Ecco le misure contro il cyberbullismo approvate dalla Camera

Pubblicato il 20 settembre 2016 da ansa

Ecco le misure contro il cyberbullismo approvate dalla Camera

Ecco le misure contro il cyberbullismo approvate dalla Camera

ROMA. – Chiunque, anche se minorenne, potrà chiedere ai gestori dei siti internet la rimozione o l’oscuramento di contenuti che costituiscano oggetto di cyberbullismo: lo prevede la proposta di legge approvata dall’Aula della Camera (con 242 sì, 73 no e 48 astenuti) che passa ora al Senato.

Il testo offre la prima definizione normativa del bullismo e del cyberbullismo, e consente di richiedere la rimozione di contenuti oggetto di persecuzione online sia al minore sia al suo genitore. Il Garante per la Privacy verifica l’intervento del gestore del sito e, se questi non abbia adottato le misure entro 48 ore dalla richiesta, vi provvede direttamente.

I gestori dei siti dovranno dotarsi di specifiche procedure per il recepimento e la gestione delle richieste di oscuramento, rimozione o blocco dei dati; ed analoghi obblighi riguardano la comunicazione di tali procedure sull’home page degli stessi siti.

LE DEFINIZIONI: Il bullismo è definito come l’aggressione o la molestia, da parte di singoli o più persone, nei confronti di una o più vittime allo scopo di ingenerare in essi timore ansia o isolamento ed emarginazione; sono manifestazioni di bullismo una serie di comportamenti di diversa natura: atti vessatori, pressioni o violenze fisiche e psicologiche, istigazione all’autolesionismo e al suicidio, minacce e furti, danneggiamenti, offese e derisioni anche relative alla razza, alla lingua, alla religione, all’orientamento sessuale, all’opinione politica, all’aspetto fisico o alle condizioni personali e sociali della vittima.

Il cyberbullismo è definito come fenomeno che si manifesta attraverso un atto o una serie di atti di bullismo che si realizzano attraverso la rete telefonica, la rete Internet, i social network, la messaggistica istantanea o altre piattaforme telematiche.

LE SANZIONI: Per atti di bullismo che non costituiscano reati procedibili d’ufficio, fino a quando non sia stata proposta querela o presentata denuncia, il questore potrà convocare il responsabile ammonendolo oralmente ed invitandolo a tenere una condotta conforme alla legge.

Se l’ammonito è minorenne, il questore convoca con l’interessato almeno un genitore. Lo stalking commesso per via informatica o telematica sarà punito con la reclusione da 1 a 6 anni, anche in casi di scambio di identità e invio di messaggi o la divulgazione di testi o di immagini o con la mediante diffusione di dati sensibili immagini o informazioni private, carpiti con l’inganno o con minacce.

DOCENTE ANTI-BULLI IN OGNI SCUOLA. In ogni istituto tra i professori sarà individuato un referente per le iniziative contro il bullismo e il cyberbullismo. Al preside spetterà informare subito le famiglie dei minori coinvolti in atti di bullismo e, se necessario, convocare tutti gli interessati per adottare misure di assistenza alla vittima e sanzioni e percorsi rieducativi per l’autore.

(di Francesco Bongarrà/ANSA)

Ultima ora

19:08Calcio: Genoa, primo allenamento con Mandorlini

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Primo allenamento diretto dal nuovo tecnico del Genoa Andrea Mandorlini nel pomeriggio al campo sportivo Signorini di Pegli, dove una cinquantina di tifosi assiste in silenzio: nessuna contestazione, ma neanche nessun applauso per la compagine rossoblù e per il tecnico arrivato a Genova accompagnato dalle polemiche di molti supporter genoani a causa dei trascorsi antigenoani dell'allenatore. Un solo striscione, fatto appendere però all'esterno della struttura, recita: "Ma 'n do vai se Gasp non ce l'hai". Dopo l'incontro fiume di ieri tra Mandorlini e la società, oggi il neoallenatore del Grifone ha ricevuto la visita del presidente Enrico Preziosi, che poi ha lasciato la struttura prima dell'arrivo dei giocatori.

19:01Calcio: Abatantuono, Donnarumma andrà via

(ANSA) - MILANO, 21 FEB - Gianluigi Donnarumma, che sabato prossimo compirà 18 anni, "è un grande portiere e un grande giocatore, di conseguenza non so ancora quanto potrà restare nel Milan", perchè "è in esatto contrasto con la logica degli acquisti del Milan e quello che è il suo valore di mercato". Lo ha detto Diego Abatantuono, grande tifoso milanista. "A volte vedo in campo una vena di comicità anche da parte di qualche giocatore del Milan - ha aggiunto l'attore -. Visto che lui (Donnarumma, ndr) invece non fa ridere, magari lo prenderà qualcun altro. Ho la sensazione netta, purtroppo che lui non starà a lungo nel Milan, anche se spero che non sarà così". Parlando di Vincenzo Montella, Abatantuono lo ha definito "l'unica star, la vera grande intuizione. Senza l'allenatore quest'anno non avremmo raggiunto nessun risultato" Sul closing "è la cosa più citata ma che non si conclude mai, è difficile da capire, forse proprio perché è cinese". Nessun dubbio invece su Bacca: "Non lo terrei".

