Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

ROMA. – “Definire l’Italicum antidemocratico, come fa M5S, è esagerato, ma non è certo il miglior sistema rappresentativo. La presunzione dell’Italicum è voler assicurare un governo il giorno dopo l’elezione, canalizzando tutta la costruzione del risultato sulla governabilità, perseguita ottenendo, o col 40% dei voti al primo turno o con la vittoria al ballottaggio, la maggioranza assoluta di 340 seggi nell’unica Camera che dà la fiducia; ma un sistema elettorale non è solo un’operazione matematica, è il riflesso di un sistema politico”.

E’ l’opinione di Stelio Mangiameli, docente di Diritto costituzionale all’Università di Teramo, che interviene sulla legge elettorale all’indomani della decisione della Consulta di rinviarne la trattazione a data da stabilire. “Nell’Italicum – osserva – la governabilità va a discapito della legittimazione. Infatti, il potere non può essere solo legalmente acquisito: la sua legittimazione si fonda sulla collettività su cui esso si esercita. Questo tema, che ruota attorno al rapporto tra sistema elettorale e principio di democrazia, l’Italicum lo trascura profondamente”.

La questione investe il meccanismo del ballottaggio, che tra l’altro “facilmente diventa espressione di un voto ‘contro’, più che di un voto ‘per'”. “La misurazione del peso delle forze politiche e la loro legittimazione – afferma il giurista – si ha quando tutte le forze possono concorrere, e non solo due come nel ballottaggio. Altrimenti detto, in un sistema tripolare o quadripolare, la legittimazione a gestire il potere si affievolisce per effetto della frammentazione e non si può ricomporre artificialmente con un escamotage, quale è di fatto il ballottaggio”.

Con l’Italicum c’è il rischio che “chiunque vinca al ballottaggio, sia nei fatti una vera e propria minoranza nella società che avrà sempre contro la maggioranza” rappresentata dalla somma delle altre forze. “Questa è una debolezza strutturale”.

L’alternativa? “Il sistema elettorale più naturale sarebbe il proporzionale, ma il pluralismo politico pone a rischio la governabilità. Per questo si ammettono correttivi o meccanismi maggioritari; accettabili, però, entro certi limiti. La maggioranza delle Camere deve avvicinarsi alla maggioranza dei cittadini. Se nessuna forza oltrepassa una determinata soglia, allora è giusto che si formi un governo di coalizione e che le forze politiche agiscano d’intesa in modo responsabile”.

“Del resto in Inghilterra, dove vige un sistema maggioritario e uninominale, nella precedente legislatura Cameron ha governato con i liberali, dopo che i laburisti gli dissero di no, perché il parlamento era bloccato. E in Germania, a sistema misto con clausola di sbarramento del 5%, la Cdu nelle ultime elezioni non ottenne la maggioranza per 3 seggi e ha formato un governo di coalizione con i socialdemocratici”.

In Francia, però, il ballottaggio c’è. “Attenzione, in Francia si fa il secondo turno di collegio, non in modo generalizzato. Tutti i collegi sono uninominali, con doppio turno: chi ottiene il 50%+1 è eletto a primo turno, altrimenti c’è il ballottaggio aperto a tutti i candidati che hanno ottenuto il 12,5%. Questo consente di fare accordi tra primo e secondo turno e di eleggere nel collegio i singoli deputati legati al territorio. Nell’Italicum, invece, il premio è nazionale e riguarda la rappresentanza nel suo insieme. Vogliamo per forza inserire il premio? Bene, ma sotto il 40% di voti, tra primo e secondo turno si devono consentire le coalizioni, ora invece espressamente vietate. Così si superano anche i limiti insorti sia col Mattarellum che col Porcellum”.

“C’è poi un altro elemento di fragilità – rileva il giurista – per il meccanismo dei capilista bloccati. Infatti, 100 dei 340 deputati di maggioranza saranno eletti senza preferenza, ma il governo potrebbe subire pressioni e condizionamenti posti dai 240 forti delle preferenze. Senza modifiche credo che i problemi dell’Italicum si manifesteranno presto”.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

12:49Calcio: Lega Serie B, il 4 luglio assemblea non elettiva

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - E' stata convocata per il prossimo 4 luglio a Milano l'Assemblea ordinaria, non elettiva, della Lega di Serie B . All'ordine del giorno gli aggiornamenti sul tema della Mutualità e sulle decisioni del Consiglio Federale del 26 giugno. Si discuterà inoltre del marketing associativo con l'accordo advisoring commerciale e dei termini e delle modalità di svolgimento dei playoff e dei playout del prossimo campionato. Infine, spazio anche per il Codice di Autoregolamentazione, Criteri di ripartizione risorse economiche e Limiti tesseramento e salari. (ANSA).

12:36Moto: al Mugello lotteria per aiutare pilota ferito

(ANSA) - SCARPERIA (FIRENZE), 27 GIU - Il Campionato italiano velocità di motociclismo organizzerà il prossimo fine settimana al Mugello, dove il tricolore farà tappa, una lotteria per aiutare Simone Mazzola, lo sfortunato pilota 21enne rimasto gravemente ferito durante le prove dello scorso round del Civ sulla pista di Misano. Il ricavato della lotteria andrà a Simone e alla sua famiglia. I biglietti, del costo minimo di 10 euro, potranno essere acquistati in circuito e al Civ. "Subito dopo l'incidente avvenuto circa un mese fa - ha detto il responsabile della Fed. motociclistica italiana al Civ, Simone Folgori- tutto il mondo delle moto si è stretto intorno a Simone e ha cominciato una raccolta fondi per aiutare lui e la sua famiglia per sostenere i costi delle numerose cure e trasferte. Per questo abbiamo anche organizzato questa lotteria che si svolgerà il prossimo sabato e domenica con moltissimi premi offerti dai nostri sponsor". La vendita proseguirà anche nella tappa successiva di fine luglio a Misano.

