Ocse taglia le stime sull’Italia, su Pil meno slancio previsto

Pubblicato il 21 settembre 2016 da ansa

La nuova fabbrica fotovoltaica inaugurata a Cairo Montenotte dal presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando,  ANSA/LUCA ZENNARO

La nuova fabbrica fotovoltaica inaugurata a Cairo Montenotte dal presidente della Regione Liguria, Claudio Burlando,
ANSA/LUCA ZENNARO

PARIGI. – Un’altra doccia fredda per l’economia italiana. Anche l’Ocse si unisce alle istituzioni che hanno tagliato le stime di crescita per l’Italia, mostrandosi favorevole alla battaglia di Matteo Renzi per ottenere maggiore flessibilità in Europa. Secondo l’Economic Outlook di settembre il Pil italiano sarà meno incoraggiante di quanto previsto inizialmente.

Nel 2016 e nel 2017 crescerà appena dello 0,8%, rispettivamente 0,2 e 0,6 punti percentuali in meno rispetto alle stime di giugno. In conferenza stampa a Parigi, la capo economista dell’Ocse, Catherine Mann, ha fotografato così la situazione del nostro Paese: “Nel 2016 gli investimenti e gli scambi non si sono rivelati così fruttuosi come avevamo previsto”.

Quanto al 2017 “ci sono debolezze nell’economia mondiale e nella zona euro che peseranno maggiormente sull’Italia che su altri Paesi”. E ancora: “Nel caso dell’Italia bisogna riconoscere che c’è una vasta gamma di sfide da raccogliere. C’è un governo piuttosto recente che ha compiuto notevoli progressi, in particolare, sulla riforma del lavoro, e questo ha avuto effetti sulla ripresa dell’occupazione generando uno slancio positivo. L’idea – ha continuato – era che questo slancio sarebbe proseguito per tutto il 2016 ma le nostre speranze sono andate in qualche modo deluse”.

Una situazione che per l’americana succeduta a Pier Carlo Padoan ai vertici dell’Ocse è essenzialmente dovuta a “problemi di fiducia”, a cominciare dalle “incertezze” sull’esito del referendum d’autunno. “In questo caso – ha precisato – l’incertezza politica si è infiltrata nell’incertezza economica trascinando verso il basso i traguardi conseguiti in termini di azione pubblica”.

“Come per ogni referendum, lo seguiamo da molto vicino, ma oggi non siamo in grado di pronunciarci sugli effetti. Restiamo molto attenti e quando arriveremo all’outlook di novembre saremo più precisi”, ha tagliato corto l’esperta economista prima di spezzare una lancia a favore delle posizioni di Roma sul patto di stabilità.

“L’applicazione delle regole del Patto Ue – sostiene Catherine Mann – dovrebbe essere modificata per consentire politiche di bilancio più mirate al sostegno della crescita”. Un concetto espresso nero su bianco nello stesso Economic Outlook, secondo cui in Europa si “potrebbe fare di più”, ad esempio, escludendo “le spese nette di investimento dalle regole fiscali e, più in generale, sviluppando un approccio coerente per usare discrezionalità nell’applicazione delle regole”.

Più in generale, l’Ocse ha rivisto al ribasso l’intera economia mondiale (con un Pil globale stimato al 2,9% nel 2016 e al 3,2% nel 2017, 0,1 punti in meno rispetto all’outlook di giugno) e dell’eurozona (1,5% nel 2016 e 1,4% nel 2017, rispettivamente -0,1 e -0,3 punti).

Cifre che suonano come un campanello d’allarme per l’intero pianeta, “preso in trappola da una crescita debole”, avverte l’organismo, attribuendo questo stato di cose alla “debole progressione degli scambi e alle distorsioni del sistema finanziario”. Di qui l’invito agli Stati a fornire maggiore sostegno alle politiche commerciali e a diminuire l'”eccessivo ricorso” alle politiche monetarie delle banche centrali.

A tre mesi dal referendum sulla Brexit particolare attenzione è stata rivolta alla Gran Bretagna. “Dopo la decisione dei britannici di lasciare l’Unione europea nel referendum del 23 giugno – afferma l’Ocse – la crescita britannica è rallentata. Le incertezze restano molto forti”. Per l’Ocse la crescita del Regno Unitodovrebbe crollare dall’1,8% del 2016 all’1% del 2017, “un tasso di molto inferiore a quello degli ultimi anni”.

(di Paolo Levi/ANSA)

Ultima ora

20:13Uccide madre a Senigallia, colpita con phon e strangolata

(ANSA) - ANCONA, 18 NOV - Colpita prima con un phon alla nuca, poi strangolata con il guinzaglio del cane. E' morta così Graziella Pasquinelli, 73 anni, commerciante di calzature di Senigallia, trovata morta nell'appartamento che condivideva con il figlio Gianluca Barucca, 45 anni, ora in carcere con l'accusa di omicidio. L'autopsia, eseguita dal medico legale Loredana Buscemi, avrebbe così confermato la morte per soffocamento. Sulla scena del delitto, i carabinieri avevano già sequestrato un phon e il guinzaglio del cane, trovato accanto al cadavere della donna. L'omicidio risalirebbe alle prime ore di giovedì mattina, comunque prima delle 9, quando generalmente madre e figlio aprivano il negozio e che quel giorno, invece, era rimasto chiuso. Barucca avrebbe quindi spento il cellulare e vegliato il corpo della madre, trovato poi in serata dopo che alcuni parenti, preoccupati, avevano dato l'allarme. Ancora da chiarire il movente del delitto. Il 45enne era separato dalla moglie ed era tornato da un paio d'anni a vivere con la madre.

20:12Nuoto: Magnini vince a Livorno 200 stile libero

(ANSA) - LIVORNO, 18 NOV - Filippo Magnini ha vinto oggi a Livorno la finale dei 200 stile libero del 41/o trofeo internazionale 'Mussi-Lombardi-Femiano'. Il nuotatore azzurro ha sbaragliato una concorrenza di giovanissimi e si è imposto con il tempo di 1'45"29 davanti a Matteo Campi (1'45"68) e Stefano Di Cola (1'46"75). Vittoria, invece, di Simona Quadrella (1'58"44) nei 200 donne davanti a Erica Musso (1'58"77) e Linda Caponi (1'58"87). Tra le altre gare, nella finale dei 50 dorso maschile Simone Sabbioni ha vinto (23"85) davanti a Niccolò Bonacchi (24"44) e Matteo Milli (24"49).

20:11Aste: Parigi,raro disegno Tintin battuto per 500mila dollari

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Un raro disegno di Tintin firmato dal celebre fumettista belga Hergé é stato venduto all'asta a Parigi per circa 500.000 dollari (circa 424mila euro). Lo riporta la Bbc online. Oltre al disegno, che ritrae Tintin e il suo fido Snowy ed é tratto dal libro a fumetti 'King Ottokar's Sceptre' (Lo scettro di re Ottokar) del 1939, é stata venduta - per 350mila dollari - anche una pagina del libro a fumetti del 1943 'The Shooting Star' (La stella misteriosa), sempre di Hergé. Non ha trovato acquirenti, invece, una copia del libro 'Destination Moon' (Destinazione Luna), sempre della serie Le avventure di Tintin, firmata da astronauti americani. L'anno scorso, una pagina tratta dal libro a fumetti di Tintin 'Explorers on the moon' (Esploratori sulla luna) é stata venduta all'asta per un record di 1,64 milioni di dollari a Parigi. Sempre l'anno scorso, a Hong Kong, un raro disegno di Tintin a Shangai tratto dal libro 'The Blue Lotus' (Il loto blu) é stato battuto per 1,2 milioni di dollari.

