Ocse taglia le stime sull’Italia, su Pil meno slancio previsto

Pubblicato il 21 settembre 2016 da ansa

La nuova fabbrica fotovoltaica inaugurata a Cairo Montenotte dal presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando,  ANSA/LUCA ZENNARO

La nuova fabbrica fotovoltaica inaugurata a Cairo Montenotte dal presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando,
ANSA/LUCA ZENNARO

PARIGI. – Un’altra doccia fredda per l’economia italiana. Anche l’Ocse si unisce alle istituzioni che hanno tagliato le stime di crescita per l’Italia, mostrandosi favorevole alla battaglia di Matteo Renzi per ottenere maggiore flessibilità in Europa. Secondo l’Economic Outlook di settembre il Pil italiano sarà meno incoraggiante di quanto previsto inizialmente.

Nel 2016 e nel 2017 crescerà appena dello 0,8%, rispettivamente 0,2 e 0,6 punti percentuali in meno rispetto alle stime di giugno. In conferenza stampa a Parigi, la capo economista dell’Ocse, Catherine Mann, ha fotografato così la situazione del nostro Paese: “Nel 2016 gli investimenti e gli scambi non si sono rivelati così fruttuosi come avevamo previsto”.

Quanto al 2017 “ci sono debolezze nell’economia mondiale e nella zona euro che peseranno maggiormente sull’Italia che su altri Paesi”. E ancora: “Nel caso dell’Italia bisogna riconoscere che c’è una vasta gamma di sfide da raccogliere. C’è un governo piuttosto recente che ha compiuto notevoli progressi, in particolare, sulla riforma del lavoro, e questo ha avuto effetti sulla ripresa dell’occupazione generando uno slancio positivo. L’idea – ha continuato – era che questo slancio sarebbe proseguito per tutto il 2016 ma le nostre speranze sono andate in qualche modo deluse”.

Una situazione che per l’americana succeduta a Pier Carlo Padoan ai vertici dell’Ocse è essenzialmente dovuta a “problemi di fiducia”, a cominciare dalle “incertezze” sull’esito del referendum d’autunno. “In questo caso – ha precisato – l’incertezza politica si è infiltrata nell’incertezza economica trascinando verso il basso i traguardi conseguiti in termini di azione pubblica”.

“Come per ogni referendum, lo seguiamo da molto vicino, ma oggi non siamo in grado di pronunciarci sugli effetti. Restiamo molto attenti e quando arriveremo all’outlook di novembre saremo più precisi”, ha tagliato corto l’esperta economista prima di spezzare una lancia a favore delle posizioni di Roma sul patto di stabilità.

“L’applicazione delle regole del Patto Ue – sostiene Catherine Mann – dovrebbe essere modificata per consentire politiche di bilancio più mirate al sostegno della crescita”. Un concetto espresso nero su bianco nello stesso Economic Outlook, secondo cui in Europa si “potrebbe fare di più”, ad esempio, escludendo “le spese nette di investimento dalle regole fiscali e, più in generale, sviluppando un approccio coerente per usare discrezionalità nell’applicazione delle regole”.

Più in generale, l’Ocse ha rivisto al ribasso l’intera economia mondiale (con un Pil globale stimato al 2,9% nel 2016 e al 3,2% nel 2017, 0,1 punti in meno rispetto all’outlook di giugno) e dell’eurozona (1,5% nel 2016 e 1,4% nel 2017, rispettivamente -0,1 e -0,3 punti).

Cifre che suonano come un campanello d’allarme per l’intero pianeta, “preso in trappola da una crescita debole”, avverte l’organismo, attribuendo questo stato di cose alla “debole progressione degli scambi e alle distorsioni del sistema finanziario”. Di qui l’invito agli Stati a fornire maggiore sostegno alle politiche commerciali e a diminuire l'”eccessivo ricorso” alle politiche monetarie delle banche centrali.

A tre mesi dal referendum sulla Brexit particolare attenzione è stata rivolta alla Gran Bretagna. “Dopo la decisione dei britannici di lasciare l’Unione europea nel referendum del 23 giugno – afferma l’Ocse – la crescita britannica è rallentata. Le incertezze restano molto forti”. Per l’Ocse la crescita del Regno Unitodovrebbe crollare dall’1,8% del 2016 all’1% del 2017, “un tasso di molto inferiore a quello degli ultimi anni”.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

20:37Sinistra: Sala, modello Milano unico possibile

(ANSA) - MILANO, 7 DIC - "Credo che il modello Milano di sinistra unita sia l'unico possibile": così il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha commentato l'alleanza progressista proposta da Giuliano Pisapia. "Lo guardo con interesse - ha aggiunto arrivando alla Scala - Certo che quello spazio politico è largo e stretto. Bisogna capire chi saranno i compagni di viaggio che si aggregheranno. Comunque quello è uno spazio assolutamente prezioso".

