Gentiloni a New York: “Non ci risulta che ci sia al Qaeda dietro il rapimento degli italiani”

Pubblicato il 22 settembre 2016 da redazione

Gentiloni a New York: “Non ci risulta che ci sia al Qaeda dietro il rapimento degli italiani”

Gentiloni a New York: “Non ci risulta che ci sia al Qaeda dietro il rapimento degli italiani”

NEW YORK – “Non ci risulta che dietro al rapimento dei nostri due connazionali in Libia ci sia al Qaida.
 In questo momento, non siamo in grado di confermare o smentire affermazioni di questo genere”. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, è stato molto preciso, ma anche assai prudente, nello smentire il portavoce delle Forze armate libiche legate a Khalifa Haftar che aveva sostenuto che dietro al rapimento dei due connazionali avvenuto in Libia lo scorso 19 settembre ci sia la mano di Al Qaeda.

Sull’argomento ha quindi aggiunto:
– E’ essenziale, in queste ore, che si lasci lavorare chi sta indagando con il massimo riserbo.

Il ministro ha incontrato i giornalisti durante una breve pausa dei lavori dell’Assemblea Generale dell’Onu. Nella sede della Delegazione Italiana presso le Nazioni Unite, nella “Second Avenue”, il ministro ha iniziato la conferenza stampa illustrando i progressi fatti nell’ambito della guerra in Siria.

– L’America ha proposto la creazione di una zona “no fly” in Siria e l’Italia l’appoggia – ha spiegato il ministro -. La proposta americana è semplice e, proprio per questo, condivisibile. Si tratta di tenere elicotteri e aerei a terra per qualche giorno. E’ un modo di evitare bombardamenti. Questo, evidentemente, potrà dare una spinta al cessate il fuoco. In questo contesto, l’Italia – ha aggiunto il capo della diplomazia italiana – sostiene la proposta considerando che sia un cammino percorribile.

In quanto alla realtà libica, il ministro, ha riferito che il vertice ministeriale sulla Libia che ha presieduto assieme al Segretario di Stato americano, John Kerry, “è stato positivo”. Il ministro, infatti, ritiene che la presenza di Fayez al Sarraj è stata importante in quanto ha permesso al primo ministro libico di “vedere il sostegno della comunità internazionale”.

– Del comunicato approvato vorrei sottolineare alcuni aspetti che, oltre alla conferma del sostegno al governo del primo ministro Fayez, ritengo importanti – ha affermato il ministro Gentiloni -. Ad esempio, nel corso del prossimo anno, il Governo di accordo nazionale libico deve preparare una transizione pacifica verso un governo permanente ed eletto.
Nel documento si chiede con forza che l’Assemblea Costituzionale completi il suo lavoro e presenti il progetto di Costituzione.

Altro aspetto sul quale il ministro vuole mettere l’accento è “l’invito alla cooperazione tra le diverse forze per attuare sul terreno militare sotto la leadership del governo di Fayez al Sarraj.

Nel documento si affronta anche la delicata questione del petrolio. Il ministro Gentiloni ha detto che le “strutture petrolifere devono restare sotto il controllo esclusivo della “Petroleum Facilities Guard” e dell’autorità del Consiglio presidenziale.

– Tutti i proventi generati, poi, devono essere depositati nella Banca Centrale libica che deve metterli a disposizione del governo di Fayez al Sarraj – ha commentato il ministro -. Questo nel contesto attuale è rilevante e il suo significato si commenta da solo.
(M.B.)

Ultima ora

23:18Champions: Liverpool e Cska Mosca a fase a gironi

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Liverpool, Apoel Nicosia, Cska Mosca, Qarabag e Sporting Lisbona sono le ultime cinque squadre ad accedere alla fase a gironi della Champions League. Risultati delle gare di ritorno dei playoff: Liverpool-Hoffenheim 4-2 (andata 2-1); Slavia Praga-Apoel Nicosia 0-0 (andata 0-2); Cska Mosca-Young Boys 2-0 (andata 1-0); Copenaghen-Qarabag 2-1 (andata 0-1); Steaua Bucarest-Sporting Lisbona 1-5 (andata 0-0).

22:58Calcio: Niang, stress perché voglio decidere io dove giocare

(ANSA) - MILANO, 23 AGO - "Vorrei scegliere io dove andare a giocare e non gli altri". Mbaye Niang spiega così il proprio stato di stress, messo nero su bianco su un certificato che lo esonera dagli allenamenti con il Milan, presentato dopo il rifiuto di essere ceduto allo Spartak Mosca. "Ho ascoltato le parole di Montella in conferenza, vorrei solo dire che il calcio è sempre stato l'amore della mia vita ed è il mio mestiere - ha dichiarato l'attaccante francese al sito Milan news.it -. Mi sono sempre allenato con il sorriso, gioco nel Milan da cinque anni e pure i compagni possono testimoniarlo. Lo stress non è legato ad una situazione tecnica ma a quello che sta succedendo fuori dal campo, su come si stanno facendo le cose. Vorrei solo scegliere dove andare a giocare, vorrei sceglierei io e non gli altri. Non ho nulla contro il Milan e la società, vorrei solo spiegare la situazione".

22:23Incendi: Croazia, ancora critica la situazione in Dalmazia

(ANSAmed) - ZAGABRIA, 23 AGO - È ancora critica la situazione in vari luoghi della Dalmazia, specie nell'entroterra e su alcune isole, dove da alcuni giorni divampano vasti incendi nel cui spegnimento è impegnato praticamente l'intero corpo dei vigili del fuoco della Croazia, con l'aiuto dell'esercito. Negli scorsi giorni le fiamme hanno divorato centinaia di ettari di boschi, uliveti e macchia mediterranea nella zona di Zara e Sibenico, mentre oggi sono stati domati gli incendi sulle isole di Hvar, Brac e Mljet, in questo periodo affollate da turisti. A complicare le operazioni di spegnimento è il forte vento, ma anche il fatto che i vigili del fuoco devono lottare contro almeno 15 roghi in vari punti, spesso distanti tra loro. Per ora sono state evacuate un centinaio di persone da piccoli villaggi dell'entroterra dalmata. Non ci sono informazioni su feriti né su danni ad abitazioni o infrastrutture. Fino ad oggi la polizia croata ha arrestato cinque persone per incendio doloso, tra cui due minorenni.

22:19Barcellona: Isis celebra jihadisti,’colpire ancora’

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - L'Isis ha pubblicato un video in cui celebra i jihadisti di Barcellona e fa appello per nuovi attentati. Lo riferisce il Site. Nel filmato, due jihadisti lanciano le nuove minacce in spagnolo. Il video è stato realizzato dalla 'provincia' siriana dell'Isis a est, nella regione di Dayr az Zor.

22:16Basket: torneo Acropolis, Italia-Serbia 65-73

(ANSA) - ROMA, 23 AGO - Si apre con una sconfitta contro la Serbia (73-65) il torneo dell'Acropolis per l'Italbasket di Ettore Messina, ma se non nel risultato la prestazione di Atene soddisfa il ct, che a meno di dieci giorni dal via dell'Europeo ha visto gli azzurri affrontare i più quotati avversari con una prestazione solida e di volontà. "Oggi la squadra ha fatto dei passi in avanti molto seri - ha sottolineato Messina -. Abbiamo avuto un ottimo atteggiamento per 40', dovendo affrontare quello che è un serio problema anche a livello Nba, ovvero marcare Boban Marjanovic. Abbiamo costruito buoni tiri, pur sbagliandone qualcuno di troppo nei momenti cruciali. Sono contento per i ragazzi per questa prestazione contro una squadra da medaglia". Domani sera l'Italia tornerà in campo all'Oaja per sfidare la Grecia padrona di casa.

22:16Usa: Trump, tempo di lenire le ferite che ci dividono

(ANSA) - WASHINGTON, 23 AGO - "E' tempo di lenire le ferite che ci dividono", ha detto il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un discorso a Reno, in Nevada. "Non siamo definiti dal colore della nostra pelle o dal nostro stipendio", ha aggiunto.

22:13Paura terrorismo, salta concerto in Olanda

(ANSA) - L'AJA, 23 AGO - Il concerto a Rotterdam della band americana Allah-Las è stato annullato per una non meglio precisata "minaccia terroristica". Lo hanno annunciato gli organizzatori dell'evento sul loro account Twitter. Il luogo del concerto, l'ex silos Maassilo, è stato evacuato dalla polizia. La tv olandese ha trasmesso le immagini degli spettatori scortati fuori dagli agenti che indossavano giubbotti anti-proiettile. "La situazione è sotto controllo", ha chiarito la polizia in un comunicato. Un anno fa la band rivelò un anno fa di aver ricevuto "critiche" da parte della comunità musulmana negli Stati Uniti e nel mondo per il loro nome. "Abbiamo scelto Allah perche' volevamo una parola che avesse un che di sacro, ma non volevamo offendere nessuno", aveva spiegato in un'intervista la Guardian il leader del gruppo Miles Michaud. "Quando riceviamo email di protesta rispondiamo e spieghiamo le nostre ragioni. Di solito ci capiscono e tutto si risolve", aveva detto ancora.

Archivio Ultima ora