Renzi incalza i leader dell’Ue, tutti sotto scacco elettorale

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al Council on Foreign Relations di New York, 20 settembre 2016.  ANSA / US PALAZZO CHIGI - TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al Council on Foreign Relations di New York, 20 settembre 2016.
ANSA / US PALAZZO CHIGI – TIBERIO BARCHIELLI

NEW YORK. – E’ una visione del “giorno per giorno”, condizionata anche dagli appuntamenti elettorali nei singoli Paesi, l’ostacolo principale a una risposta concreta, a una strategia di lungo periodo sulle grandi questioni che si pongono all’Europa dopo la Brexit.

Tra i tavoli di una cena di gala al Museo di scienze naturali di New York, subito dopo aver ricevuto dalle mani del segretario di Stato americano John Kerry un premio del think thank Atlantic Council, Matteo Renzi sembra quasi sfogarsi riprendendo il filo del ragionamento che lo ha portato allo strappo in Ue e a segnare una distanza da Angela Merkel e Francois Hollande, il presidente francese che è sempre più in asse con la cancelliera tedesca.

Dalla prossima settimana la testa e l’impegno sarà soprattutto in Italia: parte il “countdown” che porterà al voto del referendum costituzionale. Ma su questo fronte il premier si mostra ben più ottimista, a poche ore dalla decisione della Consulta di rinviare il suo giudizio sull’Italicum: sulla legge elettorale si entrerà probabilmente nel vivo dopo il referendum – è il ragionamento – ma intanto diventa chiaro che la riforma costituzionale “non riguarda la legge elettorale”.

Sollecitato dai giornalisti, il premier non commenta il pressing della minoranza Pd, ma conferma l’apertura all’ascolto delle posizioni in Parlamento. Ad ora, però, ragionano i parlamentari a lui vicini, le condizioni per cambiare continuano a non vedersi: solo dopo il referendum, comunque vada, ciascuno potrà probabilmente mettere davvero le carte in tavola.

Ma da New York Renzi ci tiene a rimarcare soprattutto il campo della sua battaglia in Europa, per politiche di crescita e per risposte concrete sull’immigrazione. “La verità – si rammarica – è che manca la volontà politica di trovare una soluzione all’ondata migratoria nel Mediterraneo”.

Nel Vecchio Continente, denuncia nel ricevere il premio Global Citizen, prevale un messaggio di “paura nel futuro”. “L’Italia salva vite nel Mediterraneo perché possiamo perdere qualche voto, ma non possiamo perdere i nostri valori”, afferma dal palco, ribadendo un concetto a lui caro. Poi a margine dei lavori dell’Assemblea generale Onu, colloca l’Italia “dalla parte del coraggio contro la paura di chi tira su muri”.

Ma l’agenda dell’Ue, osserva Renzi, è condizionata dagli appuntamenti elettorali: “Siamo quasi tutti sotto scopa elettorale, in Germania, in Francia e anche noi abbiamo il referendum…”. Ma non si può per questo temporeggiare e fermarsi alle parole sui grandi temi, dalla necessità di crescita all’accoglienza dei rifugiati.

Non ci si può fermare alle parole come a Bratislava: “Mi hanno invitato a Berlino dopo la Brexit per discutere insieme del futuro dell’Europa, ma non si capisce perché, a questo punto”. Il giornale tedesco Die Welt lo attacca: le sue critiche alla Merkel sono “segno di crescente nervosismo” e frutto della “lotta per la propria sopravvivenza politica” ma “ciò è rischioso” per lui e la cancelliera.

Il presidente del Consiglio italiano però non si scompone, rivendica la sua scelta di dire in chiaro, a microfoni accesi, ai colleghi europei come la pensa. Per sconfiggere i populismi, è la convinzione, servono risposte concrete, non parole “scritte con l’inchiostro simpatico”, non serve assecondare la paura.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

23:12Calcio: la Roma vince 4-1, Pescara matematicamente in B

(ANSA) - ROMA, 24 APR - La Roma batte 4-1 il Pescara e lo condanna alla serie B con cinque giornate di anticipo sulla fine del campionato. Gli abruzzesi, con 14 punti, non possono più raggiungere l'Empoli, quart'ultimo con 29 e in vantaggio negli scontri diretti. I giallorossi salgono a quota 75 punti, a +4 sul Napoli e a -8 dalla Juventus. Di Strootman e Nainggolan le prime reti degli ospiti, venute entrambe alla fine del primo tempo. Salah segna una doppietta a inizio ripresa. Nel finale la rete della bandiera degli abruzzesi con Benali.

