Usa vogliono no-fly zone nelle zone chiave in Siria

Pubblicato il 21 settembre 2016 da ansa

Usa vogliono no-fly zone nelle zone chiave in Siria

Usa vogliono no-fly zone nelle zone chiave in Siria

BEIRUT. – Bisogna creare zone di non sorvolo aereo in alcune “aree chiave” della Siria per consentire la distribuzione di aiuti umanitari: la proposta del segretario di Stato Usa John Kerry arriva durante l’infuocato braccio di ferro tra i capi della diplomazia di Russia e Stati Uniti durante la riunione del consiglio di sicurezza.

Da Mosca intanto annunciano l’arrivo nel Mediterraneo orientale di una portaerei per aumentare la capacità del già nutrito gruppo navale russo, mentre le Nazioni Unite fanno sapere che faranno ripartire i convogli umanitari sospesi dopo il raid di lunedì che aveva colpito una colonna diretta ad Aleppo. Ma non si dirigeranno verso questa città.

La riunione all’Onu era stata convocata d’urgenza dopo il nuovo bombardamento aereo contro un ambulatorio (4 uccisi) e mentre nel nord del Paese sono morte almeno 37 persone in raid aerei su zone civili fuori dal controllo del governo ad Aleppo e Idlib.

Per tutto il giorno sono proseguite violenze nei vari teatri del conflitto. L’agenzia Sana, controllata dal governo, afferma che due persone sono state uccise da razzi sparati da ribelli ad Aleppo. Nella notte un ambulatorio medico sostenuto dall’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), è stato centrato e distrutto in un raid compiuto da caccia di nazionalità imprecisata. Il raid è avvenuto a sud di Aleppo, nel distretto di Khan Tuman, in un’area da mesi bombardata da aerei russi e governativi siriani perché fuori dal controllo delle forze lealiste.

Nei giorni scorsi l’Onu aveva sospeso le attività umanitarie dopo il bombardamento e la distruzione di un intero convoglio di 20 camion con aiuti destinati ad Aleppo est e preparati dalla Mezzaluna rossa e dalle Nazioni Unite.

Proprio sulla responsabilità del raid contro il convoglio umanitario (21 uccisi) si è tornato a discutere in Consiglio di sicurezza. La Russia ha continuato ad accusare gli Stati Uniti di non aver rispettato la tregua del 12 settembre, prendendo di mira sabato scorso militari governativi nell’est della Siria (un centinaio i morti, altrettanti i feriti). Un attacco per cui gli Usa avevano ammesso l’errore della Coalizione anti-Isis.

Sull’attacco al convoglio umanitario – per cui la Russia e il governo siriano hanno smentito ogni responsabilità – il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov ha spiegato che “serve un’indagine seria e imparziale”. Gli ha risposto molto irritato Kerry: “Sembra che Mosca sia su un universo parallelo”, ha detto. Kerry ha ribadito che “sì, la Coalizione ha colpito delle persone sabato, è stato un terribile incidente, lo abbiamo riconosciuto immediatamente. Ma qualcuno crede davvero che il convoglio di aiuti abbia preso fuoco da solo?”, ha detto, riferendosi a quanto sostenuto dalla Russia.

Da Mosca hanno fornito altre spiegazioni: prima hanno detto che un drone Usa era in volo sopra al convoglio nella notte del raid, e poi hanno sostenuto che un mezzo dei miliziani con un mortaio di grosso calibro si spostava assieme al convoglio. Questo è in contrasto con quanto riferito dalla Mezzaluna rossa siriana, che è un ente controllato dal governo di Damasco e che ha affermato che il convoglio non era in movimento ma era fermo mentre gli operatori caricavano casse di aiuti.

Nel discorso all’Onu, Kerry ha comunque provato a rilanciare l’idea della tregua e ha detto: “Per ridare credibilità a questo processo dobbiamo immediatamente tenere tutti gli aerei a terra nelle aree chiave”. Il riferimento è alle zone contese lungo l’asse viario Aleppo-Daraa, passando per Idlib, Hama, Homs e Damasco.

(di Lorenzo Trombetta/ANSA)

Ultima ora

18:32Iran: ministro Difesa, abbiamo aumentato precisione missili

(ANSA) - TEHERAN, 23 FEB - L'Iran ha accresciuto notevolmente la precisione dei suoi missili balistici a lungo raggio e non ha fermato il suo programma missilistico dopo le polemiche scaturite dal test del 29 gennaio scorso che ha portato a nuove sanzioni da parte degli Stati Uniti. Lo ha riferito oggi il ministro della Difesa iraniano, Hossein Dehqan. "Abbiamo aumentato la gamma e la precisione dei nostri missili balistici terra-terra a lungo raggio", ha detto Dehqan, aggiungendo che "l'esercito iraniano è riuscito anche ad aumentare la durata di conservazione dei suoi missili fino a 20 anni".

18:29Calcio: Uefa, Ceferin in Figc

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - Il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin è nella sede della Federcalcio a Roma. Il massimo rappresentante del calcio europeo è stato ricevuto all'arrivo in via Allegri dal n.1 della Figc Carlo Tavecchio. Previsti incontri con i membri del Consiglio Federale e con il dg Michele Uva, candidato italiano all'Esecutivo Uefa. Al tavolo anche Franco Carraro e il dg della Roma, Umberto Gandini, in veste di vicepresidente dell'Eca. Assente invece il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, rimasto bloccato con la squadra in Portogallo dopo la trasferta di Champions League. Per Ceferin si tratta della seconda presenza in Italia dopo la presentazione del logo di Roma quale sede degli Europei 2020 lo scorso 22 settembre al Foro Italico.

