Bomba Ny: Cnn, trovato pezzo carta con una scritta

Pubblicato il 18 settembre 2016 da ansa

(ANSA) – WASHINGTON, 18 SET – Un pezzo di carta con qualcosa scritto sopra è stato trovato sulla 27/ma strada a New York vicino al secondo possibile ordigno, la pentola a pressione simile a quella usata per l’attentato alla maratona di Boston. Lo riferisce la Cnn. Intanto, la polizia di New York ha rivolto un appello ai cittadini: “Chiunque abbia informazioni sull’esplosione di Chelsea è invitato a condividerle con gli investigatori”, si legge su Twitter. A circa dodici ore dall’ordigno che ha seminato il terrore e Manhattan ferendo 29 persone, gli investigatori stanno ancora cercando di capire chi possano essere stati gli autori e si sia trattato di un atto di terrorismo.

I commenti sono chiusi.

Ultima ora

19:16Prodi da Gentiloni a Palazzo Chigi

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Incontro a Palazzo Chigi tra il premier Paolo Gentiloni e Romano Prodi. L'ex premier è arrivato da solo a piedi a Palazzo Chigi verso le 14,50 e si è intrattenuto con il presidente del consiglio per poco più di un'ora. Alla domanda sul motivo della visita, l'ex presidente della commissione Ue non ha risposto.

19:16Terremoto: Mattarella, nessuno sforzo viene risparmiato

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Nessuno sforzo viene risparmiato nel tentativo di salvare vite umane e di soccorrere le persone in difficolta'. Ringrazio per la loro abnegazione i soccorritori che operano in condizioni estreme provocate dalla contemporaneita' di scosse sismiche e di eccezionali nevicate. Questa condizione richiede alla comunita' nazionale grande unita'. Ognuno, per la sua parte, deve agire con intelligenza e responsabilita' per contribuire ad alleviare le sofferenze delle persone coinvolte". Lo dice il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

19:15Terremoto: Boldrini, collaborare per evitare ritardi

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Le istituzioni devono assolutamente collaborare a tutti i livelli, perché non sono tollerabili inefficienze e ritardi sugli aiuti". Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, incontrando i presidenti dei consigli regionali delle regioni terremotate (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria). In questo momento, ha aggiunto Boldrini, "sarebbe bene evitare inutili polemiche".

19:11Sepolti dalla neve a 4 km dalla città, isolati da tre giorni

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 19 GEN - Tornati al Medioevo a 4 km dalla città. Succede a Rosara, frazione di Ascoli Piceno, dove una famiglia - insieme con altri residenti - è bloccata da tre giorni a causa della neve che raggiunge oltre un metro e mezzo d'altezza. "Siamo a 4 km dal centro, sotto scorre la strada provinciale che è percorribile - dice all'ANSA Lorenzo Ermini - mentre quella comunale è chiusa e nessuno è ancora venuto a liberarla". "Chi ha potuto - aggiunge Ermini, che abita con la moglie, la madre 80enne ed è stato raggiunto dalla famiglia del cugino - se n'è andato via a piedi, ma io non posso: ho avuto tre infarti negli ultimi sei anni. E poi non voglio, non si può essere evacuati per la neve nel 2017, è inaccettabile". Ermini e i suoi non hanno energia elettrica, cominciano a essere a corto di viveri, si scaldano grazie al camino (ma la legna sta finendo), e ricaricano i cellulari con la batteria dell'auto. E la sera, dice, si sta a lume di candela.

19:04Ruba maglia Maradona, avvocato denunciato a Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 19 GEN - Aveva sottratto al proprietario, un collezionista, la maglia indossata da Maradona nella partita Inghilterra-Argentina dei mondiali del 1986, ma è stato scoperto e denunciato. Protagonista un avvocato A.B., di Napoli, che era tra gli invitati alla cena organizzata per il campione argentino il 16 gennaio all' Hotel Vesuvio, al termine dello show "Tre volte 10" svoltosi al Teatro San Carlo. A.B., un avvocato noto nel mondo dello spettacolo, si era impadronito della maglia della nazionale argentina e delle scarpette di Maradona, valutate sul mercato collezionistico circa 150 mila euro, che il proprietario aveva portato con sé per farle autografare dall' ex fuoriclasse del Napoli. A scoprire il furto è stato lo stesso proprietario dei cimeli calcistici, che ha avvertito la Polizia. L' avvocato è stato denunciato per furto.

18:58Ambasciata slovacca regala container a Norcia

(ANSA) - NORCIA (PERUGIA), 19 GEN - L'ambasciata della Repubblica Slovacca in Italia regala 16 moduli container alla città di Norcia. I primi quattro sono già arrivati e sono in fase di montaggio. Nei prossimi giorni nella città di San Benedetto arriverà anche l'ambasciatore slovacco, Jan Sito, per l'inaugurazione ufficiale della donazione. "Subito dopo la scossa di terremoto del 24 agosto l'ambasciata si era messa in contatto con il governo italiano per sapere come renderci utili", spiegano le due rappresentanti, Lubica Salvatova Baiocchi e Petra Bartekova, oggi a Norcia per seguire le prime consegne. "Dopo il 30 ottobre - aggiungono - ci hanno indicato Norcia come città dove indirizzare il nostro contributo e così con i 150 mila euro che abbiamo raccolto si è deciso di acquistare questi container, di cui tre saranno destinati a presidi sanitari". La visita dell'ambasciatore potrebbe essere l'inizio di una futura collaborazione tra Norcia è una città della Slovacchia.

18:55Amianto: Alfa Romeo, chiesti 3 anni per ex vertici Fiat Auto

(ANSA) - MILANO, 19 GEN - Non avrebbero adottato le necessarie misure di prevenzione e di protezione dall'amianto nello stabilimento dell'Alfa Romeo di Arese (Milano), e pertanto devono essere condannati a 3 anni di carcere. E' la richiesta del pm milanese Maurizio Ascione nei confronti di Paolo Cantarella e Giorgio Garuzzo, rispettivamente ex amministratore delegato ed ex presidente di Fiat Auto, imputati con altri sei ex manager, tutti a capo della fabbrica tra gli anni '70 e '90, per omicidio colposo nel processo in cui sono stati contestati dieci casi di operai morti dopo essersi ammalati di forme tumorali provocate da esposizione all'amianto. Il pm ha ritenuto Cantarella e Garuzzo corresponsabili della morte solo di due lavoratori. Il pm ha chiesto poi una condanna, rispettivamente a 5 anni e a 6 anni di reclusione, per gli ex ad di Alfa Romeo Vincenzo Moro e Corrado Innocenti e l'assoluzione per l'ex presidente di Lancia Industriale spa Pietro Fusaro e per l'ex ad di Alfa Lancia Industriale Giovanni Battista Bazzelli.

Archivio Ultima ora