Obama attacca Putin e Trump, no a populismi e uomini forti

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

US President Barack Obama delivers his address during the United Nations 71st session of the General Debate at the United Nations General Assembly at United Nations headquarters in New York, New York, USA, 20 September 2016.  EPA/PETER FOLEY / POOL

US President Barack Obama delivers his address during the United Nations 71st session of the General Debate at the United Nations General Assembly at United Nations headquarters in New York, New York, USA, 20 September 2016. EPA/PETER FOLEY / POOL

NEW YORK. – No ai muri. No ai populismi e ai nazionalismi. E soprattutto no al mito degli uomini forti. E’ il messaggio che Barack Obama lancia nel suo ultimo intervento davanti all’Assemblea generale dell’Onu, rivolto al mondo intero ma anche alla sua America che, a poche settimane dal voto, si trova ad un bivio. Così il presidente Usa non rinuncia ad attaccare Donald Trump ma anche Vladimir Putin. E a lanciare un forte appello a tutta la comunità internazionale: i rifugiati vanno accolti ed aiutati, bisogna fare di più per loro.

Un discorso appassionato quello di Obama che – rispondendo ai suoi detrattori – fa un bilancio dei progressi fatti negli otto anni in cui è stato alla Casa Bianca: dalla catastrofe evitata dopo la crisi finanziaria alle nuove relazioni con Cuba e l’Iran, passando per importanti accordi come quelli sul clima, tirando dentro anche la Cina.

Ma il presidente americano, oltre a guardare alla sua eredità, si toglie diversi sassolini dalle scarpe, criticando anche un alleato come Benyamin Netanyahu: “La diplomazia è la vera chiave per fermare la violenza. Non si può affermare la propria leadership sminuendo gli altri. E Israele sa che non può occupare in via permanente la terra palestinese”.

Tutto l’intervento è imperniato sul rischio che molti Paesi, compresi gli Stati Uniti, di fronte a terrorismo e migrazioni scelgano la strada dell’isolazionismo e dell’egoismo: “Un Paese circondato da muri imprigionerebbe sé stesso”, afferma. “Bisogna aprire i nostri cuori per accogliere i rifugiati e i disperati nelle nostre case”, insiste, rivolgendosi poi direttamente agli americani: “Aiutare chi ne ha bisogno rende gli Stati Uniti più sicuri”.

Altro, quindi, che i muri e il pugno di ferro propagandato da Donald Trump. “Bisogna respingere ogni forma di fondamentalismo, di razzismo o credo di superiorità etnica. Serve il rispetto di tutti gli esseri umani e di tutte le culture e religioni”.

Obama alterna momenti in cui vola alto, da Nobel per la pace, con toni ispirati con cui chiede più giustizia nel mondo, riducendo il gap tra ricchi e poveri e lavorando per società ed economie più inclusive. Poi improvvisamente l’affondo anche sull’arcirivale Putin: “La Russia sta cercando di riguadagnare la gloria perduta tramite la forza”, afferma riferendosi in particolare al conflitto con l’Ucraina. Ma difficile che il presidente Usa non abbia pensato al Cremlino anche quando riafferma “il rispetto dei diritti di tutti gli esseri umani”, che siano oppositori politici o gay.

Invita tutti, poi, a non cedere al pessimismo e al cinismo di fronte alle difficoltà. Perché se è vero che la globalizzazione va corretta questo va fatto andando avanti: “Il mondo oggi è di fronte a una scelta, e il rischio è che si possa tornare indietro”.

Ecco di nuovo lo spettro dei muri, il termine più usato da Obama nel suo intervento. Un lungo applauso lo saluta. Il prossimo anno dal palco dell’Assemblea generale dell’Onu sarà la volta di Hillary Clinton o di Donald Trump.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

15:13Fitto, centrodestra si dia orientamento, ok primarie

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "Attendendo le decisioni della Corte Costituzionale, è bene che il centrodestra si orienti. Lo dico con spirito costruttivo e non polemico". Lo afferma Raffaele Fitto, leader dei Conservatori e Riformisti. "Gli elettori - prosegue - ci sono, anzi ci sarebbero. Altri sono astenuti, ma potrebbero riconsiderarci come opzione di voto. Ma per far questo occorre una legge elettorale unificante, e un grande rinnovamento di persone, programmi, strategie. Le primarie possono esprimere meglio di qualunque altro strumento (vecchi tavoli, ecc) una spinta di rinnovamento, di unità e di competizione di idee e proposte. Da sempre sosteniamo le primarie. Naturalmente occorrono regole serie e definire per tempo.

