Cristiani e islamici insieme, accogliere i rifugiati

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Cristiani e islamici insieme, accogliere i rifugiati

Cristiani e islamici insieme, accogliere i rifugiati

ROMA. – Mentre papa Francesco riunisce ad Assisi le fedi mondiali intorno al tema cruciale della pace, cattolici e musulmani lanciano un appello comune sull’emergenza migranti, per sollecitare gli Stati alla tutela e l’accoglienza dei rifugiati e contro ogni forma di xenofobia e razzismo.

In occasione del Giubileo della Misericordia promosso dal Papa, del mese del pellegrinaggio per i musulmani e della Giornata Internazionale per la Pace promossa dall’Onu per domani, “i responsabili religiosi Cattolici e Musulmani desiderano manifestare una solidarietà per sensibilizzare tutti i governi, le istituzioni religiose e ogni persona di buona volontà alla necessità di lavorare insieme per far fronte alla radice alle cause delle migrazioni forzate”, si legge in una nota diffusa dal Servizio per i Rifugiati dei Gesuiti (Jrs), che insieme al Centro Astalli (Jrs Italia) e alla Comunità Religiosa Islamica Italiana (Coreis) rivolge “un appello alla comunità internazionale affinché sia condivisa la responsabilità di dare protezione alle persone in fuga dalle proprie case, per assicurare buone condizioni di accoglienza e la possibilità di usufruire, nel momento dell’arrivo, di servizi adeguati ed accessibili”.

“Servono solide politiche per contrastare le tendenze razziste e xenofobiche – la diversità dev’essere riconosciuta come un’opportunità e un dono, non come una minaccia”, aggiungono le organizzazione coinvolte. “Guerre e persecuzioni stanno allontanando dalle loro case più persone di quanto non si sia mai visto dai tempi della seconda guerra mondiale, con oltre 65 milioni di profughi in tutto il mondo, tra cui oltre 21 milioni di rifugiati, 3 milioni di richiedenti asilo e oltre 40 milioni di sfollati all’interno del loro Paese”, viene sottolineato.

I bambini rappresentano “una percentuale sproporzionatamente grande degli sfollati”, raggiungendo quasi la metà di tutti i rifugiati, per un totale di 28 milioni di bambini rifugiati. Altri 20 milioni di bambini migranti sono fuggiti dalle loro case per una varietà di ragioni, “inclusa la povertà estrema e la violenza di gruppo”.

Nel 2015, circa il 45 per cento di tutti i bambini rifugiati sotto la protezione dell’Unhcr proveniva da Siria e Afghanistan, “dove il problema dello sfruttamento dell’infanzia è endemico”, ma il Servizio Rifugiati dei Gesuiti può testimoniare “di migliaia di altri bambini profughi a rischio di abuso dei diritti umani in tutte le parti del mondo”.

Globalmente, i bambini migranti sono a rischio di reclutamento militare forzato in Eritrea, di abusi sessuali nella Repubblica Democratica del Congo, di traffico umano o di organi in Sudan e di sfruttamento lavorativo in Libano. Denunciati, quindi, “i profitti criminali dell’industria degli armamenti, del traffico di esseri umani e del contrabbando, insieme alla discriminazione politica e giuridica contro i migranti”, che “sono tra i mali maggiori del nostro mondo contemporaneo”.

“Tali situazioni richiedono il lavoro attivo, effettivo e coordinato di Cristiani e Musulmani, in Europa e in altri continenti, per assicurare ogni possibile assistenza a coloro che ne sono vittime”, viene aggiunto. Ribadita “l’inalienabile dignità” di ogni persona, “senza distinzioni di fede, culture o nazionalità”, come pure il fatto che “sia i Musulmani sia i Cristiani si ispirano alla Misericordia, che è uno dei Nomi di Dio”, si fa appello alla fine dell'”odio per il credo religioso dell’altro, che si risolve in persecuzione e violenza”.

“Il sistema politico internazionale e i governi nazionali devono garantire a Cristiani e Musulmani e ai fedeli di tutte le religioni il diritto di vivere la propria fede in libertà, dignità e sicurezza”, chiedono insieme i firmatari della dichiarazione.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

17:30Siccità: Gentiloni, arrivate richieste stato emergenza

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il premier Paolo Gentiloni ha informato durante il consiglio dei ministri della richiesta, avanzata da alcune Regioni e in particolare dalla Regione Lazio soprattutto in riferimento a Roma, per la dichiarazione dello stato di emergenza a causa della crisi nel sistema idrico. In proposito, spiega il governo, sono in corso "i tempestivi adempimenti istruttori, previsti dalla legge, da parte della Protezione civile, in esito ai quali, nei prossimi giorni, potranno essere compiute le valutazioni del Governo".

