Gentiloni a New York: “Non ci risulta che ci sia al Qaeda dietro il rapimento degli italiani”

Pubblicato il 22 settembre 2016 da redazione

Gentiloni a New York: “Non ci risulta che ci sia al Qaeda dietro il rapimento degli italiani”

Gentiloni a New York: “Non ci risulta che ci sia al Qaeda dietro il rapimento degli italiani”

NEW YORK – “Non ci risulta che dietro al rapimento dei nostri due connazionali in Libia ci sia al Qaida.
 In questo momento, non siamo in grado di confermare o smentire affermazioni di questo genere”. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, è stato molto preciso, ma anche assai prudente, nello smentire il portavoce delle Forze armate libiche legate a Khalifa Haftar che aveva sostenuto che dietro al rapimento dei due connazionali avvenuto in Libia lo scorso 19 settembre ci sia la mano di Al Qaeda.

Sull’argomento ha quindi aggiunto:
– E’ essenziale, in queste ore, che si lasci lavorare chi sta indagando con il massimo riserbo.

Il ministro ha incontrato i giornalisti durante una breve pausa dei lavori dell’Assemblea Generale dell’Onu. Nella sede della Delegazione Italiana presso le Nazioni Unite, nella “Second Avenue”, il ministro ha iniziato la conferenza stampa illustrando i progressi fatti nell’ambito della guerra in Siria.

– L’America ha proposto la creazione di una zona “no fly” in Siria e l’Italia l’appoggia – ha spiegato il ministro -. La proposta americana è semplice e, proprio per questo, condivisibile. Si tratta di tenere elicotteri e aerei a terra per qualche giorno. E’ un modo di evitare bombardamenti. Questo, evidentemente, potrà dare una spinta al cessate il fuoco. In questo contesto, l’Italia – ha aggiunto il capo della diplomazia italiana – sostiene la proposta considerando che sia un cammino percorribile.

In quanto alla realtà libica, il ministro, ha riferito che il vertice ministeriale sulla Libia che ha presieduto assieme al Segretario di Stato americano, John Kerry, “è stato positivo”. Il ministro, infatti, ritiene che la presenza di Fayez al Sarraj è stata importante in quanto ha permesso al primo ministro libico di “vedere il sostegno della comunità internazionale”.

– Del comunicato approvato vorrei sottolineare alcuni aspetti che, oltre alla conferma del sostegno al governo del primo ministro Fayez, ritengo importanti – ha affermato il ministro Gentiloni -. Ad esempio, nel corso del prossimo anno, il Governo di accordo nazionale libico deve preparare una transizione pacifica verso un governo permanente ed eletto.
Nel documento si chiede con forza che l’Assemblea Costituzionale completi il suo lavoro e presenti il progetto di Costituzione.

Altro aspetto sul quale il ministro vuole mettere l’accento è “l’invito alla cooperazione tra le diverse forze per attuare sul terreno militare sotto la leadership del governo di Fayez al Sarraj.

Nel documento si affronta anche la delicata questione del petrolio. Il ministro Gentiloni ha detto che le “strutture petrolifere devono restare sotto il controllo esclusivo della “Petroleum Facilities Guard” e dell’autorità del Consiglio presidenziale.

– Tutti i proventi generati, poi, devono essere depositati nella Banca Centrale libica che deve metterli a disposizione del governo di Fayez al Sarraj – ha commentato il ministro -. Questo nel contesto attuale è rilevante e il suo significato si commenta da solo.
(M.B.)

Ultima ora

00:59Cuba blocca l’ex presidente messicano

(ANSA) - CITTA' DEL MESSICO 21 FEB - L'ex presidente messicano Felipe Calderon ha denunciato oggi di non avere avuto il via libera delle autorità cubane per visitare il paese. A impedire la visita è stato l'ufficio migratorio dell'isola, ha precisato Calderon su twitter, sottolineando che l'obiettivo della sua visita era partecipare ad una cerimonia in onore del dissidente Oswaldo Payà, morto quattro anni fa. L'Avana ha bloccato l'ingresso anche di un altro dei partecipanti all'evento, l'ex ministra dell'educazione cilena Mariana Aylwin. A renderlo noto è stata la presidente Michelle Bachelet: "Il governo cileno farà presente alle autorità cubane il suo disappunto e intende richiamare a Santiago il proprio ambasciatore per avere informazioni sul caso".

00:57Ricorso hostess Aeroflot, discriminate

(ANSA) - MOSCA, 21 FEB - Un gruppo di hostess di Aeroflot, la compagnia di bandiera russa, riunite nell'autoproclamato movimento Sts (iniziali in russo di "anziane, cicciotelle e brutte"), ha presentato ricorso in tribunale contro l'azienda accusandola di "violazione delle norme sul lavoro" e "discriminazione dei lavoratori in base all'aspetto". Le 'Sts' contestano all'aviolinea d'impiegare sulle tratte internazionali solo hostess sotto i 40 anni e al massimo taglia 44. "Nel giugno dell'anno scorso ci è stato detto che all'estero vanno solo le hostess giovani e magre", dice al sito di Radio Svoboda Evgenya Magurina, assistente di volo 41enne. "Ci hanno fotografate tutte e ci hanno preso le misure, alcune di noi sono state addirittura pesate", ha sottolineato. "Ci hanno lasciato solo i voli interni, notturni e quelli di mattina presto". Le 'Sts' hanno scritto anche a Putin per denunciare la loro situazione. Le hostess sperano di poter vincere in tribunale. Stando a Radio Svoboda Aeroflot non ha espresso commenti.

00:53Usa: allarme sicurezza in aeroporto Jfk

(ANSA) - NEW YORK, 21 FEB - Undici passeggeri sono passati inosservati ai controlli di sicurezza all'aeroporto Jfk di New York. Lo scrive Cnn secondo cui l'incidente nel principale scalo della città si e' verificato ieri mattina presto. I passeggeri sono passati senza essere controllati dalle guardie per poi imbarcarsi su diversi voli. L'autorità aeroportuale e' stata avvisata solo due ore dopo della 'violazione della sicurezza', troppo tardi quindi per identificare le persone in questione. Secondo un portavoce di Port Authority, l'autorità aeroportuale, degli undici passeggeri tre hanno fatto scattare l'allarme del metal detector. Tsa, che si occupa delle sicurezza dell'aeroporto, in un comunicato ufficiale ha minimizzato l'accaduto affermando che non rappresenta un grosso rischio per il sistema dei trasporti.

00:47Allarme spari, ospedale Houston evacuato

(ANSA) - WASHINGTON, 21 FEB - Un ospedale di Houston, in Texas, è stato isolato per motivi di sicurezza dopo la segnalazione di spari al suo interno e i suoi pazienti sono stati evacuati. Ad una prima verifica compiuta dagli agenti nella struttura non hanno trovato prove della sparatoria. Il capo della Polizia locale Art Acevedo ha fatto quindi sapere che gli agenti stanno effettuando un secondo sopraluogo presso il Ben Taub Hospital, uno dei maggiori centri traumatologici della città, con circa 500 posti letto, presso il Texas Medical Center.

00:43Turchia: condannato leader partito curdo

(ANSAmed) - ISTANBUL, 21 FEB - Il leader del partito filo-curdo Hdp in Turchia, Selahattin Demirtas, detenuto dal 4 novembre con accuse di "terrorismo" per presunto sostegno al Pkk, è stato condannato a 5 mesi per "aver denigrato la nazione turca, la Repubblica turca e le istituzioni dello Stato" da un tribunale di Dogubeyazit, nell'est del Paese. Lo riferisce l'agenzia statale Anadolu. Poche ore prima, all'altra co-leader dell'Hdp, Figen Yuksekdag, anche lei detenuta da 3 mesi e mezzo, era stato revocato il seggio parlamentare dopo la conferma di una precedente condanna per "propaganda terroristica" da parte della Corte suprema d'appello di Ankara.

00:37Gb: Boris fa jogging, look ‘incredibile’

(ANSA) - LONDRA, 21 FEB - Il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, che dell'eccentricità ha fatto uno stile di vita, è di nuovo al centro dell'attenzione per il suo abbigliamento. Dopo aver esibito già in passato tenute sportive stravaganti (in bicicletta e non) sorride soddisfatto agli obiettivi che in questi giorni lo hanno colto in un parco di Londra a far jogging in uno stile decisamente sopra le righe. La divisa sfoggiata dal ministro degli Esteri del governo Tory di Theresa May, sullo sfondo di una giornata grigia che ne fa risaltare ancor di più il lato 'pittoresco', è così composta: berretto a righe scure su sfondo rosso a coprire cuffie colorate per ascoltare musica; polo aderente azzurra che nulla lascia al pudore delle forme corpulente del biondo Boris; giacchettina beige di pile con zip aperta; pantaloncino bianco-rosso fiorato versione tropical; calzino corto nero da tennis; sneaker da corsa sui toni del verde. Un po' troppo persino per la disinvoltura inglese e il disinteresse al look altrui.

00:30Calcio: Champions League, Aguero trascina il City

(ANSA) - ROMA, 21 FEB - Festival del gol nei due ottavi di finale di Champions League giocati oggi: Manchester City-Monaco 5-3 e Bayer Leverkusen-Atletico Madrid 2-4. Nel primo match, la squadra di Guardiola va in svantaggio due volte e alla fine prevale con un risultato che punisce troppo severamente quella di Jardim. Al gol di Sterling (26'), i francesi replicano con Falcao (32') e Mbappè (40'); al 50' Caballero para un rigore a Falcao e Aguero sigla poi il 2-2 (58'); Falcao si riscatta al 61' per il 2-3, ma ancora Aguero (71'), Stones (77') e Sanè (82') firmano la definitiva rimonta. Tutto più lineare a Leverkusen, dove la squadra di Simeone non vede mai realmente in dubbio la vittoria su quella di Schmidt. Prima della mezz'ora è già 0-2 con le reti di Saul (17') e Griezmann (25'); nella ripresa, accorcia Bellarabi (48'), ma al 59' Gameiro su un generoso rigore ristabilisce le distanze; al 68' i tedeschi tornano a sperare grazie ad un autogol di Savic, ma all'86' Torres fissa il 2-4 finale. Gare di ritorno il 15 marzo.

Archivio Ultima ora