Inno e tricolore, la missione patriottica di Ciampi

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

Una foto di archivio del 4 Maggio dello scorso anno del  Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi con la Bandiera della Scuola Navale Militare  " F.Morosini " .   Enrico Oliverio-Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica/ARCHIVIO ANSA/DEF

Una foto di archivio del 4 Maggio dello scorso anno del Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi con la Bandiera della Scuola Navale Militare ” F.Morosini ” . Enrico Oliverio-Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica/ARCHIVIO ANSA/DEF

ROMA. – Difficile, quando si pensa a Carlo Azeglio Ciampi, non ricordarlo impettito e con la mano sul cuore di fronte al tricolore. Del Presidente della Repubblica che più di ogni altro ha cercato di suscitare negli italiani un non retorico senso di appartenenza alla Nazione, un convinto recupero dell’idea di Patria, restano innumerevoli immagini di solenni omaggi alla bandiera italiana.

Riprese che lo immortalano mentre intona l’Inno di Mameli nelle province italiane o nelle visite ufficiali all’estero, filmati della sua emozione profonda mentre accarezza il tricolore avvolto attorno alle bare di militari caduti servendo il Paese.

E memorie di fastosi ricevimenti al Quirinale per la Festa della Repubblica, messaggi commossi in occasione della festa del tricolore del 7 gennaio, sorrisi nelle piazze davanti allo sventolare degli stendardi verdi, bianchi e rossi . Dell’amore per la ‘Nazione’ nel suo senso più nobile, dell’unità nazionale Ciampi è stato esegeta e custode durante il suo settennato e ancora oltre. Una missione compiuta, con successo, proprio negli anni in cui la Lega Nord sparava a zero contro l’unità d’Italia.

“Il tricolore è il simbolo dell’unità nazionale”, ha più volte chiamato gli italiani a sentire l’appartenenza ad una storia comune e a riconoscersi con convinzione nei simboli della Repubblica. “La bandiera tricolore va esposta nelle nostre case e tenuta con cura. E’ un simbolo vivo e attuale che dovrebbe essere donato dai sindaci che indossano la fascia tricolore alle coppie di sposi e a ogni nuovo cittadino italiano” ha più volte esaltato la sacralità della bandiera, spesso concludendo i suoi discorsi con un convinto “Viva il tricolore, viva la nostra bandiera, viva l’Italia”.

Patria è il termine che Ciampi da capo dello Stato ha riportato nel lessico politico italiano, percependo nel suo viaggiare fuori e dentro i confini nazionali un bisogno forte di unità, di comune sentire, di appartenenza. E sempre unendo con un filo rosso ideale Risorgimento, Resistenza, Costituzione della Repubblica.

(di Milena Di Mauro/ANSA)

  • Lilith

    Ma non diciamo stupidaggini. Questa è forse l’unica volta che sono d’accordo con quel pirla di Salvini. Ciampi è stato uno schifoso traditore di quella patria che faceva finta di amare nelle celebrazioni ufficiali quando invece con la sua opera l’ha distrutta.

    Come?

    1) 1981 –> “divorzio” fra Tesoro e Banca d’Italia, in qualità di governatore della BI (ed in accordo col ministro Andreatta).
    Da allora, la BI non fu più obbligata ad acquistare i titoli di Stato rimasti invenduti, i tassi d’interesse decollarono di conseguenza ed il debito pubblico raddoppiò nel corso di un decennio.

    2) 1990-1992 (ultimi anni dello SME) –> sempre in qualità di governatore di Banca d’Italia, bruciò centinaia di miliardi di dollari di riserve valutarie di Bankitalia (dunque patrimonio di Stato), nel vano e controproducente tentativo di tenere alto il cambio della Lira, al fine di non uscire dallo SME (l’accordo di cambi fissi intra-europeo antesignano dell’euro). Il che comportò un doppio danno: oltre all’erosione delle riserve di valuta estera, la permanenza forzata all’interno dello SME penalizzò l’export italiano ed inasprì il deficit della bilancia commerciale (in questo senso, pochi anni dopo l’euro agì allo stesso modo dello SME).

    3) seconda metà anni ’90 –> in qualità di ministro del Tesoro, pilotò la politica economica e le manovre finanziarie in modo da garantire l’ingresso dell’Italia nell’euro, condannandoci dunque a tornare nelle stesse condizioni in cui eravamo sotto lo SME, dopo solo pochi anni di relativo benessere economico grazie alla ritrovata fluttuazione del cambio valutario.

    In più è stato alla regia delle più grande svendita di patrimonio pubblico, secondo solo alla svendita dell’ex U.R.S.S.

    Se amate l’Italia come dite, scrivete meno stronzate ed informatevi meglio.

Ultima ora

20:53Ultrà: processo appello Agnelli il 15 novembre

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - E' stato fissato per il 15 novembre prossimo l'appello per il processo sportivo al presidente Andrea Agnelli e alla Juve, per rapporti non consentiti con la tifoseria. Lo apprende l'Ansa. In primo grado Agnelli era stato condannato a un anno di inibizione, il club a 300 mila euro di multa. La corte d'appello della Figc si riunirà il 15 novembre alle 15, per esaminare i ricorsi.

