Renzi, scontro con Merkel e Hollande su conti e migranti

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

Italian Prime Minister Matteo Renzi give his closing press conference at the end of the EU's informal summit of the 27 heads of state or governments, in Bratislava, Slovakia, 16 September 2016. EPA/FILIP SINGER

Italian Prime Minister Matteo Renzi give his closing press conference at the end of the EU’s informal summit of the 27 heads of state or governments, in Bratislava, Slovakia, 16 September 2016. EPA/FILIP SINGER

BRATISLAVA. – “Non sono soddisfatto delle conclusioni” del vertice “su crescita e immigrazione”. Per questo “non posso fare una conferenza stampa con Merkel e Hollande”, che invece le condividono. “Non devo fare una recita a copione per far vedere che siamo tutti uniti”.

Matteo Renzi non fa nulla per nascondere la sua delusione al termine del primo vertice europeo senza la Gran Bretagna che avrebbe dovuto ricompattare l’Europa. E mentre al piano terra del centro congressi di Bratislava la cancelliera tedesca e il presidente francese in conferenza stampa congiunta ricompattano il vecchio schema franco-tedesco e assicurano che lo spirito del summit è “la collaborazione”, lui spara a zero sull’ennesima occasione mancata per l’Europa. E assicura che se non cambieranno le politiche sull’economia e l’immigrazione l’Ue “rischia molto”.

Il vertice a Bratislava, dice, “non è stato tempo perso. Ma definire il documento sui migranti di oggi un passo avanti richiede della fantasia” degna dei “funamboli da vocabolario. Si sono ridette le solite cose e io gliel’ho detto molto chiaramente: ‘Non è che potete pensare che con l’accordo con la Turchia avete risolto tutti i vostri problemi’ “.

E va oltre. O “l’Ue fa accordi con i Paesi africani o li facciamo da soli”, perché è ovvio che “l’unica cosa che fa la guardia costiera” europea non può essere “portare i migranti in Sicilia”. Ora, “vogliamo vedere i fatti”.

Stessa schiettezza sulla crescita: l’austerity, propugnata in primis dalla Germania di Angela Merkel, “non ha funzionato”, bisogna cambiare politica, serve “una chiara strategia di crescita”. E anche qui, un avvertimento: il fiscal compact è in scadenza, dopo 5 anni “si deve decidere cosa fare, se ha un futuro o no”. E come la pensa l’Italia è piuttosto chiaro. Così come è chiaro il divario con Francia e Germania.

“Definire il direttorio a tre la soluzione dei nostri problemi è stata valutazione fatta da alcuni che non ho mai condiviso”, si smarca Renzi. E con un occhio anche al referendum assicura “ai cittadini italiani” che le rigidità europee non impediranno al governo di continuare ad abbassare le tasse, così come di mettere in sicurezza le scuole italiane.

“Se l’Europa deve riavvicinarsi ai cittadini non può essere quel soggetto che mi impedisce di intervenire in edilizia scolastica”, commenta. E ricorda che tra le regole che in Europa devono essere rispettate non c’è solo il deficit, ma anche il “surplus commerciale. E ci sono alcuni Paesi che non le rispettano, il principale è la Germania”.

Al piano terra nel frattempo si sta svolgendo tutto un altro film. Merkel e Hollande rinsaldano – anche plasticamente, con una conferenza stampa a due che non avveniva dal 2011, quando accanto alla Merkel c’era Sarkozy e i due risero parlando di Berlusconi – l’antico asse.

Dicono che la loro apparizione è il simbolo dell’impegno franco-tedesco. Che l’Europa deve tornare ad essere “portatrice di speranza”, che la collaborazione è totale. La speranza però non l’ha persa neppure Renzi. In un tweet a fine giornata dice che l’Europa è a rischio. Ma in conferenza stampa avverte pure che il tempo non è ancora scaduto, ci sono ancora sei mesi. E non vanno sciupati.

“Si è convenuto che l’orizzonte che ci porta da qui fino all’appuntamento di Roma, a marzo 2017, è ufficialmente il momento chiave”, ma deve essere “un percorso che dovrà caratterizzarsi su alcune scelte chiare, altrimenti non saremo in grado di dare risposte all’altezza del messaggio e della sfida arrivati con la Brexit”.

(dell’inviata Paola Tamborlini/ANSA)

Ultima ora

13:34Mondo di mezzo: giudici, nessun legame banda Magliana

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non è possibile stabilire una derivazione tra il gruppo operante presso il distributore di benzina, l'associazione operante nel settore degli appalti pubblici e la banda della Magliana, gruppo criminale organizzato e dedito ad attività criminali particolarmente violente e redditizie che ha operato nella città di Roma, ramificandosi pesantemente sul territorio, oltre 20 anni orsono, tra la fine degli anni 70 e l'inizio degli anni 90". Lo scrivono i giudici della X sezione penale nelle motivazioni al processo al "Mondo di mezzo". "Non è sufficiente l'intervento di Carminati, 'erede della banda della Magliana', a stabilire un rapporto di derivazione tra detta banda e successive organizzazioni in cui Carminati si trovi coinvolto. Peraltro, neppure per la banda della Magliana si è potuti giungere ad affermare che si trattasse di un'associazione di tipo mafioso".

