Ventenne uccisa: legale solleva legittima suspicione a Gip

(ANSA) – CATANIA, 20 SET – Una forte pressione mediatica sul caso, alimentata anche sui social network, che rischia di “condizionare gli esiti della decisione” del giudice e “di pregiudicare la libera determinazione delle persone che partecipano al processo”. Per questo l’avvocato Dario Riccioli, legale di Luca Priolo, il 25enne che il 6 ottobre 2015 ha ucciso con 42 coltellate la sua ex convivente, Giordana Di Stefano, di 20 anni, dalla quale aveva avuto una bambina di 4 anni, ha chiesto la sospensione del procedimento presentando un’istanza di rimessione degli atti, col il trasferimento del processo a Messina. Il Gip di Catania, Loredana Pezzino, davanti al quale è pendente la richiesta di giudizio abbreviato condizionato a una perizia psichiatrica, ha trasmesso la richiesta alla Cassazione e aggiornato l’udienza al 6 dicembre. Priolo è reo confesso ma ha sempre negato la premeditazione, sostenendo di avere agito in preda a un raptus dovuto alla volontà di lei di non revocare una denuncia per stalking nei suoi confronti.(ANSA).

Condividi: