Esplosione a New York, De Blasio: “Atto intenzionale”

Pubblicato il 19 settembre 2016 da redazione

NEW YORK – Un ordigno esplode e scuote il quartiere di Chelsea, proprio nel cuore di Manhattan. Ad una manciata di passi dalla 5th Avenue, prima il botto terrificante, poi le sirene spiegate di polizia, vigili del fuoco ed ambulanze.
Insomma, il caos di cui questa città mostra ancora vecchie cicatrici.
29 feriti, tra cui un bambino di 8 anni, ma per fortuna nessuna vittima.

ny-2

Arrivo all’incrocio con la 23esima strada pochi minuti dopo la deflagrazione: gli agenti hanno già transennato due interi blocchi e le uniche vetture cui è consentito entrare e uscire sono mezzi di soccorso ed auto della polizia federale.
Un via vai di FBI ed “intelligence” che, dal di dietro dei loro vetri nerissimi, cercano di ricostruire quanto accaduto.

Una prima dichiarazione della polizia di New York parla di “incidente”, imputando la responsabilità ad un carico di merce potenzialmente pericolosa che avrebbe preso fuoco e sarebbe successivamente esplosa.
Ma passano soltanto pochi minuti ed un comunicato dei vigili del fuoco fa balzare in primissimo piano la parola “ordigno”.

E, come se non bastasse, inizia a rimbalzare la notizia del ritrovamento di un secondo dispositivo rimasto inesploso.
L’atmosfera si fa di colpo elettrica: le persone iniziano ad accalcarsi, gli agenti rispondono a centinaia e centinaia di domande, apparentemente banali ma che banali non sono in circostanze del genere. A partire da mezzi di trasporto e metropolitana (paralizzata l’intera area), fino ad arrivare a veri e propri isterismi per una e più generazioni che hanno ancora negli occhi il dramma dell’11 settembre.
Anche i giornalisti sono piuttosto agitati perché, soltanto pochi minuti dopo lo scoppio, inizia a circolare la voce che Obama fosse, assieme ad Hillary Clinton, già in città. In realtà, l’allarme rientra immediatamente perché entrambi annunciano di essere a Washington e di seguire il caso attraverso i responsabili della sicurezza nazionale.

Ma l’eroe della serata è il sindaco di New York Bill De Blasio che, nonostante i “no” di chi ne tutela l’integrità, nel giro di un’ora si materializza proprio a pochi metri dal luogo della deflagrazione e nel corso di una breve conferenza stampa prova a tracciare un primo bilancio dinanzi alla stampa internazionale.
«Si è trattato di un atto intenzionale». Nessun dubbio, dunque. E aggiunge: «Non possiamo pronunciare la parola terrorismo perché evidentemente è ancora troppo presto per arrivare a delle conclusioni. Ma – e si ripete con voce ferma – si è trattato di un atto intenzionale, di un gesto chiaramente voluto. Nessun incidente».
Si congeda e si allontana a piedi, con pochissimi uomini della scorta attorno a lui e mille scie di luci e sirene a fare da sfondo.

ny-7

Sembra di essere nel bel mezzo della scena di un film, ma si sa, New York è un po’ così. Anche quando si tratta, proprio come in questo caso, di uno dei tanti che non avremmo mai voluto vedere.
(Testo e foto: Luca Marfè)

Ultima ora

17:00Calcio: Leicester cerca tecnico, il primo nome è Ancelotti

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - Il proprietario di Leicester, Vichai Srivaddhanaprabha, è stato chiaro: dopo il licenziamento di Craig Shakespeare, il club è in cerca di un allenatore di peso, in grado di tirare su la squadra dalle sabbie mobili della bassa classifica. Le 'Volpi' si trovano attualmente al terz'ultimo posto in Premier, davanti solo a Bournemouth e al Crystal Palace. Il primo nome di una lista di tecnici che il patron sta vagliando - secondo quanto riferisce Sport - è quello di Carlo Ancelotti, che ieri sera ha assistito dalla tribuna alla sfida di Champions fra Chelsea e Roma. Difficile che l'ex trainer del Bayern accetti un eventuale incarico, visto che ha sempre dichiarato di non voler prendere alcuna squadra a stagione iniziata. Se Ancelotti rifiutasse, l'alternativa per il proprietario di Leicester sarebbe il gallese Chris Coleman, reduce dalla mancata qualificazione con la Nazionale ai Mondiali. Possibili alternative sono quelle di David Wagner, Huddersfield, Sean Dyche, Burnley, Roy Hodgson, Ryan Giggs o Martin O'Neil.

16:51Malta: ‘bomba su auto azionata da cellulare’

(ANSA) - ROMA, 19 OTT - La bomba esplosa nell'auto della giornalista maltese, Daphne Caruana Galizia, rimasta uccisa lunedì scorso, 'sarebbe stata azionata grazie ad un cellulare'. Ne sono convinti gli inquirenti che indagano sul delitto stando a quanto scrive il giornale online The Times of Malta. Sono in corso indagini in particolare per capire chi abbia azionato il congegno mortale, dove e quando. Secondo altre fonti citate dal giornale la bomba sarebbe stata posta nella parte inferiore del veicolo sotto il posto del passeggero accanto alla guida. Gli inquirenti sperano anche di essere in grado di poter raccogliere dei dati dal laptop della giornalista pesantemente danneggiato e bruciato in seguito all'esplosione. Inoltre in base al danno subito dall'auto si presume che la bomba contenesse circa mezzo chilo di esplosivo.

