Usa vogliono no-fly zone nelle zone chiave in Siria

Pubblicato il 21 settembre 2016 da ansa

Usa vogliono no-fly zone nelle zone chiave in Siria

Usa vogliono no-fly zone nelle zone chiave in Siria

BEIRUT. – Bisogna creare zone di non sorvolo aereo in alcune “aree chiave” della Siria per consentire la distribuzione di aiuti umanitari: la proposta del segretario di Stato Usa John Kerry arriva durante l’infuocato braccio di ferro tra i capi della diplomazia di Russia e Stati Uniti durante la riunione del consiglio di sicurezza.

Da Mosca intanto annunciano l’arrivo nel Mediterraneo orientale di una portaerei per aumentare la capacità del già nutrito gruppo navale russo, mentre le Nazioni Unite fanno sapere che faranno ripartire i convogli umanitari sospesi dopo il raid di lunedì che aveva colpito una colonna diretta ad Aleppo. Ma non si dirigeranno verso questa città.

La riunione all’Onu era stata convocata d’urgenza dopo il nuovo bombardamento aereo contro un ambulatorio (4 uccisi) e mentre nel nord del Paese sono morte almeno 37 persone in raid aerei su zone civili fuori dal controllo del governo ad Aleppo e Idlib.

Per tutto il giorno sono proseguite violenze nei vari teatri del conflitto. L’agenzia Sana, controllata dal governo, afferma che due persone sono state uccise da razzi sparati da ribelli ad Aleppo. Nella notte un ambulatorio medico sostenuto dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), è stato centrato e distrutto in un raid compiuto da caccia di nazionalità imprecisata. Il raid è avvenuto a sud di Aleppo, nel distretto di Khan Tuman, in un’area da mesi bombardata da aerei russi e governativi siriani perché fuori dal controllo delle forze lealiste.

Nei giorni scorsi l’Onu aveva sospeso le attività umanitarie dopo il bombardamento e la distruzione di un intero convoglio di 20 camion con aiuti destinati ad Aleppo est e preparati dalla Mezzaluna rossa e dalle Nazioni Unite.

Proprio sulla responsabilità del raid contro il convoglio umanitario (21 uccisi) si è tornato a discutere in Consiglio di sicurezza. La Russia ha continuato ad accusare gli Stati Uniti di non aver rispettato la tregua del 12 settembre, prendendo di mira sabato scorso militari governativi nell’est della Siria (un centinaio i morti, altrettanti i feriti). Un attacco per cui gli Usa avevano ammesso l’errore della Coalizione anti-Isis.

Sull’attacco al convoglio umanitario – per cui la Russia e il governo siriano hanno smentito ogni responsabilità – il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov ha spiegato che “serve un’indagine seria e imparziale”. Gli ha risposto molto irritato Kerry: “Sembra che Mosca sia su un universo parallelo”, ha detto. Kerry ha ribadito che “sì, la Coalizione ha colpito delle persone sabato, è stato un terribile incidente, lo abbiamo riconosciuto immediatamente. Ma qualcuno crede davvero che il convoglio di aiuti abbia preso fuoco da solo?”, ha detto, riferendosi a quanto sostenuto dalla Russia.

Da Mosca hanno fornito altre spiegazioni: prima hanno detto che un drone Usa era in volo sopra al convoglio nella notte del raid, e poi hanno sostenuto che un mezzo dei miliziani con un mortaio di grosso calibro si spostava assieme al convoglio. Questo è in contrasto con quanto riferito dalla Mezzaluna rossa siriana, che è un ente controllato dal governo di Damasco e che ha affermato che il convoglio non era in movimento ma era fermo mentre gli operatori caricavano casse di aiuti.

Nel discorso all’Onu, Kerry ha comunque provato a rilanciare l’idea della tregua e ha detto: “Per ridare credibilità a questo processo dobbiamo immediatamente tenere tutti gli aerei a terra nelle aree chiave”. Il riferimento è alle zone contese lungo l’asse viario Aleppo-Daraa, passando per Idlib, Hama, Homs e Damasco.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

22:59Germania: evacuato grattacielo Wuppertal

(ANSA) - BERLINO, 27 GIU - Un grattacielo di Wuppertal, in Germania, deve essere evacuato perché ritenuto a rischio incendi, per la presenza di pannelli infiammabili sulla facciata. La misura precauzionale arriva dopo il disastro di Londra, dove le fiamme in un edificio di 24 piani hanno provocato la morte di 79 persone. In questo caso a provocare il rogo sarebbe stato un frigorifero difettoso, ma l'incendio è divampato velocemente, proprio a causa di pannelli simili. I residenti del grattacielo di Wuppertal potranno rientrare appena i pannelli saranno rimossi. Intanto alloggeranno in appartamenti messi a disposizione dal comune.

Archivio Ultima ora