Il Papa ai giornalisti, non sottomettetevi a interessi di parte

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

A moment of Pope Francis Wednesday General Audience at Saint Peter square, Vatican City, 21 September 2016. ANSA/OSSERVATORE ROMANO PRESS OFFICE

A moment of Pope Francis Wednesday General Audience at Saint Peter square, Vatican City, 21 September 2016. ANSA/OSSERVATORE ROMANO PRESS OFFICE

CITTA’ DEL VATICANO. – Papa Francesco spiega ai giornalisti come praticare il loro mestiere. Sono indicazioni importanti, quasi un piccolo trattato di etica professionale, quelle offerte dal Pontefice nell’udienza al Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, guidato nella Sala Clementina dal presidente Enzo Iacopino insieme al prefetto della Segreteria vaticana per la Comunicazione, monsignor Dario Edoardo Viganò.

Tre le raccomandazioni fondamentali di Bergoglio a chi fa informazione: “amare la verità”, “vivere con professionalità” e “rispettare la dignità umana”, facendo sì quindi che il giornalismo non diventi “arma di distruzione” di popoli e persone e non alimenti le paure verso gli immigrati. In più, uno specifico consiglio deontologico-professionale: “mai sottomettersi a interessi di parte, sia economici che politici”.

Dopo gli indirizzi di saluto di mons. Viganò e di Iacopino – quest’ultimo ha sottolineato le condizioni di “schiavitù” di tanti che fanno la professione per pochi spiccioli -, presente tra gli affreschi e gli stucchi della Clementina un ampio spaccato del mondo giornalistico italiano e numerosi direttori (Mario Calabresi di Repubblica, Roberto Napoletano del Sole 24 Ore, Enrico Mentana del Tg di La7, Virman Cusenza del Messaggero, Luigi Contu dell’ANSA tra gli altri), il Papa ha rilevato come i giornalisti, “quando hanno professionalità”, rimangano “una colonna portante, un elemento fondamentale per la vitalità di una società libera e pluralista”. E proprio per questo ha voluto sottolinearne la “grande responsabilità”.

A proposito del suo richiamo ad “amare la verità”, ha spiegato che “la questione qui è essere o non essere onesto con sé stesso e con gli altri”. “La relazione – ha detto – è il cuore di ogni comunicazione. Questo è tanto più vero per chi della comunicazione fa il proprio mestiere. E nessuna relazione può reggersi e durare nel tempo se poggia sulla disonestà”.

Oggi, ha ammesso, nel flusso ininterrotto di fatti sulle 24 ore, “non è sempre facile arrivare alla verità”. “Nella vita non è tutto bianco o nero”, e “anche nel giornalismo bisogna saper discernere tra le sfumature di grigio degli avvenimenti”. Però “è questo il lavoro – potremmo dire la missione – difficile e necessaria al tempo stesso di un giornalista: arrivare il più vicino possibile alla verità dei fatti e non dire o scrivere mai una cosa che si sa, in coscienza, non essere vera”.

Al secondo punto – “vivere con professionalità” – ha legato la “necessità di non sottomettere la propria professione alle logiche degli interessi di parte, siano essi economici o politici”. “Compito del giornalismo, oserei dire la sua vocazione, è dunque – attraverso l’attenzione, la cura per la ricerca della verità – far crescere la dimensione sociale dell’uomo, favorire la costruzione di una vera cittadinanza”.

Operare con professionalità, per Francesco, significa in definitiva “avere a cuore uno degli architravi della struttura di una società democratica”. “Dovrebbe sempre farci riflettere che, nel corso della storia, le dittature – di qualsiasi orientamento e ‘colore’ – hanno sempre cercato non solo di impadronirsi dei mezzi di comunicazione, ma pure di imporre nuove regole alla professione giornalistica”, ha ricordato.

Terzo elemento, “rispettare la dignità umana”, poiché in ballo c’è “la vita delle persone”. Bergoglio ha spesso parlato delle chiacchiere come “terrorismo”, e questo “tanto più vale per i giornalisti”, poiché “la vita di una persona ingiustamente diffamata può essere distrutta per sempre”. Certo “la critica è legittima, e dirò di più, necessaria, così come la denuncia del male”, ma “il giornalismo non può diventare un”arma di distruzione’ di persone e addirittura di popoli”. Né, ha aggiunto, “deve alimentare la paura davanti ai cambiamenti o fenomeni come le migrazioni forzate dalla guerra o dalla fame”.

Anzi, questo il mandato conclusivo del Papa, “il giornalismo sia uno strumento di costruzione, un fattore di bene comune, un acceleratore di processi di riconciliazione”; che “sappia respingere la tentazione di fomentare lo scontro, con un linguaggio che soffia sul fuoco delle divisioni, e piuttosto favorisca la cultura dell’incontro”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

09:05Istanbul: cominciato interrogatorio killer Capodanno

(ANSA) - ISTANBUL, 17 GEN - La polizia turca ha cominciato a Istanbul l'interrogatorio di Abdulgadir Masharipov, il sospetto militante dell'Isis accusato dell'attentato di Capodanno nel nightclub 'Reina' della capitale turca che ha causato 39 morti. Lo riferiscono i media turchi. Masharipov e' stato arrestato ieri nel corso di un'operazione di polizia nel quartiere di Esenyurt, alla periferia europea di Istanbul.

09:02Aereo scomparso: interrotte ricerche volo 370

(ANSA) - SYDNEY, 17 GEN - Dopo quasi tre anni di infruttuose ricerche, e' stata interrotta la caccia all'aereo Malaysia Airlines scomparso l'8 marzo 2014 con 239 persone a bordo: lo ha reso noto il Joint Agency Coordination Center in Australia.

08:00India: si fanno selfie sui binari a Delhi, uccisi da treno

NEW DELHI - Due giovani indiani sono stati uccisi da un treno in corsa a New Delhi dopo aver scattato un selfie che volevano inserire in un portfolio da presentare ad un corso di fotografia. Lo riferisce oggi il quotidiano The Times of India. L'incidente e' avvenuto sabato pomeriggio quando i due, insieme ad altri cinque amici, dopo aver affittato una macchina fotografica professionale, si sono recati sui binari della ferrovia a Anand Vihar, nella zona orientale della capitale.

04:38Trump: Wsj, dollaro forte, non possiamo competere con Cina

NEW YORK - Il dollaro e' ''troppo forte'' e lo yuan sta scendendo a picco. Lo afferma Donald Trump in un'intervista al Wall Street Journal, suggerendo che le recenti azioni di Pechino a sostegno della valuta cinese ''sono solo perche' non vogliono farci arrabbiare''. ''Le nostre aziende non possono competere'' con quelle cinesi perche' la nostra valuta e' troppo forte e questo ci sta uccidendo''.

04:31Trump:Wsj, boccia piano tasse repubblicani, troppo complesso

NEW YORK - Donald Trump critica il piano per la revisione della tassazione sulle aziende dei repubblicani, aprendo di fatto un nuovo fronte di scontro con i membri della Camera del suo partito. Trump ritiene le misure proposte ''troppo complicate'' e non in grado di aiutare l'economia. I repubblicani alla Camera propongono di tassare le importazioni esentando allo stesso tempo le esportazioni.

04:26Trump:Nyt,caccia affari in Russia dal 1987,ma senza successo

NEW YORK - Donald Trump ha esplorato la possibilita' di opportunita' d'affari in Russia per anni, dal 1987. E ha presentato le carte per registrare il marchio Trump in Russia nel 1996. Lo riporta il New York Times, sottolineando che i figli del presidente eletto sono stati visti piu' volte a Mosca alla ricerca di joint venture, incontri con esponenti del governo e costruttori. Nel 2013 a visitare Mosca e' stato lo stesso Donald Trump, in occasione della vendita dei diritti per ospitare nel paese Miss Universo.

04:17Istanbul: tutti stranieri i 5 sospetti arrestati col killer

ROMA - Sono tutti stranieri i 5 sospetti - 2 uomini e 3 donne - arrestati ieri sera dall'antiterrorismo turca durante lo stesso blitz che ha portato alla cattura di Abdulkadir Masharipov, accusato di essere il killer che la notte di Capodanno ha ucciso 39 persone al nightclub 'Reina' di Istanbul. Lo riporta la Cnn Turk, secondo cui si tratta di presunti affiliati all'Isis con passaporti di Kirghizistan, Somalia, Egitto e Senegal.

Archivio Ultima ora