18:26Juncker assicura, non mi dimetterò

(ANSA) - BRUXELLES, 23 FEB - "Non mi dimetterò, porterò a termine il mandato che scade a novembre 2019. Ma questo lo sapevate anche prima". Così il presidente della Commissione europea, Jean Claude Juncker, ha risposto - durante un punto stampa col premier irlandese Enda Kenny - a chi chiedeva chi di loro si sarebbe dimesso prima, visto che anche Kenny è sotto il tiro di una richiesta di dimissioni per il coinvolgimento del governo in una vicenda di pressioni su un poliziotto che rivelò scandali.

18:24Messico a Trump, risponderemo colpo su colpo

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO, 23 FEB - Il governo messicano è convinto che lo scontro con Donald Trump "sarà una battaglia lunga" e, malgrado si mantenga aperto al dialogo e alla conciliazione, è disposto a rispondere colpo su colpo al presidente Usa, se intende lanciare una guerra commerciale con il suo vicino meridionale". Il ministro degli Esteri Luis Videgaray ha sottolineato che "ci stiamo preparando per una battaglia lunga, perché questa crisi non si risolverà in tre giorni", facendo riferimento alla visita ufficiale del segretario di Stato Usa, Rex Tillerson, e del consigliere per la Sicurezza nazionale, John Kelly, a Città del Messico. "Se si va verso una strategia di scontro, con posizioni apertamente divergenti, nessuno potrà dire che il Messico non ha offerto anzitutto la sua mano aperta", ha aggiunto Videgaray, secondo il quale "l'aver sopportato non solo modi poco diplomatici ma apertamente ostili ci conferisce una legittimità importante con alleati potenziali, compreso lo stesso Congresso americano".

18:22Terremoto: Regione Marche ha ordinato 639 casette

(ANSA) - ANCONA, 23 FEB - Sono 639 le soluzioni abitative provvisorie che la Regione Marche ha provveduto ad ordinare: 137 per il Comune di Arquata del Tronto, 72 per Fiastra, 222 per Visso, 100 per Ussita, 76 per Castelsantantangelo sul Nera. Ad Arquata del Tronto, nella frazione di Pescara del Tronto - informa un comunicato della Regione -, sono in corso i lavori di urbanizzazione e di fondazione ed entro la prossima settimana inizierà il montaggio delle casette. Per l'area Borgo è stata aggiudicata la gara relativa alle opere e per la metà della prossima settimana è fissato l'inizio dei lavori di urbanizzazione. Data nella quale la Regione Marche effettuerà le gare per affidare lavori per l'area della frazione di Faete. Mercoledì parte invece la gara per Piedilama e giovedì quella di Pretare. Lavori di urbanizzazione in vista per Visso, Fiastra, Ussita, Castelsantantangelo. Aree definite nei Comuni di San Severino Marche, Amandola, Treia, Bolognola, Camerino, Gualdo, Valfornace, Pievetorina, Muccia, Montegallo, Rotella e altri.

18:22Calcio: Eder, Inter-Roma sfida alla pari

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - "La Roma è un avversario molto forte. E' una sfida da 50 e 50 anche se abbiamo il vantaggio di giocare in casa che dovremo sfruttare. In ogni caso, ci faremo trovare pronti": lo dice l'attaccante dell'Inter Eder, intervistato dal canale tematico del club. A San Siro domenica sera sono attesi oltre 60 mila spettatori, con il club che ha messo in vendita anche i tagliandi del terzo anello rosso per soddisfare la richiesta dei tifosi. "Sappiamo che è una gara importante - dice Eder - l'abbiamo fatta diventare tale grazie agli ultimi risultati. Stiamo facendo benissimo, siamo sulla strada giusta, ma davanti hanno un ritmo incredibile". Da temere della Roma, secondo l'attaccante, non sono i singoli ma il gioco di squadra: "Al di là di Dzeko, quello che conta è il gruppo; se la squadra va bene, va bene anche il singolo. Per questo i giallorossi sono forti. Conosco De Rossi perché ho giocato con lui in Nazionale, è un giocatore di personalità come Nainggolan e altri".

18:15Romania: 1.300 i funzionari corrotti

(ANSA) - BUCAREST, 23 FEB - Quasi 1.300 funzionari sono stati rinviati a giudizio lo scorso anno in Romania per reati di corruzione che hanno creato un danno di 260 milioni di euro. Lo ha reso noto oggi il procuratore capo anticorruzione, Laura Kovesi Codruta. In particolare, ha detto, tra i casi di alto livello presi di mira dall'agenzia anti-corruzione ci sono tre ministri, 17 parlamentari, 16 magistrati e 20 dirigenti di aziende statali. Il mese scorso il governo ha emanato un controverso decreto che avrebbe depenalizzato l'abuso d'ufficio e altri reati di corruzione, innescando proteste di massa andate avanti per settimane in tutto il Paese. Alla fine, il premier Sorin Grindeanu ha revocato la misura.

Archivio Ultima ora