Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

ROMA. – “Definire l’Italicum antidemocratico, come fa M5S, è esagerato, ma non è certo il miglior sistema rappresentativo. La presunzione dell’Italicum è voler assicurare un governo il giorno dopo l’elezione, canalizzando tutta la costruzione del risultato sulla governabilità, perseguita ottenendo, o col 40% dei voti al primo turno o con la vittoria al ballottaggio, la maggioranza assoluta di 340 seggi nell’unica Camera che dà la fiducia; ma un sistema elettorale non è solo un’operazione matematica, è il riflesso di un sistema politico”.

E’ l’opinione di Stelio Mangiameli, docente di Diritto costituzionale all’Università di Teramo, che interviene sulla legge elettorale all’indomani della decisione della Consulta di rinviarne la trattazione a data da stabilire. “Nell’Italicum – osserva – la governabilità va a discapito della legittimazione. Infatti, il potere non può essere solo legalmente acquisito: la sua legittimazione si fonda sulla collettività su cui esso si esercita. Questo tema, che ruota attorno al rapporto tra sistema elettorale e principio di democrazia, l’Italicum lo trascura profondamente”.

La questione investe il meccanismo del ballottaggio, che tra l’altro “facilmente diventa espressione di un voto ‘contro’, più che di un voto ‘per'”. “La misurazione del peso delle forze politiche e la loro legittimazione – afferma il giurista – si ha quando tutte le forze possono concorrere, e non solo due come nel ballottaggio. Altrimenti detto, in un sistema tripolare o quadripolare, la legittimazione a gestire il potere si affievolisce per effetto della frammentazione e non si può ricomporre artificialmente con un escamotage, quale è di fatto il ballottaggio”.

Con l’Italicum c’è il rischio che “chiunque vinca al ballottaggio, sia nei fatti una vera e propria minoranza nella società che avrà sempre contro la maggioranza” rappresentata dalla somma delle altre forze. “Questa è una debolezza strutturale”.

L’alternativa? “Il sistema elettorale più naturale sarebbe il proporzionale, ma il pluralismo politico pone a rischio la governabilità. Per questo si ammettono correttivi o meccanismi maggioritari; accettabili, però, entro certi limiti. La maggioranza delle Camere deve avvicinarsi alla maggioranza dei cittadini. Se nessuna forza oltrepassa una determinata soglia, allora è giusto che si formi un governo di coalizione e che le forze politiche agiscano d’intesa in modo responsabile”.

“Del resto in Inghilterra, dove vige un sistema maggioritario e uninominale, nella precedente legislatura Cameron ha governato con i liberali, dopo che i laburisti gli dissero di no, perché il parlamento era bloccato. E in Germania, a sistema misto con clausola di sbarramento del 5%, la Cdu nelle ultime elezioni non ottenne la maggioranza per 3 seggi e ha formato un governo di coalizione con i socialdemocratici”.

In Francia, però, il ballottaggio c’è. “Attenzione, in Francia si fa il secondo turno di collegio, non in modo generalizzato. Tutti i collegi sono uninominali, con doppio turno: chi ottiene il 50%+1 è eletto a primo turno, altrimenti c’è il ballottaggio aperto a tutti i candidati che hanno ottenuto il 12,5%. Questo consente di fare accordi tra primo e secondo turno e di eleggere nel collegio i singoli deputati legati al territorio. Nell’Italicum, invece, il premio è nazionale e riguarda la rappresentanza nel suo insieme. Vogliamo per forza inserire il premio? Bene, ma sotto il 40% di voti, tra primo e secondo turno si devono consentire le coalizioni, ora invece espressamente vietate. Così si superano anche i limiti insorti sia col Mattarellum che col Porcellum”.

“C’è poi un altro elemento di fragilità – rileva il giurista – per il meccanismo dei capilista bloccati. Infatti, 100 dei 340 deputati di maggioranza saranno eletti senza preferenza, ma il governo potrebbe subire pressioni e condizionamenti posti dai 240 forti delle preferenze. Senza modifiche credo che i problemi dell’Italicum si manifesteranno presto”.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

09:05Istanbul: cominciato interrogatorio killer Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 17 GEN - La polizia turca ha cominciato a Istanbul l'interrogatorio di Abdulgadir Masharipov, il sospetto militante dell'Isis accusato dell'attentato di Capodanno nel nightclub 'Reina' della capitale turca che ha causato 39 morti. Lo riferiscono i media turchi. Masharipov e' stato arrestato ieri nel corso di un'operazione di polizia nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul.

09:02Aereo scomparso: interrotte ricerche volo 370

(ANSA) - SYDNEY, 17 GEN - Dopo quasi tre anni di infruttuose ricerche, e' stata interrotta la caccia all'aereo Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo: lo ha reso noto il Joint Agency Coordination Center in Australia.

08:00India: si fanno selfie sui binari a Delhi, uccisi da treno

NEW DELHI - Due giovani indiani sono stati uccisi da un treno in corsa a New Delhi dopo aver scattato un selfie che volevano inserire in un portfolio da presentare ad un corso di fotografia. Lo riferisce oggi il quotidiano The Times of India. L'incidente e' avvenuto sabato pomeriggio quando i due, insieme ad altri cinque amici, dopo aver affittato una macchina fotografica professionale, si sono recati sui binari della ferrovia a Anand Vihar, nella zona orientale della capitale.

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

Archivio Ultima ora