Esplosione a New York, De Blasio: “Atto intenzionale”

Pubblicato il 19 settembre 2016 da redazione

NEW YORK – Un ordigno esplode e scuote il quartiere di Chelsea, proprio nel cuore di Manhattan. Ad una manciata di passi dalla 5th Avenue, prima il botto terrificante, poi le sirene spiegate di polizia, vigili del fuoco ed ambulanze.
Insomma, il caos di cui questa città mostra ancora vecchie cicatrici.
29 feriti, tra cui un bambino di 8 anni, ma per fortuna nessuna vittima.

ny-2

Arrivo all’incrocio con la 23esima strada pochi minuti dopo la deflagrazione: gli agenti hanno già transennato due interi blocchi e le uniche vetture cui è consentito entrare e uscire sono mezzi di soccorso ed auto della polizia federale.
Un via vai di FBI ed “intelligence” che, dal di dietro dei loro vetri nerissimi, cercano di ricostruire quanto accaduto.

Una prima dichiarazione della polizia di New York parla di “incidente”, imputando la responsabilità ad un carico di merce potenzialmente pericolosa che avrebbe preso fuoco e sarebbe successivamente esplosa.
Ma passano soltanto pochi minuti ed un comunicato dei vigili del fuoco fa balzare in primissimo piano la parola “ordigno”.

E, come se non bastasse, inizia a rimbalzare la notizia del ritrovamento di un secondo dispositivo rimasto inesploso.
L’atmosfera si fa di colpo elettrica: le persone iniziano ad accalcarsi, gli agenti rispondono a centinaia e centinaia di domande, apparentemente banali ma che banali non sono in circostanze del genere. A partire da mezzi di trasporto e metropolitana (paralizzata l’intera area), fino ad arrivare a veri e propri isterismi per una e più generazioni che hanno ancora negli occhi il dramma dell’11 settembre.
Anche i giornalisti sono piuttosto agitati perché, soltanto pochi minuti dopo lo scoppio, inizia a circolare la voce che Obama fosse, assieme ad Hillary Clinton, già in città. In realtà, l’allarme rientra immediatamente perché entrambi annunciano di essere a Washington e di seguire il caso attraverso i responsabili della sicurezza nazionale.

Ma l’eroe della serata è il sindaco di New York Bill De Blasio che, nonostante i “no” di chi ne tutela l’integrità, nel giro di un’ora si materializza proprio a pochi metri dal luogo della deflagrazione e nel corso di una breve conferenza stampa prova a tracciare un primo bilancio dinanzi alla stampa internazionale.
«Si è trattato di un atto intenzionale». Nessun dubbio, dunque. E aggiunge: «Non possiamo pronunciare la parola terrorismo perché evidentemente è ancora troppo presto per arrivare a delle conclusioni. Ma – e si ripete con voce ferma – si è trattato di un atto intenzionale, di un gesto chiaramente voluto. Nessun incidente».
Si congeda e si allontana a piedi, con pochissimi uomini della scorta attorno a lui e mille scie di luci e sirene a fare da sfondo.

ny-7

Sembra di essere nel bel mezzo della scena di un film, ma si sa, New York è un po’ così. Anche quando si tratta, proprio come in questo caso, di uno dei tanti che non avremmo mai voluto vedere.
(Testo e foto: Luca Marfè)

Ultima ora

10:53Terremoti: Cile, scossa magnitudo 6.3

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Una scossa di terremoto di magnitudo 6.3 è stata registrata alle 21:06 di ieri ora locale (le 2:06 di oggi in Italia) nel nord del Cile, non lontano dal confine col Perù. Secondo i dati del servizio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a 110 km di profondità ed epicentro 76 km a sud di Putre e a 117 dalla peruviana Tacna. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose. Una scossa della stessa intensità era stata registrata nella zona già il 10 ottobre scorso, senza rilevanti conseguenze. Solo una settimana fa il Perù è stato invece colpito da un terremoto di magnitudo superiore a 7 che ha causato due morti e 65 feriti.

