La Corte rinvia l’Italicum. Il 21 il voto delle mozioni

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Schede elettorali in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013.  ANSA/CLAUDIO ONORATI

Schede elettorali in un seggio di una scuola al centro di Roma, 26 maggio 2013. ANSA/CLAUDIO ONORATI

ROMA. – La Corte costituzionale decide di non condizionare i lavori del Parlamento e, nel giorno in cui si avvia la discussione alla Camera, rinvia ad un futuro non determinato l’udienza sulle sorti dell’Italicum. Sorti che rientrano pienamente, e senza la spada di Damocle della Consulta, nelle mani del Parlamento e delle forze politiche.

Ma il cammino a Montecitorio delle mozioni presentate da Sinistra Italiana e M5s sembra già in un vicolo cieco. Il Pd non si fida, soprattutto della sua minoranza, ed è orientato a bocciare le mozioni delle opposizioni e a non presentarne una sua per evitare problemi interni. Una riflessione è invece in corso per quanto riguarda una ulteriore mozione presentata da Ap per la quale, quando mercoledì si voterà, potrebbe scegliere l’astensione.

La riflessione è comunque aperta e Renzi, in stretto contatto da New York con i gruppi parlamentari, sta studiando come lanciare un segnale concreto per una modifica della legge elettorale che sia funzionale al Sì al referendum. Una conferma che viene anche da Maria Elena Boschi che conferma l’apertura del Governo a modifiche rapide: le modifiche all’Italicum si possono “affrontare anche in questi giorni” ma il Governo, spiega, attende proposte da chi ha chiesto il cambiamento della legge elettorale.

“Mi sembra – osserva – che al momento né FI né M5S sono intenzionati a cambiarle la legge elettorale in questa fase”. Se la minoranza Pd è stranamente silenziosa è toccato a Pierluigi Bersani tornare a punzecchiare i renziani: “io penso che non si possa imbastire una riforma costituzionale consegnandola a meccanismi democratici così regressivi quindi spero in un’iniziativa del Governo per evitare che i senatori nuovi vengano fatti a tavolino, che con il 25% uno pigli tutto e che i deputati vengano nominati non si sa da chi”, ha ribadito l’ex segretario.

Dal Pd fanno comunque sapere che c’è forte disponibilità a cambiare l’Italicum ma non in questo giro parlamentare aperto da Sinistra Italiana. Serve, per i Dem, una discussione che deve essere più approfondita di una mozione che non risolve la questione. Quindi l’ipotesi di una mozione targata Pd verrebbe al momento scartata. Fonti parlamentari spiegano infatti che l’orientamento al No ad una mozione del Pd sarebbe dettato anche dal fatto che la minoranza dem non la voterebbe mai perchè loro, spiegano le medesime fonti, non vogliono modificare l’atteggiamento sul referendum.

Nel gruppo Pd resta aperta la riflessione sull’atteggiamento da mantenere nei confronti di Ap per la cui mozione già si ragione sullo strumento dell’astensione. Per il Pd quindi il rinvio della Consulta non cambia molto: Renzi stesso ha più volte detto che un’eventuale sentenza della Corte non avrebbe cambiato niente rispetto ad una iniziativa sull’Italicum.

Quel che è certo è che la partita è ormai aperta e si apre una fase tattica nella quale tempi e modi diventano fondamentali e le forze politiche dovranno entrare nel merito dei loro “desiderata”. Intanto il premier conferma che il rebus della data del referendum sulle riforme sarà sciolto da un Consiglio dei ministri la settimana prossima e da New York legge un clima più disteso:

“Basta un Sì, il vostro Sì. La settimana prossima, come previsto dalla Legge, il Consiglio dei Ministri fisserà la data del referendum. Sono molto contento – assicura nella consueta Enews – del fatto che il clima sia cambiato, finalmente, anche dopo alcuni confronti civili di questi giorni. Nessuno parla più di attentati alla democrazia e finalmente la discussione sta entrando nel merito”.

(Di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

19:13Mondiali a 48, torneo di play off e a Europa 3 posti in più

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - L'Europa con tre posti in più - sedici in tutto - e un torneo di qualificazione per due dei 48 posti a disposizione: potrebbe essere questa la nuova formula del Mondiale extralarge, quello votato dalla Fifa a partire dall'edizione 2026. L'Ufficio di presidenza della Fifa, formato dal presidente Gianni Infantino e dai colleghi di ciascuna delle sei confederazioni, convocato oggi nella casa della Fifa, a Zurigo, ha proposta la nuova assegnazione dei posti per il Mondiale 2026, la cui fase finale è stata ampliata a 48 squadre. La novità principale riguarda il numero di qualificate dell'Uefa che, come aveva chiesto il presidente Ceferin, passa dalle attuali 13 a 16. Attualmente sono 211 le federazioni che fanno parte della Fifa, dal 2026 pertanto si qualificherà una squadra su quattro. Il provvedimento per l'assegnazione delle griglie verrà adesso sottoposto alla ratifica dell'Esecutivo Fifa, in programma il 9 maggio a Manama (Bahrain).

19:10Ruby: altri soldi a ragazze, chiusa indagine per Cav

(ANSA) - MILANO, 30 MAR - Ennesima tegola giudiziaria per Silvio Berlusconi. La Procura di Milano ha infatti chiuso un nuovo filone dell'inchiesta 'Ruby ter', in vista della richiesta rinvio a giudizio, per l'ex premier accusato di corruzione in atti giudiziari per aver versato fino allo scorso ottobre quasi 400 mila euro a tre delle ospiti delle serate hard ad Arcore in cambio del loro silenzio. L'avviso di conclusione indagini su queste ulteriori somme che sarebbero state pagate riguarda anche Aris Espinosa, Elisa Toti e Giovanna Rigato. Come si legge nel nuovo capo di imputazione anche questi ulteriori versamenti, scoperti dai pm Tiziana Siciliano e Luca Gaglio in seguito ad approfondimenti investigativi, sarebbero avvenuti, tramite Giuseppe Spinelli, il ragioniere di 'fiducia' di Berlusconi, sia con bonifici, sia con assegni circolari sia in contanti.

