Bombe Ny, incubo finito. Arrestato afghano in fuga

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Members of the U.S. Armed Forces stand guard in Grand Central Terminal, Sunday, Sept. 18, 2016, in New York. (ANSA/AP Photo/Mary Altaffer)

Members of the U.S. Armed Forces stand guard in Grand Central Terminal, Sunday, Sept. 18, 2016, in New York. (ANSA/AP Photo/Mary Altaffer)

NEW YORK. – New York vive un’altra giornata ad alta tensione, ma alla fine tira un sospiro di sollievo. L’arresto di un sospettato di 28 anni di origini afghane, dopo una caccia all’uomo durata per ore, pone fine a uno stato di allerta senza precedenti dopo gli attentati dell’11 settembre.

Soprattutto dopo una nuova notte di paura: stavolta in New Jersey, con cinque ‘tubi bomba’ trovati in uno zainetto nei pressi della stazione di Elizabeth, sui binari della linea ferroviaria che collega Manhattan all’aeroporto internazionale di Newark. Potevano causare un disastro, ammettono gli investigatori. Invece tutto si è per fortuna risolto con l’esplosione di uno degli ordigni mentre gli artificieri tentavano di disinnescarlo con un robot. Un episodio che ha paralizzato per ore la circolazione ferroviaria, bloccando decine di migliaia di pendolari che ogni mattina transitano tra New York e il vicino New Jersey.

“Non cederemo alla paura. L’America non si arrenderà”, e continuerà a portare avanti la lotta contro il terrore, ha promesso ancora una volta il presidente americano Barack Obama, che ha seguito gli ultimi sviluppi proprio da New York, dove si trova insieme a decine di altri leader mondiali per l’Assemblea generale dell’Onu.

Tutti gli episodi – ha spiegato l’Fbi in una conferenza stampa – sarebbero collegati tra loro. E, a questo punto, sembrerebbero opera di un ‘lupo solitario’. “Al momento non stiamo cercando nessun altro”, assicura il sindaco Bill de Blasio. Il governatore dello stato di New YorK, Andrew Cuomo, aveva parlato di possibili legami col terrorismo internazionale. Ma al momento nulla trapela sul reale movente. E se la pista islamica è una delle più seguite dagli investigatori, per ora non sarebbe emerso alcun elemento che la confermi davvero. Mentre per ore si era temuto il piano di una vera e propria ‘cellula del terrore’.

Ma anche le cinque persone fermate nella notte ad un posto di blocco nei pressi del ponte di Verazzano (che collega Brooklyn a Staten Island) ed interrogate per ore dagli agenti dell’Fbi sono state alla fine rilasciate. Le indagini, comunque, sono ancora in corso, e fino a che non saranno del tutto concluse – sottolineano gli investigatori – non si può escludere nulla.

L’arresto di Ahmad Kahn Rahami è avvenuto a Linden, in New Jersey, dopo una sparatoria in cui il sospetto e due agenti sono rimasti feriti. A tradire l’uomo le impronte lasciate sul secondo ordigno inesploso rinvenuto domenica notte a Chelsea, nel cuore di Manhattan, dopo lo scoppio della prima bomba che ha ferito 29 persone.

Una volta identificato, grazie alle tracce lasciate sulla pentola a pressione imbottita di schegge metalliche e di una potente miscela esplosiva, l’uomo è stato poi riconosciuto nei filmati girati dalle telecamere di sorveglianza sui luoghi in cui i due congegni erano stati piazzati.

La fuga di Ahmad – residente proprio a Elizabeth dove i genitori hanno un ristorante – si è conclusa dopo che polizia ed Fbi avevano diffuso la foto dell’uomo e lanciato un’allerta sui telefonini di tutti i residenti dell’area di New York, invitati a chiamare i numeri di emergenza qualora il ricercato fosse individuato.

Resta ora da accertare se il movente di Rahami, che sarà interrogato nelle prossime ore, sia effettivamente quello religioso. Per il momento non si conosce una sua possibile radicalizzazione, e non si hanno notizie di suoi contatti con elementi del terrorismo islamico all’estero. Le sue gesta, inoltre, non avrebbero nulla a che vedere – come dichiarato da Obama – con l’episodio dell’accoltellamento di diverse persone in un mall del Minnesota, rivendicato dall’Isis.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

23:21Attico Bertone: torna ‘giallo’ doppie fatture

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 22 SET - Torna il 'giallo' del doppio pagamento per la ristrutturazione dell'appartamento dell'ex Segretario di Stato vaticano, il cardinale Tarcisio Bertone. Nel processo in corso in Vaticano, l'ex presidente della Fondazione Bambino Gesù, Giuseppe Profiti (accusato di peculato) aveva definito 'falsa' questa ipotesi, perché la Fondazione aveva cofinanziato i lavori dell'appartamento mentre il Governatorato aveva pagato i lavori per le parti comuni di Palazzo San Carlo. Oggi, invece, l'ombra del doppio pagamento a vantaggio delle imprese di Gianantonio Bandera, di cui si è parlato nei mesi scorsi, di fatto è rispuntata. Marco Bargellini, alla guida della sezione 'edilizia' della Direzione dei Servizi Tecnici del Governatorato, ha detto che l'ente ha pagato tutto, non sapendo che i lavori erano stati pagati anche dalla Fondazione. Durante un'udienza di sei ore, è anche emerso che nell'appartamento non sono mai stati effettuati i collaudi.