10:12Rep. Ceca: incendio in un hotel a Praga, due morti

(ANSA) - PRAGA, 20 GEN - Due persone sono morte ed otto sono rimaste ferite in un incendio scoppiato in un albergo al centro di Praga. La portavoce dei servizi di soccorso Jana Postova ha detto che tre persone sono state rianimate. I vigili del fuoco hanno detto che si tratta dell'hotel Eurostars David. Le vittime non sono state identificate e non sono ancora chiare le cause dell'incendio.

10:06Attacco Kabul: Casa Bianca, Trump aggiornato su attacco

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - Il presidente americano Donald Trump è stato aggiornato sull'attacco terroristico avvenuto ieri sera ai danni dell'Hotel Intercontinental di Kabul. Lo riferisce l'agenzia di stampa afghana Pajhwok citando un comunicato della Casa Bianca. In esso si precisa che gli Usa "stanno seguendo da vicino gli sviluppi" e "stanno fornendo tutto l'aiuto necessario all'Afghanistan".

08:45Attacco Kabul: terminato, uccisi 3 assalitori

(ANSA) - KABUL, 21 GEN - L'attacco terroristico all'Hotel Intercontinental di Kabul è terminato poco prima delle 10 locali (le 6,30 italiane). Lo ha annunciato un portavoce del ministero dell'Interno nella capitale afghana. Anche se pochi minuti dopo l'annuncio gli inviati di due tv afghane, 1TvNews e Tolo, hanno fatto sapere che "si sentono ancora spari ed esplosioni" Tre assalitori sono stati uccisi e 126 persone tratte in salvo, fra cui 41 stranieri. I morti sono invece cinque, sei i feriti. I vigili del fuoco sono ora al lavoro per spegnere l'incendio provocato ieri da una esplosione nella prima fase dell'attacco.

01:34Calcio: Mkhitaryan dice sì all’Arsenal, Sanchez allo United

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - Il centrocampista armeno del Manchester United Henrikh Mkhitaryan ha accettato la proposta di trasferirsi all'Arsenal, aprendo la strada allo scambio con il cileno Alexis Sanchez, molto atteso da Jose Mourino. Il 28enne centrocampista, 28 anni, si sottoporrà alle visite mediche tra domani e lunedì dopo aver trovato nella giornata di oggi l'accordo con il club londinese, di cui al momento non si conoscono i termini. Secondo i media inglesi, il trasferimento avverrà 'alla pari', avendo trovato i club un accordo su una valutazione di 35 milioni di sterline per entrambi i giocatori.

01:14Calcio: pari Atletico e Valencia ko, sabato pro-Barcellona

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - Il Barcellona domina la Liga anche senza giocare, visto che le rivali fanno a gara per gettare punti e perdere ulteriore terreno sulla capolista. L'Atletico Madrid, impegnato col Girona, si è fatto bloccare sull'1-1 e praticamente può dire addio alle pur flebili speranze di contendere il titolo ai blaugrana. I punti di distacco tra prima e seconda sono ora otto, con il Barca che ha una partita in meno (domani col Betis). Il Valencia, terzo in graduatoria, ha addirittura perso a Las Palmas, sprecando l'occasione di affiancare la squadra di Simeone. Vince invece il Villarreal, 2-1 a Levante, e sale al quarto posto in attesa della partita domenicale del Real Madrid.

01:13Liberia: presidente Weah in campo per partita di beneficenza

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - L'ex fuoriclasse George Weah torna al calcio per un giorno, in occasione degli eventi che precedono il suo insediamento come presidente della Liberia: l'ex milanista è sceso in campo per una partita di beneficenza con una squadra creata per l'occasione - la Weah All Stars Team, con molti ex colleghi calciatori - , sfidata in campo dai militari delle forze armate liberiane. Il match - finito 2 a 1 per la squadra del neo presidente - si è svolto al Barclay Training Center di Monrovia. Weah, 51 anni, giurerà da presidente il 22 gennaio.

Archivio Ultima ora