La proposta di Bruxelles, roaming gratis senza limiti in Europa

Pubblicato il 21 settembre 2016 da ansa

Roaming gratis senza limiti, nuova proposta Bruxelles

Roaming gratis senza limiti, nuova proposta Bruxelles

BRUXELLES. – Roaming gratis illimitato, per poter navigare su internet, fare chiamate e mandare sms in Europa come a casa quando si viaggia. Per evitare gli abusi dei ‘furbetti’ che potrebbero comprare un abbonamento a basso costo in Lettonia per poi usarlo in Germania o Italia dove i prezzi sono più cari, però, toccherà agli operatori tlc ‘controllare’ i movimenti degli utenti, in quanto il nuovo sistema si basa sul principio di residenza.

E’ la nuova proposta della Commissione Ue per le regole sulla fine del roaming che scatterà a metà giugno dell’anno prossimo. Non è ancora detta, però, l’ultima parola: le nuove misure devono essere adottate dagli stati membri e c’è già chi annuncia battaglia, mentre gli operatori di Etno vogliono valutarne “con attenzione” tutte le implicazioni.

Bruxelles, dopo l’accordo Ue che ha sancito la fine dei sovraccosti del roaming, ha infatti ricevuto il mandato di definire “l’uso equo” del telefono all’estero entro il 15 dicembre. In sostanza, niente roaming permanente e il divieto di fare ‘dumping’ sui mercati tlc dei 28, utilizzando per esempio un abbonamento finlandese a tempo pieno in Ungheria, dove la quantità di dati è 6,5 volte inferiore per lo stesso prezzo. Perché questo porterebbe gli operatori in Finlandia ad aumentare le tariffe nazionali per rientrare dei costi di chi ne approfitta in Ungheria.

Le nuove regole prevedono quindi che il roaming gratis sia consentito in base al “principio di residenza o di legami stabili” con lo stato membro dell’operatore di cui si è comprata la carta sim. Sono quindi inclusi i lavoratori transfrontalieri e gli studenti Erasmus.

In caso di traffico nazionale insignificante rispetto a quello in roaming, lunga inattività di una sim associata con l’uso quasi esclusivo in roaming, uso di carte sim multiple in roaming da parte dello stesso utente, invece, si dovrà pagare. Poco, in verità, perché Bruxelles chiede che i sovraccosti si limitino al prezzo all’ingrosso del roaming, proposto a 4 centesimi al minuto per le chiamate, 1 per gli sms e a 0,85 per Megabyte.

Spetterà quindi agli operatori monitorare i movimenti degli utenti (contrari a un “controllo sistematico” i consumatori del Beuc) e avvertirli in caso di problemi, e spetterà sempre agli operatori mettere in piedi un meccanismo per gestire le dispute legali.

I fornitori tlc, però, in caso di impatto negativo, potranno allertare i garanti e imporre di nuovo il roaming a pagamento. Nonostante l’entusiasmo bipartisan degli eurodeputati, la nuova proposta suscita più di qualche perplessità, dal rispetto delle regole Ue sulla privacy ai costi per gli operatori sino ai problemi legali per i consumatori.

“Se avete qualche ora di tempo, possiamo parlarne”, ha ironizzato con la stampa lo stesso vicepresidente della Commissione Ue per il mercato unico digitale Andrus Ansip, che una decina di giorni fa ha visto ritirare da Juncker la precedente proposta che prevedeva “almeno 90 giorni” di roaming gratuito e copriva già il 99% dei casi di chi si muove all’estero.

“Se vengono rispettati i modelli attuali di traffico non ci sarà nessun problema per gli operatori” ma, ha avvertito, “ci sono già due minoranze di blocco” contro la misura, “i Paesi del Nord e i Paesi del Sud”. I primi vedono a rischio gli abbonamenti competitivi nazionali, e i secondi, in particolare Malta, Cipro, Grecia, Spagna, non vogliono investire in infrastrutture solo per la stagione turistica estiva senza poter rientrare dei costi.

(di Lucia Sali/ANSA)

Ultima ora

13:59Pd: Cuperlo, anche su percorso Renzi insufficiente

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Per quanto riguarda il percorso ancora una volta sono colpito dalla insufficienza di un segretario, per quanto dimissionario. Era evidente che anche sui tempi della nostra discussione poteva e potrebbe esserci un recupero di fiducia di tanti iscritti, militanti, elettori turbati da una spaccatura che fino all'ultimo non si è voluto evitare". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:56Pd: Cuperlo, 4 marzo SinistraDem decide posizione Congresso

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Come SinistraDem, con altre compagne e compagni, decideremo come stare nel congresso in un'assemblea convocata per sabato 4 marzo a Roma. Lo faremo in coerenza con le opinioni e battaglie di questi anni guardando a contenuti e valori di una alternativa alla stagione che ci siamo lasciati alle spalle". Lo dice Gianni Cuperlo in una nota.

