Il Papa ai giornalisti, non sottomettetevi a interessi di parte

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

A moment of Pope Francis Wednesday General Audience at Saint Peter square, Vatican City, 21 September 2016. ANSA/OSSERVATORE ROMANO PRESS OFFICE

A moment of Pope Francis Wednesday General Audience at Saint Peter square, Vatican City, 21 September 2016. ANSA/OSSERVATORE ROMANO PRESS OFFICE

CITTA’ DEL VATICANO. – Papa Francesco spiega ai giornalisti come praticare il loro mestiere. Sono indicazioni importanti, quasi un piccolo trattato di etica professionale, quelle offerte dal Pontefice nell’udienza al Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, guidato nella Sala Clementina dal presidente Enzo Iacopino insieme al prefetto della Segreteria vaticana per la Comunicazione, monsignor Dario Edoardo Viganò.

Tre le raccomandazioni fondamentali di Bergoglio a chi fa informazione: “amare la verità”, “vivere con professionalità” e “rispettare la dignità umana”, facendo sì quindi che il giornalismo non diventi “arma di distruzione” di popoli e persone e non alimenti le paure verso gli immigrati. In più, uno specifico consiglio deontologico-professionale: “mai sottomettersi a interessi di parte, sia economici che politici”.

Dopo gli indirizzi di saluto di mons. Viganò e di Iacopino – quest’ultimo ha sottolineato le condizioni di “schiavitù” di tanti che fanno la professione per pochi spiccioli -, presente tra gli affreschi e gli stucchi della Clementina un ampio spaccato del mondo giornalistico italiano e numerosi direttori (Mario Calabresi di Repubblica, Roberto Napoletano del Sole 24 Ore, Enrico Mentana del Tg di La7, Virman Cusenza del Messaggero, Luigi Contu dell’ANSA tra gli altri), il Papa ha rilevato come i giornalisti, “quando hanno professionalità”, rimangano “una colonna portante, un elemento fondamentale per la vitalità di una società libera e pluralista”. E proprio per questo ha voluto sottolinearne la “grande responsabilità”.

A proposito del suo richiamo ad “amare la verità”, ha spiegato che “la questione qui è essere o non essere onesto con sé stesso e con gli altri”. “La relazione – ha detto – è il cuore di ogni comunicazione. Questo è tanto più vero per chi della comunicazione fa il proprio mestiere. E nessuna relazione può reggersi e durare nel tempo se poggia sulla disonestà”.

Oggi, ha ammesso, nel flusso ininterrotto di fatti sulle 24 ore, “non è sempre facile arrivare alla verità”. “Nella vita non è tutto bianco o nero”, e “anche nel giornalismo bisogna saper discernere tra le sfumature di grigio degli avvenimenti”. Però “è questo il lavoro – potremmo dire la missione – difficile e necessaria al tempo stesso di un giornalista: arrivare il più vicino possibile alla verità dei fatti e non dire o scrivere mai una cosa che si sa, in coscienza, non essere vera”.

Al secondo punto – “vivere con professionalità” – ha legato la “necessità di non sottomettere la propria professione alle logiche degli interessi di parte, siano essi economici o politici”. “Compito del giornalismo, oserei dire la sua vocazione, è dunque – attraverso l’attenzione, la cura per la ricerca della verità – far crescere la dimensione sociale dell’uomo, favorire la costruzione di una vera cittadinanza”.

Operare con professionalità, per Francesco, significa in definitiva “avere a cuore uno degli architravi della struttura di una società democratica”. “Dovrebbe sempre farci riflettere che, nel corso della storia, le dittature – di qualsiasi orientamento e ‘colore’ – hanno sempre cercato non solo di impadronirsi dei mezzi di comunicazione, ma pure di imporre nuove regole alla professione giornalistica”, ha ricordato.

Terzo elemento, “rispettare la dignità umana”, poiché in ballo c’è “la vita delle persone”. Bergoglio ha spesso parlato delle chiacchiere come “terrorismo”, e questo “tanto più vale per i giornalisti”, poiché “la vita di una persona ingiustamente diffamata può essere distrutta per sempre”. Certo “la critica è legittima, e dirò di più, necessaria, così come la denuncia del male”, ma “il giornalismo non può diventare un”arma di distruzione’ di persone e addirittura di popoli”. Né, ha aggiunto, “deve alimentare la paura davanti ai cambiamenti o fenomeni come le migrazioni forzate dalla guerra o dalla fame”.

Anzi, questo il mandato conclusivo del Papa, “il giornalismo sia uno strumento di costruzione, un fattore di bene comune, un acceleratore di processi di riconciliazione”; che “sappia respingere la tentazione di fomentare lo scontro, con un linguaggio che soffia sul fuoco delle divisioni, e piuttosto favorisca la cultura dell’incontro”.

(di Fausto Gasparroni/ANSA)

Ultima ora

00:50Trump, diserterò cena corrispondenti Casa bianca

(ANSA) - WASHINGTON, 25 FEB - "Non parteciperò alla cena dell'associazione dei corrispondenti della Casa Bianca quest'anno": lo ha annunciato su Twitter Donald Trump, augurando sarcasticamente a tutti "una buona serata". E' l'ennesima dichiarazione di guerra ai media.

