Renzi incalza i leader dell’Ue, tutti sotto scacco elettorale

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al Council on Foreign Relations di New York, 20 settembre 2016.  ANSA / US PALAZZO CHIGI - TIBERIO BARCHIELLI

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante il suo intervento al Council on Foreign Relations di New York, 20 settembre 2016.
ANSA / US PALAZZO CHIGI – TIBERIO BARCHIELLI

NEW YORK. – E’ una visione del “giorno per giorno”, condizionata anche dagli appuntamenti elettorali nei singoli Paesi, l’ostacolo principale a una risposta concreta, a una strategia di lungo periodo sulle grandi questioni che si pongono all’Europa dopo la Brexit.

Tra i tavoli di una cena di gala al Museo di scienze naturali di New York, subito dopo aver ricevuto dalle mani del segretario di Stato americano John Kerry un premio del think thank Atlantic Council, Matteo Renzi sembra quasi sfogarsi riprendendo il filo del ragionamento che lo ha portato allo strappo in Ue e a segnare una distanza da Angela Merkel e Francois Hollande, il presidente francese che è sempre più in asse con la cancelliera tedesca.

Dalla prossima settimana la testa e l’impegno sarà soprattutto in Italia: parte il “countdown” che porterà al voto del referendum costituzionale. Ma su questo fronte il premier si mostra ben più ottimista, a poche ore dalla decisione della Consulta di rinviare il suo giudizio sull’Italicum: sulla legge elettorale si entrerà probabilmente nel vivo dopo il referendum – è il ragionamento – ma intanto diventa chiaro che la riforma costituzionale “non riguarda la legge elettorale”.

Sollecitato dai giornalisti, il premier non commenta il pressing della minoranza Pd, ma conferma l’apertura all’ascolto delle posizioni in Parlamento. Ad ora, però, ragionano i parlamentari a lui vicini, le condizioni per cambiare continuano a non vedersi: solo dopo il referendum, comunque vada, ciascuno potrà probabilmente mettere davvero le carte in tavola.

Ma da New York Renzi ci tiene a rimarcare soprattutto il campo della sua battaglia in Europa, per politiche di crescita e per risposte concrete sull’immigrazione. “La verità – si rammarica – è che manca la volontà politica di trovare una soluzione all’ondata migratoria nel Mediterraneo”.

Nel Vecchio Continente, denuncia nel ricevere il premio Global Citizen, prevale un messaggio di “paura nel futuro”. “L’Italia salva vite nel Mediterraneo perché possiamo perdere qualche voto, ma non possiamo perdere i nostri valori”, afferma dal palco, ribadendo un concetto a lui caro. Poi a margine dei lavori dell’Assemblea generale Onu, colloca l’Italia “dalla parte del coraggio contro la paura di chi tira su muri”.

Ma l’agenda dell’Ue, osserva Renzi, è condizionata dagli appuntamenti elettorali: “Siamo quasi tutti sotto scopa elettorale, in Germania, in Francia e anche noi abbiamo il referendum…”. Ma non si può per questo temporeggiare e fermarsi alle parole sui grandi temi, dalla necessità di crescita all’accoglienza dei rifugiati.

Non ci si può fermare alle parole come a Bratislava: “Mi hanno invitato a Berlino dopo la Brexit per discutere insieme del futuro dell’Europa, ma non si capisce perché, a questo punto”. Il giornale tedesco Die Welt lo attacca: le sue critiche alla Merkel sono “segno di crescente nervosismo” e frutto della “lotta per la propria sopravvivenza politica” ma “ciò è rischioso” per lui e la cancelliera.

Il presidente del Consiglio italiano però non si scompone, rivendica la sua scelta di dire in chiaro, a microfoni accesi, ai colleghi europei come la pensa. Per sconfiggere i populismi, è la convinzione, servono risposte concrete, non parole “scritte con l’inchiostro simpatico”, non serve assecondare la paura.

(dell’inviata Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

03:56Usa: catturato autore sparatorie in Maryland e Delaware

WASHINGTON - E' in manette l'uomo sospettato di aver sparato a sei persone, in Maryland e Delaware, uccidendone tre. E' finita con la cattura del 37enne Radee Labeeb Prince la caccia all'uomo scattata dopo che l'uomo aveva aperto il fuoco ieri mattina contro cinque colleghi a Edgewood, in Maryland, per poi dirigersi a Wilmington in Delaware e sparare ancora contro un uomo che pare conoscesse.