18:59Alimentare: perquisizioni Nas per tutela marchi Igp

(ANSA) - UDINE, 21 FEB - Perquisizioni dei Carabinieri del Nas di Udine e dei funzionari dell'Icqrf, Ispettorato Repressione frodi Nord Est, sono in corso in una cinquantina di allevamenti, macelli, abitazioni e studi professionali nelle province di Pordenone, Udine, Gorizia, Milano, Padova, Brescia, Verona, Treviso, Vicenza. Le perquisizioni sono state disposte dalla Procura della Repubblica di Pordenone nell'ambito di indagini per contrastare frodi e illeciti ai danni dei consumatori e per la tutela e qualità delle Indicazioni geografiche tipiche.

18:54Unar: il direttore Spano, ho agito sempre in modo corretto

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ho deciso di rimettere il mio mandato non perché ritenga di avere responsabilità, perché rivendico la piena correttezza del mio operato in questo anno, ma per rispetto al ruolo affidato all'ufficio che ho avuto l'onore di guidare. Occuparsi di contrasto alle discriminazioni presuppone, infatti, entusiasmo e generosità: due doti che ho provato ad avere sempre in questi mesi e che questa squallida vicenda mi ha tolto": così Francesco Spano, il direttore dell'Unar che ieri si è dimesso dopo le polemiche su alcuni finanziamenti. Spano annuncia poi possibili azioni di difesa: "per quanto mi riguarda valuterò nelle prossime settimane come procedere a tutela della mia onorabilità. Resta la spaventosa considerazione su come la cosiddetta 'macchina del fango' resti l'arma di persone vigliacche che non esitano a denigrare chi compie con lealtà e correttezza il proprio dovere". A difesa di Spano sono intervenuti Arcigay e Anddos, l'associazione al centro delle polemiche.

18:52Pd: Emiliano, mi candido segreteria,nessun può cacciarmi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "L'avrei voluto fare in assemblea ma il rispetto che ho per Rossi e Speranza non me l'ha consentito. Oggi vi ribadisco che mi candiderò alla segreteria del Pd. Questa è casa mia, casa nostra e nessuno può cacciarmi o cacciarci via". Lo dice Michele Emiliano intervenendo in direzione Pd.

18:50Si lavora per fioritura Castelluccio di Norcia

(ANSA) - PERUGIA, 21 FEB - A Norcia si lavora per aprire un "corridoio" che dia la possibilità ai trattori di "salire fino Castelluccio e fare la semina per la fioritura". Lo ha annunciato il sindaco, Nicola Alemanno. Lo ha fatto durante la presentazione di Nero Norcia, mostra-mercato del tartufo e dei prodotti tipici. "La nostra idea - ha detto Alemanno - è di riuscire ad aprire una strada per tutti proprio in occasione della fioritura a luglio. Per questo ora stiamo vagliando diverse ipotesi che consentirebbero ai trattori di salire a Castelluccio durante il mese di marzo proprio per seminare". "Nella mia amministrazione ho diversi assessori originari di Castelluccio - ha sottolineato ancora il sindaco - e non ci perdoneremmo mai di non aver lavorato con tutte le forse a disposizione per consentire la tradizionale fioritura".

18:49Pd: Orfini, grazie a chi c’è, non mi rassegno agli addii

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ringrazio chi è qui oggi. Ho sentito in queste ore Emiliano, Rossi e Speranza e ho chiesto loro di partecipare alla direzione e al congresso e continuerò a farlo non rassegnandomi alla scelta di chi ha deciso di non partecipare". Lo dice Matteo Orfini aprendo la direzione del Pd. "Chiedo a chi ha fatto una scelta diversa di ripensarci - sottolinea, con riferimento ai bersaniani e a Rossi - penso ci siano condizioni per andare avanti insieme ed evitare addii. Il congresso serve a questo". "Quanto emerso nel dibattito in assemblea e dopo non è tale da giustificare e rendere inevitabile addii dal nostro partito. Credo che ci siano ancora margini per tenere unito questo partito", conclude. "Alla commissione che nomineremo oggi spetta il compito di raccogliere le diverse posizioni per vedere se si può fare ancora qualche passo per ricomporre le distanze".

Archivio Ultima ora