Ciampi il banchiere diventato presidente di tutti

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

19981231 - ROMA - ECO - EURO: CIAMPI; SEMBRAVA UTOPIA, OGGI E' REALTA' - Il ''grande sogno'', che sembrava utopia, oggi si e' realizzato. Cosi' ha esclamato, con orgoglio, il ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi fotografato accanto alla macchina coniatrice. ''L' Italia apportera' inventiva e creativita' - ha detto il ministro - e l' immagine dell' uomo di Leonardo che compare sulla prima moneta coniata simboleggia proprio questo contributo all Europa''. CLAUDIO ONORATI/ANSA/DEF

19981231 – ROMA – ECO – EURO: CIAMPI; SEMBRAVA UTOPIA, OGGI E’ REALTA’ – Il ”grande sogno”, che sembrava utopia, oggi si e’ realizzato. Cosi’ ha esclamato, con orgoglio, il ministro del Tesoro Carlo Azeglio Ciampi fotografato accanto alla macchina coniatrice. ”L’ Italia apportera’ inventiva e creativita’ – ha detto il ministro – e l’ immagine dell’ uomo di Leonardo che compare sulla prima moneta coniata simboleggia proprio questo contributo all Europa”.
CLAUDIO ONORATI/ANSA/DEF

ROMA. – Carlo Azeglio Ciampi è stato un economista di grande prestigio, ha retto la Banca d’Italia per 14 anni e per le sue competenze e qualità morali è approdato alle più alte cariche politiche. Prima come presidente del Consiglio nel periodo più acuto di crisi della Prima Repubblica, dopo come ministro dell’ Economia garante dell’entrata dell’ Italia nell’euro per poi salire al Quirinale come uomo delle istituzioni senza aver alcuna tessera di partito in tasca.

A parte una militanza giovanile nel Partito d’Azione, Ciampi negli anni turbolenti del dopoguerra non aderì ad alcuna formazione politica, non ha mai occupato, peraltro, un seggio in Parlamento, si è costruito il suo prestigio di studioso e di economista lontano dai Palazzi della politica negli austeri ambienti di palazzo Kock.

La sua figura super partes di economista, studioso discreto e servitore dello Stato, capace di avere un consenso bipartisan, prestato alla politica per guidare la transizione apertasi con la crisi dei partiti investiti da tangentopoli, gli ha consentito, una volta eletto al Quirinale nel 1999 di diventare il “presidente di tutti”.

Un volto rassicurante di padre di famiglia su cui poter contare. Dei suoi nove predecessori, l’unico ad avere un identikit simile era stato Luigi Einaudi (1948-1955), anch’egli ex governatore della Banca d’Italia. Cosa ora rimane del “Presidente senza partito”? Sicuramente gli incessanti appelli al dialogo bipartisan. Il confronto – scontro istituzionale, anche se con toni misurati, con Silvio Berlusconi. La riscoperta del Tricolore e dell’Inno di Mameli e il viaggio nella memoria.

Sarà un dettaglio da poco, ma significativo, aver aperto al pubblico il Vittoriale, quel monumento imponente che detiene le spoglie del milite ignoto sempre serrato da una cancellata che i romani avevano battezzato per il suo biancore marmoreo la “torta nunziale”.

Quello di Ciampi è stato un settennato per molti versi sorprendente. Cominciato in sordina, si è imposto con un crescendo inatteso. In tanti ricordano le diffidenze iniziali per un presidente veramente estraneo ai partiti e lo stupore destato dall’elezione con una maggioranza così ampia (707 voti su 990 e al primo scrutinio). Basta dire che per indicare quella eccezionale convergenza di opposti schieramenti fu coniato un nuovo termine: il ‘metodo Ciampi’.

Ad altri, invece, Ciampi sembrò un presidente transitorio, di ripiego. Lo faceva pensare il suo curriculum vitae tutto tecnico. Si sbagliavano: per sette anni è Ciampi a giocare nella vicenda politica nazionale il ruolo di ‘garante attivo’, con il Vangelo della Costituzione in mano, con sue idee politiche, con radicate convinzioni laiche, democratiche ed europeiste, da uomo impegnato a difendere con passione civile e determinazione le sue opinioni.

