Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

Italicum: antidemocratico? No, da cambiare

ROMA. – “Definire l’Italicum antidemocratico, come fa M5S, è esagerato, ma non è certo il miglior sistema rappresentativo. La presunzione dell’Italicum è voler assicurare un governo il giorno dopo l’elezione, canalizzando tutta la costruzione del risultato sulla governabilità, perseguita ottenendo, o col 40% dei voti al primo turno o con la vittoria al ballottaggio, la maggioranza assoluta di 340 seggi nell’unica Camera che dà la fiducia; ma un sistema elettorale non è solo un’operazione matematica, è il riflesso di un sistema politico”.

E’ l’opinione di Stelio Mangiameli, docente di Diritto costituzionale all’Università di Teramo, che interviene sulla legge elettorale all’indomani della decisione della Consulta di rinviarne la trattazione a data da stabilire. “Nell’Italicum – osserva – la governabilità va a discapito della legittimazione. Infatti, il potere non può essere solo legalmente acquisito: la sua legittimazione si fonda sulla collettività su cui esso si esercita. Questo tema, che ruota attorno al rapporto tra sistema elettorale e principio di democrazia, l’Italicum lo trascura profondamente”.

La questione investe il meccanismo del ballottaggio, che tra l’altro “facilmente diventa espressione di un voto ‘contro’, più che di un voto ‘per'”. “La misurazione del peso delle forze politiche e la loro legittimazione – afferma il giurista – si ha quando tutte le forze possono concorrere, e non solo due come nel ballottaggio. Altrimenti detto, in un sistema tripolare o quadripolare, la legittimazione a gestire il potere si affievolisce per effetto della frammentazione e non si può ricomporre artificialmente con un escamotage, quale è di fatto il ballottaggio”.

Con l’Italicum c’è il rischio che “chiunque vinca al ballottaggio, sia nei fatti una vera e propria minoranza nella società che avrà sempre contro la maggioranza” rappresentata dalla somma delle altre forze. “Questa è una debolezza strutturale”.

L’alternativa? “Il sistema elettorale più naturale sarebbe il proporzionale, ma il pluralismo politico pone a rischio la governabilità. Per questo si ammettono correttivi o meccanismi maggioritari; accettabili, però, entro certi limiti. La maggioranza delle Camere deve avvicinarsi alla maggioranza dei cittadini. Se nessuna forza oltrepassa una determinata soglia, allora è giusto che si formi un governo di coalizione e che le forze politiche agiscano d’intesa in modo responsabile”.

“Del resto in Inghilterra, dove vige un sistema maggioritario e uninominale, nella precedente legislatura Cameron ha governato con i liberali, dopo che i laburisti gli dissero di no, perché il parlamento era bloccato. E in Germania, a sistema misto con clausola di sbarramento del 5%, la Cdu nelle ultime elezioni non ottenne la maggioranza per 3 seggi e ha formato un governo di coalizione con i socialdemocratici”.

In Francia, però, il ballottaggio c’è. “Attenzione, in Francia si fa il secondo turno di collegio, non in modo generalizzato. Tutti i collegi sono uninominali, con doppio turno: chi ottiene il 50%+1 è eletto a primo turno, altrimenti c’è il ballottaggio aperto a tutti i candidati che hanno ottenuto il 12,5%. Questo consente di fare accordi tra primo e secondo turno e di eleggere nel collegio i singoli deputati legati al territorio. Nell’Italicum, invece, il premio è nazionale e riguarda la rappresentanza nel suo insieme. Vogliamo per forza inserire il premio? Bene, ma sotto il 40% di voti, tra primo e secondo turno si devono consentire le coalizioni, ora invece espressamente vietate. Così si superano anche i limiti insorti sia col Mattarellum che col Porcellum”.

“C’è poi un altro elemento di fragilità – rileva il giurista – per il meccanismo dei capilista bloccati. Infatti, 100 dei 340 deputati di maggioranza saranno eletti senza preferenza, ma il governo potrebbe subire pressioni e condizionamenti posti dai 240 forti delle preferenze. Senza modifiche credo che i problemi dell’Italicum si manifesteranno presto”.

(di Eva Bosco/ANSA)

Ultima ora

00:02Attacco al Shabaab, ’17 soldati somali uccisi’

(ANSA) - MOGADISCIO, 23 MAR - E' di almeno 17 soldati somali uccisi e 22 feriti il bilancio di un attacco organizzato dai fondamentalisti islamici al Shabaab nel sudovest del Paese. Lo ha reso noto il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, precisando che il gruppo terrorista, legato ad al Qaida, ha rivendicato l'attacco su Facebook. Gli estremisti hanno anche aggiunto di avere bombardato una base dell'Unione africana (Ua) nella notte di ieri nella città di Barawe. Il governo di Mogadiscio ha confermato l'assalto precisando che è stato respinto con un bilancio di due persone.

