Attentato NY: Rahami voleva il martirio. Pezzi per le bombe su eBay

Pubblicato il 21 settembre 2016 da ansa

terrorista-new-york-2

WASHINGTON. – “Inshallah, il fragore delle bombe si udirà nelle strade. Proiettili per i vostri poliziotti. Morte alla vostra oppressione”: è la promessa, coltivata da mesi, che l’americano di origini afghane Ahmad Khan Rahami aveva scritto su un taccuino che portava con sé anche dopo essere ricercato pubblicamente per le bombe a New York e in New Jersey.

Nessun riferimento all’Isis né ai talebani, ma ammira il leader di al-Qaida Osama Bin Laden, accusa gli americani di uccidere i mujaheddin (un tempo lo era anche suo padre) in Afghanistan, Iraq, Siria, Palestina. Ed evoca il martirio e la jihad, al centro anche di due dei suoi video preferiti su un account Yuotube aperto con il nome di yaafghankid786, dove compaiono pure romantiche canzoni d’amore afghane, immagini di clown paurosi, istruzioni su come farsi il nodo Windsor sulla cravatta, gatti e bimbi che giocano.

Ora è ricoverato in ospedale, dopo essere rimasto ferito nel conflitto a fuoco con la polizia, e già oggi potrebbe vedersi contestare le accuse di aver usato armi di distruzione di massa e bombe in luoghi pubblici. L’Fbi intanto ha diffuso le immagini di due uomini ricercati come “testimoni” che sabato scorso a Manhattan hanno preso la borsa contenente la bomba che non è esplosa nella 27/ma strada.

Il taccuino, sporco di sangue e danneggiato da un proiettile nel conflitto a fuoco, conferma i timori della radicalizzazione e dell’antiamericanismo di Rahami, maturati forse dopo alcuni viaggi sospetti in Afghanistan e soprattutto in Pakistan, a Quetta e Karachi, due città ad alta concentrazione taleban-qaedista. Ma anche la sua ingenua convinzione di non essere scoperto, come dimostrano l’acquisto su eBay di alcuni componenti degli ordigni e il video delle sue ciniche prove d’attentato, con tanto di risate.

Tra i ‘campioni’ dell’estremismo, oltre ad Osama bin Laden, il giovane esprime apprezzamento per l’imam americano-yemenita Anwar al-Awlaki, ucciso da un drone Usa in Yemen nel 2011, e Nidal Hasan, il maggiore americano autore della strage di Fort Hood, la base militare del Texas in cui nel 2009 furono uccise 13 persone. Nel suo diario Rahami non dimentica neppure i fratelli ceceni Tsarnaev, autori dell’attentato alla maratona di Boston nel 2013, con le stesse pentole a pressione che lui ha piazzato a Chelsea.

Per fabbricare le sue bombe, dal 20 giugno al 10 agosto aveva ordinato su eBay acido citrico, cuscinetti a sfere e accenditori elettronici, facendoli recapitare al fast food di famiglia. Tutti componenti che “possono essere legalmente comprati e venduti negli Stati Uniti e sono ampiamente disponibili nei negozi online e offline”, ha precisato eBay, che sta “collaborando attivamente con le forze dell’ordine impegnate nelle indagini”.

Rahami aveva acquistato su Internet anche i due cellulari che dovevano servire per innescare le bombe. In un video registrato due giorni prima che entrasse in azione, recuperato dal cellulare di un famigliare, si vede inoltre Rahami mentre dà fuoco a “materiale infiammabile in un contenitore cilindrico”. Il filmato mostra l’accensione di una miccia, un rumore forte e fiamme, seguite da una nuvola di fumi e da risate.

Forse quando nel 2014 il padre lo denunciò come terrorista, prima di ritrattare, aveva già qualche timore o presagio. Nel frattempo si è venuto a sapere anche che Rahami aveva lavorato come guardia non armata per alcune compagnie di sicurezza privata, inclusa una che forniva servizi alla Ap: per due mesi nel 2011 fece la guardia notturna negli uffici amministrativi dell’agenzia a Cranbury, New Jersey.

Il capo della sicurezza della Ap, Danny Spriggs, ha riferito che Rahami ingaggiava spesso con i colleghi lunghe discussioni politiche, esprimendo simpatia per i talebani e disprezzo per l’azione militare Usa in Afghanistan. Circostanze che, secondo un portavoce dell’agenzia, Paul Colford, furono riportate alle forze dell’ordine. Ma anche queste sembrano non aver consentito all’intelligence di alzare la guardia, come la denuncia del padre all’Fbi, i viaggi sospetti in Pakistan e la metamorfosi di Rahami al suo ritorno.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

19:01Calcio: Abatantuono, Donnarumma andrà via

(ANSA) - MILANO, 21 FEB - Gianluigi Donnarumma, che sabato prossimo compirà 18 anni, "è un grande portiere e un grande giocatore, di conseguenza non so ancora quanto potrà restare nel Milan", perchè "è in esatto contrasto con la logica degli acquisti del Milan e quello che è il suo valore di mercato". Lo ha detto Diego Abatantuono, grande tifoso milanista. "A volte vedo in campo una vena di comicità anche da parte di qualche giocatore del Milan - ha aggiunto l'attore -. Visto che lui (Donnarumma, ndr) invece non fa ridere, magari lo prenderà qualcun altro. Ho la sensazione netta, purtroppo che lui non starà a lungo nel Milan, anche se spero che non sarà così". Parlando di Vincenzo Montella, Abatantuono lo ha definito "l'unica star, la vera grande intuizione. Senza l'allenatore quest'anno non avremmo raggiunto nessun risultato" Sul closing "è la cosa più citata ma che non si conclude mai, è difficile da capire, forse proprio perché è cinese". Nessun dubbio invece su Bacca: "Non lo terrei".

