Grillo vede Appendino, il modello Torino un esempio

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Beppe Grillo incontra la Sindaca M5S di Torino Chiara Appendino ed i consiglieri comunali presso il Municipio, Torino, 19 Settembre 2016 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

Beppe Grillo incontra la Sindaca M5S di Torino Chiara Appendino ed i consiglieri comunali presso il Municipio, Torino, 19 Settembre 2016 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

TORINO. – “E’ solo l’inizio. Rendiamo possibile l’impossibile”. Beppe Grillo rinnova così la sfida del Movimento 5 Stelle poco dopo avere lasciato il Comune di Torino, dove è giunto a sorpresa per incontrare la sindaca Chiara Appendino e i consiglieri pentastellati. Un faccia a faccia lontano da occhi indiscreti, dopo la cena di ieri sera a casa della prima cittadina e la festa di compleanno in un locale del centro per i quarant’anni del capo di gabinetto del Comune, Paolo Giordana.

Ai Comuni “abbiamo messo delle persone davvero straordinarie, abbiate fede”, è l’invito del leader 5 Stelle, che non aveva ancora incontrato la prima cittadina piemontese. “Con Beppe Grillo ho avuto il piacere di scambiare brevemente due parole nel mio ufficio, prima di lasciarlo con i consiglieri e tornare a lavorare”, si limita a far trapelare la sindaca, accusata dalle opposizione di avere preferito l’ex comico genovese ai cittadini che avrebbe dovuto incontrare in piazza Umbria.

Calendarizzato da tempo, nell’ambito del ‘#ParliamociTour’ che la sta portando in tutti i quartieri della città, l’appuntamento è stato annullato questa mattina per colpa di una fastidiosa febbre. Una scusa, secondo le opposizioni, che parlano di un “gesto grave e scorretto” e l’accusano di “bugiardite”: “per incontrare i cittadini aveva la febbre per Grillo era guarita”, sono i commenti diffusi sul web da esponenti di Pd e Forza Italia, mentre FdI punta il dito contro la scelta di ricevere Grillo al piano nobile di Palazzo civico, “trasformato nel palcoscenico di un buffone”.

“Due ore di incontro, di mattina presto, non mi avrebbero aiutata a rimettermi in sesto per la seduta del Consiglio Comunale e per un importante incontro previsto per domani a Roma sul Salone del Libro”, spiega in serata la Appendino, che al faccia a faccia con i cittadini avrebbe voluto portare anche Grillo. “Sono sincera non me la sono sentita”, aggiunge assicurando che li incontrerà giovedì mattina.

Tanti i temi trattati da Grillo nelle ore trascorse sotto la Mole, dalla mobilità sostenibile alle energie alternative. E persino la lotta alla povertà – uno dei temi su cui i pentastellati hanno costruito la loro vittoria sotto la Mole – e il Salone del Libro: una risorsa per Torino secondo Grillo, che ha assicurato il suo interessamento alla Appendino, volto nuovo e vincente del Movimento 5 Stelle che alcuni vedrebbero bene alla guida del movimento. Una sfida, quella della politica romana, che per il momento non sembra appassionarla: “Il mio impegno è totalmente profuso – è solita ripetere – su Torino”.

(di Alessandro Galavotti/ANSA)

Ultima ora

17:27Calcio: Montella, Crotone insidioso ma Milan pronto

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - ''Il Crotone è una squadra aggressiva, che sa sta stare in campo e sa cosa fare. È una trasferta insidiosa ma il Milan è pronto. Senza voler togliere nulla alle partite di Europa League, ora si fa sul serio''. Così Vincenzo Montella alla vigilia della trasferta a Crotone.Il tecnico rossonero evita le domande sull'imminente arrivo di Kalinic (''Sono concentrato solo sul presente e il presente si chiama Crotone'') ma ammette che ''qualcosa sul mercato potrebbe ancora accadere'', con l'arrivo a Milano di David Han Li, braccio destro del presidente Yonghong Li e membro del Cda del Milan, che seguirà la squadra in trasferta: ''C'è grande sinergia con Fassone e Mirabelli che non hanno dormito sessanta giorni per rivoluzionare la rosa. Loro sanno cosa fare per migliorare la rosa ma sarei ingeneroso se pubblicamente chiedessi ancora di più. L'intera società ci supporta''.

17:16Ucciso in lite stradale: presunto omicida resta in carcere

(ANSA) - BARI, 19 AGO - Resta in carcere per il reato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi il 68enne di Bitonto (Bari) Gaetano Sesto, accusato di aver ucciso con una coltellata al torace il 25enne Giuseppe Muscatelli durante un diverbio per questioni stradali. All'esito dell'interrogatorio, nel quale l'anziano - difeso dall'avvocato Angela Maralfa - ha risposto a tutte le domande spiegando di aver "reagito ad un pugno senza alcuna intenzione di ammazzare quel ragazzo", il gip del Tribunale di Bari Giovanni Anglana non ha convalidato il fermo, ma ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere. Il giudice, condividendo la ricostruzione fatta dal pm Larissa Catella e sulla base dell'autopsia, ha ritenuto che quell'unico colpo di coltello sia stato inferto con una violenza tale che dimostrerebbe la volontà di uccidere e la pericolosità sociale dell'uomo.

17:15Calcio: Juric, molto curioso di vedere effetti della Var

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Sono molto interessato e curioso di vedere all'atto pratico quali effetti produrrà l'introduzione di questa novità. E' un passo avanti a vantaggio della trasparenza, non solo per il contributo fornito agli arbitri per ridurre i margini di errore che hanno sempre fatto parte del gioco". Lo ha detto l'allenatore del Genoa, Ivan Juric, commentando l'introduzione della moviola in campo. "L'uso della tecnologia è entrata prepotentemente nella vita di ognuno di noi. Trovo corretto che gli organismi istituzionali sovraintendenti alle regole si siano mossi in questa direzione. Ci vorrà tempo per abituarsi", ha aggiunto Juric.

17:11Calcio: Samp, Giampaolo “partiamo a fari spenti e umili”

(ANSA) - GENOVA, 19 AGO - "Partiamo a fari spenti e con grande umiltà. Ho detto una cosa alla squadra, abbiamo un valore che non possiamo disperdere: è il nostro tifo. Divertiamolo!". Marco Giampaolo, allenatore della Sampdoria, vuole subito partire col piede giusto in questa prima giornata di campionato al cospetto di un Benevento che si presenterà domani sera nel Ferraris di Genova per mettere in difficoltà Puggioni e compagni. "Il debutto è sempre una sfida particolare, diversa dalle altre, ma oggi ripartiamo con un anno di lavoro insieme", ha aggiunto Giampaolo, che ritrova Fabio Quagliarella leggermente acciaccato in settimana. Sarà disponibile anche l'esterno sinistro Nicola Murru. Sulla trequarti Alvarez in vantaggio su Ramirez e sul primo Giampaolo è chiarissimo: "Nei suoi confronti c'è sempre l'occhio della critica, lui deve venire fuori da solo, perché rende il 30-40% di quello che è il suo valore: so benissimo quali sono le sue qualità, ha la mia fiducia".

17:08Barcellona:media,volevano distruggere Sagrada Familia

(ANSA) - MADRID, 19 AGO - Il piano iniziale della cellula jihadista che ha colpito giovedì sulla Rambla prevedeva un attacco con tre furgoni carichi di esplosivo Tatp e bombole di gas per distruggere la Sagrada Familia, il celeberrimo tempio di Antoni Gaudì simbolo di Barcellona, scrive El Confidencial citando fonti delle indagini.

17:06Calcio: Inzaghi, “Var? Favorevole, spero decisioni veloci”

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - "Var? Sono favorevole. Spero che ci si metta poco comunque a decidere". E' l'opinione di Simone Inzaghi, sull'esordio ufficiale della Video asssistant referee, meglio noto come 'moviola in campo'. "Nella passata stagione siamo stati un po' danneggiati - ha precisato il tecnico della Lazio, nella conferenza stampa della vigilia del match di domani contro la Spal - dovremmo abituarci, è qualcosa di innovativo che il calcio non ha mai visto".

17:02Calcio: Montella, Milan da scudetto? Non poniamoci limiti

(ANSA) - MILANO, 19 AGO - "Le avversarie ritengono il Milan da scudetto? Non dobbiamo porci limiti, ma il nostro obiettivo è far parte delle prime quattro. Siamo una delle poche squadre ad avere acquistato più di 10 giocatori, dobbiamo prima diventare squadra e poi una squadra vincente". Così Vincenzo Montella, alla vigilia della sfida contro il Crotone, parla degli obiettivi stagionali del Milan. "Ci sono squadre più attrezzate di noi. Il Napoli ha cambiato pochissimo, la Juventus ha speso quanto il Milan, con i vari Bernardeschi e Douglas Costa. Abbiamo fatto un mercato sontuoso, ma dobbiamo tornare grandi nel tempo e alimentare l'entusiasmo dei tifosi".

Archivio Ultima ora