Obama attacca Putin e Trump, no a populismi e uomini forti

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

US President Barack Obama delivers his address during the United Nations 71st session of the General Debate at the United Nations General Assembly at United Nations headquarters in New York, New York, USA, 20 September 2016.  EPA/PETER FOLEY / POOL

US President Barack Obama delivers his address during the United Nations 71st session of the General Debate at the United Nations General Assembly at United Nations headquarters in New York, New York, USA, 20 September 2016. EPA/PETER FOLEY / POOL

NEW YORK. – No ai muri. No ai populismi e ai nazionalismi. E soprattutto no al mito degli uomini forti. E’ il messaggio che Barack Obama lancia nel suo ultimo intervento davanti all’Assemblea generale dell’Onu, rivolto al mondo intero ma anche alla sua America che, a poche settimane dal voto, si trova ad un bivio. Così il presidente Usa non rinuncia ad attaccare Donald Trump ma anche Vladimir Putin. E a lanciare un forte appello a tutta la comunità internazionale: i rifugiati vanno accolti ed aiutati, bisogna fare di più per loro.

Un discorso appassionato quello di Obama che – rispondendo ai suoi detrattori – fa un bilancio dei progressi fatti negli otto anni in cui è stato alla Casa Bianca: dalla catastrofe evitata dopo la crisi finanziaria alle nuove relazioni con Cuba e l’Iran, passando per importanti accordi come quelli sul clima, tirando dentro anche la Cina.

Ma il presidente americano, oltre a guardare alla sua eredità, si toglie diversi sassolini dalle scarpe, criticando anche un alleato come Benyamin Netanyahu: “La diplomazia è la vera chiave per fermare la violenza. Non si può affermare la propria leadership sminuendo gli altri. E Israele sa che non può occupare in via permanente la terra palestinese”.

Tutto l’intervento è imperniato sul rischio che molti Paesi, compresi gli Stati Uniti, di fronte a terrorismo e migrazioni scelgano la strada dell’isolazionismo e dell’egoismo: “Un Paese circondato da muri imprigionerebbe sé stesso”, afferma. “Bisogna aprire i nostri cuori per accogliere i rifugiati e i disperati nelle nostre case”, insiste, rivolgendosi poi direttamente agli americani: “Aiutare chi ne ha bisogno rende gli Stati Uniti più sicuri”.

Altro, quindi, che i muri e il pugno di ferro propagandato da Donald Trump. “Bisogna respingere ogni forma di fondamentalismo, di razzismo o credo di superiorità etnica. Serve il rispetto di tutti gli esseri umani e di tutte le culture e religioni”.

Obama alterna momenti in cui vola alto, da Nobel per la pace, con toni ispirati con cui chiede più giustizia nel mondo, riducendo il gap tra ricchi e poveri e lavorando per società ed economie più inclusive. Poi improvvisamente l’affondo anche sull’arcirivale Putin: “La Russia sta cercando di riguadagnare la gloria perduta tramite la forza”, afferma riferendosi in particolare al conflitto con l’Ucraina. Ma difficile che il presidente Usa non abbia pensato al Cremlino anche quando riafferma “il rispetto dei diritti di tutti gli esseri umani”, che siano oppositori politici o gay.

Invita tutti, poi, a non cedere al pessimismo e al cinismo di fronte alle difficoltà. Perché se è vero che la globalizzazione va corretta questo va fatto andando avanti: “Il mondo oggi è di fronte a una scelta, e il rischio è che si possa tornare indietro”.

Ecco di nuovo lo spettro dei muri, il termine più usato da Obama nel suo intervento. Un lungo applauso lo saluta. Il prossimo anno dal palco dell’Assemblea generale dell’Onu sarà la volta di Hillary Clinton o di Donald Trump.

(di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

15:43Calcio: Inghilterra, si allarga scandalo pedofilia

(ANSA) - LONDRA, 9 DIC - Si allarga l'inchiesta sulla pedofilia nel mondo del calcio giovanile inglese: è salito a 83 il numero di tecnici e dirigenti di club, sospettati di aver abusato sessualmente dei loro giocatori. Un dato destinato a crescere, secondo le previsioni del dipartimento di polizia che sta svolgendo le indagini, così come quello inerente i club coinvolti, 98, di tutte le categorie. Proseguono le segnalazioni telefoniche da parte delle vittime: nel 98% dei casi si tratta di uomini, che raccontano di essere stati molestati tra i sette e i 20 anni. Finora 639 le denunce ricevute dal centralino predisposto dalla polizia Nonostante 98 società calcistiche finora siano state citate nell'inchiesta, non tutte sono sotto indagine. Secondo le ultime stime sono almeno 350 le vittime accertate Il capo della Premier League, Richard Scudamore, ha scritto ai genitori di più di 3.000 giovani calciatori per rassicurarli sulle attuali misure di controllo e sicurezza attive nei settori giovanili dei club della massima divisione inglese.

