Ue cerca via postBrexit, indispensabile contro i populisti

Pubblicato il 16 settembre 2016 da ansa

(L-R) Danish Prime Minister Lars Lokke, German Chancellor Angela Merkel, Belgian Prime Minister Charles Michel during the Bratislava EU summit, an informal meeting of the 27 heads of state or government, in Bratislava, Slovakia, 16 September 2016.  EPA/OLIVIER HOSLET

(L-R) Danish Prime Minister Lars Lokke, German Chancellor Angela Merkel, Belgian Prime Minister Charles Michel during the Bratislava EU summit, an informal meeting of the 27 heads of state or government, in Bratislava, Slovakia, 16 September 2016. EPA/OLIVIER HOSLET

BRATISLAVA. – “Anche se un paese ha deciso di lasciarla, la Ue resta indispensabile per il resto di noi”. Il primo vertice di un’Europa che cerca la strada dopo lo shock della Brexit si chiude con una ‘Dichiarazione di Bratislava’ che dovrebbe marcare una ritrovata unità, ma che arriva tanto imprevista quanto inusuale alla fine del summit. C’è scritto che “siamo determinati a far sì che la Ue a 27 sia un successo, costruendo sulla storia comune” ed anche a “combattere con coraggio le soluzioni semplicistiche proposte dalle forze estremiste e populiste”.

Da Bratislava arriva anche, questa sì promessa, la roadmap schematica che fissa già l’agenda dei lavori per migrazione, sicurezza, sviluppo sociale ed economico e garanzie da dare ai giovani per i prossimi summit formali di ottobre e dicembre, per il nuovo incontro a 27 di febbraio a La Valletta fino alle celebrazioni di marzo a Roma per il 60/o anniversario dei Trattati, dove l’obiettivo è avere i risultati.

Ma è proprio quella di Matteo Renzi la voce fuori dal coro di consenso attorno alla conferenza stampa congiunta di Angela Merkel e Francois Hollande, che marca la rinascita dell’asse Berlino-Parigi e per la quale ritarda di quasi un’ora la conferenza stampa finale di Tusk, Juncker e Fico.

L’idea di base a Bratislava, espressa nella ‘Dichiarazione’, è quella di “migliorare la comunicazione, tra stati membri e con le istituzioni, ma ancora più importante con i cittadini”. “Dobbiamo iniettare più chiarezza nelle nostre decisioni, usare un linguaggio onesto e chiaro” e “concentrarci sulle aspettative dei cittadini” per combattere il populismo dilagante sottolineato dalla Brexit.

Quello che emerge, almeno a parole, è anche un’apparente pace tra istituzioni. Con Donald Tusk che si congratula pubblicamente con Jean Claude Juncker per il suo Discorso sullo stato dell’Unione di mercoledì a Strasburgo. E larghe parti di quelle proposte vengono riprese. Per il controllo delle frontiere esterne arriva l’esborso immediato di 108 milioni per la Bulgaria (e altri 72 “nelle prossime settimane”), con la promessa dell’arrivo di 200 guardie per il controllo del confine con la Turchia.

C’è anche l’impegno a valutare “entro dicembre” i ‘migration compact’ con i primi 5 paesi africani. Per la sicurezza anti-terrorismo, l’impegno alla “cooperazione intensificata” tra i servizi per lo scambio di informazioni e a far partire l’Etias per i controlli in anticipo in stile Usa su chi vuole arrivare in Europa anche se non deve chiedere visto.

Ma è sulla difesa comune, che con l’uscita della Gran Bretagna lascerebbe il carico sulla sola Francia (unica detentrice del deterrente nucleare tra i 27), che si intravedono i passi più concreti. Anche dal gruppo di Visegrad – che pure porta una sua diversa roadmap al vertice – arriva il via libera a far avanzare la ‘Strategia Globale’ sulla quale Federica Mogherini è già al lavoro.

Sul tavolo del summit di dicembre dovrebbe arrivare il piano di messa in atto, almeno per un quartiere generale unico a Bruxelles e la possibilità di rendere davvero operativi i ‘battle group’ a cui Londra aveva sempre detto no. E sul piano economico, nella roadmap si ipotizzano decisioni “a favore degli Stati membri che lottano contro la disoccupazione giovanile” e passi avanti per sviluppare “il mercato unico digitale, le infrastrutture e l’energia”, che secondo Merkel e Hollande sono le linee di sviluppo per ritrovare la crescita e creare occupazione.

Ma Angela e Francois sottolineano più volte che sono loro a guidare. “Abbiamo fissato le priorità e fatto l’agenda sulla base delle proposte di Francia, Germania e altri paesi”.