15:11Calcio: Prandelli, Valencia minaccia causa

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Il burrascoso addio di Cesare Prandelli sulla panchina del Valencia rischia di avere un'appendice fatta di carte bollate. Il club spagnolo infatti, secondo quanto riporta oggi 'Marca', avrebbe intenzione di fare causa al tecnico italiano per violazione contrattuale. Al momento, si tratta solo di un'ipotesi ma l'ufficio legale del club starebbe valutando gli eventuali passi legali. In realtà, sottolinea la stessa stampa iberica, la cosa "non sembra avere una prospettiva tangibile di successo, dato che si tratta di una risoluzione consensuale, tra l'altro arrivata rapidamente, e che ha permesso al club di risparmiare un anno e mezzo di contratto". "A Valencia mi sono sentito umiliato, perciò me ne sono andato - ha ripetuto ieri l'ex ct azzurro a 'Premium' - Sono mancati i presupposti per lavorare con trasparenza, mi hanno chiesto di fare l'allenatore e il dirigente, senza poi darmene la reale possibilità".

15:06Mafia: stragi ’92, Messina Denaro rinviato a giudizio

(ANSA) - CALTANISSETTA, 23 GEN - Il gup di Caltanissetta Marcello Testaquatra ha rinviato a giudizio il boss latitante Matteo Messina Denaro, ritenuto uno dei mandanti degli attentati di Capaci e via D'Amelio in cui vennero uccisi Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e otto agenti delle scorte. E' di strage l'accusa della quale Messina Denaro dovrà rispondere davanti alla Corte d'assise nissena nel processo che inizierà il 13 marzo.

15:02Terremoto: Salvini, Charlie Hebdo disgustoso

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - "A me non sono piaciute le vignette di Charlie Hebdo, anche quelle passate. Ritengo che il modo migliore per reagire sia quello di ignorarli. Come era disgustosa questa ne ritengo disgustose parecchie anche precedenti. Quando ci sono di mezzo dei morti bisognerebbe ironizzare su qualcosa d'altro". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini, commentando ai microfoni di Radio Cusano Campus la vignetta di Charlie Hebdo sul terremoto.

14:55Terremoto: crepe a sede, lavoratori Afm L’Aquila non entrano

(ANSA) - L'AQUILA, 23 GEN - Sede mai ristrutturata dal terremoto del 2009 e danni in aumento per le continue scosse con nuove crepe evidenti: per questo motivo 10 dipendenti dell'Azienda farmaceutica municipalizzata di L'Aquila, società comunale che gestisce sette farmacie pubbliche, si sono rifiutati di entrare a lavoro. La notizia è stata diffusa dall'Ugl con una nota del segretario provinciale Giuliana Vespa, che chiede prima di tutto una sede sicura per i dipendenti amministrativi, "fosse pure un container". "La sede della Afm, come da noi più volte ribadito anche in sede prefettizia il 19 dicembre 2014, non è stata mai oggetto dei lavori di ristrutturazione post-sisma - afferma -. In quella sede ci fu detto che lo stabile che ospita l'Afm aveva ottenuto la agibilità parziale con classificazione 'B' e che era stato interessato, quale proprietario dell'immobile, il Comune per i lavori di ristrutturazione, mai avvenuti".

14:49Calcio: Real, Marcelo salta il Napoli

(ANSA) - ROMA, 23 GEN - Brutte notizie per Marcelo, il terzino sinistro del Real uscito anzitempo durante la sfida di Liga contro il Malaga: il brasiliano ha riportato una lesione di secondo grado al bicipite femorale destro e starà fuori almeno un mese, saltando quindi la sfida di andata di Champions contro il Napoli, con qualche speranza di averlo per il ritorno (7 marzo). Questo l'esito dell'esame cui si è sottoposto stamani il giocatore, visitato insieme a Luka Modric che invece tornerà in campo tra circa 10 giorni: per il croato solo un sovraccarico all'adduttore della gamba destra. Marcelo sarà invece certamente indisponibile contro Celta (Liga e Coppa del Re), Real Sociedad, Osasuna, Espanyol, Valencia e Villarreal (Liga) e, appunto, Napoli. Per la sfida contro il Celta di mercoledì prossimo (che i blancos devono recuperare dopo il ko casalingo dell'andata), Zidane oltre a Marcelo e Modric, dovrà fare a meno anche di Carvajal, Pepe e Bale.

14:47Sindaci dopo allarme Grandi rischi, no a scaricabarile

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 23 GEN - "Mi assumo la responsabilità di riaprire domani le scuole di Ascoli Piceno perché sono nelle condizioni in cui erano prima del terremoto del 24 agosto. Alla luce dell'allarme della Commissione Grandi Rischi, ho però scritto al presidente del consiglio Gentiloni, al ministro Fedeli, a Errani e Curcio chiedendo loro di dirmi se la mia decisione è amministrativamente corretta o se, in assenza dei certificati di vulnerabilità che non abbiamo per nessun edificio scolastico, come del resto praticamente in tutta Italia, devo tenerle chiuse e dichiarare finito anche l'anno scolastico". Così il sindaco Guido Castelli. ''Scaricare sui sindaci responsabilità che è impossibile sostenere è il sintomo di un Paese malato'' dice il sindaco di Fabriano Giancarlo Sagramola. ''Ho fatto quello che posso fare: ho disposto che in tutte le scuole di ogni ordine e grado e in tutti gli uffici pubblici si effettuino prove di evacuazione ogni settimana. Non posso certo rafforzare le strutture''.

Archivio Ultima ora