Duello tra Renzi e Travaglio, dalle Olimpiadi alla riforma istituzionale

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 22-09-2016 Roma Politica Matteo Renzi ospite di Otto e Mezzo Nella foto Matteo Renzi, Marco Travaglio Photo Fabio Cimaglia / LaPresse 22-09-2016 Rome (Italy) Politic Matteo Renzi guest at Otto e Mezzo In the pic Matteo Renzi, Marco Travaglio

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse
22-09-2016 Roma
Politica
Matteo Renzi ospite di Otto e Mezzo
Nella foto Matteo Renzi, Marco Travaglio
Photo Fabio Cimaglia / LaPresse
22-09-2016 Rome (Italy)
Politic
Matteo Renzi guest at Otto e Mezzo
In the pic Matteo Renzi, Marco Travaglio

ROMA. – Dalle Olimpiadi alla riforma istituzionale, dai dati sul jobs act al tifo calcistico. E’ duello a tutto campo, a ‘Otto e mezzo’, tra il premier Matteo Renzi ed il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio. “Se io sono Fonzie, lei è Ralph Malph”, è il parallelo con cui il premier prova a scherzare, dopo aver difeso il sì al referendum.

“Chi vota no vota la Casta”, afferma. E ribadisce la disponibilità a cambiare l’Italicum, disponibile “qualunque decisione prenderà la Corte Costituzionale” e allibito dal fatto che M5S proponga il ritorno al proporzionale “puro da Prima Repubblica che porta agli inciuci”.

Quasi tre quarti d’ora di botta e risposta tra premier e giornalista con Lilli Gruber spesso costretta al ruolo di arbitro. Renzi non dà novità ma punto per punto rivendica l’attività del governo. Ma il primo pomo della discordia è la scelta di Virginia Raggi di rinunciare alle Olimpiadi.

“La vicenda è chiusa ma il punto impressionante è che i grillini hanno ammesso di non essere in grado di cambiare le cose”, ribatte il premier dando prima del tu e poi, quando il clima si surriscalda, del lei al direttore del Fatto che elenca la “tranvata” di costi sostenuti da altre città candidate.

“Ho una visione ontologicamente diversa da Travaglio, io tifo per l’Italia non solo a livello calcistico visto che lui tifa per la Germania”, è la frecciata del premier. Scambio di battute al vetriolo anche sui dati della crescita e del lavoro.

Il governo, afferma il direttore del Fatto evitando di guardare in faccia il premier, ha fatto “doping, non crescita”. “Quello che è diminuito in questi due anni sono le copie del Fatto quotidiano, non i posti di lavoro”, contrattacca il premier invitato da Travaglio a guardare il numero delle copie vendute.

Sui posti di lavoro creati dal jobs act, più 585mila, il capo del governo si dice pronto ad un fact checking sul sito del giornale e sulla crescita, pur ammettendo di non essere ancora soddisfatto, assicura che il Pil del 2017 “sarà più dello 0,8%, migliore di quello del 2016”.

Il picco dello scontro si raggiunge quando Renzi definisce l’assessore ai rifiuti di Roma Muraro “la preferita” di Travaglio. Il giornalista si scalda: “Ho chiesto le dimissioni della Muraro, pensi agli indagati del Pd”. E Renzi: “Sono felice che Travaglio abbia scoperto il magico mondo del garantismo”.

E il clima non migliora sul tema del referendum sul quale i toni si scaldano anche tra i partiti con Danilo Toninelli (M5S) che sostiene che se vince il sì “c’è un rischio violenze e estremismi”. Nello studio di La7 il dibattito si fa incandescente: “Se vince il Sì si passa dal bicameralismo perfetto al bicameralismo cazzaro”, attacca Travaglio.

“Ero renziano – prosegue il direttore – quando gli sentivo dire ‘dimezzeremo i deputati e senatori e poi pure le indennità’. Ora sono preoccupato perché adesso il Pd si sta rendendo conto che l’Italicum è una vaccata, non vorrei che dopo che vince il Sì si rendano conto che anche la riforma è una vaccata”.

“Il noto costituzionalista Travaglio – replica Renzi – usa espressioni, da ‘ciucciare’ a ‘cazzaro’, degne della migliore tradizione costituzionale. Vuol difendere la democrazia e non riesce nemmeno una volta ad accendere l’orecchio”.

Tra una stoccata e l’altra il premier è costretto a difendere, almeno un po’ il suo ministro Beatrice Lorenzin: niente dimissioni, assicura. Ma certamente la campagna per il Fertility day è “inguardabile dal punto di vista della comunicazione”.

(Di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

19:03Calcio: Inghilterra, lascia ct nazionale femminile

(ANSA) - LONDRA, 20 SET - Accusato di discriminazione razziale da una sua ex giocatrice, il Ct della nazionale inglese donne di calcio, Mark Sampson, si è dimesso. La notizia è arrivata all'indomani della squillante vittoria dell'Inghilterra - 6-0 contro la Russia - nel girone di qualificazione per i mondiali. Alla guida della nazionale dal 2013, il 34enne allenatore era stato accusato dall'attaccante del Chelsea Eniola Aluko, di origini nigeriane, di bullismo e commenti razzisti. Nonostante due indagini interne lo avessero già scagionato, settimana scorsa la Federcalcio inglese aveva confermato che presto sarebbe stato avviato un terzo procedimento disciplinare, dopo che erano emerse nuove accuse ai danni del tecnico. Oggi è arrivata la decisione di Sampson, anche se non è confermato che le dimissioni siano correlate alle accuse che lo hanno investito.

18:51Stalking: aggredisce ex moglie davanti a figli minori, preso

(ANSA) - COSENZA, 20 SET - Agenti delle volanti della Questura di Cosenza hanno arrestato C.D., di 40 anni, per atti persecutori ai danni dell'ex coniuge. Nel corso della notte, è arrivata al 113 la chiamata di una donna che ha detto di avere subito un'aggressione da parte dell'ex marito. Giunti nello stabile, gli agenti hanno sentito una donna che intimava a qualcuno di andarsene. Entrati in casa hanno visto la donna che, in evidente stato di agitazione, ha raccontato di essere stata aggredita in presenza dei due figli minori dall'ex marito che, dopo aver forzato un infisso, si era introdotto in casa rifiutandosi poi di uscire. I poliziotti hanno individuato l'uomo in camera da letto, in palese stato di confusione mentale. Già in passato C.D. aveva tormentato l'ex moglie con continue richieste di riallacciare la relazione e in alcune occasioni l'aveva aggredita. L'ultimo episodio risale alla scorsa settimana. Nell'occasione l'uomo era stato denunciato con diffida di avvicinarsi all'abitazione della vittima. (ANSA).

18:38Basket: Payton, sono il miglior difensore di sempre

(ANSA) - MILANO, 20 SET - Gary Payton si autodefinisce il miglior difensore della storia della pallacanestro". Per lui, 'il guanto' come era soprannominato per la sua capacità di appiccicarsi all'avversario, parlano i numeri: 9 volte consecutive nel miglior quintetto difensivo della Nba (dal 1994 al 2002). "Era una lega diversa da quella di oggi - spiega come ospite d'onore alla mostra digitale 'Nba Overtime' che si tiene al Samsung District fino al 1/o ottobre - ma ugualmente competitiva.Nella mia carriera ho avuto l'onore di poter marcare gente come Michael Jordan, Kobe Bryant e Lebron James". Chi era il più difficile da contenere? "Per me nessuno di loro - risponde sorridendo - ma lo dico per una ragione. Sono giocatori che stavano in campo tanti minuti e prendevano quindi delle pause". Payton si dice un grande estimatore dei due italiani in Nba, Gallinari e Belinelli: "Peccato per il pugno di Gallinari che gli ha fatto perdere l'Europeo. Da agonista lo capisco ma ha sbagliato e ne paga ora le conseguenze".

18:36Mamma Noemi ai giovani, non odiate, porta solo violenza

(ANSA) - ROMA, 20 SET - "Non voglio odio, non odiate, perché l'odio porta solo violenza": questo l'appello che la mamma di Noemi Durini, Imma, ha rivolto ai giovani parlando dall'altare a conclusione della cerimonia funebre per la figlia uccisa dal suo fidanzato il 3 settembre. "Vi chiedo - ha aggiunto - se avete problemi, venite a casa di Noemi e parlate, la porta sarà sempre aperta per ascoltarvi". La bara bianca con la salma della sedicenne oggi è arrivata nella chiesa di Santa Maria Vergine, a Specchia (Lecce), per la cerimonia funebre. Due ali di folla l'hanno accolta al suo arrivo, rivolgendole un lungo applauso commosso. Intanto nella cittadina basso salentina è partita una raccolta fondi per creare un centro antiviolenza e di aiuto per le persone con disagi.

18:28Pugilato: morto Jack LaMotta, ‘Toro Scatenato’

(ANSA) - NEW YORK, 20 SET - E' morto Jack La Motta, ex campione del mondo dei pesi medi denominato 'Toro Scatenato' che ispirò il film interpretato da Robert de Niro. Lo riporta il sito di gossip di Hollywood Tmz, citando sua moglie La Motta aveva 96 anni e sarebbe morto per complicazioni legate a una polmonite.

18:21Iran: Rohani, ‘non tollereremo alcuna minaccia’

(ANSA) - NEW YORK, 20 SET - "Quella della moderazione e' la strada scelta e intrapresa dall'Iran. Noi non minacciamo nessuno, ma allo stesso tempo non tolleriamo e non tollereremo alcuna minaccia nei nostri confronti": lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani parlando all'Assemblea generale dell'Onu. "L'Iran non sarà il primo a violare l'accordo sul nucleare, ma risponderemo in maniera decisa e risoluta a qualsiasi violazione", ha aggiunto sottolineando che se gli Usa dovessero uscire dall'intesa "distruggerebbero soltanto la loro credibilità".

18:21Moto: Costa ‘Rossi è un eroe, risorge e insegue i sogni’

(ANSA) - ROMA, 20 SET - Valentino Rossi proverà a partecipare al Gp di Aragon nonostante la frattura a tibia e perone di venti giorni fa. Una notizia che per molti ha dell'incredibile e la cui valenza è sottolineata dal dottor Claudio Costa, per una cinquantina d'anni il 'medico delle moto' con tanto di clinica mobile al seguito dei gran premi. Intervistato da Radio Sportiva, Costa spiega "d'aver una grande ammirazione per questo gesto. Valentino non smette mai di stupire e io che ho un'esperienza di mezzo secolo nella storia del Motomondiale, dico che questa è un'impresa favolosa, ancora più favolosa perché ha un duplice messaggio che riguarda tutti: il primo è che dalle ossa spezzate si può risorgere per tornare a inseguire un sogno, l'altro è che quando qualcuno viene inchiodato a una croce di sofferenza per questa frattura ha la possibilità di risorgere. Il dolore diventerà un amico che lo aiuterà a compiere questa impresa meravigliosa".

Archivio Ultima ora