15:26Doping: Russia minimizza rapporto McLaren

(ANSA) - MOSCA, 9 DIC - Nel rapporto McLaren sul doping in Russia "per ora non c'è nulla di nuovo". Così il presidente della Commissione Sport della Duma Mikhail Degtiariov su Twitter. "Migliaia di sportivi non identificati, delle lettere, qualche testimone".

15:25Valanghe: slavina a Gressoney, ricerche in corso

(ANSA) - AOSTA, 9 DIC - Un valanga è caduta dopo le 13 nel Canale dell'Aquila sotto la Punta Indren (Gressoney). Si tratta di una zona molto nota per lo sci fuori pista. Al momento non si segnalano persone coinvolte. Sono comunque in corso operazioni di ricerca da parte del soccorso alpino valdostano, anche con unità cinofile trasportate in elicottero. (ANSA).

15:23M5S propone “reddito per la Valnerina”

(ANSA) - PERUGIA, 9 DIC - Un "reddito per la Valnerina" è la proposta lanciata dal Movimento 5 Stelle "per evitare lo spopolamento delle aree terremotate e perché la ricostruzione sarà lunga". Ad annunciare l'iniziativa - in una conferenza stampa a Perugia - sono stati i consiglieri regionali Andrea Liberati e Maria Grazia Carbonari, che hanno anche denunciato "la critica situazione post sisma, con la fase di emergenza che presenza aspetti lacunosi, cose sottaciute e senza una regia chiara". "In tanti - è stato detto - sono ancora costretti a dover fare da soli, perché risposte tangibili da Stato e Regione tardano ad arrivare, con cittadini e imprese che sono abbandonati a se stessi perché si possano compiere i soliti intrecci tra politica, cooperative e malaffare". "Noi invece - hanno poi sottolineato i consiglieri del M5S - stiamo lavorando a questa proposta di reddito come forma di aiuto in termini economici per far rimanere le persone nel territorio dove sono nate e vissute fino ad oggi".

15:19Calcio: Roma, revocata squalifica Strootman

(ANSA) - ROMA, 9 DIC - La Corte d'appello sportiva ha accolto il ricorso della Roma per Kevin Strootman, al quale sono state tolte le due giornate di squalifica per i fatti del derby. Il centrocampista olandese sarà regolarmente a disposizione per la partita di lunedì sera contro il Milan e per quella successiva di Torino contro la Juventus.

15:13Siria: Onu teme per centinaia di scomparsi da Aleppo est

(ANSA) - GINEVRA, 9 DIC - In Siria, centinaia di uomini risultano scomparsi da circa una decina di giorni dopo essere fuggiti da Aleppo est verso zone controllate dal governo siriano, ha affermato oggi a Ginevra un portavoce dell'Alto commissariato Onu per i diritti umani esprimendo "profonda preoccupazione". Benché sia difficile "stabilire i fatti in una situazione cosi fluida e pericolosa", secondo notizie "molto preoccupanti" centinaia di uomini, di età tra i 30 e i 50 anni, risultano scomparsi dopo essere passati in aree controllate dal governo. "I familiari hanno perso ogni contatto", ha detto il portavoce, Rupert Colville. Dati i precedenti di "detenzione arbitraria, tortura e sparizioni forzate da parte del governo siriano, siamo naturalmente profondamente preoccupati per la sorte di queste persone", ha aggiunto.

15:04Furti di gasolio, altro oleodotto manomesso nel Pavese

(ANSA) - PAVIA, 9 DIC - Per la seconda volta in una decina di giorni i carabinieri della compagnia di Vigevano (Pavia) hanno scoperto in Lomellina un sofisticato impianto per sottrarre gasolio dagli oleodotti, nel primo caso ai danni della condotta Eni Sannazzaro-Rho, adesso a quella della Sarpom tra Trecate (Novara) e Casale Monferrato (Alessandria). Dopo la realizzazione di un innesto abusivo, un tubo interrato di due chilometri portava il carburante rubato a un capannone dismesso nella zona industriale di Castello d'Agogna, dove era stata allestita la centrale: serbatoi "a materassino" capaci di contenere 50 mila litri e un sofisticato sistema di telecamere per sorvegliare la zona. Al momento dell'irruzione, mercoledì, è stato trovato un cittadino lettone di 27 anni, arrestato in flagranza e oggi condannato per direttissima a 8 mesi. Il giudice ha confermato per lui la custodia in carcere. Anche nel primo caso erano stati identificati e denunciati due uomini originari dell'Est, un lettone di 37 anni e un ucraino di 54.

Archivio Ultima ora