20:38Champions: Qarabag-Atletico Madrid 0-0

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Buone notizie per la Roma da Baku, dove il Qarabag ha imposto lo 0-0 all'Atletico Madrid, in una partita della terza giornata del Gruppo C di Champions League. Con questo punteggio gli spagnoli salgono a 2 punti ma restano alle spalle dei giallorossi, che di punti ne hanno invece 4 e hanno già vinto in trasferta contro gli azeri. Il Qarabag, reduce dalle sconfitte con Chelsea e Roma, ottiene il suo primo punto.

20:37Chelsea-Roma: De Rossi e Florenzi fuori

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Eusebio Di Francesco rinuncia a Daniele De Rossi e Alessandro Florenzi per Chelsea-Roma, nella terza giornata della fase a gironi della Champions League. Al loro posto, il tecnico giallorosso metterà in campo Maxime Gonalons e Gerson, per un inedito 4-3-2-1. Per il Chelsea, in campo dal primo minuto, l'ex Juventus Alvaro Morata, recuperato da un infortunio.

20:26Hiv: condannato per aver trasmesso virus al compagno

(ANSA) - TEMPIO, 18 OTT - E' stato condannato a otto anni di carcere senza sospensione condizionale della pena per aver nascosto al convivente di essere sieropositivo. Un olbiese di 36 anni dovrà scontare la pena per lesioni gravi perché, non informando l'uomo che viveva con lui ed avendo rapporti sessuali non protetti, gli ha trasmesso il virus dell'Hiv. La sentenza è stata emessa dal Tribunale di Tempio Pausania, collegio presieduto dal magistrato Marco Contu, che ha accolto le richieste del pm Cristina Carunchio. Si tratta di una delle prime sentenze per casi di questo tipo in Italia.

20:01Papa: chi lotta per il potere non santifica nome di Dio

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 18 OTT - "Diciamo di essere cristiani, di avere un Padre, ma viviamo, non dico come animali, ma come persone che non credono né in Dio né nell'uomo, senza fede, e viviamo anche facendo del male, non nell'amore ma nell'odio, nella competizione, nelle guerre. E' santificato nei cristiani che lottano fra loro per il potere? E' santificato nella vita di quelli che assoldano un sicario per liberarsi di un nemico? E' santificato nella vita di coloro che non si curano dei propri figli? No, lì non è santificato il nome di Dio". Così Papa Francesco a don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova, nel colloquio in onda su Tv2000 nel programma 'Padre nostro', dal 25 ottobre ogni mercoledì alle 21.00. L'anteprima è stata presentata oggi alla Filmoteca Vaticana dal prefetto per la Comunicazione, mons. Dario E. Viganò, il direttore di Tv2000, Paolo Ruffini, don Pozza e il regista Andrea Salvadore. Dall'incontro è nato anche il libro 'Padre nostro' di Papa Francesco (Rizzoli-Lev) in uscita il 23 novembre.

19:52Noemi:conferito incarico perizia psichiatrica,Lucio presente

(ANSA) - LECCE, 18 OTT - Era presente anche Lucio, questa mattina, nel Tribunale per i minorenni di Lecce al conferimento dell'incarico per la perizia psichiatrica che dovrà accertare se il diciassettenne fosse in grado di intendere e volere nel momento in cui ha ucciso Noemi Durini, la sua fidanzata 16enne. La ragazza di Specchia, scomparsa il 3 settembre scorso, fu trovata morta il 13 settembre sotto un cumulo di pietre in una campagna di Acquarica del Capo (Lecce). Il 17enne reo confesso del delitto si é presentato a sorpresa, accompagnato dagli educatori dell'Ipm di Quartuccio (Cagliari), dove attualmente é detenuto. Il giovane, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dalla crudeltà e dai utili motivi, é rimasto in silenzio per tutta l'udienza facendo rientro già in giornata in Sardegna. Il gip del Tribunale per i Minorenni Ada Colluto ha dato 80 giorni per il deposito delle consulenze. Il 3 novembre cominceranno le operazioni peritali.

19:50Calcio: Fiorentina, allenamento a porte aperte

(ANSA) - FIRENZE, 18 OTT - Dopo la lezione tattica ai giornalisti la scorsa settimana, Stefano Pioli questa mattina ha permesso loro di assistere all'allenamento all'interno del centro sportivo. Una novità assoluta considerando le precedenti gestioni, e non è finita qui. Perché in vista della gara con la Roma del 5 novembre il tecnico della Fiorentina ha intenzione di aprire l'allenamento in un giorno precedente anche ai tifosi, facendolo svolgere dentro lo stadio Franchi. Alla sessione di stamani erano presenti anche il dg Corvino, il ds Freitas e il club manager Antognoni. Il tecnico viola ha lavorato in particolare sull'intensità, con esercitazioni e una partitella finale. Il ritorno al successo contro l'Udinese ha riportato serenità nella squadra viola attesa dalla trasferta con il Benevento per la quale Pioli dovrà fare a meno degli infortunati Saponara e Gil Dias. L'obiettivo è sfruttare il calendario che vedrà la Fiorentina impegnata, oltre che in Campania, con il Torino in casa e il Crotone fuori prima della Roma.

Archivio Ultima ora