Hillary Clinton vola, ma Trump minaccia negli Stati chiave

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Clinton 'vola', ma Trump minaccia in Stati chiave

Clinton ‘vola’, ma Trump minaccia in Stati chiave

WASHINGTON. – Poteva essere considerato un altro test su quei consensi traballanti per Hillary Clinton e la candidata democratica lo ha superato: nel primo sondaggio Wsj-Nbc dopo la polmonite “taciuta” la ex segretario di Stato non solo è in testa ma stacca il rivale Donald Trump di ben sei punti, 43% a 37%.

Eppure non basta, perché il tycoon di New York continua ad insidiarla in Stati chiave, quali Ohio, North Carolina e Nevada, e a minacciare quindi la sua marcia verso i 270 voti elettorali, ovvero la soglia da superare per conquistare la presidenza in cui la candidata democratica risulta in vantaggio (ne ha 272 secondo l’ultimo calcolo sulla base delle previsioni Cnn).

Così, a meno di sette settimane dall’election day e in vista del primo duello televisivo lunedì, il focus è sulla geografia del voto e non è solo matematica. Proprio in queste ore infatti emergono con prepotenza sulla mappa i centri di tensione che rendono ancor più imprevedibile l’esito in Stati potenzialmente decisivi: la North Carolina è campo di battaglia doppio, teatro di violente proteste dopo l’ennesima morte di un afroamericano per mano della Polizia e Stato in bilico nel radar dei sondaggisti.

E qui oggi, secondo un rilevamento di Fox News, Trump risulta in vantaggio su Clinton di 5 punti percentuali con il 45% delle preferenze rispetto al 40% di Clinton. Sono soprattutto i bianchi a sostenere il tycoon, con un margine di 31 punti (58 a 27%) mentre l’elettorato afroamericano è in schiacciante maggioranza dalla parte della candidata democratica per 85 punti percentuali contro tre.

In Nevada poi Trump è al 43% e Clinton al 40%. Infine in Ohio, lo Stato da conquistare a tutti i costi, il candidato repubblicano è avanti di cinque punti (42 a 37). A parte Nixon nel 1960 contro Kennedy, dal 1944 tutti i futuri presidenti degli Stati Uniti hanno vinto in Ohio.

Tutto può cambiare, si ripete insistentemente. Ed è infatti su questo ultimo tratto di strada che la campagna elettorale deve essere precisa al millimetro, il messaggio calibrato al punto giusto, il battage incalzante e la mira presa con cura. Per questo Trump è nuovamente in Pennsylvania. E’ uno degli Stati che tende per Hillary Clinton ma che la candidata non può dire di avere già in tasca. Una zampata di Trump su questo territorio sarebbe allora un bel danno per la ex first lady, da cui i muri di difesa al fortino alzati dal fronte Clinton con un investimento, per esempio, di 16 milioni di dollari in spot televisivi.

Da tenere d’occhio quindi, insieme con i decisivi Florida e Ohio dove di sicuro i due sfidanti si daranno battaglia fino all’ultimo voto.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

05:05Terremoti: scossa magnitudo 3.8 in provincia di Potenza

(ANSA) - POTENZA, 6 DIC - Una scossa di terremoto di magnitudo 3.8 è stata registrata alle 3:13 in provincia di Potenza e chiaramente avvertita dalla popolazione. Secondo i rilevamenti dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 11 km di profondità ed epicentro tra Abriola e Pignola. Non si hanno al momento segnalazioni di danni a persone o cose.(ANSA).

22:44Tav: approvata mozione M5s, Torino esce da Osservatorio

(ANSA) - TORINO, 5 DIC - Il Consiglio comunale di Torino ha approvato con 26 voti favorevoli e 6 contrari la mozione che fa uscire Torino dall'Osservatorio tecnico sulla Torino-Lione. Il voto è stato accolto dall'applauso della maggioranza pentastellata, mentre davanti a Palazzo civico un presidio di No Tav, alcuni dei quali provenienti dalla Francia, gridava"sarà dura", lo slogan del movimento che si oppone all'Alta Velocità. Bagarre in aula, durante la discussione, quando la consigliera pentastellata Carlotta Tevere ha espresso solidarietà ai 38 No Tav condannati di recente nel maxi processo per gli scontri dell'estate 2011. "Vergogna, vergogna", è stata la replica dell'opposizione, che ha costretto il presidente Fabio Versaci a sospendere la seduta e a richiamare i consiglieri al rispetto delle regole. "So bene che un sindaco non può bloccare la Torino-Lione, ma questo è un atto che ha grande valenza politica, di cui sono molto orgogliosa", ha sottolineato la sindaca Chiara Appendino.(ANSA).

22:38Calcio: Napoli, Sarri, non sappiamo giocare per il pareggio

(ANSA) - NAPOLI, 5 DIC - "Giocare per il pareggio non fa per noi, potrebbe rovinarci la prestazione. Non siamo abituati a gestire il pari". Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida contro il Benfica. "Non penseremo - ha detto Sarri - a quello che accade nell'altra gara del girone". Sarri ha spiegato che "la gara può cambiare violentemente nella fase finale. Nei primi 60'-70' si giocherà con equilibrio, tecnica, poi nel finale per forza di cose una delle due dovrà prendersi rischi enormi e portarla su aspetti meno tattici".

22:30Calcio: Chievo-Genoa 0-0

(ANSA) - ROMA, 5 DIC - Chievo-Genoa 0-0 in uno dei posticipi della 15/a giornata del campionato di serie A.

22:29Calcio:Sarri ‘stadio caldissimo, ma meritiamo passare’

(ANSA) NAPOLI, 5 DIC - "Domani ci giochiamo una finale, sarà una partita difficile, molto diversa da quella dell'andata". Lo ha detto l'allenatore del Napoli Maurizio Sarri alla vigilia della sfida decisiva di Champions League a Lisbona contro il Benfica. Sarri invita a dimenticare il 4-2 del San Paolo e ricorda le inside del Da Luz: "Giocheremo in uno stadio caldissimo, ma noi vogliamo qualificarci, meritiamo di passare".

22:21Calcio:Inter, Zanetti, Champions? Abbiamo l’obbligo provarci

(ANSA) - MILANO, 05 DIC - "Abbiamo l'obbligo di provare a raggiungere la Champions League poi alla fine di questo campionato faremo le valutazioni. Non ci nascondiamo, i problemi sono tanti ma dobbiamo avere la forza di risolverli". Il vicepresidente dell'Inter Javier Zanetti, a margine della festa per i 15 anni della Fondazione Pupi, ammette il periodo difficile dei nerazzurri ma non per questo cambia gli obiettivi stagionali. E sulla possibilita' di vedere Simeone sulla panchina dell'Inter non si sbilancia: "Quello che accadrà in futuro chi lo sa, noi ci concentriamo sul presente, su Pioli, sul rimediare e tentare di arrivare il più in alto possibile. Il futuro nessuno lo sa". C'e' fiducia in Stefano Pioli che ha avuto "in grande impatto". La sconfitta per 3-0 contro il Napoli un ko "difficile da smaltire perche' per la prima volta abbiamo sbagliato l'approccio", secondo Zanetti, deve essere cancellato in fretta: "Devono contare i fatti. E' arrivato il momento di renderci consapevoli''.

22:17Calcio: Di Francesco,Fiorentina-Sassuolo no sfida tra deluse

(ANSA) - MONTECATINI TERME (PISTOIA), 05 DIC - "Sfida tra deluse? Non direi, io almeno non lo sono. I bilanci definitivi li faremo più avanti". Così, parlando della prossima gara di campionato tra Fiorentina e Sassuolo, il tecnico degli emiliani Eusebio Di Francesco, parlando stasera a Montecatini Terme (Pistoia) per il premio Maestrelli che gli è stato attribuito quale miglior allenatore dello scorso campionato. Di Francesco ha parlato anche di Domenico Berardi, fermo da tempo per infortunio: "Tornerà a gennaio e sarà il nostro acquisto: è un giocatore di livello internazionale ed è come se l'avessimo mandato in prestito per metà campionato". Poi, sul giocatore della Fiorentina Bernardeschi, ha detto che è un "ottimo giocatore, magari lo avessimo al Sassuolo". Quindi ha definito Lapadula del Milan come "un vero giocatore".

Archivio Ultima ora