12:34Riina: cartelle sanitarie all’attenzione del tribunale

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Il tribunale di Milano ha deciso l'acquisizione delle cartelle e della relazione sanitaria sullo stato di Totò Riina e ha rinviato all'11 luglio la decisione se disporre una perizia sul boss per stabilirne la capacità di partecipare al processo. Lo rende noto il legale di Riina Luca Cianferoni. A Milano Riina, dopo l'archiviazione per le minacce a don Luigi Ciotti, è ancora sotto processo per le minacce al direttore del carcere di Opera. "Riina - spiega il legale - non è incapace psichicamente ma è in una situazione di progressivo e rapido decadimento fisico dovuto alle sue varie patologie"."Il quesito che si pone il tribunale di Milano - aggiunge Cianferoni - è lo stesso sollevato dalla Cassazione e cioè se sia corretto e rispetti la dignità della persona la situazione in cui versa Riina. Ormai non riesce a parlare e quando lo fa è quasi impossibile capire ciò che dice. In una delle ultime udienze a cui ha preso parte non è stato neppure in grado di reggere la cornetta con cui era collegato" conclude.

12:28Migranti: 5.000 salvati, 8.500 sulle navi

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Prosegue senza sosta l'esodo di migranti dalla Libia verso l'Italia: nella sola giornata di ieri, al largo delle coste libiche, ne sono stati salvati oltre 5.000, mentre sono complessivamente 8.500 quelli che si trovano a bordo delle navi dei soccorritori che stanno ora facendo rotta ora verso porti italiani. I cinquemila soccorsi ieri navigavano a bordo di cinque barche e 18 gommoni, raggiunti da unità della Guardia Costiera e di organizzazioni non governative e, inoltre, da alcuni rimorchiatori 'dirottati' per i soccorsi. Gli 8.500 migranti, soccorsi negli ultimi due giorni, sono a bordo di 14 navi: sei di queste hanno già fatto ingresso o stanno per entrare in porti di Sicilia e Calabria; le altre otto sono ancora in navigazione a largo delle coste italiane.

12:27Expoelette, edizione 2017 dedicata a Tina Anselmi

(ANSA) - TORINO, 27 GIU - Sarà dedicata a Tina Anselmi, prima donna ministro in Italia nel 1976, e avrà come filo conduttore 'lo stile' la seconda edizione di Expoelette, il forum internazionale delle donne al governo della politica e dell' economia. Dal 5 al 7 luglio al Castello di San Giorgio Canavese (Torino) 28 incontri cui parteciperanno 130 ospiti. Ogni giornata avrà un focus: filantropia; economia-impresa-lavoro; amministrazione e governo del territorio. L'evento, che ha ricevuto la Medaglia del presidente della Repubblica e l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, per il Comitato promotore e gli 81 esponenti della società civile che lo sostengono, si propone come "elogio alla sobrietà". "Lo stile - ha osservato l'assessora alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti - è un tema di riflessione. Il dato dell'astensionismo alle recenti amministrative italiane dimostra come da tanti cittadini la politica sia percepita lontana. C'è bisogno di cambiamento e la presenza femminile può fare la differenza". Tra le presenze della tre giorni la presidente mondiale Delle Femmes Chefs d'Entreprises Mondiales, Marie Christine Oghly, il sottosegretario Luigi Bobba, la presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Roberta Siliquini, la presidente nazionale Aidda Maria Claudia Torlasco, il commissario straordinario del Governo per l'asse ferroviario Torino-Lione Paolo Foietta, la presidente della Fondazione Nilde Iotti, Livia Turco. (ANSA).

12:18Ciro Esposito: prevista oggi sentenza appello De Santis

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Si avvia a conclusione il processo di appello a Daniele De Santis, l'ex ultras romanista già condannato a 26 anni di reclusione in primo grado per la morte di Ciro Esposito, il giovane napoletano ferito poco prima della finale di coppa Italia Fiorentina-Napoli del 3 maggio 2014 e morto dopo 53 giorni di agonia. Oggi sono in programma le arringhe delle parti civili e dei difensori dell'imputato. Probabile che, in serata, ci sia la sentenza. Il pg Vincenzo Saveriano ha chiesto per De Santis, accusato di omicidio volontario, una riduzione di pena con condanna a 20 anni di reclusione.

12:08Lombardia: Sala, Gori candidato forte, apprezzo decisione

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori "è il candidato più forte per vincere contro un candidato come Maroni" alle prossime elezioni regionali in Lombardia, "aspettiamo l'ufficializzazione, però io apprezzo il fatto che Giorgio abbia preso questa decisione in un momento come questo prendendosi una buona dose di rischio". Così il sindaco di Milano Giuseppe Sala, a margine di un convegno al Tribunale del capoluogo lombardo, ha risposto ai cronisti che gli hanno chiesto un commento alla disponibilità data da Gori a correre per la candidatura a Governatore per il centrosinistra. "Per la Lombardia - ha spiegato Sala - penso possa essere una candidatura unitaria. Se Gori si fa avanti suppongo che ne abbia discusso con Martina, l'altro possibile candidato. A questo punto - ha aggiunto - mi viene da dire che Gori è il candidato più forte per vincere contro un candidato come Maroni".

Archivio Ultima ora