Il presidente livornese era stato per 14 anni (1979-1993) alla guida della Banca d’Italia, per un anno presidente del Consiglio (1993-1994), per tre anni ministro del Tesoro. Il prestigio e l’autorevolezza guadagnati in questi ruoli gli permisero di dare al Quirinale una centralità in gran parte inedita nella vita italiana. Col suo lavoro di raccordo fra le istituzioni, la riscoperta dell’Inno Nazionale e del Tricolore come momenti forti attorno ai quali “cementare l’identità nazionale”, dei monumenti simbolo dell’Unità nazionale, Ciampi conferì al Quirinale l’immagine della ”casa degli italiani”, come amava ripetere in quegli anni.

La scelta europeista, e la grande partita per far entrare l’Italia nel gruppo di testa tra i paesi che hanno adottato l’Euro, fu una costante, un punto fermo, un radicamento della sua vita politica prima e durante il settennato. Era il “padre della moneta unica” e lo ricordava costantemente insieme alla sua vocazione europea.

La sua azione di persuasione, svolta in gran parte per linee interne, è passata come lo stile della moral suasion che si condensa nella formula: senza dialogo non si trovano mai soluzioni politiche. La moral suasion ha avuto successo anche su fatti eclatanti come dopo il G8 di Genova, e alla vigilia dell’attacco anglo-americano contro Saddam Hussein, quando Ciampi richiamò l’art.11 della Costituzione e trattenne il governo Berlusconi dalla tentazione di deliberare una partecipazione militare italiana da belligeranti: il premier ripiegò poi sull’invio di una missione umanitaria protetta militarmente e giunta in Iraq quando le operazioni belliche per la caduta del regime erano già concluse.

Ciampi ha usato con moderazione i suoi pochi poteri (ma li ha usati) ed ha usato il prestigio personale e l’autorevolezza per ampliarli: con le esternazioni e attraverso l’intesa con altre istituzioni. Ha rivendicato ed esercitato il diritto-dovere di dare consigli a tutti: anche all’esecutivo. In questo senso, è stato un presidente interventista dallo stile indubbiamente innovativo. In alcuni casi è intervenuto anche nell’iter legislativo, con la ‘moral suasion’. Ma quando i suoi richiami non sono stati ascoltati ha detto dei ‘no’ chiari e tondi.

Ciampi ha toccato le corde profonde del Paese nei momenti più drammatici, impersonando il dolore di una Nazione: le sfide-ricatto delle bombe del ’93;i solenni funerali di Stato per i caduti di Nassiriya, le esequie dei bambini della scuola terremotata di San Giuliano di Puglia. Nei momenti di disorientamento è stato il pacificatore, il pompiere che ha spento mille focolai di scontro troppo acceso, l’arbitro dei conflitti insanabili, il predicatore instancabile del dialogo e della concertazione, il saggio che indica i nodi da sciogliere e al tempo stesso istilla fiducia.

(di Paolo Cucchiarelli/ANSA)

Ultima ora

16:08Mose: Cantone, più problemi di quanto si potesse immaginare

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Per il Mose ci sono a dire il vero molti più problemi di quanto potessi immaginare. Ci sono anche un po' di incertezze e scarse chiarezze su una serie di cose che stanno avvenendo ma per un fatto di riservatezza non posso dire altro". L'ha detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. "Il commissariamento nella prima fase ha dato un segnale di discontinuità che c'è ancora - ha continuato - ma le difficoltà che stiamo incontrando adesso non sono tutte spiegabili e dobbiamo capire bene cosa sta avvenendo".

16:04Soffocò figlia tre mesi nel sonno, iniziato processo a Bari

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Con la costituzione delle parti e l'ammissione di liste testi e mezzi di prova è iniziato dinanzi alla Corte di Assise di Bari il processo nei confronti del 30enne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di tre mesi soffocandola nel sonno. L'uomo, presente oggi nella cella dell'aula, è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato. Già in udienza preliminare si era costituita parte civile l'ex compagna dell'imputato, Angela Acquaviva, madre della bimba deceduta. Stando alle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Simona Filoni, il 30enne avrebbe soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. La piccola era nata nell'ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo la Procura, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne.

