Hillary Clinton vola, ma Trump minaccia negli Stati chiave

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Clinton 'vola', ma Trump minaccia in Stati chiave

Clinton ‘vola’, ma Trump minaccia in Stati chiave

WASHINGTON. – Poteva essere considerato un altro test su quei consensi traballanti per Hillary Clinton e la candidata democratica lo ha superato: nel primo sondaggio Wsj-Nbc dopo la polmonite “taciuta” la ex segretario di Stato non solo è in testa ma stacca il rivale Donald Trump di ben sei punti, 43% a 37%.

Eppure non basta, perché il tycoon di New York continua ad insidiarla in Stati chiave, quali Ohio, North Carolina e Nevada, e a minacciare quindi la sua marcia verso i 270 voti elettorali, ovvero la soglia da superare per conquistare la presidenza in cui la candidata democratica risulta in vantaggio (ne ha 272 secondo l’ultimo calcolo sulla base delle previsioni Cnn).

Così, a meno di sette settimane dall’election day e in vista del primo duello televisivo lunedì, il focus è sulla geografia del voto e non è solo matematica. Proprio in queste ore infatti emergono con prepotenza sulla mappa i centri di tensione che rendono ancor più imprevedibile l’esito in Stati potenzialmente decisivi: la North Carolina è campo di battaglia doppio, teatro di violente proteste dopo l’ennesima morte di un afroamericano per mano della Polizia e Stato in bilico nel radar dei sondaggisti.

E qui oggi, secondo un rilevamento di Fox News, Trump risulta in vantaggio su Clinton di 5 punti percentuali con il 45% delle preferenze rispetto al 40% di Clinton. Sono soprattutto i bianchi a sostenere il tycoon, con un margine di 31 punti (58 a 27%) mentre l’elettorato afroamericano è in schiacciante maggioranza dalla parte della candidata democratica per 85 punti percentuali contro tre.

In Nevada poi Trump è al 43% e Clinton al 40%. Infine in Ohio, lo Stato da conquistare a tutti i costi, il candidato repubblicano è avanti di cinque punti (42 a 37). A parte Nixon nel 1960 contro Kennedy, dal 1944 tutti i futuri presidenti degli Stati Uniti hanno vinto in Ohio.

Tutto può cambiare, si ripete insistentemente. Ed è infatti su questo ultimo tratto di strada che la campagna elettorale deve essere precisa al millimetro, il messaggio calibrato al punto giusto, il battage incalzante e la mira presa con cura. Per questo Trump è nuovamente in Pennsylvania. E’ uno degli Stati che tende per Hillary Clinton ma che la candidata non può dire di avere già in tasca. Una zampata di Trump su questo territorio sarebbe allora un bel danno per la ex first lady, da cui i muri di difesa al fortino alzati dal fronte Clinton con un investimento, per esempio, di 16 milioni di dollari in spot televisivi.

Da tenere d’occhio quindi, insieme con i decisivi Florida e Ohio dove di sicuro i due sfidanti si daranno battaglia fino all’ultimo voto.

(di Anna Lisa Rapanà/ANSA)

Ultima ora

10:44Pd: Emiliano su Fb, evitare mercimonio intorno a primarie

(ANSA) - BARI, 30 APR - "Invito tutti i presidenti di seggio e i membri dei seggi elettorali a sorvegliare attentamente per evitare ogni forma di mercimonio intorno alle elezioni primarie. Come sempre succede mi arrivano segnalazioni in tal senso e vi ricordo che potete filmare con il telefonino qualunque scena sospetta sulla quale effettuare nuovi accertamenti". E' quanto scrive su Facebook il governatore pugliese e candidato alla segreteria Pd, Michele Emiliano. "In questi casi - avverte - potete anche richiedere l'intervento delle forze dell'ordine se ritenete che siano state commesse irregolarità. Tutti i votanti devono pretendere, come da regolamento, il rilascio della ricevuta attestante l'effettuazione del voto e la consegna dei 2 euro al fine di evitare brogli sull'affluenza al voto ed eventuale appropriazione del denaro versato". Altrimenti, si può "chiedere l'intervento delle forze dell'ordine".

10:17Morto a Napoli Rino Zurzolo, il contrabbasso di Pino Daniele

(ANSA) - NAPOLI, 30 APR - E' morto a Napoli, stroncato da un tumore, Rino Zurzolo, storico contrabbassista della band di Pino Daniele. Avrebbe compiuto a giugno 59 anni. Protagonista della scena musicale partenopea sin dagli anni '70, Zurzolo fece parte del gruppo che nel 1977 incise 'Terra mia', fortunatissimo album d'esordio di Pino Daniele, con il quale collaborò anche negli album successivi e in storiche tournèe. Suonò davanti a 200mila persone in piazza del Plebiscito il 19 settembre del 1981, accompagnando il 'nero a metà' assieme a James Senese, Tullio De Piscopo, Tony Esposito e Joe Amoruso. In seguito lavorò da solista e accanto a grandi nomi della scena musicale italiana e internazionale, specie nel campo del jazz. Si riunì a Pino Daniele e agli altri membri della storica band per la tournée e il disco live del 2008. Lo ricorda il sindaco de Magistris: "Ha portato la musica partenopea ai più alti livelli mondiali. Un uomo semplice e sensibile, ricco di umanità".

10:06Pd: Renzi ringrazia volontari, viva la democrazia

(ANSA) - PONTASSIEVE (FIRENZE), 30 APR - L'ex premier Matteo Renzi apre la giornata delle primarie del Pd ringraziando i volontari "che aprono i seggi delle primarie Pd: comunità generosa e appassionata. Viva la democrazia" scrive Renzi su twitter.

09:36May respinge le linee guida dell’Ue sulla Brexit

(ANSA) - ROMA, 30 APR - La premier Britannica Theresa May respinge alcune delle principali richieste Ue sulla Brexit, definendole soltanto posizioni negoziali dei 27, poche ore dopo l'approvazione all'unanimità delle linee guida per la trattativa dell'uscita della Gran Bretagna dall'Unione. Al Telegraph May ha ribadito le sue priorità: libero mercato senza dazi, fine della giurisdizione delle Corti europee, fine della libera circolazione dei migranti, come illustrato in un suo discorso alla Lancaster House a gennaio.

08:57Siria: attivisti, uccisi 8 volontari in raid a Hama

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Almeno otto volontari dei cosiddetti 'Caschi Bianchi' sarebbero stati uccisi nel corso di un bombardamento aereo ieri in Siria nella provincia di Hama, controllata dai ribelli. Lo ha denunciato la stessa organizzazione di soccorritori (che si chiama Syria Civil Defence) che opera nelle zone dei ribelli, come riferisce al Jazeera. Secondo gli attivisti dell'Osservatorio siriano per i diritti umani il numero delle vittime è destinato a salire. Non è chiaro chi ha condotto i raid, ma nelle ultime settimane Hama è stata oggetto di una massiccia campagna militare del regime per respingere i ribelli, con il supporto dell'aviazione russa. Sul fronte opposto, sempre al Jazeera riferisce che il presidente Bashar al Assad ha accusato i gruppi di opposizione di "distruggere" le infrastrutture del Paese, in un'intervista ad un network basato in Venezuela, Telesur.

08:02Trump invita Duterte alla Casa Bianca,plauso per lotta droga

(ANSA) - ROMA, 30 APR - Donald Trump ha invitato alla Casa Bianca il controverso presidente filippino Rodrigo Duterte - aspramente criticato da Barack Obama - apprezzando la sua lotta contro la droga. Lo rende noto il New York Times. Il presidente americano ha avuto una conversazione telefonica ieri sera con il collega, ha riferito una nota della Casa Bianca, in cui si specifica che i due leader hanno "discusso sul fatto che le Filippine stanno combattendo duramente per liberare il Paese dalle droghe". Un portavoce di Duterte ha confermato l'invito a Washington confermando "l'apprezzamento di Trump per il lavoro del presidente filippino, soprattutto sul fronte" della lotta alla droga. Duterte è accusato di aver ordinato migliaia di esecuzioni extragiudiziali nella sua guerra senza quartiere ai cartelli della droga, tanto che opposizione e attivisti hanno minacciato il ricorso all'impeachment e di denunciarlo alla Corte penale internazionale.

05:55Trump-media, muro contro muro per i 100 giorni

(ANSA) - NEW YORK, 30 APR - I primi 100 giorni di Donald Trump alla Casa Bianca si sono conclusi come erano iniziati: con un durissimo scontro tra il presidente e i giornalisti. Il tycoon - che con uno strappo clamoroso ha disertato la tradizionale cena dei corrispondenti della Casa Bianca - è tornato ad accusare i media definendoli 'fabbrica di fake news'. Irrefrenabile l'entusiasmo della folla di sostenitori riunitasi ad Harrisburg, in Pennsylvania. Secca la risposta del presidente dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca, Jeff Mason, che aprendo la serata annuale dell'associazione ha respinto le accuse al mittente: "Siamo qui come sempre per celebrare la libertà di stampa e il buon giornalismo, non per celebrare la presidenza". "Come si può vedere - la sua frecciata ironica - la serata è lo stesso sold out". Poi serio: "Non siamo fake news, e non siamo il nemico del popolo americano. Un attacco a noi è un attacco a tutti gli americani".

Archivio Ultima ora