19:09Platini a Le Monde, “Blatter voleva morire alla Fifa”

(ANSA) - PARIGI, 30 MAR - Michel Platini torna a parlare e lo fa con il quotidiano Le Monde, che ieri aveva pubblicato un lungo articolo di ricostruzione della vicenda dell'ex presidente Uefa. Platini non esclude che "un uomo vicino a Blatter, il direttore giuridico Marco Villiger, abbia informato la Procura sul pagamento 2011", i due milioni incassati da Platini che sono all'origine della procedura contro di lui: "Cercavano di fare qualcosa per danneggiarmi. Le diverse istanze interne alla Fifa sono state strumentalizzate dalle persone che tiravano le fila". Quanto ai suoi rapporti con Blatter, Platini spiega: "Me l'ha detto diverse volte, voleva morire alla Fifa. Non bisogna dimenticare che io mi sono presentato quando lui si è dimesso. Non prima. Ha sempre detto che sarei stato il suo successore". Alla domanda se consideri archiviato il suo caso, Michel Platini - che ribadisce di essere stato 'ingenuo' nel chiedere due milioni nel 2011 invece dei 2,8 che gli aveva promesso Blatter - risponde: "No, non è finita".

19:00Calcio: Juve, Mandzukic si ferma “in dubbio per Napoli”

(ANSA) - TORINO, 30 MAR - Mario Manduzkic è in dubbio per la trasferta di domenica a Napoli. L'attaccante croato non si è allenato oggi per un'infiammazione al ginocchio sinistro, solo domani si potrà capire l'entità del problema. Questa sera, altri accertamenti clinici per Marko Pjaca, che verrà visitato a Roma a Villa Stuart, dal professor Mariani. Il giovane esterno croato ha subito la rottura del legamento crociato anteriore nel secondo tempo della partita Estonia-Croazia. Dopo il controllo, "verrà presa - precisa la Juventus - la decisione per il proseguimento delle cure".

18:56Stadio Roma:Frongia,noi nei tempi,atto in conferenza servizi

(ANSA) - ROMA, 30 MAR - "Abbiamo rispettato i tempi, la Giunta ha oggi approvato la delibera per le nuove linee guida per la revisione della delibera originaria. Come avevamo detto, sia assessori sia consiglieri procediamo secondo i tempi previsti. Questo è un documento che presenteremo anche il 5 aprile alla riunione della conferenza dei servizi. Se la conferenza dei servizi andrà avanti o se ne aprirà una nuova? A breve l'assessore all'urbanistica Luca Montuori darà maggiori informazioni sull'iter che seguirà". Lo ha detto l'assessore allo Sport, Daniele Frongia, interpellato a margine della cerimonia per l'allenatore Claudio Ranieri.

18:55M5s: firme false, in sei contro La Rocca, ‘tutto falso’

(ANSA) - PALERMO, 30 MAR - Sei dei cinquestelle indagati per le firme false alle Comunali 2012, a Palermo, hanno raccontato la loro versione ai magistrati che hanno chiuso le indagini. A chiedere di parlare con il pm, prima della eventuale richiesta di rinvio a giudizio, sono stati i parlamentari Riccardo Nuti, Giulia Di Vita e Claudia Mannino; Riccardo Ricciardi (marito della deputata Loredana Lupo), l'attivista Samantha Busalacchi e Pietro Salvino, marito di Claudia Mannino. Hanno spiegato di non essere a conoscenza dei fatti di quella notte, contraddicendo la collega Claudia La Rocca, la prima a parlare, seguita dal deputato regionale Giorgio Ciaccio; e hanno precisato che nei mesi precedenti alla presentazione delle liste c'erano stati problemi con altre firme raccolte e mai utilizzate. Proprio per questo precedente, mai si sarebbe tollerata la riscrittura delle firme mancanti. Samantha Busalacchi, indicata come l'amanuense, ha smentito di avere partecipato alla ricopiatura e ha messo in dubbio la perizia grafica.

18:53Studente Erasmus morto a Valencia, no segni violenza

(ANSA) - FERMO, 30 MAR - Non ci sono segni di violenza sul corpo di Giacomo Nicolai, lo studente 24enne di Fermo trovato morto con delle coltellate al petto in un appartamento di Valencia, dove si trovava per l'Erasmus, ma il consulente di parte Piergiorgio Fedeli, che oggi ha assistito alla seconda autopsia a Roma, non esclude alcuna ipotesi. Per le autorità spagnole, si tratta di un suicidio. Ipotesi a cui non credono i genitori del giovane, rappresentati dall'avv. Igor Giostra, che hanno chiesto ulteriori esami in Italia. La seconda autopsia, disposta dal pm Monteleone, è stata eseguita dal prof. Bolino. Il corpo era sotto formalina e il precedente esame autoptico fatto in Spagna è risultato eseguito correttamente. E' stato chiesto l'esame del Dna sulle unghie del giovane. Comunque non c'erano segni di lesioni che potessero far presupporre azioni violente ai danni di Giacomo. I colpi all'emitorace sinistro, infine, che secondo magistratura e polizia spagnole sarebbe stati autoinflitti, sono stati inferti con forza.

Archivio Ultima ora