Alitalia: confermato sciopero di piloti e assistenti di volo per il 22 settembre

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

L' aeroporto di fiumicino,  oggi 16 febbraio 2010, durante lo sciopero nazionale di 4 ore  proclamato dai piloti ed assistenti di volo di Alitalia aderenti a Filt-Cgil e alle associazioni del personale navigante Anpac, Ipa e Avia. ANSA / TELENEWS

L’ aeroporto di fiumicino, oggi 16 febbraio 2010, durante lo sciopero nazionale di 4 ore proclamato dai piloti ed assistenti di volo di Alitalia aderenti a Filt-Cgil e alle associazioni del personale navigante Anpac, Ipa e Avia. ANSA / TELENEWS

ROMA. – E’ scontro aperto tra Anpac e Alitalia. La sigla professionale dei piloti e assistenti di volo ha infatti confermato, insieme ad Anpav e Usb, lo sciopero di 24 ore del personale di volo della compagnia in programma il 22 settembre, mandando su tutte le furie l’amministratore delegato Cramer Ball, che ha bollato la decisione come “pura follia”, che “metterà a rischio il futuro sviluppo di Alitalia”.

Una mossa a sorpresa, dopo che i sindacati confederali hanno invece deciso domenica di revocare la loro protesta (in programma sempre giovedì), firmando l’accordo con la compagnia sulle problematiche del personale navigante. La decisione di Anpav, Anpac e Usb di confermare lo sciopero è arrivata nel corso del tavolo convocato in mattinata con i vertici di Alitalia. Un tavolo analogo a quello di domenica con Filt Cgil, Fit Cisl, Uilt e Ugl trasporto aereo, conclusosi con la firma dell’intesa: un accordo con cui, secondo le sigle confederali, “vengono date le prime risposte ai piloti e agli assistenti di volo” della compagnia, oltre all’impegno “a risolvere problematiche sociali non di poca importanza”.

Il tavolo è invece saltato oggi con le sigle professionali che hanno confermato la protesta. L’Anpac, che rappresenta meno del 20% del personale navigante Alitalia, ha comunque indetto un referendum tra i propri iscritti: in serata l’esito del voto sembra propendere nettamente per il sì allo sciopero e per un ulteriore pacchetto di 72 ore di sciopero che la sigla è pronta ad annunciare dopo questa protesta.

Immediata la reazione dell’a.d. di Alitalia, che in una missiva ai dipendenti si dice “lieto” che nella maggior parte delle organizzazioni sindacali “alla fine abbia prevalso il senso di responsabilità per il bene di Alitalia”, ma anche “molto preoccupato” per la decisione dell’Anpac, sottolineando che questa azione “provocherà un danno economico molto rilevante” per la compagnia e “creerà gravi disagi a decine di migliaia” di clienti.

Per trovare una soluzione alla vertenza alla base dello sciopero, la compagnia ha esteso le concessioni di volo fino al 31 dicembre, ha deciso di introdurre tariffe da 1 e 2 euro a tratta più le tasse per lo staff sulle destinazioni italiane e la maggior parte di quelle europee, di assicurare che i naviganti pendolari vengano esentati dal pagamento delle tasse per i voli dalla residenza alla base sul network domestico, di garantire ai naviganti una procedura di imbarco semplificata: ma se su queste basi i sindacati confederali hanno siglato un accordo, “quelli dell’Anpac hanno detto che tutto questo non è abbastanza”, spiega Ball, per il quale questo atteggiamento è “del tutto incomprensibile considerando i nostri sforzi e la situazione del business”, con una compagnia che ancora perde 500 mila euro al giorno.

A tre giorni dallo sciopero, Ball ricorda quindi ai dipendenti come la collaborazione di tutti sia “un elemento imprescindibile in un momento così sfidante e complesso” per la compagnia e lancia un vero e proprio appello: “E’ il momento che vi facciate sentire, se non siete d’accordo con questo sciopero. Ci stiamo giocando una parte importante del nostro futuro, continuiamo a fare la nostra parte, tutti insieme come una sola squadra”.

(Di Enrica Piovan/ANSA)

Ultima ora

20:08Giro: Nibali, domani io e Quintana c’inventeremo qualcosa

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Bisognerà tentare qualcosa, anche se la tappa di domani ti consuma". Nelle parole di Vincenzo Nibali dopo la tappa odierna del Giro d'Italia, c'è il senso della sfida per la maglia rosa che domani, con la tappa dolomitica, vivrà una giornata forse decisiva. "Sicuramente Quintana vuole inventarsi qualcosa ed io pure - continua lo "Squalo" - Vedremo in corsa se nasceranno alleanze. Dumoulin ha ancora un grande vantaggio in classifica e dalla sua ha anche la crono finale. Se avremo la forza di farlo, dovremo attaccare; altrimenti, resterà il rammarico di non averci provato". Dopo aver rischiato ieri di cedere lo scettro di leader, Tom Dumoulin torna a sorridere: "Non voglio passare alla storia per averla fatta nel bosco... Quella di oggi era una tappa difficile, il mio team ha lavorato duro per salvare la maglia: hanno pedalato a tutta e sono davvero soddisfatto, sono stati bravissimi. Io mi sento bene, nessun problema". In classifica, Dumoulin ha un vantaggio di 31" su Quintana e di 1'12" su Nibali.