23:12Calcio: Bayern raggiunto dal Wolfsburg sul 2-2

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Non sono bastate due reti di vantaggio al Bayern Monaco per condurre in porto la partita contro il Wolfsburg, conclusasi 2-2. Sul campo della Allianz Arena, nell'anticipo della sesta giornata di Bundesliga, le reti di Lewandowski (33', su rigore che lo stesso attaccante polacco si era procurato) e Robben (42') sembravano aver messo in discesa l'incontro per la formazione allenata da Carlo Ancelotti. Ma nella ripresa la reazione del Wolfsburg ha sorpreso i bavaresi, che hanno incassato all'11' il gol su punizione di Arnold ed a 7' dalla fine quello di Didavi. Il Bayern ha così fallito il momentaneo sorpasso sul Borussia Dortmund capolista, raggiunto a 13 punti, che domani affronta il Moenchengladbach.

22:28Usa: McCain resiste su Obamacare, ‘non voto nuovo testo’

(ANSA) - WASHINGTON, 22 SET - Il senatore repubblicano John McCain ha annunciato che non voterà per la nuova proposta di legge per la revoca di Obamacare, infliggendo così un altro duro colpo al tentativo dei repubblicani di raggiungere i 50 voti necessari al Senato per mandare avanti l'iter. "Non posso in buona coscienza votare per la proposta Graham-Cassidy. Credo che possiamo fare meglio, lavorando insieme repubblicani e democratici, e non abbiamo ancora davvero provato", ha affermato McCain. Il testo, messo a punto dai senatori Bill Cassidy e Lindsey Graham, è l'ultima possibilità di passare una proposta di legge che smantelli l'Affordable Care Act (detto Obamacare) voluto da Barack Obama, prima della scadenza del 30 settembre. Il voto è previsto infatti per la prossima settimana. La determinazione di McCain, che invoca collaborazione bipartisan dopo averne già interrotto l'iter in luglio, mette così nuovamente a rischio il tentativo dei repubblicani di sostituire l'Obamacare, su cui spinge il presidente Donald Trump.

22:20Maria: cede diga Porto Rico, allagate due cittadine

(ANSA) - SAN JUAN DE PORTORICO (STATI UNITI), 22 SET - La diga di Guajataca, a Porto Rico, ha ceduto e sta provocando alluvioni "estremamente pericolose", in particolare in due cittadine lungo il fiume: lo ha annunciato il servizio meteo Usa (Nws), citato da Bbc, aggiungendo che è in corso l'evacuazione della popolazione di due centri abitati lungo il fiume. Sotto l'azione delle piogge portate dall'uragano Maria, che sta devastando i Caraibi, il cedimento è avvenuto alle 14:10 locale, le 21.10 italiane, allagando subito le cittadine di Isabela e Quebradillas.

21:46Uccisa da veicolo poi in fuga, denunciato camionista

(ANSA) - CASTELFIORENTINO (FIRENZE), 22 SET - È un camionista residente nel Pisano la persona denunciata dai carabinieri perché accusato dell'omicidio stradale di Sara Scimmi, la 19enne investita e uccisa il 9 settembre scorso a Castelfiorentino (Firenze) lungo la strada regionale 429. Secondo gli accertamenti dei carabinieri l'uomo quella sera era alla guida di un tir di proprietà di un'azienda umbra, i cui segni delle gomme sarebbero riconducibili a quelli lasciati sull'asfalto. Il dettaglio chiave è stato un logo sul telone del mezzo pesante, individuato in una ripresa di videosorveglianza visionata dai carabinieri. Il confronto con alcune riprese effettuate a distanza di ore a un casello autostradale, seguendo un ipotetico tracciato, ha permesso di individuare definitivamente mezzo e autista. Il conducente ha negato ogni coinvolgimento e il veicolo, sequestrato, sarà oggetto di approfondimenti da parte dei Ris di Roma.

21:46Calcio: Balotelli a segno, Nizza riacciuffa l’Angers

(ANSA) - ROMA, 22 SET - Con un gol siglato al 39' su rigore Mario Balotelli ha avviato la rimonta del Nizza che contro l'Angers si era trovato sotto 2-0, in casa, nell'anticipo della settima giornata di Ligue 1. Il doppio vantaggio degli ospiti nasceva dalle reti di Pavlovic al 12' ed Toko Ekambi al 34'. Al 31' della ripresa l'autogol di Ismael Traoré ha fissato il risultato sul 2-2. Il Nizza sale a 10 punti, l'Angers a 8.

21:04Migranti: archiviata inchiesta molestie in Cpa nel Padovano

(ANSA) - PADOVA, 22 SET - La Procura di Padova ha disposto l'archiviazione dell'inchiesta che vedeva alcuni migranti ospitati nel centro di accoglienza di Bagnoli di Sopra (Padova) accusati di molestie sessuali nei confronti di alcune dipendenti di una cooperativa che si occupa delle pulizie nel centro. La denuncia era stata avanzata nello scorso marzo da un gruppo di lavoratrici che hanno raccontato ai carabinieri di essere state prima vittime di battute oscene da parte dei richiedenti asilo, poi di essere state seguite nei locali della base durante il turno di lavoro. Tra le motivazioni dell'archiviazione da parte della Procura c'è anche l'impossibilità di individuare con certezza i responsabili delle presunte molestie. (ANSA).

Archivio Ultima ora