16:47Provoca incidenti e inneggia a Isis, arrestato da Cc

(ANSA) - CATANZARO, 19 OTT - Ha provocato una serie di incidenti causando, tra l'altro, il ferimento non grave di due ragazze. E quando ha bloccato l'automobile di cui era alla guida, ha cominciato ad urlare frasi sconnesse riconducibili all'Isis ed a pratiche terroristiche. L'estremismo islamico, comunque, a detta dei carabinieri, non c'entra nulla col comportamento dell'uomo, un trentaduenne di Catanzaro di origini sudamericane in evidente stato di alterazione psicofisica. Nei suoi confronti, così, sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di danneggiamento e resistenza a pubblico ufficiale. I proprietari dei veicoli danneggiati dal trentaduenne nel corso della sua scorribanda hanno presentato denuncia nei suoi confronti per il risarcimento dei danni subiti. (ANSA).

16:45Cade pietra in S.Croce a Firenze, morto turista

(ANSA) - FIRENZE, 19 OTT - Un turista spagnolo di 52 anni è morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommità di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

16:41Torino: revisori, ok a piano rientro ma con qualche riserva

(ANSA) - TORINO, 19 OTT - E' favorevole, ma con qualche riserva, il parere espresso dai revisori dei conti al piano di rientro annunciato nei giorni scorsi dal Comune di Torino per riportare in equilibrio i conti della Città. Nel documento, i revisori si chiedono se tutte le azioni annunciate dall'amministrazione siano realizzabili. Il piano di rientro, da 80 milioni in quattro anni, prevede tagli alla spesa corrente, dismissioni delle partecipate e degli immobili. Ed è proprio su quest'ultimo punto che si soffermano i dubbi dei revisori. Per gli esperti contabili, inoltre, bisogna capire quale sarà l'effetto dei tagli e delle riorganizzazioni previste sul bilancio. E, pur evidenziando che il debito diminuirà, si chiedono se si riuscirà a raggiungere l'equilibrio. Il parere torna anche sul debito di 5 milioni di euro nei confronti della Ream, per il quale la sindaca Appendino è indagata per falso ideologico. E ribadisce che andava inserito nel bilancio 2017.(ANSA).

16:41Maltrattamenti a disabili: chieste condanne di 3 infermiere

(ANSA) - CAGLIARI, 19 OTT - Per i maltrattamenti sui pazienti disabili dell'Aias di Decimomannu (Cagliari) il pubblico ministero Liliana Ledda ha chiesto la condanna a due anni nei confronti delle operatrici sanitarie Sabrina Carta e Elsa Giorgi, e due anni e otto mesi nei confronti della collega Monica Frau. E' approdata davanti alla Gup del Tribunale di Cagliari, Gabriella Muscas, la parte in abbreviato del procedimento penale scaturito dall'indagine della Procura, affidata ai carabinieri del Nas e della sezione di polizia giudiziaria, nei confronti di operatori socio sanitari e infermieri dell'Aias di Decimomannu accusati di aver picchiato e insultato alcuni dei pazienti ricoverati nella struttura che assiste i malati psichici. Altri otto indagati avevano già scelto il patteggiamento, mentre il processo ai vertici del centro Aias si sta celebrando con rito ordinario davanti in Tribunale e vede imputati il direttore amministrativo, Vittorio Randazzo, e la responsabile del centro Sandra Murgia. I due sono accusati di omissioni d'atti d'ufficio in relazione ai maltrattamenti contestati a vari operatori sanitari della struttura. Per quanto riguarda il dibattimento, si è ancora alle fasi iniziali, con l'accusa che sta portando in aula i propri testimoni. Oggi, invece, il pm Ledda ha concluso la requisitoria nell'abbreviato chiedendo la condanna dei tre operatori colpevoli di maltrattamenti verbali. Nelle prossime udienze la parola passerà alle difese e poi ci sarà la sentenza. (ANSA).

16:28Migranti: operatore Hub denuncia, minacciato con pistola

(ANSA) - BOLOGNA, 19 OTT - Un dipendente di una cooperativa sociale, che lavora nell'Hub regionale dei migranti di Bologna, ha denunciato di essere stato avvicinato all'uscita dal centro da un'auto, minacciato da una persona che gli ha puntato contro una pistola e poi ha sparato due colpi in aria. L'episodio è di lunedì sera e la vittima il giorno dopo si è rivolta ai Carabinieri. Sono in corso indagini e al momento non sono chiari i motivi del gesto intimidatorio, che gli investigatori stanno cercando di inquadrare. L'Hub di via Mattei è la struttura visitata da Papa Francesco durante la sua recente visita a Bologna, luogo dove vengono ospitati gli stranieri sbarcati nell'Italia del Sud, prima di essere smistati nei centri in regione. L'operatore, a quanto si apprende un ragazzo di colore, avrebbe riferito che verso le 21.30, quando era uscito dal centro, è stato avvicinato da due auto e che il passeggero di una di queste gli ha puntato contro l'arma. (ANSA).

Archivio Ultima ora