17:26Fassone a Pallotta, su debiti-fatturato Milan meglio di Roma

(ANSA) - MILANO, 28 LUG - "Io non so come Pallotta possa pensare che gli stipendi del Milan un domani possano essere uguali ai ricavi. Tutto il nostro piano prevede che gli stipendi rimangano entro una soglia pari al 50-60% dei ricavi della società. Quest'anno è così". Marco Fassone replica così al n.1 della Roma, sottolineando che "il livello dell'indebitamento del club, e cioè di 120 milioni, rispetto al fatturato del club è straordinariamente migliore percentualmente di quello che ha la Roma che - ha continuato l'ad rossonero nel video sulla pagina Facebook del Milan -, essendo quotata in Borsa, ha un bilancio che è pubblico. Io non mi permetto minimamente di commentarlo ma chiunque può andare a vedere e verificare il livello di indebitamento".

17:09Uomo accoltella clienti supermarket Amburgo, un morto

(ANSA) - AMBURGO, 28 LUG - Un uomo ha accoltellato alcuni clienti di un supermarket di Amburgo: il bilancio è di "un morto e diversi feriti" Lo riferisce la Bild citando la polizia locale. L'aggressore, che ha tentato di darsi alla fuga, è stato arrestato.

16:53Migranti: Viminale, passi avanti con ong, lunedì firma

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Sul codice di condotta delle Ong durante i soccorsi di migranti in mare ci sono stati "passi avanti" e sono state accolte alcune delle richieste delle organizzazioni. Lo ha fatto sapere il Viminale che al termine di una riunione questa mattina durata circa due ore ha indicato lunedì prossimo come data per la firma del documento. Rimangono però ancora delle distanze, come emerge dalle dichiarazioni dei rappresentanti di alcune delle principali sigle, tra cui Medici senza Frontiere, Save the Children, Sea Watch, che hanno chiesto modifiche su alcuni punti. Due i più critici: l'impegno a non effettuare trasbordi delle persone salvate su altre navi e quello ad accettare la presenza di personale di polizia giudiziaria a bordo. Su quest'ultimo in particolare le visioni sono divergenti e le Ong chiedono che la polizia non sia armata. Senza un accordo su questo aspetto "potremo non firmare", dice Sea Watch. Le Ong si dicono comunque fiduciose in un'intesa e sottolineano le aperture manifestate dal Viminale.

16:39Calcio: l’agente di Rodriguez, al Milan è felicissimo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Ricardo si trova molto bene, il Milan è un gruppo unito e questo è importante per lui che è nuovo nel campionato italiano". Lo ha detto a radio Crc Gianluca Di Domenico, procuratore di Ricardo Rodriguez, ieri nel suo debutto in rossonero autore del gol partita al Craiova, nel terzo turno preliminare di Europa League. "Il Milan - ha proseguito l'agente del 24enne difensore - ha cercato Ricardo e lui è felicissimo; lavorerà molto e sono contento che sia in Italia. Anche la sua compagna lo è. Uno come Ricardo, che ha trascorso 5 anni a Wolfsburg, potrebbe restare tutta la vita a Milano. Il calcio italiano è migliorato tantissimo: se si vuole giocare per soldi, si va in Cina; in Italia, invece, mancano solo le infrastrutture e spero che l'Uefa aiuti le società. Il campionato? Sarà molto equilibrato. Napoli e Juve sono compatte, hanno cambiato poco, ma anche Milan e Inter faranno la loro parte. Quando si prendono 10 giocatori nuovi, bisogna creare un'amalgama, spero che il Milan disputi un buon campionato".

16:36F1:Ungheria,Vettel scherza in italiano ‘oggi insalata mista’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - E' stata un po' un'insalata mista, non so se mi spiego. Oggi è stato un po' altalenante''. Sebastian Vettel gioca con le parole tra l'italiano e l'inglese ma fa capire di essere abbastanza ottimista dopo il venerdì di prove libere in vista del Gran Premio d'Ungheria a Budapest. ''Ho avuto alti e bassi - aggiunge il pilota tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky - non è andata troppo male e sembriamo tutti vicini. Dovrebbe essere divertente domani, lavorando più sulle gomme dovremmo andare meglio''. La gara? ''Se ci sarà l'opportunità cercheremo di vincere''. Tutto sommato soddisfatto anche l'altro ferrarista Kimi Raikkonen: ''non è andata male, abbiamo provato diverse cose anche se non abbiamo girato quanto avremmo voluto. La partenza è importante come sempre, ma qui è il momento più semplice per guadagnare posizioni''.

16:31Calcio: Milan “Caro Pallotta, pronti a confronto bilanci”

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Caro Pallotta, siamo pronti a un confronto sui bilanci del Milan e della Roma". E' questo il senso immediato della risposta che l' A.d. del Milan, Fassone, dà al presidente della Roma, James Pallotta. "Siamo sbalorditi per lo stile - afferma Fassone in una dichiarazione che tra poco andrà sulla pagina facebook della società rossonera - e per il fatto veramente inusuale che un club attacchi in modo così diretto una consorella. Tra l'altro, quante imprecisioni...".

Archivio Ultima ora