a Kampala, in Uganda, 12 sono le medaglie con la bandiera keniana (4 ori, 5 argenti e 3 bronzi), mentre 9 (4 ori, 4 argenti e 1 bronzo) quelle per i colori etiopi. I padroni di casa dell'Uganda festeggiano con tre podi (1 oro e 2 bronzi), poi Turchia, Eritrea e Bahrain si aggiudicano un bronzo a testa. Nella gara senior maschile si conferma il keniano Leonard Kamworor, mentre la connazionale Irene Cheptai vince il titolo fra le donne. Qui succede qualcosa mai verificatosi prima: 6 atlete ai primi 6 posti dell'ordine d'arrivo, tutte con la stessa bandiera, quella del Kenya che per il sesto anno consecutivo si aggiudica l'oro individuale Senior. La campionessa del mondo è Irene Cheptai, la meno pronosticata alla vigilia. Nell'Under 20, l'etiope Letesenbet Gidey ripete il successo femminile di due anni fa, invece l'ugandese Jacop Kiplimo conquista in casa l'oro juniores.

21:30Calcio: Clericus Cup, niente 4/i,eliminata Chape pontificia

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - E' domenica di passione quella trascorsa alla Clericus Cup, dove ci sono stati i verdetti nel girone C e D. Le titolate Mater Ecclesiae e Redemptoris Mater attendevano insieme alla sorpresa Collegio Pio Brasiliano l'altra qualificata ai quarti di finale in maggio. Il pass tra le migliori 8 va al Pio Latinamericano, che con una rete del polacco Malczewski supera la mista formata dai Missionari devoti al beato Giuseppe Allamano e dai seminaristi del Collegio Santa Monica. Questi ultimi a fine partita erano inconsolabili, visto che si sono visti annullare 4 gol, tutti per fuorigioco a loro dire inesistenti. Ricca di significato la prima vittoria del Chape Cusmano Belga, sul Vaticano Anselmiano, squadre entrambe eliminate, ma battagliere. Dopo essere passata in svantaggio, la Chape pontificia reagisce e ribalta il risultato con 2 gol del congolese Mutombo e uno di Fukimuasi. Felice padre Adenis, anima del Collegio: "Una bella vittoria per chiudere al meglio il torneo e onorare il ricordo dei caduti della Chape".

21:18Coni: Malagò, è difficile dare sufficienza alla Raggi

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - "E' una ferita che brucia ancora. Non mi aspettavo dalla Raggi che non ci fosse neanche la possibilità di interloquire e di spiegare il progetto". Così il presidente del Coni Giovanni Malagò, nel corso del 'Faccia a faccia' su La7, risponde a una domanda sulla candidatura sfumata di Roma per l'Olimpiade del 2024. Era un affare a rischio? "No - risponde Malago' -, sono cambiate le regole del gioco. Si trattava di fare opere temporanee e utilizzare gli impianti che c'erano. Per la prima volta il Cio donava un miliardo e 700 milioni di dollari a chi avrebbe vinto la competizione". Quindi Malagò che voto dà alla sindaca Virginia Raggi per quanto fatto finora? "La sufficienza è difficile dargliela", risponde il presidente del Coni, secondo il quale un primo cittadino di Roma "deve essere un tecnico, fuori dai partiti politici e senza cambiali da pagare". Il discorso va poi sul ministro dello Sport Luca Lotti: "gli dico grazie, è una persona attenta e sensibile alle istanze del nostro mondo. Se doveva dimettersi?No".

20:59Pallavolo: playoff Superlega, risultati semifinali scudetto

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Risultati delle partite di gara-2 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo: Azimut Modena - Lube Civitanova 3-1 (21-25, 27-25, 25-16, 34-32) Sir Conad Perugia - Diatec Trentino 3-1 (30-28, 20-25, 25-19, 25-22) (giocata ieri) In entrambi i casi la situazione nella serie è di 1-1. I match di gara-3 (Lube-Azimut e Diatec-Sir Conad) sono in programma il 9 aprile.

20:17Pestato da gruppo di giovani, 20enne in fin di vita

(ANSA) - ROMA, 26 MAR - Lotta tra la vita e la morte un ragazzo ventenne di Alatri, nel Frusinate, massacrato di botte da un gruppo di giovani nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lo si apprende da fonti sanitarie. Trasportato in gravissime condizioni al Policlinico Umberto I di Roma è ricoverato in terapia intensiva.

Archivio Ultima ora