Lo schiaffo di Bush padre: “Voto Hillary Clinton”

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Former President George W. Bush (R) along with his father Former George H.W. Bush (L) at the ceremonial dedication of the George W. Bush Presidential Library on the campus of Southern Methodist University in Dallas, Texas, 25 April 2013.  EPA/LARRY W. SMITH

Former President George W. Bush (R) along with his father Former George H.W. Bush (L) at the ceremonial dedication of the George W. Bush Presidential Library on the campus of Southern Methodist University in Dallas, Texas, 25 April 2013. EPA/LARRY W. SMITH

WASHINGTON. – La notizia viene dal ‘passato’, ma è emblematica di un presente della politica americana che a meno di 50 giorni dal voto si conferma spiazzata e sconvolta dalla cavalcata del re del mattone Donald Trump. E allora via rigidi schieramenti e anacronistici paletti: l’ex presidente repubblicano George H. W. Bush (padre) vota per Hillary Clinton. Almeno secondo quanto riferito da Kathleen Hartington Kennedy Townsend, ex vice governatore del Maryland e figlia di Robert F. Kennedy, democratica e amica di famiglia dei Bush, che parla di un incontro in cui l’ex presidente le ha confidato la sua scelta.

Lo ha riferito per primo Politico, cui non è sfuggita una foto pubblicata da Kathleen Kennedy Townsend sul suo profilo Facebook che la ritrae con il 92enne ‘patriarca’ del clan texano: “Il presidente mi ha detto che voterà per Hillary!!” recita la didascalia. Poi, raggiunta telefonicamente Townsend ha confermato di aver incontrato l’ex presidente nel Maine ieri “e questo è quello che mi ha detto”.

Quindi la verifica con un portavoce di George H. W. Bush, Jim McGrath, che non conferma ma non smentisce: “Il voto che il presidente esprimerà tra circa 50 giorni è privato e tale rimarrà”. Un fatto sorprendente se si considera che Bush senior potrebbe così votare per la moglie del suo ex rivale, Bill Clinton, che lo sconfisse nel 1992 sbarrandogli la strada verso un secondo mandato alla Casa Bianca. Eppure nella politica americana corrente non è uno shock e nemmeno un fulmine a ciel sereno.

Il clan Bush al completo da tempo aveva fatto un passo indietro rispetto alle scelte del partito repubblicano e pur nel codice di ‘nessuna conferma, nessuna smentita’ aveva di fatto espresso con chiarezza la sua posizione quando nessuno si era presentato alla convention del Grand Old party a Cleveland a luglio per l’incoronazione di Donald Trump candidato repubblicano.

Insieme con Mitt Romney, i Bush si erano così fatti testimonial dello scontento di un establishment e di una vecchia guardia repubblicana che di Trump non si fida ma, la cui voce voce però è comunque caduta nel vuoto, coperta dall’assordante rumore dell’antipolitica cui Trump fa da calamita.

E che anche oggi lo vede saldo in sella, con i numeri per giocarsela fino in fondo: gli ultimi sondaggi segnalano infatti che in Florida, Stato in bilico e cruciale per la conquista della presidenza, Hillary Clinton rimane sì in testa con il 46% delle preferenze rispetto al 41% registrato da Trump ma riduce di ben quattro punti percentuali il suo vantaggio rispetto al rivale.

E con i rilevamenti sul piano nazionale che continuano ad indicare una lotta serrata, il livello di affluenza alle urne è destinato a risultare determinante. Un voto che si fa così ‘emotivo’ anche più del solito. Hillary Clinton prosegue probabilmente per questo lungo la strada di quella ‘pacatezza’ che se da una parte lascia spazio al tycoon dall’altra la tiene al riparo dalle provocazioni, oggi l’ultima con uno sfottò via twitter: la candidata democratica non ha eventi pubblici in programma e la sua ‘assenza’ è occasione ghiotta per tornare a pungolare sullo stato di salute dell’ex segretario di Stato: “Hillary Clinton si prende un altro giorno di assenza, ha bisogno di riposo. Dormi bene Hillary, ci vediamo al dibattito!”.

