Gabrielli ricorda Emanuele Petri,uomo a servizio Istituzioni

(ANSA) – TUORO SUL TRASIMENO (PERUGIA), 22 SET – Nel ricordo di Emanuele Petri, il sovrintentende ucciso dalle nuove Brigate rosse definito “eroe del nostro tempo”, il Comune di Tuoro sul Trasimeno, paese del quale era originario, ha consegnato alla polizia di Stato la Medaglia d’oro di benemerenza, ritirata dal capo della polizia, prefetto Franco Gabrielli, presenti la vedova di Petri, Alma, e i suoi familiari. Il Comune ha voluto così sottolineare un legame “divenuto ancora più profondo da quel lontano 2 marzo del 2003”, quando Petri venne ucciso in un conflitto a fuoco che portò all’arresto di Nadia Desdemona Lioce e al sequestro di documenti risultati decisivi per le indagini sulle nuove Br. Condotte dalla digos di Roma, allora guidata da Gabrielli, che ha definito Petri “uomo al servizio delle istituzioni e soprattutto degli altri”.

Condividi: