Dal Governo l’impegno per i pensionati italiani in Venezuela

Pubblicato il 19 settembre 2016 da redazione

Il sottosegretario al Ministero del Lavoro Massimo Cassano risponde positivamente all’interrogazione in Commissione Lavoro del presidente del Comitato degli Italiani nel Mondo on. Fabio Porta

Il sottosegretario al Ministero del Lavoro Massimo Cassano risponde positivamente all’interrogazione in Commissione Lavoro del presidente del Comitato degli Italiani nel Mondo on. Fabio Porta

ROMA – Il Governo ha nuovamente assicurato il proprio impegno a pervenire in tempi rapidi ad una positiva soluzione del dramma dei pensionati italiani residenti in Venezuela. Infatti nella risposta in Commissione Lavoro alla mia interrogazione, firmata da numerosi parlamentari del Pd tra i quali l’on. Marialuisa Gnecchi, nella quale denunciavo l’azzeramento delle prestazioni assistenziali dell’Inps erogate a migliaia di pensionati italiani a causa del tasso di cambio utilizzato per la determinazione del reddito degli stessi, il Sottosegretario Massimo Cassano ha ribadito la consapevolezza del Governo che in effetti i benefici revocati consentirebbero ai nostri pensionati in Venezuela di affrontare più dignitosamente la grave situazione economia locale, che la situazione di difficoltà in cui versano i pensionati è già da alcuni mesi all’attenzione del Governo ed in particolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e che, infine, il Governo avverte la necessità di riconsiderare il tasso di cambio utilizzato per la individuazione del valore in euro delle pensioni e degli altri redditi dichiarati all’Inps.

L’on. Cassano ha spiegato che il brusco rallentamento subito dall’interlocuzione tra Ministero del Lavoro, MEF, Ministero degli Esteri, Inps e Banca d’Italia è da attribuire alla riforma dei sistemi di cambi in Venezuela, che, come è noto, ha introdotto nuovi tassi di cambio in sostituzione dei precedenti.

Per questi motivi, si evince dalla risposta alla mia interrogazione, il Governo – che ribadisce la propria vicinanza alla nostra collettività per la situazione di oggettiva difficoltà socio-economica che stanno vivendo il nostri connazionali residenti in Venezuela – assicura il proprio impegno a pervenire in tempi rapidi ad una positiva soluzione della problematica rappresentata.

Voglio inoltre sottolineare che al termine della discussione dell’interrogazione mi sono subito attivato, incontrando il vice ministro del MEF, Enrico Morando, al quale poco tempo fa avevo consegnato la petizione di 3.000 pensionati italo-venezuelani raccolta dai Patronati in Venezuela, rappresentandogli l’urgenza della situazione e sollecitandolo a lavorare per un rapido intervento a favore dei nostri connazionali.

Anche alla luce della risposta del Ministero del Lavoro gli ho anche prospettato di valutare la realizzazione di eventuali interventi alternativi all’utilizzo di un cambio parallelo più favorevole, come ad esempio interventi umanitari diretti tramite le nostre strutture diplomatiche coadiuvate da associazioni e patronati, ed un’eventuale sospensione transitoria per il Venezuela della normativa che subordina l’erogazione delle prestazioni assistenziali ai limiti di reddito.

Insomma, mentre qualcuno si limita a proclami o a roboanti comunicati stampa, io ed il gruppo del partito democratico non abbiamo lasciato nulla di intentato; siamo quindi fiduciosi che il Governo, che non mancherò di sensibilizzare e sollecitare ulteriormente nel prosieguo della mia attività anche ai suoi massimi livelli, faccia seguito con azioni concrete agli impegni e alle promesse espressi in più occasioni per aiutare i nostri connazionali in Venezuela.