19:39Migranti: Oim, almeno 156 dispersi nel week-end

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Ci sono almeno 156 persone disperse da venerdì scorso nel Mediterraneo, vittime di un naufragio di cui abbiamo avuto notizia solo ieri sera": lo rende noto Flavio Di Giacomo, portavoce dell'Oim, riferendo quanto raccontato da alcuni superstiti. "Con questi 156 e i 31 dispersi di oggi - spiega Di Giacomo - siamo arrivati a 1.500 morti in tutto il Mediterraneo quest'anno, dei quali circa 1.400 sulla rotta Libia-Italia". Secondo le notizie di cui è venuto a conoscenza l'Oim da alcuni dei 952 migranti sbarcati domenica scorsa a Taranto, un gommone con 130 persone, partito venerdì 19 maggio da Sabrata, in Libia, dopo qualche ora ha incontrato un gommone semi-affondato con quattro persone aggrappate, che sono state soccorse e prese a bordo. I quattro superstiti hanno raccontato ai loro soccorritori - che lo hanno poi riferito agli operatori dell'Oim - di essere partiti anche loro venerdì, ma da Tripoli, in 160; a bordo c'erano anche donne e bambini. I dispersi sarebbero quindi 156.

19:35Manchester: Aisi, non risultano legami Abedi con Italia

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - Allo stato non risultano collegamenti del kamikaze di Manchester, Salman Abedi, con l'Italia. E' quanto riferito - si apprende - dal direttore dell'Aisi, Mario Parente, al Copasir. Con l'intelligence britannica ci sono stati scambi di informazioni ed il fatto che l'attentatore fosse di origine libica aveva fatto salire l'attenzione degli 007 italiani. Ma sembra che il giovane non abbia mai avuto contatti con soggetti 'attenzionati' in Italia. Pare inoltre escluso che Abedi abbia fatto tutto da solo, si cercano complici e collegamenti.

19:34Trump dal Papa:Francesco a Melania,gli fai mangiare putizza?

(ANSA) - TRIESTE, 24 MAG - Scambio di battute scherzose di papa Francesco con il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e la First Lady, Melania, sulla porta della Sala della Biblioteca, in Vaticano. "Gli fai mangiare putizza?", ha detto papa Francesco al quale, dopo aver ascoltato la traduzione errata dell'interprete ("pizza" invece di "putizza"), Melania ha risposto sorpresa "Pizza?". Il Papa si riferiva alla putizza (potica, in sloveno), un dolce festivo della tradizione slovena e triestina (Melania è di origini slovene), che il Pontefice ama. E' fatto di pasta dolce lievitata, ripiena di pinoli, cannella, cioccolata, noci e mandorle. Il Papa lo conosce perchè - ha raccontato un sacerdote triestino, don Ettore Malnati - da giovane in Argentina aveva conosciuto famiglie di emigranti provenienti dalla Venezia Giulia grazie ai quali ha imparato ad apprezzare la putizza, tanto che a una delegazione di religiosi triestini in visita al Vaticano avrebbe chiesto di spedirgli a Roma una putizza. Cosa che hanno poi fatto. (ANSA).

19:32Anziano si invaghisce di 25enne e la perseguita, arrestato

(ANSA) - RAVENNA, 24 MAG - Un 79enne di Solarolo, nel Ravennate, è stato arrestato dalla Polizia con l'accusa di stalking nei confronti di una 25enne della quale si era invaghito. Tra minacce di rivelare alla famiglia di lei millantati rapporti o di denunciarla alle forze dell'ordine come "poco di buono", insulti, pedinamenti, telefonate e messaggini a tutte le ore, le sortite dell'anziano erano cominciate a aprile. Il culmine il 79enne lo ha raggiunto ieri mattina con un inseguimento durante il quale avrebbe pure tentato di spingere l'auto della ragazza fuori strada. La giovane ha allora chiamato in commissariato e sul posto sono giunti gli agenti di una Volante Il 79enne, che a febbraio era stato denunciato a Forlì per sequestro di persona, violenza privata e più di recente per violenza sessuale e minacce, si è giustificato sostenendo che era stata la giovane a rivolgersi a lui perché segnata in passato da problematiche e poi si era comportata male. Per il 79enne è scattato il divieto di avvicinamento alla ragazza.(ANSA).

19:31Manchester: Mail, compiuto il quinto arresto

(ANSA) - LONDRA, 24 MAG - E' stato compiuto il quinto arresto in connessione con la strage di Manchester nella non lontana città di Wigan. Ne dà notizia il Mail online, secondo cui un uomo che portava "un pacco sospetto" è stato fermato da agenti in borghese mentre stava per avvicinarsi a un autobus. Sul sito del giornale sono state pubblicate le immagini dell'azione compiuta da una squadra anti terrorismo. Bloomberg, citando testimoni sulla scena, dà notizia anche dell'arresto del padre di Salman Abedi, a Tripoli. Bloomberg scrive che Ramadan Abedi è stato portato via a bordo di tre veicoli armati assieme ad un'altra persona non identificata. In un'intervista con l'agenzia Usa qualche ora prima, l'uomo aveva riferito di un suo recente incontro a Tripoli con il figlio, aggiungendo che le autorità britanniche non lo avevano ancora contattato.

19:20F1: Vettel, la Mercedes è favorita ma sono fiducioso

(ANSA) - ROMA, 24 MAG - "Se vediamo gli ultimi anni, la Mercedes è stata molto forte ed è ancora il team da battere". Parola di Sebastian Vettel in vista del Gran Premio di Formula 1 a Montecarlo, che domani vedrà prendere il via le prime prove libere. Sei tu il favorito? "Non lo so, credo che abbiamo un pacchetto molto forte - risponde il tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky - Siamo una squadra molto forte e non abbiamo nulla di cui aver paura. Sono fiducioso". Per l'altro ferrarista Kimi Raikkonen, "sarà come ogni altro week-end di gara: cercheremo di fare più punti possibile e sfruttare al meglio quello che abbiamo. Siamo stati lontani dall'ideale nell'ultima gara, ma qui a Montecarlo vediamo come andrà".

Archivio Ultima ora