Governo studia un taglio stabile del costo del lavoro, ma dal 2018

Pubblicato il 19 settembre 2016 da ansa

Governo studia taglio stabile costo lavoro, ma da 2018

Governo studia taglio stabile costo lavoro, ma da 2018

ROMA. – Un taglio strutturale del costo del lavoro, attraverso la riduzione del cuneo fiscale e contributivo, da scrivere subito, per dare certezza a lavoratori e imprese, ma da fare scattare sempre nel 2018. C’è anche questa ipotesi tra quelle che il governo sta studiando per la prossima legge di Bilancio che, è il ragionamento del viceministro dell’Economia Enrico Morando, più sono strutturali più possono spazzare via l’incertezza che blocca le decisioni economiche di famiglie e, soprattutto, imprese.

“Non so se si potrà anticipare al 2017, ma sono certo che sia indispensabile prendere ora una decisione di medio periodo sulla tassazione su lavoro e imprese”, ha spiegato, confermando, in linea con le dichiarazioni del sottosegretario Tommaso Nannicini di qualche giorno fa, che il taglio strutturale del cuneo “con un orizzonte 2018-19” è sul tavolo. Non è detto che questo azzeri le possibilità di un rinnovo mirato, per l’ultima volta, degli sgravi per il lavoro stabile, magari mirati su Sud o giovani, o sulla stabilizzazione di chi ha iniziato ad affacciarsi in azienda grazie all’alternanza scuola-lavoro.

“Non si può dire che non ci saranno sgravi – ha spiegato infatti Morando – ma certo non saranno riproposti nella stessa formula”. Per rendere l’intervento strutturale ancora una volta il meccanismo potrebbe essere quello applicato per la riduzione dell’Ires (scritta nel 2015 entrerà in vigore nel 2017) che, ha sottolineato l’esponente del Tesoro, nessuno credeva sarebbe diventata veramente operativa. Non solo, per il viceministro, se si operasse una “fiscalizzazione degli oneri contributivi” questo già si tradurrebbe in una riduzione delle tasse e “un intervento sul prelievo Irpef sarebbe già fatto”.

Sarà da vedere se ‘vinceranno’ i sostenitori del taglio del costo del lavoro o quelli del taglio delle tasse tout court, intanto l’unica certezza è che la prossima legge di Stabilità conterrà un corposo ‘pacchetto’ pensioni. Mercoledì il governo cercherà di chiudere l’accordo politico coi sindacati, ma resta da superare lo ‘scoglio’ dei lavoratori precoci.

La ‘dote’ si fermerebbe però attorno ai 600 milioni. Una cifra che, se confermata, risulterebbe molto al di sotto delle stime iniziali e soprattutto delle aspettative dei sindacati. Per chi ha iniziato prestissimo a lavorare si sta studiando uno “sconto” sull’accesso alla pensione anticipata di tre mesi per ogni anno lavorato prima dei 18 anni. Anche in questo caso bonus inferiore a quanto ipotizzato all’inizio del confronto con le parti sociali, schierate su un anticipo di almeno quattro mesi, ma risulterebbe compatibile – considerando la platea di 80.000 persone con 41 anni di contributi – con il totale di circa 2 miliardi che l’esecutivo sarebbe disposto a mettere sul piatto tra Ape, precoci e quattordicesima.

Le pensioni non sono però l’unico fronte su cui il governo è impegnato. Il conto alla rovescia è iniziato anche per la Nota di aggiornamento del Def, attesa entro martedì 27. Le nuove stime macroeconomiche potrebbero arrivare lunedì 26, al Cdm convocato per decidere la data del referendum costituzionale, ma – per evitare sovrapposizioni – non è escluso che possano invece essere oggetto di un consiglio dei ministri apposito il giorno successivo.

In ogni caso, l’esecutivo aspetterà il 23 settembre, quando l’Istat diffonderà i conti economici nazionali del 2015. L’Istituto potrebbe rivedere le stime del Pil dello scorso anno ed influenzare così anche quelle del 2016. Qualsiasi revisione, al rialzo o al ribasso, potrebbe risultare un’arma a doppio taglio. Oltre che della differenza di crescita percentuale (che potrebbe risultare maggiore in caso il +0,8% dello scorso anno fosse ritoccato al ribasso), va tenuto conto anche del minore effetto trascinamento che un andamento dell’economia meno sostenuto nel 2015 avrebbe su quest’anno.

Le stime per la crescita del 2016 continuano quindi ad ondeggiare tra +0,8% e +1%. L’andamento del deficit sarà strettamente collegato a dove di fermerà l’asticella del Pil, mentre per quello del debito il governo sembra ormai aver rinunciato all’obiettivo di una riduzione, posizionandosi su quello di una stabilizzazione.