13:46Pallavolo: Tifanny al Brescia, trans? Che sappiano giocare

(ANSA) - ROMA, 23 FEB - "Il Brescia può andare dove vuole, l'importante è che prenda tre che sappiano giocare...": è realista ed elegante al tempo stesso la replica a distanza di Tifanny Pereira da Abreu alla polemica aperta dalla società di pallavolo femminile del Millenium Brescia che, temendo derive in un ambito ancora non regolamentato, aveva lanciato la provocazione di andare in Brasile ad ingaggiare giocatori trans per vincere il campionato. "Non è che sai giocare bene a pallavolo solo perché sei trans - spiega a Sky Sport la Pereira, schiacciatrice diventata donna con un intervento nel 2014 e ora in forza al club di A2 della Golem Palmi - Conta il talento, devi saper giocare. E il talento lo possono avere sia un uomo, sia una donna, sia un trans. La mia essenza è di donna: io ho cambiato per me, per il mio essere. La pallavolo è il mio lavoro". La brasiliana 32enne ha giocato domenica scorsa la sua prima partita nel campionato italiano. Palmi e Brescia, in lotta per un posto nei playoff, si affronteranno il 12 marzo.

13:41Migranti: striscione centro sociale a forum con sindaco Sala

(ANSA) - MILANO, 23 FEB - 'Milano come Barcellona. Nessuno illegale' è la scritta sullo striscione che gli antagonisti del Cantiere hanno srotolato all'ingresso del teatro Elfo Puccini dove è in corso il sesto forum delle politiche sociali. I rappresentanti del Cantiere, una trentina, avrebbero voluto entrare in sala per fare un intervento. Ma la sala era già stata chiusa perché troppo piena. Così con il megafono hanno spiegato di essere d'accordo con l'assessore Pierfrancesco Majorino che ha lanciato nei giorni scorsi l'idea di una manifestazione contro il razzismo come quella che si è svolta a Barcellona. Una manifestazione che secondo loro deve essere contro il decreto Minniti. "Se nessuno è illegale - hanno detto - ci aspettiamo che il Comune di Milano non riconosca il reato di clandestinità e blocchi le deportazioni". In quel momento è entrato il sindaco Giuseppe Sala, a cui gli antagonisti hanno urlato, prima che entrasse al forum, "sindaco, vogliamo vederla in manifestazione".

13:39Danimarca: prima incriminazione per blasfemia dal 1971

(ANSA) - COPENHAGEN, 23 FEB - Un uomo di 42 anni è stato incriminato per blasfemia nel Nord della Danimarca, per avere, secondo l'accusa, dato alle fiamme una copia del Corano e poi postato il relativo video nel suo profilo Facebook. Lo ha reso noto un procuratore danese, Jan Reckendorff, precisando che è la prima volta sin dal 1971 che qualcuno viene incriminato in Danimarca per aver "irriso pubblicamente la dottrina o il culto di una comunità religiosa", un reato, ha aggiunto, punibile con pene fino a quattro mesi di reclusione o con una ammenda. L'uomo, ha detto ancora Reckendorff senza rivelarne l'identità, ha bruciato la copia del Corano nel suo cortile, riprendendo l'azione in un video che hai poi postato il 27 dicembre del 2015 in una pagina Facebook anti-islamica. La data del processo non è stata ancora fissata.

13:34Cuba: governo vieta ingresso a segretario Osa Almagro

(ANSA) - L'AVANA, 23 FEB - Il segretario generale dell' Organizzazione degli Stati Americani (Osa) Luis Almagro, l'ex presidente messicano Felipe Calderon e l'ex ministra cilena Mariana Aylwin si sono visti proibire l'ingresso a Cuba, dove dovevano partecipare ad un omaggio a Oswaldo Payà, il dissidente morto nel 2012. Almagro, ex ministro degli Esteri del governo uruguayano di José "Pepe" Mujica, ha spiegato che le autorità dell'isola non gli hanno concesso un visto di ingresso con il suo passaporto ufficiale Osa e si sono negate a lasciarlo entrare con i suoi documenti uruguayani, malgrado per i cittadini di questo paese non sia necessario un visto. I governi di Messico e Cile, da parte loro, hanno espresso il loro "rammarico" per la decisione del governo di Raul Castro, sottolineando che né Calderon né Aylwin "rappresentano un rischio per il popolo o le autorità cubane".

13:31Siria: al via colloqui di Ginevra tra governo e opposizioni

(ANSAMed) - BEIRUT, 23 FEB - Sono cominciati a Ginevra i colloqui mediati dall'Onu tra governo e opposizioni siriane. Lo riferiscono i media panarabi, riportando lo scetticismo delle parti e dello stesso inviato speciale dell'Onu per la Siria, Staffan De Mistura. La delegazione delle opposizioni aveva ieri chiesto di poter avere colloqui diretti, ma non vi sono ancora certezze su come si svolgeranno gli incontri. Si tratta del quarto round di colloqui mediati in Svizzera dalle Nazioni Unite. Finora nessun incontro è riuscito ad avvicinare le parti. Tra due settimane si celebrerà il sesto anniversario dello scoppio delle proteste popolari in Siria e della conseguente repressione governativa, eventi che hanno gradualmente spinto il Paese mediorientale verso una guerra civile con dimensioni regionali e internazionali e con effetti catastrofici sul piano umanitario.

Archivio Ultima ora