William Grant & Sons coronada como Mejor Destilería del Año

Pubblicato il 19 settembre 2016 da redazione

wiskie

CARACAS.- El negocio global de bebidas de las destilerías de William Grant & Sons que se mantiene en manos de las misma familia desde hace seis generaciones ha sido nombrado como “Destilería del año”, el más grande honor otorgado por el International Spirits Challenge (ISC). La compañía también fue premiada con dos prestigiosos galardones en el evento: “Productor de Escocés del año” y “Productor de licores del año”, además de tener el honor de que varias de sus marcas también fueran galardonadas.

En la edición número 21 del concurso, como de costumbre, se premió la calidad y se celebró la excelencia de las mejores bebidas del mundo. La evaluación se basa en un riguroso proceso con un jurado independiente, de talla mundial. Se recibieron más de 1300 postulaciones de aproximadamente 70 diferentes países.

Durante siete días, más 50 jueces – entre los profesionales más respetados de la industria- someten su paladar a los más exquisitos sabores, a través de pruebas a ciegas. Cada juez evalúa las muestras según su edad, región y variedad. Cada bebida es probada a ciegas y se le otorga un puntaje por su aroma, apariencia, sabor y fineza.

En la premiación de productos individuales, la barrica The Balvenie 12 años fue premiada con el trofeo del mejor escocés de malta de 12 años o menos, mientras que Glenfiddich Malt Master fue el ganador del trofeo del escocés de malta sin límite de edad. Drambuie fue el ganador del trofeo para el mejor Licor en su categoría. The Balvenie DCS fue reconocido como el ganador del trofeo del Diseño y Empaque para un nuevo producto.

La compañía obtuvo un triunfo sensacional, ganando un total de 23 medallas de oro, incluyendo premios para Glenfiddich, The Balvenie, House of Hazelwood, Kininvie, Monkey Shoulder, Tullamore D.E.W. y Drambuie. La prestigiosa empresa familiar también ganó un total de 34 medallas de plata y 8 de bronce. En esta oportunidad le tocó a Grant’s 25 años y Grant’s Family Reserve la medalla de plata. La ISC confirmó que “ganar un premio es un logro impresionante para cualquier bebida que pase la evaluación a ciegas del panel de especialistas que conforman el jurado del ISC”.

Simon Hunt, CEO de William Grant & Son declaró: “estamos realmente encantados de haber sido nombrados como la Destilería del año, es un logro increíble haber sido reconocidos de esta forma por nuestros colegas. Es un reconocimiento para el trabajo duro que realiza todo el equipo al producir este portafolio de bebidas Premium, ganador de prestigiosos premios”.

“Como negocio familiar estamos muy orgullosos de nuestra visión y de nuestra cultura de innovación. Tenemos un gran portafolio de bebidas Premium de alta calidad, donde cada una ofrece algo único e interesante”, prosiguió Hunt.

Un representante del ISC afirmó que “es un año fantástico para William Grant & Sons. Su éxito en las diferentes categorías les ha llevado a obtener el codiciado premio. Una cosa es lograr la excelencia al hacer un producto, pero otra es hacerlo consistentemente a través de las diferentes categorías de bebidas, y este es el verdadero diferenciador de esta compañía”.

Ultima ora

20:43Gentiloni, M5S non ci deve spaventare, non ha i numeri

(ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Non sono affatto spaventato. Penso che il rispetto agli elettori M5S sia dovuto. Ma penso che la possibilità che il movimento arrivi a guidare il governo non ci sia. E' una forza che se anche avesse risultati significativi che gli vengono attribuiti da sondaggi non so quanto generosi, non avrebbe i numeri per governare. Rispetto assoluto per l' elettorato del M5S. Ma fuori dall'Italia nessuno mi ha mai mostrato preoccupazione per la possibilità, a cui nessuno crede, che il movimento possa arrivare al governo". Lo dichiara in un'intervista a "Il Foglio" in edicola domani il premier Paolo Gentiloni.

20:41Ferito a colpi di pistola custode cimitero Vibo Valentia

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 21 GEN - Il custode del cimitero di Vibo Valentia, Alessandro Sicari, di 48 anni, è stato ferito ad un braccio e ad una gamba da due colpi di pistola. Il fatto è accaduto nel pomeriggio, mentre il custode stava chiudendo il cancello. Ai carabinieri, che hanno subito avviato le indagini, l'uomo ha detto che mentre era intento a chiudere, ha sentito due colpi d'arma da fuoco e si è subito reso conto di essere stato raggiunto al braccio ed alla gamba, subito soccorso, l'uomo è stato portato dalla polizia municipale nell'ospedale di Vibo Valentia dove si trova ricoverato. I medici lo hanno giudicato guaribile in una decina di giorni. Al momento dell'agguato, nella zona del cimitero, oltre al buio, era calata una fitta nebbia e non sono presenti telecamere.