Nemmeno una riga invece su quanto rivelato dal Washington Post, secondo cui il magnate ha usato quasi 260mila dollari destinati a organizzazioni di beneficenza per coprire invece risarcimenti e spese che altrimenti sarebbero andate a carico delle sue attività, violando cosi una legge che proibisce ai responsabili di aziende di usare quel tipo di fondi per spese considerate personali.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

18:01Insulti antisemiti:Procura chiede 2 turni porte chiuse Lazio

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "La Procura della Federcalcio ha chiesto due turni a porte chiuse e 50mila euro di ammenda per la Lazio". Lo ha annunciato l'avvocato della Lazio, Gian Michele Gentile, al termine del processo sportivo relativo al caso degli adesivi di Anna Frank con la maglia della Roma affissi allo stadio olimpico durante Lazio-Cagliari del 22 ottobre scorso. "Viste tutte le attenuanti, abbiamo chiesto il non luogo a procedere", ha aggiunto il legale all'uscita dagli uffici del Tribunale federale nazionale. La sentenza è prevista per l'inizio della prossima settimana.

17:57Calcio: agente, Politano vorrebbe il Napoli

(ANSA) - NAPOLI, 19 GEN - "Politano avrebbe una grande voglia, è un sogno giocare in una realtà come il Napoli". Lo ha detto Davide Lippi, agente di Matteo Politano, commentando il tentativo del Napoli di portare l'attaccante del Sassuolo in azzurro. "Politano - ha spiegato Lippi a Radio Kiss Kiss Napoli - ha sempre conquistato il suo spazio: a Sassuolo c'era Berardi, eppure si è ritagliato i suoi spazi. Dunque non avrebbe problemi ad andarsi a giocare le sue chance in squadra con grandi giocatori. Avrebbe questa legittima voglia per una sua crescita professionale, per andarsi a confrontare con una realtà più grande del Sassuolo. Quando c'è una chiamata come quella del Napoli ci si pensa. Il Sassuolo lo ritiene incedibile. Ci abbiamo provato, ma la situazione è questa. Io lavoro per Politano - ha proseguito Lippi - che avrebbe questo desiderio e quindi fin quando c'è una possibilità sicuramente ci proveremo".

17:51Falcone: Emiliano, campo sportivo in memoria caposcorta

(ANSA) - BARI, 19 GEN - "Quando le istituzioni sono cosi connesse alle famiglie e alla comunità, quando un sindaco riesce a descrivere con tanta commozione il valore che questa città dà alla memoria di Antonio, quando si è dentro le istituzioni con questo livello di armonia, la Repubblica, la Costituzione, l'orgoglio di essere italiani non sta nella potenza dei gesti, ma sta nella delicatezza e nel rispetto reciproco che costruiscono un grande Paese". Così su Facebook il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che stamani a Lecce ha partecipato all'inaugurazione del campo sportivo polivalente in memoria del salentino Antonio Montinaro, caposcorta di Giovanni Falcone, che perse la vita nella strage di Capaci. Ha partecipato anche il capo della polizia, Franco Gabrielli. Per Emiliano, "quando i più giovani si chiedono 'io che posso fare', anche solo schierarsi dalla parte di Montinaro e dedicare la propria vita a fare tutto ciò che lui avrebbe fatto al nostro posto, significa avere dato un contributo fondamentale".

17:45Bimbi asilo maltrattati: difesa, è severità e non violenza

(ANSA) - TORINO, 19 GEN - "Nessun maltrattamento, nessuna violenza. Sono soltanto metodi educativi che, oggi, forse sono interpretati come troppo severi". Così l'avvocato Erika Liuzzo, difensore della maestra di un asilo di Susa arrestata martedì, e ora ai domiciliari, per le presunte vessazioni cui sottoponeva i piccoli alunni. La donna è comparsa oggi in tribunale, a Torino, per l'interrogatorio di garanzia. "Abbiamo risposto in modo approfondito e circostanziato - ha detto Liuzzo - ripercorrendo punto per punto tutti gli episodi contestati". L'avvocato afferma di avere rilevato degli errori nelle intercettazioni ambientali: "La maestra non dice 'bestia', come risulta dagli atti, ma 'pepia', parola gergale che significa 'petulante'. Non ha mai minacciato di tagliare un bambino in due. Durante una lezione sulla differenza tra 'metà' e 'intero' ha chiesto ai piccoli: 'Si può tagliare a metà un'arancia, o una mela, o un bambino?'. E i bimbi, in coro, hanno detto 'no'. Il tono era pacato. Nessuno degli alunni era turbato".(ANSA).