23:59Attacco Londra: morto uno dei feriti gravi

(ANSA) - LONDRA, 23 MAR - E' morto uno dei feriti dell'attacco a Londra. Lo ha riferito la polizia. Si tratta di un uomo di 75 anni che era rimasto ferito sul ponte di Westminster. Salgono così a cinque, compreso l'attentatore, le vittime.

23:31Francia: Fillon accusa Hollande, ‘voglio inchiesta’

(ANSA) - PARIGI, 23 MAR - "Accuso il presidente della Repubblica": Francois Fillon, candidato della destra alle presidenziali, non usa più mezzi termini e, in diretta al talk show "L'Emission politique" di France 2, ha puntato il dito contro il presidente Francois Hollande, secondo lui all'origine dei suoi guai giudiziari. "C'è un libro di cui ho letto le bozze - ha detto - che spiega come Hollande fa arrivare le intercettazioni nel suo ufficio, come riesca ad essere al corrente di tutto, pedinamenti compresi". Fillon, denunciando "uno scandalo di stato", ha detto di volere "l'apertura di un'inchiesta". Poi ha affermato di aver "sbagliato" ad accettare gli abiti regalati dal suo "amico" Robert Bourgi, ed ha aggiunto di averli "restituiti". Ho "fatto un errore" su quei tre abiti di lusso di un valore di 13.000 euro, che gli furono regalati da "un vecchissimo amico, di oltre 20 anni", il noto avvocato Robert Bourgi.

22:39Calcio: Reina in dubbio per la gara con Juve

(ANSA) - NAPOLI, 23 MAR - Pepe Reina è rientrato a Napoli dopo il fastidio muscolare accusato durante una seduta di allenamento con la Nazionale spagnola. Il portiere azzurro si è sottoposto ad esami clinici, risonanza magnetica ed ecografia, che hanno rilevato una elongazione del muscolo soleo destro. Reina nei prossimi giorni seguirà una tabella di lavoro personalizzata per poi sottoporsi mercoledì prossimo a nuovi controlli. La sua presenza in campo nelle due partite con la Juventus è al momento in dubbio.

22:33Trump: slitta voto contro Obamacare

(ANSA) - NEW YORK, 23 MAR - Ancora niente accordo sulla legge che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Così la Camera dei Rappresentanti del Congresso Usa ha deciso di rimandare il voto che era previsto entro la giornata di oggi. Il rinvio dopo che nelle ultime ore sarebbe fallito l'ennesimo pressing del presidente Donald Trump e dello speaker Paul Ryan sui membri del Congresso repubblicani riluttanti.

22:31Migranti: ong, si temono 240 morti naufragio in Libia

(ANSA) - MADRID, 23 MAR - "Si temono almeno 240 migranti morti" in un "doppio naufragio avvenuto davanti alle coste libiche". Lo ha reso noto la portavoce della ong spagnola Proactiva Open Arms, Laura Lanuza, dopo il recupero questa mattina di cinque corpi. Ogni gommone può contenere 120 persone, ma i trafficanti di uomini di solito li riempiono a dismisura e non si esclude che le due imbarcazioni possano avere avuto a bordo almeno 240 persone. L'ong ha confermato questa mattina il doppio naufragio avvenuto a 21 km a nord di Sabrata.

22:13Polonia guastafeste, ‘pronta a non firmare a Roma’

Esce il Regno Unito ma mentre sabato prossimo a Roma gli altri 27 celebreranno il 60/o anniversario della firma del primo Trattato europeo, è l'euroscettica Polonia a indossare i panni del guastafeste, minacciando di non firmare la dichiarazione finale comune. "Un atteggiamento" definito da Angelino Alfano come "problematico verso la Ue". Che si inserisce in una 'festa' già gravata di tensioni. La 'Marcia per l'Europa' organizzata dai federalisti, che chiedono più integrazione europea, sabato rischia di scontrarsi con le contestazioni degli euroscettici su cui gravano i timori di infiltrazioni di 'black bloc'. L'attentato terroristico di Londra, le provocazioni di Erdogan sulla sicurezza dei cittadini europei e anche il controverso episodio odierno ad Anversa tengono alto l'allarme e la preoccupazione.

Archivio Ultima ora