13:31Champions: Chiellini, con Sporting è sedicesimo di finale

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - Juventus-Sporting nel girone di Champions finora dominato dal Barcellona "sarà un vero e proprio sedicesimo di finale". Lo dice Giorgio Chiellini. "Il Barcellona - spiega il difensore bianconero - salvo stravolgimenti arriverà primo e l'Olympiacos non riuscirà a passare turno. Lo Sporting è un'ottima squadra, ha un allenatore che porta brutti ricordi (guidava il Benfica che eliminò la Juve nella semifinale di Europa League nel 2014, ndr)". Lo Sporting Lisbona - conclude Chiellini - "era la squadra più forte della quarta fascia dei sorteggi Champions, abbiamo tanto rispetto per loro. In questa andata e ritorno ci giochiamo la qualificazione".

13:25Golf: torna l’Andalucia Masters, incasso in beneficenza

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Torna, a sei anni dall'ultima edizione, l'Andalucia Valderrama Masters, tappa dell'European Tour, che si disputerà a Sotogrande (Spagna) dal 19 al 22 ottobre. Il torneo potrà contare su un field ricco di big internazionali: il campione Masters Sergio Garcia, che con la sua fondazione sarà il principale partner della competizione. E ancora, il britannico Danny Willett (tra i migliori golfisti in circolazione), il tedesco Martin Kaymer (oro nel 2010 al PGA Championship), lo svedese Robert Karlsson e l'irlandese Padraig Harrington (3 Major). Senza dimenticare Josè Maria Olazàbal, che nel suo invidiabile palmares vanta ben 29 tornei, tra cui quattro Ryder Cup, e l'altro iberico Jon Rahm. A rappresentare l'Italia Nino Bertasio (dopo lo show all'Open che si è chiuso domenica a Monza), Edoardo Molinari, Matteo Manassero, Renato Paratore e Andrea Maestroni. Una gara con l'accento sulla solidarietà. Perché la Fondazione Sergio Garcia ha già annunciato che donerà l'intero incasso del torneo in beneficenza.

13:22Champions:Allegri,Sporting si batte con tecnica e precisione

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - "Domani servirà tecnica, precisione: lo Sporting nelle ultime 14 partite ha perso solo con il Barcellona". Allegri chiede massima attenzione alla Juventus per il match con i portoghesi, crocevia del girone di Champions League: "Sono molto bravi a difendere, ma quando hanno palla giocano bene, hanno giocatori tecnici - ha spiegato il tecnico bianconero -, servirà una grande partita sotto tutti i punti di vista". Dopo due risultati negativi in campionato, la Juventus cercherà di riprendere la marcia in Europa: "Dovremo essere bravi a sbagliare meno tecnicamente - ha osservato Allegri -, con la Lazio abbiamo avuto fretta di chiudere l'azione. In qualunque momento della partita, anche sotto nel punteggio, dobbiamo giocare con velocità e lucidità. Abbiamo avuto occasioni ma anche troppa confusione".

13:20Calcio: Allegri “stagione suspense, marzo sarà divertente”

(ANSA) - TORINO, 17 OTT - "Sarò una stagione molto bella e avvincente con un calendario che porterà grande suspense nel finale, con i tre scontri diretti in calendario. Sono cose che mi divertono molto, penso già a marzo, quando ci sarà grande pressione: sarà molto divertente". Cosi' Massimiliano Allegri, alla vigilia di Juventus-Sporting Lisbona di Champions.

13:08Riina: boss non sta bene, slitta processo a Milano

(ANSA) - MILANO, 17 OTT - Per ragioni di salute, slitta di una settimana il processo in corso a Milano a Totò Riina imputato per minacce di morte al direttore del carcere di Opera Giacinto Siciliano. Lo ha deciso il Tribunale in seguito a una comunicazione del carcere di Parma in cui si spiega che il boss, detenuto al 41 bis, "non può essere al momento trasferito al di fuori della sezione detentiva" dell'ospedale della stessa città dove è ricoverato per via delle sue condizioni fisiche. Secondo fonti del Dap, Riina non è stato sottoposto ad alcun intervento chirurgico, come ipotizzavano alcune indiscrezioni. Questa mattina, spiegano le fonti, per un lieve malore, determinato pare da un calo di pressione, i sanitari del carcere non hanno autorizzato il suo trasferimento nella sala delle videoconferenze per il collegamento col tribunale di Milano dove era in corso il processo a suo carico. Riina ha allora rinunciato a partecipare al dibattimento che dunque è stato rinviato.

13:00Stupri Rimini:Butungu in aula,manifestazione fuori Tribunale

(ANSA) - RIMINI, 17 OTT - E' ripreso questa mattina davanti al Tribunale collegiale di Rimini il processo a Guerlin Butungu, il 20enne congolese arrestato per gli stupri avvenuti a Miramare nella notte tra il 25 e il 26 agosto scorsi. Un'udienza preceduta, fuori dal Palazzo di Giustizia riminese, da una manifestazione del Movimento dalla parte delle donne e delle Vittime. Sulla cancellata del Tribunale è stato esposto uno striscione con la scritta 'Giustizia per le vittime'. Poi un attivista si è alzato urlando "assassino, massimo della pena", quando Butungu è entrato in aula. Alcuni attivisti sono state identificati dalla Polizia presente nella struttura. La Procura della Repubblica ha presentato una memoria in cui si esplicitano le motivazioni della scelta del rito direttissimo e sulla confessione che il congolese ha reso dal carcere di Pesaro. La Corte si è quindi ritirata per un breve momento per esaminare i nuovi documenti. Proprio la scelta del rito è la questione al centro dello scontro tra difesa e accusa.(ANSA).

Archivio Ultima ora