18:59Alimentare: perquisizioni Nas per tutela marchi Igp

(ANSA) - UDINE, 21 FEB - Perquisizioni dei Carabinieri del Nas di Udine e dei funzionari dell'Icqrf, Ispettorato Repressione frodi Nord Est, sono in corso in una cinquantina di allevamenti, macelli, abitazioni e studi professionali nelle province di Pordenone, Udine, Gorizia, Milano, Padova, Brescia, Verona, Treviso, Vicenza. Le perquisizioni sono state disposte dalla Procura della Repubblica di Pordenone nell'ambito di indagini per contrastare frodi e illeciti ai danni dei consumatori e per la tutela e qualità delle Indicazioni geografiche tipiche.

18:54Unar: il direttore Spano, ho agito sempre in modo corretto

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ho deciso di rimettere il mio mandato non perché ritenga di avere responsabilità, perché rivendico la piena correttezza del mio operato in questo anno, ma per rispetto al ruolo affidato all'ufficio che ho avuto l'onore di guidare. Occuparsi di contrasto alle discriminazioni presuppone, infatti, entusiasmo e generosità: due doti che ho provato ad avere sempre in questi mesi e che questa squallida vicenda mi ha tolto": così Francesco Spano, il direttore dell'Unar che ieri si è dimesso dopo le polemiche su alcuni finanziamenti. Spano annuncia poi possibili azioni di difesa: "per quanto mi riguarda valuterò nelle prossime settimane come procedere a tutela della mia onorabilità. Resta la spaventosa considerazione su come la cosiddetta 'macchina del fango' resti l'arma di persone vigliacche che non esitano a denigrare chi compie con lealtà e correttezza il proprio dovere". A difesa di Spano sono intervenuti Arcigay e Anddos, l'associazione al centro delle polemiche.

18:52Pd: Emiliano, mi candido segreteria,nessun può cacciarmi

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "L'avrei voluto fare in assemblea ma il rispetto che ho per Rossi e Speranza non me l'ha consentito. Oggi vi ribadisco che mi candiderò alla segreteria del Pd. Questa è casa mia, casa nostra e nessuno può cacciarmi o cacciarci via". Lo dice Michele Emiliano intervenendo in direzione Pd.

18:50Si lavora per fioritura Castelluccio di Norcia

(ANSA) - PERUGIA, 21 FEB - A Norcia si lavora per aprire un "corridoio" che dia la possibilità ai trattori di "salire fino Castelluccio e fare la semina per la fioritura". Lo ha annunciato il sindaco, Nicola Alemanno. Lo ha fatto durante la presentazione di Nero Norcia, mostra-mercato del tartufo e dei prodotti tipici. "La nostra idea - ha detto Alemanno - è di riuscire ad aprire una strada per tutti proprio in occasione della fioritura a luglio. Per questo ora stiamo vagliando diverse ipotesi che consentirebbero ai trattori di salire a Castelluccio durante il mese di marzo proprio per seminare". "Nella mia amministrazione ho diversi assessori originari di Castelluccio - ha sottolineato ancora il sindaco - e non ci perdoneremmo mai di non aver lavorato con tutte le forse a disposizione per consentire la tradizionale fioritura".

18:49Pd: Orfini, grazie a chi c’è, non mi rassegno agli addii

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - "Ringrazio chi è qui oggi. Ho sentito in queste ore Emiliano, Rossi e Speranza e ho chiesto loro di partecipare alla direzione e al congresso e continuerò a farlo non rassegnandomi alla scelta di chi ha deciso di non partecipare". Lo dice Matteo Orfini aprendo la direzione del Pd. "Chiedo a chi ha fatto una scelta diversa di ripensarci - sottolinea, con riferimento ai bersaniani e a Rossi - penso ci siano condizioni per andare avanti insieme ed evitare addii. Il congresso serve a questo". "Quanto emerso nel dibattito in assemblea e dopo non è tale da giustificare e rendere inevitabile addii dal nostro partito. Credo che ci siano ancora margini per tenere unito questo partito", conclude. "Alla commissione che nomineremo oggi spetta il compito di raccogliere le diverse posizioni per vedere se si può fare ancora qualche passo per ricomporre le distanze".

18:45Disabili: urla Pif a telefono Crocetta, trova soluzione

(ANSA) - PALERMO, 21 FEB - "Presidente c'è un'emergenza: ci sono 3600 disabili che non hanno assistenza. E' un loro diritto. Se lei non è in grado di dare assistenza a questi disabili, se non sa trovare i fondi si dimetta". Con questo tono Pif si è rivolto al governatore Rosario Crocetta parlandogli al telefono mentre una decina di disabili in sedia a rotelle occupavano la sede della Presidenza della Regione. "Non abbiamo più pazienza - ha aggiunto Pif - deve trovare subito una soluzione definitiva, basta perdite di tempo. Ci deve dire quando. Oggi pomeriggio è già tardi. Deve venire subito perchè noi siamo incazzati, ci sono i disabili che aspettano".

Archivio Ultima ora