Trump-Clinton, le bombe infiammano lo scontro elettorale

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Trump-Clinton, le bombe infiammano lo scontro elettorale

Trump-Clinton, le bombe infiammano lo scontro elettorale

WASHINGTON. – A 50 giorni dal voto per eleggere il nuovo presidente degli Stati Uniti è la paura del terrorismo a fare da spartiacque tra le due anime dell’America: le bombe a New York e in New Jersey e l’accoltellamento in Minnesota, gettano benzina sul fuoco dello scontro tra Donald Trump e Hillary Clinton.

Il candidato repubblicano si accende come prevedibile, trova tutte le conferme per i suoi appelli e le sue promesse e punta il dito dritto contro Barack Obama e Hillary Clinton: “questo è il loro fallimento”. La democratica Clinton ribatte insistendo sulle sue credenziali e sull’esperienza ricordando che è “l’unica” tra i due che è stata nella stanza dei bottoni a combattere questa battaglia, quando gli Usa decidevano di eliminare Osama bin Laden.

Questa volta l’attacco è senza vittime e ha ancora i connotati sfuggenti di una storia tutta da definire: manca il movente, manca una rivendicazione. C’è però l’aggressore vivo, nelle mani degli inquirenti, un afghano naturalizzato americano. C’è un piccolo ristorante a conduzione familiare nel New Jersey e, ancora una volta, c’è il sogno americano degenerato, polverizzato. Sufficiente per fare ripetere a Donald Trump, e con vigore, che bisogna cambiare, che bisogna controllare meglio e controllare tutti, che bisogna fermare il flusso dei migranti.

Eppure questa volta Trump appare più cauto: si parla di “terrorismo internazionale” solo in termini vaghi ancora, di palese e ‘su carta’ non c’è nulla. Ciò non aveva fermato il tycoon in occasione della strage di Orlando (con 49 morti) dal dichiarare subito la sua lotta senza quartiere al terrorismo islamico. Questa volta forse pensa alle urne, e pur rivendicando di avere predetto già sabato sera che a New York si fosse trattato di una bomba, l’attacco che sferra è tutto politico e contro gli avversari.

E così anche Hillary Clinton che denuncia: la retorica di Donald Trump fa il gioco dell’Isis. E parla direttamente agli elettori, invitandoli a non farsi “distrarre da certa retorica” promette loro che l’America ha quello che serve per vincere questa battaglia, che ‘lei’ ha l’esperienza necessaria per vincere questa battaglia. “Combatteremo contro i cattivi e li prenderemo. Ma non combatteremo un’intera religione”, promette.

“La minaccia è reale ma anche la nostra determinazione”, scandisce la ex segretario di Stato, “dobbiamo essere vigili ma non spaventati. Scegliamo la determinazione, non la paura”. L’ex first lady incalza: “Io sono l’unica candidata in questa corsa che ha preso parte a decisioni difficili per eliminare terroristi dal campo di battaglia, io sono stata seduta a quel tavolo nella situation Room. So come farlo”. Al contrario “il piano segreto di Trump è che… non ha un piano”.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

12:41Madrid, da Puigdemont ‘disobbedienza sistematica’

(ANSA) - MADRID, 21 OTT - Per il governo spagnolo il president catalano Carles Puigdemont si è reso responsabile di una "disobbedienza ribelle, sistematica e consapevole" degli obblighi previsti dalla legge e dalla costituzione e ha "gravemente attentato" all'interesse generale dello stato. Lo affermano le motivazioni della richiesta di attivazione dell'articolo 155 all' esame della riunione straordinaria del consiglio dei ministri a Madrid.

12:30Droga: spaccio via WhatsApp, 9 indagati

(ANSA) - BERGAMO, 21 OTT - Nove persone - 7 marocchini e due italiani, tra i 20 e i 50 anni - sono state indagate nell'ambito di un'operazione antidroga dei carabinieri di Treviglio (Bergamo), supportati dai colleghi cinofili di Orio al Serio (Bergamo). Eseguite all'alba dieci perquisizioni di locali pubblici e abitazioni. Lo spaccio avveniva tramite WhatsApp e l'operazione è stata infatti ribattezzata 'WhatsApp 2017'. Per l'accusa, i magrebini avevano attivato una fitta rete di spaccio sulla piazza di Treviglio, ma non solo. Anche i comuni di Medolago, Terno d'Isola, Calusco d'Adda, Bonate Sopra, Chignolo d'Isola e Casirate d'Adda erano piazze 'occupate' degli indagati che trafficavano in prevalenza in cocaina, ma anche in hashish. Lo spaccio avveniva per strada, nei giardini pubblici ma anche in bar del centro di Treviglio. (ANSA).

12:29Anche Catalunya Radio seguirà referendum

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - Anche Catalunya Radio è fra i 130 media accreditati per poter seguire l'andamento del voto e dello spoglio delle schede del referendum sull'autonomia che si terrà domani in Lombardia. Lo spiega Gianni Fava, assessore e coordinatore della consultazione per la Regione. A Palazzo Lombardia, nella Sala Biagi, è stata allestita una sala stampa che sarà operativa dalle 7 di domani mattina fino al termine dello scrutinio. Fra le testate accreditate, numerose sono straniere come l' agenzia di stampa Russia Oggi, le emittenti televisive Aptn, BBc arabic, France 24, Euronews, Rtv Sloveija, Rtl Television. Sono previste dirette televisive dalla sala stampa da parte di Rai, Mediaset, Sky e La7 e sui principali siti online dei quotidiani nazionali.

12:24Calcio: Verratti, lasciando il Psg avrei guadagnato di più

(ANSA) - ROMA, 21 OTT - "Non mi aspettavo di trascorrere un'estate così. Io non ho mai detto che volevo lasciare il Psg". Marco Verratti, in un'intervista a L'Equipe, racconta la decisione di arrivare a rompere con il suo ormai ex procuratore, Donato Di Campli, per passare alla corte di Mino Raiola. "La gente pensa che sia rimasto al Paris Saint Germain per i soldi, ma avrei potuto guadagnarli anche in altri posti - afferma il centrocampista azzurro - Se la scorsa estate avessi lasciato Parigi ne avrei presi anche di più, c'erano club che offrivano quasi 100 milioni per me. Neymar potrebbe vincere di più nel Manchester City o nel Chelsea, ma ha scelto il Psg per il progetto. Lo stesso ho fatto io". "Raiola lo conoscevo perché era l'agente di Ibrahimovic - spiega tra l'altro Verratti - La sola cosa che gli ho detto era che non volevo più finire sui giornali. Ha esperienza e buoni rapporti con i club. E mi è stato consigliato da Zlatan. Ogni volta che gli ho dato ascolto, in campo e fuori, mi sono trovato bene".

12:03Attacco con coltello a Monaco, è caccia all’uomo

(ANSA) - BERLINO, 21 OTT - È caccia aperta all'uomo, che ha colpito con un coltello a Monaco, ferendo alcune persone (finora quattro). La polizia sta intervenendo "con tutte le forze in campo", ha affermato un portavoce delle forze dell'ordine. Al momento viene ricercato un uomo sulla quarantina, che porterebbe dei pantaloni grigi, una giacca verde e uno zaino. Un identikit reso possibile dalla descrizione fatta sul web da un testimone.

11:46Catalogna: sondaggio, 68% per elezioni

(ANSA) - BARCELLONA, 21 OTT - Il 68,6% dei catalani è favorevole alla convocazione di elezioni per uscire dall'attuale crisi istituzionale mentre il 66,5% è contro un commissariamento della regione da parte di Madrid con l'attivazione dell'art.155, secondo un sondaggio Gesop pubblicato da El Periodico. Alla domanda su che cosa dovrebbe fare ora il presidente Carles Puigdemont, il 29,3% risponde chiedendo la proclamazione immediata dell'indipendenza, il 24,8% la rinuncia all'indipendenza e il 36,5% un ritorno alle urne per evitare il commissariamento.

11:30Chiesa: Delpini apre procedura beatificazione Fratel Ettore

(ANSA) - MILANO, 21 OTT - L'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha incaricato la Curia Arcivescovile di pubblicare l' editto per l'apertura del processo di beatificazione e canonizzazione del "Servo di Dio" Fratel Ettore Boschini. Da questo momento quindi, come ricorda la Diocesi, in conformità all'art. 43 dell'Istruzione Sanctorum Mater della Congregazione delle Cause dei Santi, i fedeli ambrosiani potranno far pervenire al Servizio per le Cause dei Santi della Curia di Milano testimonianze o scritti sulla figura del sacerdote in vista dell'inizio dell'istruttoria diocesana che avverrà martedì 19 dicembre. Avanzata dall'ordine religioso dei Chierici Regolari Ministri degli Infermi (i Camilliani) e dall'associazione I Missionari del Cuore Immacolato di Maria, la richiesta di apertura del processo di beatificazione era già stata accolta il 12 marzo 2012, dall' allora arcivescovo di Milano, Angelo Scola. Con la pubblicazione dell'Editto, l'arcivescovo Delpini ha confermato la scelta del suo predecessore. (ANSA).

Archivio Ultima ora