La Corte rinvia l’Italicum. Il 21 il voto delle mozioni

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Schede elettorali in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013.  ANSA/CLAUDIO ONORATI

Schede elettorali in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013. ANSA/CLAUDIO ONORATI

ROMA. – La Corte costituzionale decide di non condizionare i lavori del Parlamento e, nel giorno in cui si avvia la discussione alla Camera, rinvia ad un futuro non determinato l’udienza sulle sorti dell’Italicum. Sorti che rientrano pienamente, e senza la spada di Damocle della Consulta, nelle mani del Parlamento e delle forze politiche.

Ma il cammino a Montecitorio delle mozioni presentate da Sinistra Italiana e M5s sembra già in un vicolo cieco. Il Pd non si fida, soprattutto della sua minoranza, ed è orientato a bocciare le mozioni delle opposizioni e a non presentarne una sua per evitare problemi interni. Una riflessione è invece in corso per quanto riguarda una ulteriore mozione presentata da Ap per la quale, quando mercoledì si voterà, potrebbe scegliere l’astensione.

La riflessione è comunque aperta e Renzi, in stretto contatto da New York con i gruppi parlamentari, sta studiando come lanciare un segnale concreto per una modifica della legge elettorale che sia funzionale al Sì al referendum. Una conferma che viene anche da Maria Elena Boschi che conferma l’apertura del Governo a modifiche rapide: le modifiche all’Italicum si possono “affrontare anche in questi giorni” ma il Governo, spiega, attende proposte da chi ha chiesto il cambiamento della legge elettorale.

“Mi sembra – osserva – che al momento né FI né M5S sono intenzionati a cambiarle la legge elettorale in questa fase”. Se la minoranza Pd è stranamente silenziosa è toccato a Pierluigi Bersani tornare a punzecchiare i renziani: “io penso che non si possa imbastire una riforma costituzionale consegnandola a meccanismi democratici così regressivi quindi spero in un’iniziativa del Governo per evitare che i senatori nuovi vengano fatti a tavolino, che con il 25% uno pigli tutto e che i deputati vengano nominati non si sa da chi”, ha ribadito l’ex segretario.

Dal Pd fanno comunque sapere che c’è forte disponibilità a cambiare l’Italicum ma non in questo giro parlamentare aperto da Sinistra Italiana. Serve, per i Dem, una discussione che deve essere più approfondita di una mozione che non risolve la questione. Quindi l’ipotesi di una mozione targata Pd verrebbe al momento scartata. Fonti parlamentari spiegano infatti che l’orientamento al No ad una mozione del Pd sarebbe dettato anche dal fatto che la minoranza dem non la voterebbe mai perchè loro, spiegano le medesime fonti, non vogliono modificare l’atteggiamento sul referendum.

Nel gruppo Pd resta aperta la riflessione sull’atteggiamento da mantenere nei confronti di Ap per la cui mozione già si ragione sullo strumento dell’astensione. Per il Pd quindi il rinvio della Consulta non cambia molto: Renzi stesso ha più volte detto che un’eventuale sentenza della Corte non avrebbe cambiato niente rispetto ad una iniziativa sull’Italicum.

Quel che è certo è che la partita è ormai aperta e si apre una fase tattica nella quale tempi e modi diventano fondamentali e le forze politiche dovranno entrare nel merito dei loro “desiderata”. Intanto il premier conferma che il rebus della data del referendum sulle riforme sarà sciolto da un Consiglio dei ministri la settimana prossima e da New York legge un clima più disteso:

“Basta un Sì, il vostro Sì. La settimana prossima, come previsto dalla Legge, il Consiglio dei Ministri fisserà la data del referendum. Sono molto contento – assicura nella consueta Enews – del fatto che il clima sia cambiato, finalmente, anche dopo alcuni confronti civili di questi giorni. Nessuno parla più di attentati alla democrazia e finalmente la discussione sta entrando nel merito”.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

19:06Egitto: attacco a copti, bilancio ufficiale 28 morti

(ANSA) - IL CAIRO, 26 MAG - Fonti mediche e della sicurezza egiziana riferiscono che il bilancio dell'attacco contro un bus di cristiano-copti oggi a Minya, in Alto Egitto, è di 28 morti, tra cui due bimbi di 2 e 4 anni. I feriti sono 22. Le stesse fonti, che hanno richiesto l'anonimato, temono che il bilancio possa aumentare. Secondo l'ex portavoce della chiesa copta ortodossa, Anaba Ermya i morti sarebbero invece 35, tra cui molti bambini.