Fabio Porta
(Presidente del Comitato italiani nel mondo e promozione del sistema Paese della Camera dei deputati)

Ultima ora

14:08Migranti: Kompatscher, serve cambio di rotta dell’Europa

(ANSA) - BOLZANO, 28 MAR - "Dobbiamo cambiare rotta. Serve una svolta della politica comunitaria per la gestione dei migranti". Lo ha detto il governatore altoatesino Arno Kompatscher in riferimento all'annuncio di Vienna di voler disattendere il piano di ricollocamento. "La posizione di Vienna - ha aggiunto - in un certo senso è comprensibile, visto che i numeri in rapporto agli abitanti sono nettamente sopra la media europea e anche sopra la media italiana". Kompatscher ha espresso rammarico "che ora dal piano di ricollocamento si sfila anche l'Austria e resta praticamente solo la Germania che sta già facendo moltissimo su questo fronte". Il presidente della provincia di Bolzano incontrerà domani ad Innsbruck il suo omologo tirolese Günther Platter e il ministro degli interni austriaco Wolfgang Sobotka.

14:06Ue: Gentiloni, flessibilità possibile e necessaria

(ANSA) - ROMA, 28 MAR -"Dobbiamo essere certi che sui margini del patto di stabilità c'è una discussione in corso e non riguarda solo l'Italia. Andrà avanti nei prossimi mesi e noi vi parteciperemo perché la flessibilità non solo è possibile ma anche necessaria in un momento in cui la crescita va incoraggiata". Così il premier Paolo Gentiloni ribadisce, dopo l'incontro a Palazzo Chigi sul terremoto, la linea italiana in Ue.

14:03Gentiloni, cerchiamo altri soldi per terremoto

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Ho detto che stanzieremo almeno 1 miliardo all'anno e per 3 anni, ma stiamo lavorando per avere risorse più ingenti possibili. Le modalità con cui questo fondo sarà utilizzato saranno rese note dal governo ad aprile". Lo ha annunciato a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni parlando delle norme per il terremoto del Centro Italia.

13:59Card. Ravasi, fuggire facile via nazionalismo e populismo

(ANSA) - PADOVA, 28 MAR - "E' una visione del tutto non cristiana quella che considera che la via più semplice di fronte all'altro è di considerarlo un rischio e un pericolo mettendo quindi in atto la paura o l'attacco, l'assalto. Ed è proprio questo che i fondamentalisti vogliono perché su quel terreno sono capaci di contrastarci. Il compito della cultura e delle religioni è di stabilire un duetto, non un duello, con voci diverse ma che possono costruire qualcosa insieme. Dobbiamo fuggire la facile via del nazionalismo e del populismo che purtroppo fa sempre scattare adesioni istintive". Così il cardinal Gianfranco Ravasi, parlando di integrazione e interculturalità a margine dell'intervento tenuto a Padova all'inaugurazione dell'anno accademico della Facoltà Teologica del Triveneto.

13:59Calcio: Simeone insegue Lacazette, lo vuole all’Atletico

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - Alexandre Lacazette è finito nel mirino dell'Atletico Madrid, dove Diego Simeone vorrebbe comporre un tandem d'attacco tutto francese: Antoine Griezmann insieme all'attuale centravanti del Lione. Il miglior marcatore francese in Europa (29 gol finora) è infatti al primo posto, riferisce France Football, nella lista del ds dei 'Colchoneros', Andrea Berta, che ha cominciato già a contattare l'entourage del giocatore e il club. Secondo la rivista sportiva francese, l'Atletico sarebbe pronto a mettere sul piatto 60 milioni per il cartellino dell'attaccante che ha ancora due anni di contratto col Lione.

13:54Migranti:Ue a Austria,conseguenze da ritiro relocation

(ANSA) - BRUXELLES, 28 MAR - "Nessun Paese può ritirarsi unilateralmente" dal piano europeo di ricollocamenti, che è "legalmente vincolante. Se lo facessero sarebbero fuori dalla legge e questo sarebbe profondamente deplorevole e non senza conseguenze". Così il portavoce della Commissione europea per la Migrazione Natasha Bertaud a chi chiede se l'Austria possa ritirarsi dal piano di ricollocamenti.

13:52Gentiloni, sarà Def di crescita e non depressione

(ANSA) - ROMA, 28 MAR - "Il fondo per il terremoto non incide sull'indebitamento netto e farà parte di un decreto che ho volutamente definito correttivo ma anche di sostegno alla crescita, il Def, perché sin dal primo momento il governo ha parlato di un'operazione non di depressione dei segnali di crescita ma di incoraggiamento". Così il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Archivio Ultima ora