Duello tra Renzi e Travaglio, dalle Olimpiadi alla riforma istituzionale

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse 22-09-2016 Roma Politica Matteo Renzi ospite di Otto e Mezzo Nella foto Matteo Renzi, Marco Travaglio Photo Fabio Cimaglia / LaPresse 22-09-2016 Rome (Italy) Politic Matteo Renzi guest at Otto e Mezzo In the pic Matteo Renzi, Marco Travaglio

Foto Fabio Cimaglia / LaPresse
22-09-2016 Roma
Politica
Matteo Renzi ospite di Otto e Mezzo
Nella foto Matteo Renzi, Marco Travaglio
Photo Fabio Cimaglia / LaPresse
22-09-2016 Rome (Italy)
Politic
Matteo Renzi guest at Otto e Mezzo
In the pic Matteo Renzi, Marco Travaglio

ROMA. – Dalle Olimpiadi alla riforma istituzionale, dai dati sul jobs act al tifo calcistico. E’ duello a tutto campo, a ‘Otto e mezzo’, tra il premier Matteo Renzi ed il direttore del Fatto Quotidiano Marco Travaglio. “Se io sono Fonzie, lei è Ralph Malph”, è il parallelo con cui il premier prova a scherzare, dopo aver difeso il sì al referendum.

“Chi vota no vota la Casta”, afferma. E ribadisce la disponibilità a cambiare l’Italicum, disponibile “qualunque decisione prenderà la Corte Costituzionale” e allibito dal fatto che M5S proponga il ritorno al proporzionale “puro da Prima Repubblica che porta agli inciuci”.

Quasi tre quarti d’ora di botta e risposta tra premier e giornalista con Lilli Gruber spesso costretta al ruolo di arbitro. Renzi non dà novità ma punto per punto rivendica l’attività del governo. Ma il primo pomo della discordia è la scelta di Virginia Raggi di rinunciare alle Olimpiadi.

“La vicenda è chiusa ma il punto impressionante è che i grillini hanno ammesso di non essere in grado di cambiare le cose”, ribatte il premier dando prima del tu e poi, quando il clima si surriscalda, del lei al direttore del Fatto che elenca la “tranvata” di costi sostenuti da altre città candidate.

“Ho una visione ontologicamente diversa da Travaglio, io tifo per l’Italia non solo a livello calcistico visto che lui tifa per la Germania”, è la frecciata del premier. Scambio di battute al vetriolo anche sui dati della crescita e del lavoro.

Il governo, afferma il direttore del Fatto evitando di guardare in faccia il premier, ha fatto “doping, non crescita”. “Quello che è diminuito in questi due anni sono le copie del Fatto quotidiano, non i posti di lavoro”, contrattacca il premier invitato da Travaglio a guardare il numero delle copie vendute.

Sui posti di lavoro creati dal jobs act, più 585mila, il capo del governo si dice pronto ad un fact checking sul sito del giornale e sulla crescita, pur ammettendo di non essere ancora soddisfatto, assicura che il Pil del 2017 “sarà più dello 0,8%, migliore di quello del 2016”.

Il picco dello scontro si raggiunge quando Renzi definisce l’assessore ai rifiuti di Roma Muraro “la preferita” di Travaglio. Il giornalista si scalda: “Ho chiesto le dimissioni della Muraro, pensi agli indagati del Pd”. E Renzi: “Sono felice che Travaglio abbia scoperto il magico mondo del garantismo”.

E il clima non migliora sul tema del referendum sul quale i toni si scaldano anche tra i partiti con Danilo Toninelli (M5S) che sostiene che se vince il sì “c’è un rischio violenze e estremismi”. Nello studio di La7 il dibattito si fa incandescente: “Se vince il Sì si passa dal bicameralismo perfetto al bicameralismo cazzaro”, attacca Travaglio.

“Ero renziano – prosegue il direttore – quando gli sentivo dire ‘dimezzeremo i deputati e senatori e poi pure le indennità’. Ora sono preoccupato perché adesso il Pd si sta rendendo conto che l’Italicum è una vaccata, non vorrei che dopo che vince il Sì si rendano conto che anche la riforma è una vaccata”.

“Il noto costituzionalista Travaglio – replica Renzi – usa espressioni, da ‘ciucciare’ a ‘cazzaro’, degne della migliore tradizione costituzionale. Vuol difendere la democrazia e non riesce nemmeno una volta ad accendere l’orecchio”.

Tra una stoccata e l’altra il premier è costretto a difendere, almeno un po’ il suo ministro Beatrice Lorenzin: niente dimissioni, assicura. Ma certamente la campagna per il Fertility day è “inguardabile dal punto di vista della comunicazione”.

(Di Cristina Ferrulli/ANSA)

Ultima ora

17:30Siccità: Gentiloni, arrivate richieste stato emergenza

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Il premier Paolo Gentiloni ha informato durante il consiglio dei ministri della richiesta, avanzata da alcune Regioni e in particolare dalla Regione Lazio soprattutto in riferimento a Roma, per la dichiarazione dello stato di emergenza a causa della crisi nel sistema idrico. In proposito, spiega il governo, sono in corso "i tempestivi adempimenti istruttori, previsti dalla legge, da parte della Protezione civile, in esito ai quali, nei prossimi giorni, potranno essere compiute le valutazioni del Governo".

17:26Fassone a Pallotta, su debiti-fatturato Milan meglio di Roma

(ANSA) - MILANO, 28 LUG - "Io non so come Pallotta possa pensare che gli stipendi del Milan un domani possano essere uguali ai ricavi. Tutto il nostro piano prevede che gli stipendi rimangano entro una soglia pari al 50-60% dei ricavi della società. Quest'anno è così". Marco Fassone replica così al n.1 della Roma, sottolineando che "il livello dell'indebitamento del club, e cioè di 120 milioni, rispetto al fatturato del club è straordinariamente migliore percentualmente di quello che ha la Roma che - ha continuato l'ad rossonero nel video sulla pagina Facebook del Milan -, essendo quotata in Borsa, ha un bilancio che è pubblico. Io non mi permetto minimamente di commentarlo ma chiunque può andare a vedere e verificare il livello di indebitamento".

17:09Uomo accoltella clienti supermarket Amburgo, un morto

(ANSA) - AMBURGO, 28 LUG - Un uomo ha accoltellato alcuni clienti di un supermarket di Amburgo: il bilancio è di "un morto e diversi feriti" Lo riferisce la Bild citando la polizia locale. L'aggressore, che ha tentato di darsi alla fuga, è stato arrestato.

16:53Migranti: Viminale, passi avanti con ong, lunedì firma

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - Sul codice di condotta delle Ong durante i soccorsi di migranti in mare ci sono stati "passi avanti" e sono state accolte alcune delle richieste delle organizzazioni. Lo ha fatto sapere il Viminale che al termine di una riunione questa mattina durata circa due ore ha indicato lunedì prossimo come data per la firma del documento. Rimangono però ancora delle distanze, come emerge dalle dichiarazioni dei rappresentanti di alcune delle principali sigle, tra cui Medici senza Frontiere, Save the Children, Sea Watch, che hanno chiesto modifiche su alcuni punti. Due i più critici: l'impegno a non effettuare trasbordi delle persone salvate su altre navi e quello ad accettare la presenza di personale di polizia giudiziaria a bordo. Su quest'ultimo in particolare le visioni sono divergenti e le Ong chiedono che la polizia non sia armata. Senza un accordo su questo aspetto "potremo non firmare", dice Sea Watch. Le Ong si dicono comunque fiduciose in un'intesa e sottolineano le aperture manifestate dal Viminale.

16:39Calcio: l’agente di Rodriguez, al Milan è felicissimo

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Ricardo si trova molto bene, il Milan è un gruppo unito e questo è importante per lui che è nuovo nel campionato italiano". Lo ha detto a radio Crc Gianluca Di Domenico, procuratore di Ricardo Rodriguez, ieri nel suo debutto in rossonero autore del gol partita al Craiova, nel terzo turno preliminare di Europa League. "Il Milan - ha proseguito l'agente del 24enne difensore - ha cercato Ricardo e lui è felicissimo; lavorerà molto e sono contento che sia in Italia. Anche la sua compagna lo è. Uno come Ricardo, che ha trascorso 5 anni a Wolfsburg, potrebbe restare tutta la vita a Milano. Il calcio italiano è migliorato tantissimo: se si vuole giocare per soldi, si va in Cina; in Italia, invece, mancano solo le infrastrutture e spero che l'Uefa aiuti le società. Il campionato? Sarà molto equilibrato. Napoli e Juve sono compatte, hanno cambiato poco, ma anche Milan e Inter faranno la loro parte. Quando si prendono 10 giocatori nuovi, bisogna creare un'amalgama, spero che il Milan disputi un buon campionato".

16:36F1:Ungheria,Vettel scherza in italiano ‘oggi insalata mista’

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - E' stata un po' un'insalata mista, non so se mi spiego. Oggi è stato un po' altalenante''. Sebastian Vettel gioca con le parole tra l'italiano e l'inglese ma fa capire di essere abbastanza ottimista dopo il venerdì di prove libere in vista del Gran Premio d'Ungheria a Budapest. ''Ho avuto alti e bassi - aggiunge il pilota tedesco della Ferrari ai microfoni di Sky - non è andata troppo male e sembriamo tutti vicini. Dovrebbe essere divertente domani, lavorando più sulle gomme dovremmo andare meglio''. La gara? ''Se ci sarà l'opportunità cercheremo di vincere''. Tutto sommato soddisfatto anche l'altro ferrarista Kimi Raikkonen: ''non è andata male, abbiamo provato diverse cose anche se non abbiamo girato quanto avremmo voluto. La partenza è importante come sempre, ma qui è il momento più semplice per guadagnare posizioni''.

16:31Calcio: Milan “Caro Pallotta, pronti a confronto bilanci”

(ANSA) - ROMA, 28 LUG - "Caro Pallotta, siamo pronti a un confronto sui bilanci del Milan e della Roma". E' questo il senso immediato della risposta che l' A.d. del Milan, Fassone, dà al presidente della Roma, James Pallotta. "Siamo sbalorditi per lo stile - afferma Fassone in una dichiarazione che tra poco andrà sulla pagina facebook della società rossonera - e per il fatto veramente inusuale che un club attacchi in modo così diretto una consorella. Tra l'altro, quante imprecisioni...".

Archivio Ultima ora