Ministro Del Pino non scarta la possibilità di aumento della benzina

Pubblicato il 17 settembre 2016 da redazione

La decisione spetta al presidente della Repubblica, Nicolás Maduro

La decisione spetta al presidente della Repubblica, Nicolás Maduro

CARACAS – “Un aumento della benzina? E’ uno scenario che è sempre presente, ma la decisione spetta al presidente della Repubblica, Nicolás Maduro”. Lo ha affermato, durante la manifestazione “chavista” in sostegno al Vertice dei Non Allineati che si svolge in un’isola di Margarita blindata, il ministro dell’Energia e presidente della holding petrolifera Pdvsa, Eulogio Del Pino.

Il ministro ha comunque confermato che nelle prossime settimane, lungo la frontiera venezuelana, saranno aperti distributori nei quali la benzina sarà venduta a prezzo internazionale.

– L’esperienza del progetto messo in atto nello Stato Tachira ha ottenuto un grande successo – ha detto il presidente di Pdvsa –. Abbiamo ridotto sostanzialmente le file di macchine. E’ un modello che valutiamo e probabilmente estenderemo lungo gli stati di frontiera.

Per quel che riguarda, invece, l’incremento dei prezzi della benzina a livello nazionale, argomento che di nuovo è tema di discussione in questi giorni, il ministro né ha confermato né ha negato. Si è semplicemente limitato a segnalare che il tema è sempre in primo piano e che sarà il presidente della Repubblica, qualora si dovesse prendere una decisione, a informarne i venezuelani.

Ultima ora

17:08Moscovici, convergenza con Gentiloni ma aperto a tutti

(ANSA) - STRASBURGO, 16 GEN - "Non è un segreto che sugli orientamenti europei e le decisioni da prendere sulla zona euro c'è una convergenza di vedute molto chiara con Paolo Gentiloni, Pier Carlo Padoan e il governo. Per il resto, questo non significa nulla per quanto riguarda le scelte che faranno gli italiani: la Commissione e io stesso, come d'abitudine, lavoreremo con il governo democraticamente eletto dagli italiani". Così il commissario europeo agli Affari Economici e Finanziari Pierre Moscovici a Strasburgo a margine della riunione del collegio dei commissari.

16:55Calcio: Belotti, ‘io un caso? Nulla di più falso…’

(ANSA) - TORINO, 16 GEN - "Io un caso, una patata bollente? Nulla di più falso e assurdo". Andrea Belotti si sfoga così, su Twitter, bollando come una bufala anche le indiscrezioni di stampa sul presunto "gelo" tra lui e il presidente Urbano Cairo per la promessa - finora non mantenuta - di adeguare il contratto all'attaccante. Il tweet è su rigoroso sfondo granata, quasi a voler sottolineare l'immutato legame con il club e con l'ambiente, che alcuni vorrebbero distratto dalle voci di mercato che lo danno ora al Milan, ora allo United o all'Atletico Madrid. Nessun caso, dunque, secondo Belotti, tornato in questi giorni al lavoro per recuperare dall'ennesimo infortunio di una stagione tribolata. Soltanto 4 i gol fino ad ora realizzati dal bomber, tra cui quello spettacolare in rovesciata al Sassuolo, prossimo avversario dei granata. Difficile che domenica possa tentare di ripeterlo: il numero 9 fino ad ora ha svolto lavoro personalizzato e, quindi, sarà più probabile rivederlo in campo la domenica successiva contro il Benevento.

16:44Calcio: Juve, tifosi ‘trattengono’ Marchisio

(ANSA) - TORINO, 16 GEN - I tifosi della Juventus allontanano Claudio Marchisio dal mercato. "Marchisio non si tocca. Marchisio resta con noi" è lo striscione comparso di fronte allo Juventus Center, dove questa mattina i bianconeri sono tornati ad allenarsi. Un modo per far sentire tutto il loro affetto al 'Principino' e per allontanare le voci di mercato che vorrebbero il centrocampista lontano da Torino. Archiviate le vacanze natalizie, la squadra è tornata ad allenarsi agli ordini del tecnico Allegri. Da valutare gli infortunati, tra cui capitan Buffon e Cuadrado, che potrebbero recuperare per il posticipo di lunedì col Genoa, dove dovrebbe rientrare anche De Sciglio. Più lunghi i tempi di recupero di Dybala.

16:08Mose: Cantone, più problemi di quanto si potesse immaginare

(ANSA) - VENEZIA, 16 GEN - "Per il Mose ci sono a dire il vero molti più problemi di quanto potessi immaginare. Ci sono anche un po' di incertezze e scarse chiarezze su una serie di cose che stanno avvenendo ma per un fatto di riservatezza non posso dire altro". L'ha detto il presidente dell'Anac Raffaele Cantone. "Il commissariamento nella prima fase ha dato un segnale di discontinuità che c'è ancora - ha continuato - ma le difficoltà che stiamo incontrando adesso non sono tutte spiegabili e dobbiamo capire bene cosa sta avvenendo".

16:04Soffocò figlia tre mesi nel sonno, iniziato processo a Bari

(ANSA) - BARI, 16 GEN - Con la costituzione delle parti e l'ammissione di liste testi e mezzi di prova è iniziato dinanzi alla Corte di Assise di Bari il processo nei confronti del 30enne di Altamura Giuseppe Difonzo, accusato di aver ucciso la figlia di tre mesi soffocandola nel sonno. L'uomo, presente oggi nella cella dell'aula, è accusato di omicidio volontario premeditato pluriaggravato. Già in udienza preliminare si era costituita parte civile l'ex compagna dell'imputato, Angela Acquaviva, madre della bimba deceduta. Stando alle indagini dei carabinieri, coordinate dal pm Simona Filoni, il 30enne avrebbe soffocato la figlia Emanuela, di soli tre mesi, nel suo letto di ospedale nella notte fra il 12 e il 13 febbraio 2016. La piccola era nata nell'ottobre 2015 ed era stata ricoverata per 67 giorni in meno di tre mesi a causa di crisi respiratorie provocate, secondo la Procura, sempre dal padre. Difonzo è detenuto per il delitto dal novembre 2016 ma all'epoca era già in carcere per violenza sessuale su una minorenne.

15:45Fontana, dovrebbe cambiare Costituzione che parla di razze

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - "Ho detto fin dall'inizio che ho usato un espressione inopportuna ma il problema deve essere affrontato": così Attilio Fontana, candidato del centrodestra alla presidenza della Lombardia, è tornato a parlare delle polemiche per l'espressione 'razza bianca' che ha usato parlando della questione migrazione. A "Fatti e misfatti" su Tgcom24 ha comunque ricordato che "dovrebbe anche cambiare la Costituzione perché è la prima a dire che esistono razze".

15:16Migranti: Macron a Calais, ‘giungla non si ripeterà’

(ANSA) - PARIGI, 16 GEN - "In nessun caso lasceremo che una 'Giungla' possa riformarsi": lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, rivolgendosi alle forze di sicurezza a Calais, città simbolo della crisi migratoria nel nord della Francia, dove, dopo 15 mesi dallo sgombero del campo irregolare di migranti, i problemi restano con la presenza di oltre 600 esiliati ancora sul posto e la speranza di raggiungere la Gran Bretagna. La missione di Macron punta anche a sedare le crescenti polemiche rispetto alla futura legge su asilo e immigrazione allo studio del governo di Parigi. Intanto, il Premio Nobel per la letteratura, Jean-Marie Gustave Le Clézio, denuncia la distinzione tra migranti economici e rifugiati in fuga dalla guerra tuonando contro una "insopportabile negazione di umanità".

Archivio Ultima ora