(dell’inviato Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

00:02Champions: Guardiola “vittoria che vale”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non posso giudicare le difficoltà del Napoli durante la prima mezz'ora, ma è stata la partita che mi aspettavo: è impossibile dominare una squadra come il Napoli per 90', quindi devo fare i complimenti ai 'miei' giocatori, perché so contro quale tipo squadra abbiamo vinto. Non abbiamo giocato contro dei ragazzini, ma contro una formazione che in Serie A ha vinto otto partite di fila". Così Pep Guardiola commenta la vittoria del Manchester City contro il Napoli, in Champions. "Questa è una una vittoria importantissima nell'economia del passaggio del turno", conclude l'allenatore spagnolo.

00:00Sarri: “25′ scadenti, poi messo City in difficoltà”

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - "Non so cosa sia successo nei primi 30': abbiamo sbagliato pressioni e distanze, concesso troppi spazi a una squadra devastante. Prendere gol dopo 5' è stato pesante: nei primi 25' siamo stati scadenti, ma nei restanti 75' abbiamo reagito, imponendoci. Giocare alla pari contro questi avversari, ci lascia fiduciosi". Così, a Premium sport, Maurizio Sarri. "Il City è una squadra difficile da affrontare, ma l'abbiamo messa in difficoltà e questo è un grande segnale. Insigne aveva un dolore all'adduttore, non dovrebbe essere nulla di grave".

23:46Champions: i risultati della terza giornata

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - I risultati delle partite valide per la terza giornata di Champions league, disputate stasera: Maribor-Liverpool 0-7, Real Madrid-Tottenham 1-1, Feyenoord-Shakhtar Donetsk 1-2, Monaco-Besiktas 1-2, Spartak Mosca-Siviglia 5-1, Lipsia-Porto 3-2, Apoel Nicosia-Borussia Dortmund 1-1.

23:17Champions: Manchester City-Napoli 2-1

(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Il Manchester City ha battuto 2-1 (2-0) il Napoli, in una partita valida per il Gruppo F di Champions League. Inglesi in vantaggio al 9' con Sterling e bravi a raddoppiare con Gabriel Gesus al 13'. Dopo che al 38' Mertens si era fatto parare un rigore dal portiere Ederson, nella ripresa i partenopei hanno accorciato le distanze - sempre su rigore - con Diawara, al 28'. Manchester City a punteggio pieno nel raggruppamento, il Napoli fermo a tre, con lo Shakhtar salito a 6.

23:09Usa: giudice Hawaii blocca ultimo ‘travel ban’ Trump

(ANSA) - WASHINGTON, 17 OTT - Un giudice federale delle Hawaii ha bloccato l'ultima versione del 'travel ban' di Donald Trump poche ore prima che entrasse in vigore. Il provvedimento prevede restrizioni per l'arrivo in Usa da otto Paesi. Secondo il giudice, l'ordine esecutivo di Trump crea discriminazioni sulla base della nazionalità. Il provvedimento sarebbe dovuto entrare in vigore alla mezzanotte, ora di Washington (le 6 di domani mattina in Italia). La Casa Bianca ha subito definito la decisione del giudice "pericolosamente errata" E' stata così accolta la richiesta delle Hawaii, secondo cui il nuovo bando è la continuazione della "promessa di Donald Trump di escludere i musulmani dagli Usa". Il 'travel ban' prevede restrizioni per i cittadini di Ciad, Iran, Libia, Corea del Nord, Somalia, Siria, Yemen e per alcuni dirigenti di governo venezuelani.

21:57200mila manifestanti in piazza a Barcellona

(ANSA) - BARCELLONA, 17 OTT - Duecentomila persone partecipano alla concentrazione nel centro di Barcellona per chiedere la liberazione dei due dirigenti indipendentisti, Jordi Sanchez e Jordi Cuixart, accusati di 'sedizione' e arrestati ieri sera per ordine di un giudice spagnolo, secondo le stime della polizia urbana della capitale catalana. Manifestazioni pacifiche parallele si svolgono in altri centri della Catalogna.

21:43Appalti sanità Puglia, condannati Gianpi Tarantini e altri 5

(ANSA) - BARI, 17 OTT - Il Tribunale di Bari ha condannato a pene comprese fra i 4 anni e i 2 anni di reclusione sei delle otto persone, fra le quali l'imprenditore Gianpaolo Tarantini e l'ex dg della Asl di Bari Lea Cosentino, imputate in uno dei processi baresi su presunti appalti truccati nella sanità. Colpevoli, a vario titolo, di associazione per delinquere, peculato e truffa. Assolto "per non aver commesso il fatto" da tutte le accuse l'allora direttore amministrativo della Asl Bari Francesco Lippolis. Prosciolto per prescrizione Claudio Tarantini, fratello di Gianpi, che rispondeva unicamente di due episodi di corruzioni. I fatti risalgono agli anni 2008-2010 e riguardano la gestione delle gare e delle trattative per l'acquisto di attrezzature e protesi sanitarie alla Asl di Bari. Tarantini è stato condannato a 4 anni di reclusione per associazione per delinquere e peculato, Lea Cosentino a 2 anni e 6 mesi, l'allora capo area gestione patrimonio della Asl di Bari Antonio Colella e il funzionario Asl Michele Vaira a 3 anni.

Archivio Ultima ora