03:53Battisti: discussione Stf su habeas corpus forse in plenaria

BRASILIA - A pronunciare un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dagli avvocati di Cesare Battisti potrebbe essere la plenaria, e non una sala, del Supremo Tribunale Federale (Stf) brasiliano. Lo riferisce il giudice Gilmar Mendes, commentando quanto dovrà decidere il Tribunale martedì prossimo. Battisti non potrà in effetti essere estradato dal Paese finché la stessa Alta Corte non avrà emesso un parere sulla richiesta di habeas corpus presentata dai suoi legali.

03:48Cnn, Trump ha inviato in queste ore assegno a padre soldato

WASHINGTON - Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump avrebbe inviato in queste ore l'assegno di 25mila dollari promesso al padre di un sergente dell'esercito ucciso in Afghanistan nei mesi scorsi. Lo riferisce la Cnn citando fonti. Apparentemente l'assegno sarebbe stato inviato dopo la pubblicazione di un articolo del Washington Post in cui si rivelava che Trump aveva offerto il denaro al padre del 22enne Dillon Baldrige poche settimane dopo essere rimasto ucciso in un attacco compiuto da un poliziotto afghano lo scorso 10 giugno ma che l'assegno non era mai arrivato.

00:09Calcio: Juve, Allegri ‘risultato ok ma noi non brillanti’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''E' un momento in cui non siamo brillanti, abbiamo avuto degli infortunati e dei rientri non buoni dalle nazionali''. Massimiliano Allegri fa i complimenti alla sua squadra per la sofferta vittoria in Champions League contro lo Sporting Lisbona. ''Dobbiamo essere concentrati - aggiunge Allegri ai microfoni di Mediaset Premium - quello che abbiamo fatto l'anno scorso è passato. I giocatori hanno fatto una prestazione importante e sono contento per Higuain. Domenica dobbiamo riprendere il cammino a Udine e riconnetterci. Dobbiamo cercare di andare avanti anche con fatica e ritrovare compattezza. Stasera sono contento per il risultato ma non per quanto fatto in alcuni momenti della partita''.

00:08Calcio: Roma, Dzeko ‘notte splendida ma potevamo vincere’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Una notte splendida per noi, ma potevamo vincere": cosi' Edin Dzeko riassume la partita della Roma in casa del Chelsea. "Un punto va bene, abbiamo fatto una gara incredibile. Peccato per i gol presi, dobbiamo lavorare di più ma abbiamo fatto bene - le parole del bosniaco a Mediaset Premium - Il Chelsea ha fatto tre gol in tre occasioni, la nostra mentalita' era quella giusta". Infine la prestazione personale. "La Serie A mi ha migliorato molto, si è visto pure oggi. Al City non ho fatto gol al Chelsea, qui sì..."

00:01Calcio: Roma, Di Francesco, partite cosi’ le devi vincere

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - "Dzeko e' nato per fare gol cosi': non spendo piu' di tanto parole per lui, anche perche' era stato criticato troppo": cosi' Di Francesco rende merito al suo centravanti, autore di una doppietta col Chelsea e applaudito per un primo gol che a qualcuno ha ricordato acrobazie alla Van Basten. "Ma lasciamo perdere i singoli - aggiunge il tecnico della Roma, a Mediaset Premium - Stasera abbiamo messo in campo la mentalita' giusta, abbiamo messo in difficolta' il Chelsea e anche sotto di due gol siamo sempre stati in partita: abbiamo pagato qualche ingenuita' da cui sono arrivati i loro gol, e c'e' il rammarico perche' partite cosi' le devi portare a casa".

23:59Calcio: Chelsea, Conte ‘ho sbagliato a cambiare la squadra’

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - ''Ho cambiato assetto, e in campo eravamo improvvisati ed è stata la cosa che mi piace meno. La responsibilita' e' mia". E' il mea culpa di Antonio Conte, dopo il pari in casa con la Roma del suo Chelsea. "Nonostante il 2-0 non abbiamo dato mai l'impressione di dominare la partita. Devo ringraziare i miei giocatori altrimenti la partita l'avremmo persa - ha aggiunto il tecnico italiano, a Mediaset Premium - L'impegno dei miei giocatori è stato massimale, nel primo tempo abbiamo sofferto e anche all'inizio del secondo. La scelta di cambiare non è andata''. ''Abbiamo subito il pressing della Roma e - chiude Conte - non riuscivamo ad essere propositivi. Mi devo assumere la responsabilità di aver cambiato sistema e non ha pagato. Abbiamo tre infortunati ma è lo stesso una situazione di emergenza e difficoltà per noi. Nonostante questo abbiamo pareggiato contro una buonissima Roma''.

Archivio Ultima ora