17:36Busta con proiettili e svastica a sindaco di Empoli Barnini

(ANSA) - FIRENZE, 19 GEN - Una busta con minacce di morte, due proiettili e una svastica è stata recapitata al sindaco di Empoli (Firenze) Brenda Barnini (Pd), dopo che la città è stata insignita nei giorni scorsi della medaglia d'oro per la resistenza. La busta contiene la fotocopia di un articolo de 'Il Tirreno', sul conferimento della medaglia d'oro, avvenuto mercoledì scorso, con il ministro dell'Interno Marco Minniti. Ne ha dato notizia la stessa Barnini. La busta è stata recapitata ieri in municipio. La minaccia, si legge nella foto, postata dallo stesso sindaco del Partito democratico, riporta la scritta "ti ammazziamo" e accusa il sindaco di corruzione e legami con una cooperativa che gestisce l'accoglienza dei migranti. Barnini nel post condanna "la nuova destra fascista, il populismo xenofobo, le forze politiche che seminano odio e rancore. Dietro al gesto di un soggetto che ha pensato di mandarmi questo messaggio c'è tutto questo. Non mi fate paura perché la mia città è più forte della vostra ignoranza".

17:24Bimbo 2 mesi in ospedale: Procura, forse incidente in casa

(ANSA) - ASCOLI PICENO, 19 GEN - La Procura di Ascoli Piceno ha aperto un fascicolo sul caso di un bambino di due mesi, ricoverato al Salesi di Ancona, dove era stato trasferito dal pronto soccorso dell'ospedale di Ascoli Piceno. Gli accertamenti ad Ancona hanno evidenziato emorragie interne e piccole fratture in varie parti del corpo. Un quadro, compatibile con maltrattamenti, che ha spinto i sanitari ad avvisare la Procura minorile che ha informato quella di Ascoli. Il fascicolo aperto del pm Umberto Monti ha scopo esplorativo. I carabinieri hanno sentito i familiari ed i vicini di casa della coppia (lui di San Marino), residente ad Ascoli per contestualizzare i fatti e cercare di capire se il piccolo è stato vittima di un incidente domestico o di maltrattamenti. Ma i primi accertamenti fanno propendere per la prima ipotesi: il bimbo sarebbe caduto mentre veniva accudito dai genitori, che ora sono al suo capezzale.

17:23Figc: Sibilia, con Tommasi incontro positivo

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - "Stamattina ci siamo incontrati con Tommasi e penso che ci siano le condizioni per andare verso un cammino condiviso". Lo dice il presidente della Lega nazionale dilettanti, Cosimo Sibilia, al termine dell'incontro presso lasede dell'Aic con Damiano Tommasi. In attesa di capire cosa deciderà il direttivo dell'Assocalciatori in programma lunedì, Sibilia si sente di non escludere un possibile passo indietro del n.1 Aic a fronte di un'alleanza che porterebbe da sola la maggioranza contro il terzo candidato Gabriele Gravina. "Tommasi giustamente rimane in campo: deve discutere con i suoi e poi ci saranno le decisioni. Oggi è stato un incontro molto positivo, aspettiamo le determinazioni del consiglio direttivo dell'Aic. È incoraggiante per quanto fatto oggi", sottolinea Sibilia. "Gravina? Ho letto delle dichiarazioni che mi hanno sconcertato. Io credo di aver posto sempre come base il dialogo, questo dialogo per me deve continuare ma non può continuare da una parte sola".

Archivio Ultima ora