22:22Siria: sanzioni Usa al centro ricerca armi chimiche

(ANSA) - WASHINGTON, 24 APR - Gli Usa hanno emesso oggi sanzioni nei confronti dei dipendenti del Centro di ricerca siriano ritenuto responsabile dello sviluppo di armi chimiche: lo ha annunciato dalla Casa Bianca il segretario al Tesoro Steven Mnuchin, come risposta "all'orribile attacco con armi chimiche contro civili innocenti". Nella 'lista nera' sono finiti 271 dipendenti del centro di ricerche. Si tratta di una delle cifre più alte di persone sottoposte a sanzioni nella storia degli Stati Uniti.

20:47Pd: Renzi, vince chi ha un voto in più, stop discussioni

(ANSA) - ROMA, 24 APR - Vince le primarie Pd "chi ha un voto in più. Ma se votasse solo un milione di persone, quindi molte meno di quelle che pensiamo, o se votasse una sola persona, sarebbero comunque 999.999 in più a decidere rispetto a quelle che decidono ad Arcore o nel blog". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital. "Un milione sarebbe un flop? E' un giudizio politico, io spero siano di più, faccio un appello alla partecipazione a questa grande festa della democrazia ma non posso accettare che si metta in discussione il risultato", sottolinea.

20:42Calcio: Milan, confronto in spogliatoio Montella-giocatori

(ANSA) - MILANO, 24 APR - All'indomani della brutta sconfitta interna contro l'Empoli Vincenzo Montella ha catechizzato negli spogliatoi di Milanello i giocatori rossoneri. Toni accesi per invitare la squadra a reagire e non buttare via nelle ultime cinque partite la possibilità di tornare in Europa dopo tre anni. Il tecnico ha chiesto ai giocatori di avere più carattere in campo e un atteggiamento diverso rispetto a quanto mostrato con l'Empoli, a partire dalla gara di domenica pomeriggio contro il Crotone.

20:40Francia: Renzi, ballottaggio difficile, partita non scontata

(ANSA) - ROMA, 24 APR - "Occhio perché non è così facile. E' un ballottaggio difficile. C'è un candidato di destra estrema che ha preso più o meno quanto il candidato socialista. Non è una partita scontata, bisognerà fare molta attenzione". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital.

20:39Beatificazione 18enne a Brindisi: cerimonia, folla fedeli

(ANSA) - BRINDISI, 24 APR - Una folla di fedeli ha partecipato nella cattedrale di Brindisi alla celebrazione per la chiusura della fase diocesana del processo di beatificazione di Matteo Farina, giovane al quale fu diagnosticato un tumore cerebrale in tenera età e che morì a 18 anni il 24 aprile 2009. Sono stati apposti i sigilli ai documenti raccolti che saranno consegnati alla Congregazione per le cause dei santi a Roma. La celebrazione dei Vespri ha preceduto la sessione conclusiva, svoltasi alla presenza della postulatrice, Francesca Consolini, e dei membri del tribunale ecclesiastico. A presiedere la solenne celebrazione è stato l'arcivescovo di Brindisi-Ostuni, mons. Domenico Caliandro. In molti, arrivati anche con pullman, non sono potuti entrare in cattedrale, assistendo alla cerimonia all'esterno attraverso un maxischermo. Il sindaco di Brindisi, Angela Carluccio, ha deciso di intitolare a Matteo Farina il nuovo giardino comunale attiguo al tempietto di San Giovanni al Sepolcro che sarà inaugurato a giorni.

20:39Renzi, spese militari creino filiera, non come F35

(ANSA) - ROMA, 24 APR - "Agli F35 non rinunci più, quello è un progetto ormai andato. Per il futuro dobbiamo usare le spese militari, come fanno altri Paesi, per creare filiere interne. Questo in passato non si è fatto". Lo dice Matteo Renzi a Radio Capital. "L'Italia deve fare delle spese nel settore militare che - aggiunge - non siano inutili: creare ingegneria, una filiera nell'aviospazio o in strutture dell'innovazione. Quelli degli F35 sono soldi importanti messi in un progetto comune ma la cui stragrande maggioranza è andata all'estero, non va bene".

Archivio Ultima ora