20:40Siria: Assad condanna l’offensiva militare turca

(ANSA) - DAMASCO, 21 GEN - Il presidente siriano Bashar al Assad ha condannato la "brutale aggressione" della Turchia contro l'enclave curda in Siria di Afrin, sostenendo che l'azione militare è parte del sostegno di Ankara ai "terroristi" dello Stato Islamico.

20:22Calcio: Spagna, Real prova a scacciare la crisi con 7 gol

(ANSA) - MADRID, 21 GEN - Il Real Madrid ritrova la vittoria e ne segna sette in una volta sola al Deportivo La Coruna, mentre i giornali spagnoli di oggi scrivono che il presidente Florentino Perez ha detto chiaro e tondo a Cristiano Ronaldo che non ci sono i soldi per aumentargli l'ingaggio che attualmente è di 21 milioni di euro all'anno. Il successo per 7-1 delle 'merengue' al Bernabeu arriva dopo un periodo da incubo dopo due Ko consecutivi in casa e un solo punto raccolto nelle ultime tre partite. La squadra di Zidane (che, a sorpresa, nella formazione iniziale schiera Mayoral centravanti, con Benzema in panchina) parte male, perché va in vantaggio il Deportivo, ma poi spazzia via la squadra galiziana grazie alle doppiette di Nacho, Bale e Cristiano Ronaldo e alla rete di Modric. Questi tre punti consentono al Real di tornare in zona Champions e di ridurre la distanza dal secondo e terzo posto dopo il pari di ieri dell'Atletico Madrid e il ko del Valencia, ora distanti rispettivamente 8 e 5 punti.

20:20Calcio: Bologna, Donadoni “fascia a Verdi? Idea di Mirante”

(ANSA) - BOLOGNA, 21 GEN - Roberto Donadoni si gode il ritorno dei tre punti e continua a coccolarsi Verdi a cui oggi ha affidato la fascia di capitano. "Il capitano Mirante ha avuto questa idea - ha detto Donadoni - che ho avallato subito, insieme con la squadra. Cio' dimostra che rapporto professionale c'è, il clima di affetto e stima. Verdi ha risposto benissimo. E' stata una giornata importante e va dato merito a tutta la squadra". "Quello di oggi è stato un buon risultato che ci fa guardare alla prossima settimana con un po' più di serenità. Ma non era tutto da buttare prima - ha detto il mister riferendosi alla striscia di una sola vittoria in cinque partite - non tutto è stato risolto ora". Quanto alla fascia in futuro Donadoni non chiude a un passaggio definitivo: "Non mettiamo il carro davanti ai buoi. Comunque non sarà mai una decisione unilaterale. Ora l'importante per Simone è mettersi alle spalle questo periodo e non parlarne più: gli ho detto, chiudi il telefono".

20:16Calcio: Pecchia “sconfitta pesante”

(ANSA) - VERONA, 21 GEN - Fabio Pecchia arriva in sala stampa un'ora dopo la fine della gara. Lo 0-3 incassato ad opera del Crotone è duro da digerire per il tecnico del Verona. "Una sconfitta pesante, una brutta gara - ammette -. Molto è dipeso dalla rete iniziale, abbiamo perso gli equilibri anche se nella prima frazione ci ha detto male, il palo, l'occasione di Romulo. Nella ripresa ci siamo disuniti e abbiamo perso completamente la serenità. Dispiace perché nelle ultime prestazioni la squadra aveva tenuto discretamente il campo". Pecchia non si sbilancia sul suo destino di allenatore in terra veronese. "Il futuro? Sono un professionista, continuo a fare il mio lavoro e mi sento sempre in discussione - taglia corto - Io continuo a credere alla squadra e nel gruppo".

20:15Calcio: De Zerbi “brutta giornata Benevento, passi indietro”

(ANSA) - BOLOGNA, 21 GEN - "Una giornata brutta, abbiamo fatto dei passi indietro rispetto a prima della sosta". E' amaro il commento di Roberto De Zerbi alla netta sconfitta del Benevento a Bologna. Ma l'allenatore dei campani non si dà per vinto e rilancia perché "non è che dopo la Samp avessi detto che la situazione era semplice. La situazione è disperata. Ma finché possiamo vincere partite non vedo perché non dobbiamo sperare". Quanto al risultato, che non sembrerebbe lasciare spazio ad alibi, De Zerbi lo ritiene frutto di pochi episodi. Con esiti diversi. "Le palle inattive determinano spesso le partite - ha detto - Siamo partiti bene. Abbiamo avuto un'occasione vera poi loro hanno segnato su palla inattiva e noi invece sempre su palla inattiva non abbiamo trovato il pari. Altrimenti parleremmo di un'altra partita. L'uno e poi il due a zero su calcio piazzato l'hanno cambiata. Un palo no".

Archivio Ultima ora