Braccianti in nero e dormitorio abusivo nell’Astigiano

(ANSA) – ASTI, 21 SET – Manodopera irregolare nei vigneti dell’Astigiano e un dormitorio abusivo e fatiscente sgomberato. E’ il risultato dell’attività di controllo della Guardia di finanza di Canelli in collaborazione con l’Inps. Scoperti 35 braccianti agricoli e quattro lavoratori in nero, per lo più di origine macedone e bulgara. Oltre all’impiego di lavoratori senza tutela assicurativa e previdenziale, sono emerse anche violazioni alla normativa sui contratti d’appalto. Gli imprenditori agricoli, infatti, affittavano a società esterne la raccolta delle uve, senza intervenire in alcun modo nella gestione delle maestranze. E’ emerso anche che una società alloggiava in un cascinale fatiscente, privo di ogni requisito igienico sanitario, una decina di braccianti stranieri. Trovati anche quattro chili di sigarette di contrabbando. Da maggio 2015 sono 106 i lavoratori in nero scoperti dalla Guardia di Finanza di Asti in aziende agricole e cooperative.(ANSA).

Condividi: