Il Papa ai giornalisti, non sottomettetevi a interessi di parte

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

A moment of Pope Francis Wednesday General Audience at Saint Peter square, Vatican City, 21 September 2016. ANSA/OSSERVATORE ROMANO PRESS OFFICE

A moment of Pope Francis Wednesday General Audience at Saint Peter square, Vatican City, 21 September 2016. ANSA/OSSERVATORE ROMANO PRESS OFFICE

CITTA’ DEL VATICANO. – Papa Francesco spiega ai giornalisti come praticare il loro mestiere. Sono indicazioni importanti, quasi un piccolo trattato di etica professionale, quelle offerte dal Pontefice nell’udienza al Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, guidato nella Sala Clementina dal presidente Enzo Iacopino insieme al prefetto della Segreteria vaticana per la Comunicazione, monsignor Dario Edoardo Viganò.

Tre le raccomandazioni fondamentali di Bergoglio a chi fa informazione: “amare la verità”, “vivere con professionalità” e “rispettare la dignità umana”, facendo sì quindi che il giornalismo non diventi “arma di distruzione” di popoli e persone e non alimenti le paure verso gli immigrati. In più, uno specifico consiglio deontologico-professionale: “mai sottomettersi a interessi di parte, sia economici che politici”.

Dopo gli indirizzi di saluto di mons. Viganò e di Iacopino – quest’ultimo ha sottolineato le condizioni di “schiavitù” di tanti che fanno la professione per pochi spiccioli -, presente tra gli affreschi e gli stucchi della Clementina un ampio spaccato del mondo giornalistico italiano e numerosi direttori (Mario Calabresi di Repubblica, Roberto Napoletano del Sole 24 Ore, Enrico Mentana del Tg di La7, Virman Cusenza del Messaggero, Luigi Contu dell’ANSA tra gli altri), il Papa ha rilevato come i giornalisti, “quando hanno professionalità”, rimangano “una colonna portante, un elemento fondamentale per la vitalità di una società libera e pluralista”. E proprio per questo ha voluto sottolinearne la “grande responsabilità”.

A proposito del suo richiamo ad “amare la verità”, ha spiegato che “la questione qui è essere o non essere onesto con sé stesso e con gli altri”. “La relazione – ha detto – è il cuore di ogni comunicazione. Questo è tanto più vero per chi della comunicazione fa il proprio mestiere. E nessuna relazione può reggersi e durare nel tempo se poggia sulla disonestà”.

Oggi, ha ammesso, nel flusso ininterrotto di fatti sulle 24 ore, “non è sempre facile arrivare alla verità”. “Nella vita non è tutto bianco o nero”, e “anche nel giornalismo bisogna saper discernere tra le sfumature di grigio degli avvenimenti”. Però “è questo il lavoro – potremmo dire la missione – difficile e necessaria al tempo stesso di un giornalista: arrivare il più vicino possibile alla verità dei fatti e non dire o scrivere mai una cosa che si sa, in coscienza, non essere vera”.

Al secondo punto – “vivere con professionalità” – ha legato la “necessità di non sottomettere la propria professione alle logiche degli interessi di parte, siano essi economici o politici”. “Compito del giornalismo, oserei dire la sua vocazione, è dunque – attraverso l’attenzione, la cura per la ricerca della verità – far crescere la dimensione sociale dell’uomo, favorire la costruzione di una vera cittadinanza”.

Operare con professionalità, per Francesco, significa in definitiva “avere a cuore uno degli architravi della struttura di una società democratica”. “Dovrebbe sempre farci riflettere che, nel corso della storia, le dittature – di qualsiasi orientamento e ‘colore’ – hanno sempre cercato non solo di impadronirsi dei mezzi di comunicazione, ma pure di imporre nuove regole alla professione giornalistica”, ha ricordato.

Terzo elemento, “rispettare la dignità umana”, poiché in ballo c’è “la vita delle persone”. Bergoglio ha spesso parlato delle chiacchiere come “terrorismo”, e questo “tanto più vale per i giornalisti”, poiché “la vita di una persona ingiustamente diffamata può essere distrutta per sempre”. Certo “la critica è legittima, e dirò di più, necessaria, così come la denuncia del male”, ma “il giornalismo non può diventare un”arma di distruzione’ di persone e addirittura di popoli”. Né, ha aggiunto, “deve alimentare la paura davanti ai cambiamenti o fenomeni come le migrazioni forzate dalla guerra o dalla fame”.

Anzi, questo il mandato conclusivo del Papa, “il giornalismo sia uno strumento di costruzione, un fattore di bene comune, un acceleratore di processi di riconciliazione”; che “sappia respingere la tentazione di fomentare lo scontro, con un linguaggio che soffia sul fuoco delle divisioni, e piuttosto favorisca la cultura dell’incontro”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

15:39Iraq: Onu stima migliaia in fuga per offensiva a Tal Afar

(ANSA-AP) - BAGHDAD, 20 AGO - Le Nazioni Unite stimano che migliaia di civili iracheni saranno costretti ad abbandonare la città e i dintorni di Tal Afar, dopo l'annuncio del premier iracheno Haider al-Abadi del lancio dell'operazione militare per conquistare la cittadina ancora in mano all'Isis. Per la coordinatrice umanitaria dell'Onu per l'Iraq, Lise Grande, la situazione a Tal Afar è "insostenibile", dove "mancano "cibo e acqua corrente". Grande ha poi lanciato un appello a proteggere i civili. (ANSA-AP)

15:35Barcellona: lo zio di Marta, sta reagendo bene

(ANSA) - VENEZIA, 20 AGO - Marta Scomazzon, fidanzata di Luca Russo il vicentino morto a Barcellona per l'attacco terroristico islamista, sta meglio. Lo dice all'ANSA lo zio Renato Sartore. "Sta reagendo bene - riferisce Sartore che è in contatto con la mamma di Marta ed il padre di Luca che sono a Barcellona -, nonostante le ferite". "Ha retto ora - rileva - anche il colpo della notizia della morte di Luca, probabilmente lo aveva intuito ed era pronta al peggio. Fino a ieri probabilmente era solo la speranza che ciò che immaginava non fosse accaduto a tenerla sospesa". Per Sartore però "bisognerà attendere un po' di tempo e il rientro a casa per capire". Nessuna novità intanto - fanno sapere più fonti vicine alle due famiglie - sul fronte del rientro in Italia della giovane e di Luca. Oggi a Bassano, dove i due ragazzi sono residenti, Don Andrea Guglielmi, parroco della chiesa di San Leopoldo frequentata da Marta, ha ricordato Luca durante la messa affidandosi anche ad un messaggio del vescovo di Vicenza Beniamino Pizziol.

15:31Zimbabwe: Grace Mugabe rientra in patria, garantita immunità

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - La moglie del presidente dello Zimbabwe, Grace Mugabe, ha lasciato il Sudafrica per far rientro in patria nonostante l'accusa di aver aggredito una donna che soggiornava nel suo stesso hotel a Johannesburg. Lo riferisco i media internazionali. Secondo il sito News24, alla first lady dello Zimbabwe, 52 anni, è stata garantita l'immunità diplomatica dopo essere stata accusata di aver colpito una modella 20enne con una prolunga. Anche se altri siti riferiscono invece che la vicenda non è stata ancora del tutto chiarita. La tv dello Zimbabwe, ZBC, ha mostrato le immagini di Grace Mugabe accompagnata dal marito mentre venivano accolta dalle autorità all'aeroporto di Harare.

15:28Terremoto: esperto, edifici sicuri mai priorità dei governi

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - In Italia terremoti disastrosi si ripetono ogni 20-30 anni e le catastrofi sono anche "colpa delle alterazione che l'uomo compie sul territorio". Per fronteggiare un quadro così severo serve una sola "grande opera", molto complessa ma indispensabile: "la messa in sicurezza degli edifici". E' l'opinione del professor Gino De Vecchis, ordinario di geografia all'Università La Sapienza di Roma. "L'unica soluzione al periodico ripetersi di terremoti distruttivi - dice - sarebbe la realizzazione di una vera e utile 'grande opera': mettere in sicurezza gli edifici iniziando da quelli a maggior rischio sismico. Sarebbe un intervento prolungato nel tempo e di sicuro complesso ma, non comportando vantaggi politici immediati, non ha mai costituito una priorità per i governi succedutisi negli ultimi decenni, che si sono sempre limitati a generiche promesse".

15:28Libia: media, Sarraj oggi in missione a Sirte

(ANSAmed) - IL CAIRO, 20 AGO - Fonti libiche concordanti hanno reso noto che oggi il presidente del Consiglio presidenziale del governo di intesa, Fayez al Sarraj, sarà in missione a Sirte dove visiterà i quartieri residenziali distrutti dopo il conflitto di un anno fa con l'Isis e incontrerà i responsabili del Consiglio municipale. Le fonti - citate dal portale di informazione al Wasat - hanno aggiunto che i responsabili locali di Sirte hanno preparato un programma di ricostruzione della città che prevede anche indennizzi alla popolazione colpita. Sirte è stata al centro di una aspra battaglia fra le milizie di Misurata, sostenute dai raid aerei americani e i jihadisti dell'Isis che l'hanno tenuta in pugno per almeno un anno dopo essere cacciati via. (ANSAmed)

14:54Migranti: sindaco Riace, sfiduciato, pronto a gettare spugna

(ANSA) - ROMA, 20 AGO - Dice di essere "sfiduciato, avvilito, indignato con lo Stato" e pronto a lasciare Riace se il Ministero dell'Interno e la Prefettura di Reggio Calabria non confermeranno il sostegno finanziario fornito all'esperienza di dei bonus e delle borse lavoro, strumenti che hanno imposto la cittadina della locride sul piano nazionale e internazionale diventando un vero punto di riferimento sull'accoglienza migranti. Protagonista di questa battaglia è (Domenico) Mimmo Lucano, dal 2004 sindaco di Riace, comune di 1500 abitanti in provincia di Reggio Calabria, di cui ha contribuito alla rinascita trasformando gli immigrati in cittadini immigrati I bonus e le borse lavoro sono stati parte portante di questo progetto che ha visto passare a Riace in questi anni 7-8 mila migranti. Oggi tutto questo sembra a rischio. "Con tre anni di ritardo mi è stato detto da Roma che non viene accettata la modalità di pagamento con i bonus - spiega Mimmo Lucano - e se l'azzeramento dovesse essere confermato, ci sarà la chiusura dell'intero progetto". A sostegno di Lucano è stata promosso un appello (iostoconriace@gmail.com) firmato, tra gli altri, dal fondatore di Libera don Luigi Ciotti, dal missionario comboniano Alex Zanotelli, da numerosi sindaci e dalla Rete dei comuni solidali. "Mimmo Lucano da sindaco di Riace - afferma il deputato del Pd Davide Mattiello - è stato tra i più coraggiosi e lungimiranti nell'intuire e praticare una rivoluzione culturale sul punto più problematico: l'immigrazione come sfida e risorsa, anzichè come maledizione. Mi rivolgo al ministro dell'Interno Marco Minniti: non possiamo permetterci di perdere una esperienza come quella di Riace". Mimmo Lucano è tra i 50 personaggi più influenti al mondo: lo scorso anno si è guadagnato il 40esimo posto nella classifica delle persone più influenti secondo la rivista "Fortune".(ANSA).

14:28Universiadi: manifestanti a cerimonia apertura, bloccati

(ANSA) - TAIPEI, 20 AGO - Alcuni gruppi di manifestanti contrati al regime di Taiwan, hanno cercato di bloccare gli atleti diretti verso la stadio di Taipei, dove stava per svolgersi la cerimonia di apertura della 29/a edizione delle Universiadi. E' dovuta intervenire la polizia, che ha disperso i manifestanti, e la cerimonia si è svolta regolarmente, con la fiamma del tripode accesa dall'ex campione di baseball Chen Chin-feng che per accenderla ha usato una mazza del suo sport su cui era stato montato un congegno 'di accensione'. Le Universiadi, manifestazione stile Olimpiadi riservata ai soli studenti universitari o anche liceali dureranno fino al 30 agosto, mettendo in palio medaglie in 21 diverse discipline, con diecimila atleti che risultano iscritti.

Archivio Ultima ora