19:03Sri Lanka: 91 morti piogge e alluvioni, appello al mondo

(ANSA) - COLOMBO, 26 MAG - Lo Sri Lanka ha lanciato un appello al mondo perché lo aiuti a far fronte all'emergenza delle piogge torrenziali, che hanno provocato disastrosi alluvioni e smottamenti, con un bilancio ancora provvisorio di almeno 91 morti accertati e 110 dispersi. La richiesta di aiuto è stata lanciata dal ministero degli esteri di Colombo alle Nazioni Unite e alla comunità internazionale. Il governo fa sapere che finora oltre 2.000 persone sono state evacuate dalle loro abitazioni e che le persone colpite, secondo una stima, sono circa 61.000. La popolazione che vive vicino a corsi d'acqua o sotto pendii è stata invitata ad allontanarsi, mentre elicotteri e imbarcazioni della marina cercano persone bloccate dalle acque sui tetti. Particolarmente colpito dalle avversità meteorologiche è il distretto di Ratnapura e la città capoluogo, dove almeno cinque valanghe e lo straripamento del fiume Kalu Ganga hanno costretto migliaia di persone ad abbandonare le loro case.

18:58Iraq: si evacuano i civili dal centro di Mosul

(ANSA) - BAGHDAD, 26 MAG - Le forze governative irachene hanno lanciato un appello alle migliaia di civili ancora intrappolati nel cuore di Mosul perché lascino le loro case e si mettano in salvo attraverso "corridoi sicuri" appositamente istituiti prima dell'assalto finale ai jihadisti dell'Isis ancora trincerati nei quartieri centrali. "Il governo, le forze armate e il comandante in capo, primo ministro Haidar al Abadi, sono responsabili per la vostra sicurezza", afferma in un comunicato il comandante delle operazioni, generale Abdul Amir Yarallah, assicurando che dirigendosi verso i corridoi sicuri che verranno indicati i residenti troveranno ad attenderli "guide, guardie e veicoli che li porteranno in salvo". L'appello è stato rivolto ai residenti dei quartieri di Zinjili, Sehha, Bab Sinjar, Shefaa, Farouk, Ras al Kor, Maydan, Bab al Top e le parti della Città vecchia comprese nel quartiere di Bab Jadid. Secondo il comando delle forze antiterrorismo l'Isis controlla ormai solo il 5% di Mosul ovest.

18:52Milano, Ismail Hosni rivendica la sua fede islamica

(ANSA) - MILANO, 26 MAG - Avrebbe rivendicato la sua fede islamica raccontando che prega ed è praticante, a differenza di quanto aveva riferito al suo legale nei giorni scorsi, Ismail Tommaso Hosni, il 20enne che otto giorni fa ha ferito a coltellate due militari e un agente alla stazione Centrale di Milano. Interrogato dai pm in Procura, il giovane ha continuato a dire di non ricordare gli istanti dell'aggressione e avrebbe risposto con tanti 'non ricordo' e non facendo nomi a domande puntuali sui suoi contatti per la radicalizzazione sul web.

18:44L. elettorale: 417 gli emendamenti in commissione

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - Sono 417 gli emendamenti al testo base della legge elettorale presentati in Commissione Affari costituzionali della Camera, sia dai gruppi che dai singoli parlamentari. Gli uffici stanno provvedendo ora a fascicolarli.

18:43Voucher: Orlandiani, ci vuole prudenza, perplessità

(ANSA) - ROMA, 26 MAG - "Prudenza e perplessità", a quanto si apprende, sono manifestate in queste ore dalla componente orlandiana del Pd sull'intervento previsto nella "manovrina" per l'introduzione di strumenti di sostituzione dei voucher.

18:43Assolto chirurgo ‘mago trachea’, non manipolò liste attesa

(ANSA) - FIRENZE, 26 MAG - Assolto a Firenze da tutte le accuse - falso, abuso d'ufficio e peculato - il 'mago dei trapianti di trachea' Paolo Macchiarini. Con lui sono stati assolti anche quattro medici e una caposala dalle accuse di falso e abuso d'ufficio. La sentenza oggi pomeriggio. Tutti sono stati assolti perché il fatto non sussiste; inoltre Macchiarini, riguardo alle sole accuse di peculato (due episodi già risolti con l'amministrazione di Careggi in fase di inizio delle indagini) è stato assolto perché il fatto non è previsto dalla legge come reato. Nel processo Macchiarini, per il periodo in cui lavorò all'ospedale di Careggi (2009-2012), era accusato di aver alterato le liste di attesa per favorire suoi pazienti e sveltire interventi chirurgici motivando le modifiche alle liste con ragioni di urgenza.

Archivio Ultima ora