Attentato NY: Rahami voleva il martirio. Pezzi per le bombe su eBay

Pubblicato il 21 settembre 2016 da ansa

terrorista-new-york-2

WASHINGTON. – “Inshallah, il fragore delle bombe si udirà nelle strade. Proiettili per i vostri poliziotti. Morte alla vostra oppressione”: è la promessa, coltivata da mesi, che l’americano di origini afghane Ahmad Khan Rahami aveva scritto su un taccuino che portava con sé anche dopo essere ricercato pubblicamente per le bombe a New York e in New Jersey.

Nessun riferimento all’Isis né ai talebani, ma ammira il leader di al-Qaida Osama Bin Laden, accusa gli americani di uccidere i mujaheddin (un tempo lo era anche suo padre) in Afghanistan, Iraq, Siria, Palestina. Ed evoca il martirio e la jihad, al centro anche di due dei suoi video preferiti su un account Yuotube aperto con il nome di yaafghankid786, dove compaiono pure romantiche canzoni d’amore afghane, immagini di clown paurosi, istruzioni su come farsi il nodo Windsor sulla cravatta, gatti e bimbi che giocano.

Ora è ricoverato in ospedale, dopo essere rimasto ferito nel conflitto a fuoco con la polizia, e già oggi potrebbe vedersi contestare le accuse di aver usato armi di distruzione di massa e bombe in luoghi pubblici. L’Fbi intanto ha diffuso le immagini di due uomini ricercati come “testimoni” che sabato scorso a Manhattan hanno preso la borsa contenente la bomba che non è esplosa nella 27/ma strada.

Il taccuino, sporco di sangue e danneggiato da un proiettile nel conflitto a fuoco, conferma i timori della radicalizzazione e dell’antiamericanismo di Rahami, maturati forse dopo alcuni viaggi sospetti in Afghanistan e soprattutto in Pakistan, a Quetta e Karachi, due città ad alta concentrazione taleban-qaedista. Ma anche la sua ingenua convinzione di non essere scoperto, come dimostrano l’acquisto su eBay di alcuni componenti degli ordigni e il video delle sue ciniche prove d’attentato, con tanto di risate.

Tra i ‘campioni’ dell’estremismo, oltre ad Osama bin Laden, il giovane esprime apprezzamento per l’imam americano-yemenita Anwar al-Awlaki, ucciso da un drone Usa in Yemen nel 2011, e Nidal Hasan, il maggiore americano autore della strage di Fort Hood, la base militare del Texas in cui nel 2009 furono uccise 13 persone. Nel suo diario Rahami non dimentica neppure i fratelli ceceni Tsarnaev, autori dell’attentato alla maratona di Boston nel 2013, con le stesse pentole a pressione che lui ha piazzato a Chelsea.

Per fabbricare le sue bombe, dal 20 giugno al 10 agosto aveva ordinato su eBay acido citrico, cuscinetti a sfere e accenditori elettronici, facendoli recapitare al fast food di famiglia. Tutti componenti che “possono essere legalmente comprati e venduti negli Stati Uniti e sono ampiamente disponibili nei negozi online e offline”, ha precisato eBay, che sta “collaborando attivamente con le forze dell’ordine impegnate nelle indagini”.

Rahami aveva acquistato su Internet anche i due cellulari che dovevano servire per innescare le bombe. In un video registrato due giorni prima che entrasse in azione, recuperato dal cellulare di un famigliare, si vede inoltre Rahami mentre dà fuoco a “materiale infiammabile in un contenitore cilindrico”. Il filmato mostra l’accensione di una miccia, un rumore forte e fiamme, seguite da una nuvola di fumi e da risate.

Forse quando nel 2014 il padre lo denunciò come terrorista, prima di ritrattare, aveva già qualche timore o presagio. Nel frattempo si è venuto a sapere anche che Rahami aveva lavorato come guardia non armata per alcune compagnie di sicurezza privata, inclusa una che forniva servizi alla Ap: per due mesi nel 2011 fece la guardia notturna negli uffici amministrativi dell’agenzia a Cranbury, New Jersey.

Il capo della sicurezza della Ap, Danny Spriggs, ha riferito che Rahami ingaggiava spesso con i colleghi lunghe discussioni politiche, esprimendo simpatia per i talebani e disprezzo per l’azione militare Usa in Afghanistan. Circostanze che, secondo un portavoce dell’agenzia, Paul Colford, furono riportate alle forze dell’ordine. Ma anche queste sembrano non aver consentito all’intelligence di alzare la guardia, come la denuncia del padre all’Fbi, i viaggi sospetti in Pakistan e la metamorfosi di Rahami al suo ritorno.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

20:13Uccide madre a Senigallia, colpita con phon e strangolata

(ANSA) - ANCONA, 18 NOV - Colpita prima con un phon alla nuca, poi strangolata con il guinzaglio del cane. E' morta così Graziella Pasquinelli, 73 anni, commerciante di calzature di Senigallia, trovata morta nell'appartamento che condivideva con il figlio Gianluca Barucca, 45 anni, ora in carcere con l'accusa di omicidio. L'autopsia, eseguita dal medico legale Loredana Buscemi, avrebbe così confermato la morte per soffocamento. Sulla scena del delitto, i carabinieri avevano già sequestrato un phon e il guinzaglio del cane, trovato accanto al cadavere della donna. L'omicidio risalirebbe alle prime ore di giovedì mattina, comunque prima delle 9, quando generalmente madre e figlio aprivano il negozio e che quel giorno, invece, era rimasto chiuso. Barucca avrebbe quindi spento il cellulare e vegliato il corpo della madre, trovato poi in serata dopo che alcuni parenti, preoccupati, avevano dato l'allarme. Ancora da chiarire il movente del delitto. Il 45enne era separato dalla moglie ed era tornato da un paio d'anni a vivere con la madre.

20:12Nuoto: Magnini vince a Livorno 200 stile libero

(ANSA) - LIVORNO, 18 NOV - Filippo Magnini ha vinto oggi a Livorno la finale dei 200 stile libero del 41/o trofeo internazionale 'Mussi-Lombardi-Femiano'. Il nuotatore azzurro ha sbaragliato una concorrenza di giovanissimi e si è imposto con il tempo di 1'45"29 davanti a Matteo Campi (1'45"68) e Stefano Di Cola (1'46"75). Vittoria, invece, di Simona Quadrella (1'58"44) nei 200 donne davanti a Erica Musso (1'58"77) e Linda Caponi (1'58"87). Tra le altre gare, nella finale dei 50 dorso maschile Simone Sabbioni ha vinto (23"85) davanti a Niccolò Bonacchi (24"44) e Matteo Milli (24"49).

20:11Aste: Parigi,raro disegno Tintin battuto per 500mila dollari

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Un raro disegno di Tintin firmato dal celebre fumettista belga Hergé é stato venduto all'asta a Parigi per circa 500.000 dollari (circa 424mila euro). Lo riporta la Bbc online. Oltre al disegno, che ritrae Tintin e il suo fido Snowy ed é tratto dal libro a fumetti 'King Ottokar's Sceptre' (Lo scettro di re Ottokar) del 1939, é stata venduta - per 350mila dollari - anche una pagina del libro a fumetti del 1943 'The Shooting Star' (La stella misteriosa), sempre di Hergé. Non ha trovato acquirenti, invece, una copia del libro 'Destination Moon' (Destinazione Luna), sempre della serie Le avventure di Tintin, firmata da astronauti americani. L'anno scorso, una pagina tratta dal libro a fumetti di Tintin 'Explorers on the moon' (Esploratori sulla luna) é stata venduta all'asta per un record di 1,64 milioni di dollari a Parigi. Sempre l'anno scorso, a Hong Kong, un raro disegno di Tintin a Shangai tratto dal libro 'The Blue Lotus' (Il loto blu) é stato battuto per 1,2 milioni di dollari.

20:09Calcio: ex pallanuotista candidato a consiglio Lega B

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - C'è un ex pallanuotista fra le quattro persone in corsa per i due posti riservati ai membri indipendenti del consiglio esecutivo ristretto della Lega B, completato dal presidente dell'associazione dei club cadetti. La singolare candidatura per le votazioni che andranno in scena il 23 novembre, in occasione dell'assemblea elettiva, è di Maurizio Felugo, 36 anni, ligure di Chiavari (Genova), ex centrovasca, campione del mondo nel 2011 e vice campione olimpico nel 2012 con il settebello, che si è ritirato due anni fa e oggi è presidente della Pro Recco. Felugo ha il sostegno della squadra della sua città, la Virtus Entella di Antonio Gozzi, e figura nel cda dello Spezia di Gabriele Volpi. Il 23 novembre per il vertice correranno Mauro Balata, che negli ultimi mesi ha guidato la Lega B da commissario, e l'ex arbitro Gianluca Paparesta. Le altre due candidature sono quella dell'ex presidente del Lecce, Mario Moroni e dell'avvocato modenese Francesca Pellegrini.

20:00Due donne scomparse 30 anni fa, Procura Vicenza riapre caso

(ANSA) - VICENZA, 18 NOV - La Procura di Vicenza ha deciso di riaprire il caso della scomparsa di due donne avvenuta a cavallo tra gli anni '80 e '90 nell'alto vicentino. Entrambe erano state mogli di un allevatore di maiali di Velo d'Astico (Vicenza) Valerio Sperotto, che morì nel 2011. L'uomo, sul quale si erano concentrati i sospetti, aveva sempre negato ogni responsabilità sulla scomparsa delle consorti. I nuovi accertamenti sono stati disposti dal sostituto procuratore vicentino Hans Roderich Blattner, che ha riaperto l'inchiesta in base a una serie di testimonianze e soprattutto a una "soffiata" arrivata in Procura e ritenuta plausibile. La prima vicenda risale a quasi 30 anni fa, quando Elena Zecchinato, in paese conosciuta come "Ivette", di origini francesi, si allontanò a piedi da casa per una passeggiata nei boschi della zona e non fece più ritorno. A metà degli Anni Novanta l'allevatore si risposò con Virginia Mihai, ma nell'aprile 1999 pure lei scomparve nel nulla. I due erano in fase di separazione.

19:59Pisapia, cambio di rotta già dalla finanziaria

(ANSA) - MILANO, 18 NOV - "Un incontro molto positivo, chiaramente ora bisogna lavorare. Abbiamo fatto delle richieste pubblicamente. La prossima, o forse già questa settimana inizierà un percorso comune programmatico, ma non solo. Il nuovo centrosinistra e la possibilità di cambiare il Paese parte già dalla legge finanziaria, già lì bisogna dare un segnale forte di un cambio di rotta". Lo ha detto, al termine della presentazione della campagna di Giorgio Gori, Giuliano Pisapia a proposito dell'incontro che l'ex sindaco di Milano ha avuto con Piero Fassino e Maurizio Martina.

19:46Riina: sarà sepolto in camposanto Corleone

(ANSA) - PALERMO, 18 NOV - Il boss mafioso Totò Riina sarà sepolto nel cimitero comunale di Corleone, in via Guardia, dove già si trovano Michele Navarra, Luciano Liggio e le ceneri di Bernardo Provenzano: il gotha della mafia corleonese che ha spadroneggiato dal dopoguerra. Nel cimitero c'è anche l'urna coi resti di Placido Rizzotto il sindacalista della Cgil ucciso nel '48 da Luciano Liggio e dai suoi sgherri. Nel cimitero di Corleone aleggiano anche i misteri della tomba in cui furono trovati due scheletri: uno dei due crani ha un buco segno di un colpo di arma da fuoco. Quei resti, nella sepoltura che una volta era stata di Bernardino Verro, sindaco socialista ucciso dalla mafia, sarebbero di Calogero Bagarella, ucciso nella strage di viale Lazio, cognato di Riina. Un cadavere sepolto di nascosto e in fretta e furia. Al cimitero, e forse a quei due scheletri senza nome, sarebbe legato anche l'omicidio nel 1976 dell'impresario di pompe funebri Francesco Coniglio. Uno che del cimitero e delle sue tombe conosceva ogni segreto.

Archivio Ultima ora