00:47Calcio: Allegri ‘per lo scudetto è ancora lunga’

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - "Sesto Scudetto consecutivo sempre più vicino dopo la sconfitta del Napoli? No, assolutamente, la Roma potenzialmente ha ancora 7 punti di distanza e mancano tante partite''. Ai microfoni di Premium Sport, l'allenatore della Juventus Massimiliano Allegri afferma di veder il campionato ancora aperto: ''Dovremo fare ancora molte vittorie, la Roma ha un potenziale tale che può anche vincerle tutte. Noi dobbiamo guardare solo a noi stessi. Contro l'Empoli abbiamo interpretato bene la gara, siamo stati ordinati, giocare contro loro non è mai semplice. Nel primo tempo non abbiamo concretizzato le occasioni avute, nella ripresa sì, sono contento perché è stata una bella vittoria''. ''Al momento però - aggiunge Allegri - non abbiamo vinto ancora niente, dobbiamo pensare a una gara alla volta. Contro il Porto siamo stati bravi così come contro l'Empoli e ora avremo la gara di Coppa Italia''.

00:22Usa: Dem eleggono come presidente Tom Perez

(ANSA) - WASHINGTON, 25 FEB - I democratici hanno eletto ad Atlanta come presidente del comitato nazionale del partito Tom Perez, 55 anni, di origini ispaniche, ex avvocato per la difesa dei diritti civili, segretario al lavoro nell'amministrazione di Barack Obama, che era il suo principale sostenitore.

00:09Serie A: Juve sbriga ‘pratica’ Empoli con 2-0 allo Stadium.

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - La Juventus ha battuto l'Empoli 2-0 (0-0) nell'anticipo della 26/a giornata del campionato di Serie A. Bianconeri in vantaggio al 7' st grazie ad una autorete di Skorupski e raddoppio di Alex Sandro al 20' st. La squadra di Allegri in testa alla classifica aumenta il vantaggio sulla Roma, seconda, a +10 punti. Giallorossi impegnati domani a San Siro contro l'Inter

23:14Superenalotto: esce il 6, vinti 93 milioni

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - E' uscito stasera il 6 nel concorso del Superenalotto: al vincitore, che ha giocato i numeri in una tabaccheria a Mestrino, in provincia di Padova, vanno 93.720.843,46 euro. La vincita di questa sera è stata realizzata con un sistema. Il 6 non usciva dal 27 ottobre scorso, quando in una tabaccheria a Vibo Valentia fu realizzata la vincita record di oltre 163 milioni.

22:20Lotta:Transgender a 1 match da titolo Texas,polemiche in Usa

(ANSA) - CYPRESS (USA), 25 FEB - Ancora polemiche sui transgender nello sport. Dopo il caso della pallavolista Tifany in Italia, tocca ora al 17enne Mack Beggs che in attesa di diventare uomo gareggia e vince nella lotta libera femminile. Ora è a un match (finora ne ha vinti 56) dalla conquista del titolo scolastico regionale del Texas, e non si placano le polemiche sul suo conto. Gli stessi genitori di Beggs, dopo aver ricordato che Mack da tempo assume ormoni per trasformarsi in uomo, hanno fatto presente che vorrebbe competere in campo maschile. Stessa idea da parte di alcune lottatrici che, tramite un gruppo di avvocati, hanno sollevato il caso e chiesto che venisse "ristabilita la parità" spiegando che la quantità di testosterone presente nell'organismo di Beggs lo rende troppo forte per lottare contro le ragazze. Ma la polizia dello stato ha stabilito che fa testo il certificato di nascita e finché non verrà in qualche modo modificato Mack Beggs può competere solo in campo femminile. Inutile dire che le polemiche continuano.

22:15Rugby: 6 Nazioni, vincono Scozia e Irlanda, domani Italia

(ANSA) - DUBLINO, 25 FEB - La Scozia ha battuto il Galles per 29-13 (9-13) in una partita della terza giornata del 6 Nazioni, giocata al Murrayfield di Edimburgo. Per i padroni di casa 19 punti di Russell (5 calci piazzati e 2 trasformazioni) e una meta a testa per Seymour e Visser. Per i gallesi meta di L. Williams e una trasformazione e due calci piazzati di Halfpenny. Nel secondo match di oggi, l'Irlanda ha battuto la Francia per 19-9 (7-6) all'Aviva Stadium di Dublino. Per i verdi meta di Murray, 11 punti di Sexton (una trasformazione, un drop e due calci piazzati) e un calcio piazzato di Jackson. Per i francesi 3 calci piazzati del mediano d'apertura Lopez. Questa la classifica del torneo alla vigilia di Inghilterra-Italia, che si gioca domani a Twickenham: Irlanda 10; Scozia 9; Inghilterra 8; Galles e Francia 5; Italia 0.

Archivio Ultima ora