20:34Calcio: Pisa, Petroni cede il club a Corrado

(ANSA) - PISA, 7 DIC - Carrara Holding, società proprietaria del Pisa che fa capo all'imprenditore romano Fabio Petroni, ha comunicato oggi ufficialmente di avere accettato l'offerta di acquisto presentata dal gruppo Magico di Giuseppe Corrado. Il passaggio di proprietà si formalizzerà nei prossimi giorni dopo l'approvazione del bilancio del club da parte dell'attuale proprietà. Intanto, sotto la prefettura di Pisa centinaia di tifosi toscani stanno manifestando pacificamente per chiedere che Petroni venda senza ulteriori condizioni la società. In piazza è presente anche il sindaco Marco Filippeschi e i supporter continuano ad aspettare conferme da parte dei compratori "perché già altre volte sembrava fatta e poi siamo rimasti delusi: non vorremmo che il comunicato di Carrara Holding, concordato con la Lega, servisse a farci ritirare la nostra protesta Senza una conferma ufficiale da parte di Corrado - concludono i tifosi - la prossima gara interna contro il Bari non si giocherà".

20:30Emiliano, Direzione Pd? Mortificata democrazia interna

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "Come volevasi dimostrare non è stato dato alcuno spazio al dibattito durante la Direzione Nazionale che é durata pochi minuti e che é servita solo a creare la scena di una dichiarazione prevedibile e priva di volontà di dibattito politico. Convocare centinaia di persone da tutta l'Italia per confezionare una scena del genere è una mortificazione della democrazia interna e della dignità del partito. Sono senza parole". Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano commentando la Direzione del Pd.

20:29Renzi, dopo consultazioni nuova direzione Pd, si decide qui

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Dopo le consultazioni al Quirinale la delegazione Pd riferirà alla direzione "perché a quel punto si possa discutere in modo democratico e chiaro del percorso da scegliere. Non ci sono soluzioni scodellate, si parla e decide qui dentro. Il Pd non fugge da democrazia e trasparenza e ha l'abitudine di non fuggire nemmeno dallo streaming". Lo dice Matteo Renzi alla direzione Pd.

20:25Calcio: tifosi granata, ‘vogliamo un Toro scatenato’

(ANSA) - TORINO, 7 DIC - Spalti gremiti e tanto entusiasmo per l'allenamento odierno del Torino, sotto lo sguardo attento del presidente Urbano Cairo. "Vogliamo un Toro scatenato, incorniamoli", lo striscione esposto dai tifosi per spronare Belotti e compagni in vista del derby. Buone notizie anche dall'infermeria, con capitan Vives ormai "avviato verso il completo recupero", come recita il sito ufficiale della società granata.

20:16Calcio: Ancelotti, vorrei evitare il Real

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - "La vittoria di ieri non ha cambiato nulla, ma era comunque importante aggiudicarci il match. Tutte le partite sono utili per ritrovarsi. Abbiamo complicato il nostro cammino nel girone con la sconfitta a Rostov. Avremmo voluto classificarci al primo posto, ma penso che non cambierà molto con il secondo posto. Non c'è tanta differenza, saranno ottavi difficili per tutti". Lo ha detto Carlo Ancelotti, allenatore del Bayern Monaco, commentando ad As l'esito finale del girone. Ancelotti teme l'esito del sorteggio degli ottavi di Champions, che si svolgerà lunedì. "Vediamo cosa succede - dice -. La Juve? Si tratta di una grande squadra e sarà al secondo turno, è sempre un'avversaria molto dura ma, come ho detto, il secondo turno sarà molto difficile per tutti". "Juve e Atletico - ha aggiunto Ancelotti - si assomigliano, sono squadre da combattimento e anche molto organizzate. La squadra bianconera ha più qualità rispetto alle stagioni passate. Spero di non affrontare il Real Madrid, preferirei evitarlo".

20:11Governo: Acli, continuare sulla strada delle riforme

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - La presidenza Acli ritiene che prima del completamento della legislatura "alcune riforme debbano necessariamente concludere il proprio iter". Tra quelle considerate più urgenti c'è la riforma della legge elettorale, ma saranno seguite con attenzione anche quella per il contrasto alla povertà (in particolare il Rei, il reddito d'inclusione), la riforma del terzo settore e la riforma della legge sulla cittadinanza. "Si tratta - sostengono le Acli - di atti che hanno avuto percorsi diversi e che devono trovare un compimento nel più breve tempo possibile". Le Acli "continueranno a seguire da vicino l'evolversi della situazione politica e si metteranno a disposizione di chi opera per pacificare il clima del Paese e restituire priorità al tema del lavoro e del welfare. Sono queste - sostiene la presidenza Acli - le condizioni necessarie affinché l'Italia possa ripartire, garantendo stabilità all'interno del quadro europeo, che rimane il nostro contesto di riferimento".

Archivio Ultima ora