Ultima ora

10:37Cina: frana travolge hotel, almeno 12 morti

(ANSA) - PECHINO, 22 GEN - Almeno 12 persone sono morte dopo che una frana ha travolto l'hotel nel quale si trovavano nella provincia di Hunan, in Cina. Lo riferiscono i media locali. In base a quanto si è appreso, l'incidente è accaduto venerdì scorso: almeno 3mila metri cubi di detriti e rocce sono caduti lungo un pendio dietro l'albergo a tre piani nella contea di Nanzhang. La quantità di detriti ha rallentato i lavori dei soccorritori che alla fine sono riusciti a farsi largo nella struttura e a recuperare i corpi senza vita di 12 persone. Tre i sopravvissuti. Aperta un'inchiesta per determinare le cause dell'incidente.

10:24Afghanistan: arrestati in Kandahar 16 talebani

(ANSA) - KABUL, 22 GEN - La polizia afghana ha arrestato nelle ultime ore nella provincia meridionale di Kandahar 16 talebani, appartenenti a "tre gruppi terroristici" responsabili di attacchi coordinati e dell'uccisione di membri delle forze di sicurezza afghane. Lo ha reso noto il Dipartimento nazionale per la sicurezza (Nds, servizi). Gli arresti, ha precisato una fonte del Nds, sono avvenuti nell'ambito di specifiche operazioni realizzate nei distretti di Arghandab, Shahwali Kot e Daman. "questi gruppi terroristici - ha aggiunto la fonte - operavano sotto il comando dei Mullah Sayed Muhammad, Raz Muhammad e Mirza, che sono stati arrestati insieme ai loro uomini". Dopo il recente cruento attacco alla guesthouse del governatore di Kandahar in cui sono morte 12 persone, fra cui cinque diplomatici degli Emirati arabi uniti, la polizia ha intensificato le operazioni miranti a localizzare i talebani operanti nella provincia.

10:16India:scontro a fuoco in Arunachal Pradesh, uccisi 2 soldati

(ANSA) - NEW DELHI, 22 GEN - Due soldati del Corpo dei Fucilieri dell'Assam sono morti oggi in uno scontro a fuoco con un commando di militanti del Consiglio nazionale socialista del Nagaland (Nscn-k) nello stato nord-orientale indiano di Arunachal Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. L'incidente, precisa l'agenzia, è avvenuto nell'area di Jairampur del distretto di Changlang, confinante con lo Stato di Assam quando i militanti, che si battono per uno Stato indipendente cristiano per la popolazione di etnìa Naga del nord-est indiano e di Myanmar, hanno attaccato i fucilieri che perlustravano il territorio.

09:56Trump: primo briefing Casa Bianca dura 5 minuti

(ANSA) - NEW YORK, 22 GEN - Sean Spicer, il portavoce della Casa Bianca, tiene il suo primo briefing. E dura poco più di cinque minuti, durante i quali attacca la stampa e non prende domande, dopo essersi fatto attendere per più di un'ora. Il briefing, già inconsueto di sabato, era stato infatti inizialmente convocato per le 16.30 ore locali, le 22.30 italiane, ma Spicer si è presentato con oltre un'ora di ritardo.

09:45Trump: ex direttore Brennan, vergognoso comportamento a Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 22 GEN - L'ex direttore della Cia, John Brennan, ha detto che il presidente Donald Trump ''dovrebbe vergognarsi'' per il suo comportamento al quartier generale della Cia. Lo ha rivelato Nick Shapiro, ex braccio destro di Brennan. Shapiro dice che Brennan ''e' profondamente rattristato e arrabbiato per la deprecabile dimostrazione di autoglorificazione di Trump di fronte al Muro della memoria degli eroi dell'agenzia''. Parlando agli ufficiali della Cia di fronte al memoriale per gli agenti caduti, Trump aveva bacchettato i giornalisti per la copertura riservata alla cerimonia dell'Inaugurazione e aveva contestato che il numero delle persone presenti era piu' grande di quello riferito dai media.

07:01India: deraglia treno in Andhra Pradesh, 32 morti

NEW DELHI - Almeno 32 persone sono morte e altre 100 sono rimaste ferite in India per il deragliamento ieri notte di un treno nello Stato meridionale di Andhra Pradesh. Lo riferisce l'agenzia di stampa Ani. A quanto hanno reso noto oggi responsabili delle ferrovie il locomotore e sette carrozze del treno Jagdalpur-Bhubaneswar Express sono usciti dai binari nel distretto di Vizianagaram intorno alle 23 locali (le 19,30 italiane).

04:43Trump: con May parlera’ di accordo commerciale dopo Brexit

NEW YORK - L'amministrazione Trump iniziera' a tessere la settimana prossima le basi per un accordo commerciale con la Gran Bretagna per il dopo Brexit. Lo riferiscono i media americani citando alcune fonti, secondo le quali il presidente Donald Trump e il primo ministro inglese Theresa May ne parleranno la settimana prossima a Washington.

Archivio Ultima ora