20:09Calcio: ex pallanuotista candidato a consiglio Lega B

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - C'è un ex pallanuotista fra le quattro persone in corsa per i due posti riservati ai membri indipendenti del consiglio esecutivo ristretto della Lega B, completato dal presidente dell'associazione dei club cadetti. La singolare candidatura per le votazioni che andranno in scena il 23 novembre, in occasione dell'assemblea elettiva, è di Maurizio Felugo, 36 anni, ligure di Chiavari (Genova), ex centrovasca, campione del mondo nel 2011 e vice campione olimpico nel 2012 con il settebello, che si è ritirato due anni fa e oggi è presidente della Pro Recco. Felugo ha il sostegno della squadra della sua città, la Virtus Entella di Antonio Gozzi, e figura nel cda dello Spezia di Gabriele Volpi. Il 23 novembre per il vertice correranno Mauro Balata, che negli ultimi mesi ha guidato la Lega B da commissario, e l'ex arbitro Gianluca Paparesta. Le altre due candidature sono quella dell'ex presidente del Lecce, Mario Moroni e dell'avvocato modenese Francesca Pellegrini.

20:00Due donne scomparse 30 anni fa, Procura Vicenza riapre caso

(ANSA) - VICENZA, 18 NOV - La Procura di Vicenza ha deciso di riaprire il caso della scomparsa di due donne avvenuta a cavallo tra gli anni '80 e '90 nell'alto vicentino. Entrambe erano state mogli di un allevatore di maiali di Velo d'Astico (Vicenza) Valerio Sperotto, che morì nel 2011. L'uomo, sul quale si erano concentrati i sospetti, aveva sempre negato ogni responsabilità sulla scomparsa delle consorti. I nuovi accertamenti sono stati disposti dal sostituto procuratore vicentino Hans Roderich Blattner, che ha riaperto l'inchiesta in base a una serie di testimonianze e soprattutto a una "soffiata" arrivata in Procura e ritenuta plausibile. La prima vicenda risale a quasi 30 anni fa, quando Elena Zecchinato, in paese conosciuta come "Ivette", di origini francesi, si allontanò a piedi da casa per una passeggiata nei boschi della zona e non fece più ritorno. A metà degli Anni Novanta l'allevatore si risposò con Virginia Mihai, ma nell'aprile 1999 pure lei scomparve nel nulla. I due erano in fase di separazione.

19:59Pisapia, cambio di rotta già dalla finanziaria

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - "Un incontro molto positivo, chiaramente ora bisogna lavorare. Abbiamo fatto delle richieste pubblicamente. La prossima, o forse già questa settimana inizierà un percorso comune programmatico, ma non solo. Il nuovo centrosinistra e la possibilità di cambiare il Paese parte già dalla legge finanziaria, già lì bisogna dare un segnale forte di un cambio di rotta". Lo ha detto, al termine della presentazione della campagna di Giorgio Gori, Giuliano Pisapia a proposito dell'incontro che l'ex sindaco di Milano ha avuto con Piero Fassino e Maurizio Martina.

19:46Riina: sarà sepolto in camposanto Corleone

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Il boss mafioso Totò Riina sarà sepolto nel cimitero comunale di Corleone, in via Guardia, dove già si trovano Michele Navarra, Luciano Liggio e le ceneri di Bernardo Provenzano: il gotha della mafia corleonese che ha spadroneggiato dal dopoguerra. Nel cimitero c'è anche l'urna coi resti di Placido Rizzotto il sindacalista della Cgil ucciso nel '48 da Luciano Liggio e dai suoi sgherri. Nel cimitero di Corleone aleggiano anche i misteri della tomba in cui furono trovati due scheletri: uno dei due crani ha un buco segno di un colpo di arma da fuoco. Quei resti, nella sepoltura che una volta era stata di Bernardino Verro, sindaco socialista ucciso dalla mafia, sarebbero di Calogero Bagarella, ucciso nella strage di viale Lazio, cognato di Riina. Un cadavere sepolto di nascosto e in fretta e furia. Al cimitero, e forse a quei due scheletri senza nome, sarebbe legato anche l'omicidio nel 1976 dell'impresario di pompe funebri Francesco Coniglio. Uno che del cimitero e delle sue tombe conosceva ogni segreto.

Archivio Ultima ora