15:45Fontana, dovrebbe cambiare Costituzione che parla di razze

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato": così Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia, è tornato a parlare delle polemiche per l'espressione 'razza bianca' che ha usato parlando della questione migrazione. A "Fatti e misfatti" su Tgcom24 ha comunque ricordato che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze".

15:16Migranti: Macron a Calais, ‘giungla non si ripeterà’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "In nessun caso lasceremo che una 'Giungla' possa riformarsi": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, rivolgendosi alle forze di sicurezza a Calais, città simbolo della crisi migratoria nel nord della Francia, dove, dopo 15 mesi dallo sgombero del campo irregolare di migranti, i problemi restano con la presenza di oltre 600 esiliati ancora sul posto e la speranza di raggiungere la Gran Bretagna. La missione di Macron punta anche a sedare le crescenti polemiche rispetto alla futura legge su asilo e immigrazione allo studio del governo di Parigi. Intanto, il Premio Nobel per la letteratura, Jean-Marie Gustave Le Clézio, denuncia la distinzione tra migranti economici e rifugiati in fuga dalla guerra tuonando contro una "insopportabile negazione di umanità".

15:16Moto: Iannone, io e Belen una coppia normale

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - Una vita poco 'social' ma lo stesso piena d'amore e di passione, tanto che "succede che la sera mi ritrovo con Belen, mangiamo un brodino insieme e alle dieci a nanna. Mentre fuori il mondo parla". A parlare della sua nuova vita è Andrea Iannone, pilota della Suzuki e compagno da due anni della popolare showgirl che per la prima volta racconta la sua storia d'amore al settimanale 'Chi' nel numero in edicola domani. Parlando del tanto chiacchierato rapporto con la modella argentina, il 29enne abruzzese chiarisce "di preferire la realtà vera a quella social. Belen e io non amiamo farci foto insieme, adoriamo goderci il tempo insieme e questo, per chi vive sui social o sui giornali, è un grandissimo male. Noi veniamo anche giudicati per questo. Io e Belen ci siamo conquistati con il tempo e oggi so che è la donna della mia vita". "Questa storia può durare in eterno o finire - aggiunge il pilota Suzuki - ma io ringrazierò sempre di averla vissuta perché in ogni caso sono diventato un uomo migliore".

15:11Autonomia: Bonaccini, accordo con Governo prima di elezioni

(ANSA) - BOLOGNA, 16 GEN - Sarà sottoscritta, salvo imprevisti, entro febbraio, e quindi prima delle elezioni politiche, l'intesa preliminare fra Governo, Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto per l'ottenimento di maggiore autonomia. Lo ha annunciato, nell'aula del consiglio regionale, il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. La firma, ha detto Bonaccini, porrebbe "un punto fermo alla vigilia delle imminenti elezioni politiche, dal quale il nuovo esecutivo, di qualsiasi colore sia, non potrà più tirarsi indietro. Se si concluderà con esito positivo sarà un percorso di portata storica. Per la prima volta si riapre il dibattito sul regionalismo, in vista di una valorizzazione delle autonomie nella cornice sacra dell'unità del nostro Paese. Proveremo a superare il disagio che il centralismo statale ha creato nelle regioni più virtuose per innescare una competizione positiva che porti a comportamenti più efficienti". (ANSA).

15:05Calcio: Bari, una maglia speciale per 110 anni del club

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Una maglia speciale, firmata Peroni, per celebrare i 110 anni del Bari. In occasione dell'anniversario della fondazione della società biancorossa, i dirigenti del Football club Bari 1908 hanno incontrato stampa e tifosi per presentare la nuova divisa che i calciatori indosseranno nei prossimi incontri di campionato contro Cesena ed Empoli, una maglia bianca con strisce laterali rosse. Il 15 gennaio 1908 a Bari fu fondata la prima società calcistica cittadina. Una squadra che in 110 anni di storia ha mantenuto immutati i colori sociali: il bianco e il rosso. Gli stessi di Birra Peroni, presente a Bari fin dal 1924 "Siamo davvero orgogliosi di celebrare da protagonisti questo anniversario - ha detto Pierluigi Quattrini, sponsorship & events manager di Birra Peroni - Birra Peroni è parte della storia e dell'identità della città di Bari. Quest'anno con Peroni sulla maglia del FC Bari 1908 il sogno di molti è diventato realtà".

Archivio Ultima ora