Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

WASHINGTON. – Crescono gli interrogativi sulle possibili falle dell’Fbi nel prevenire gli attentati a Ny e in New Jersey del presunto sospetto, Ahmad Khan Rahami, che era stato segnalato anche dalla dogana per un suo viaggio in Pakistan prima che il padre lo denunciasse come ‘terrorista”, riferendo al Federal Bureau of investigation – come ha precisato al Nyt – i suoi interessi per i gruppi terroristici come al Qaida e la sua fascinazione per i video e la musica jihadista.

Nel frattempo spunta la simpatia del giovane americano di origini afghane anche per l’Isis, in particolare per Abu Muhammad al-Adnani, capo della propaganda e “portavoce” dell’Isis, nonché agitatore dei ”lupi solitari” che hanno insanguinato l’Europa, ucciso a fine agosto da un drone Usa. Nel suo taccuino, di cui il Nyt ha ottenuto una copia, Rahami indica il “fratello Adnani” come “guida” e cita la sua indicazione di “colpire gli infedeli nel loro cortile di casa”, riecheggiando l’appello lanciato in estate da Adnani a prendere di mira i nemici in qualunque modo e ovunque.

Finora del taccuino gli investigatori avevano lasciato filtrare solo gli apprezzamenti per Osama Bin Laden, l’imam americano-yemenita Anwar al-Awlaki e Nidal Hasan, il maggiore americano autore della strage di Fort Hood, senza alcun riferimento ad Adnani, braccio destro operativo del Califfo al-Baghdadi e coordinatore del terrorismo in Occidente.

Il riferimento ad al-Adnani potrebbe rafforzare l’ipotesi che anche Rahami sia un ‘lupo solitario’ ma gli investigatori stanno ancora indagando per accertare se qualcuno l’abbia aiutato e se avesse legami con gruppi terroristici. Un contributo potrebbe arrivare dalla moglie, tornata negli Usa da Dubai per collaborare con gli inquirenti.

Dal taccuino emerge inoltre una possibile frustrazione per un fallito tentativo di arrivare in Siria, usato come giustificazione per fare attentati in casa: in una pagina c’è la parola “bloccato”, seguita da una frase minacciosa, “avreste dovuto lasciarci incontrare la morte oltreoceano”. Nel mirino dell’Fbi anche un possibile viaggio ad Ankara, che risulta da documenti forniti dalla polizia di Ny alle dogane, per un periodo non specificato nel gennaio 2014.

Fu comunque il suo viaggio in Pakistan di quasi un anno ad insospettire le dogane, che al suo ritorno nel marzo 2014 lo segnalarono al National Targeting center, un’agenzia federale di intelligence in seno all’Homeland security creata dopo l’11 settembre per valutare potenziali minacce legate a passeggeri ad alto rischio. Una segnalazione girata anche all’Fbi e ad altre agenzie.

Cinque mesi dopo il padre di Rahami lo denunciò come ‘terrorista’ ma, nonostante questo secondo campanello d’allarme, il Federal Bureau of investigation non interrogò il giovane né trovò elementi per un’indagine più approfondita. Sul conto di Rahami c’erano anche le segnalazioni della sicurezza dell’Ap sulla simpatia per i talebani e il disprezzo per l’azione militare Usa in Afghanistan manifestati dal giovane quando lavorava come guardia notturna non armata in alcuni uffici amministrativi dell’agenzia di stampa.

Non è la prima volta che l’Fbi e l’intelligence Usa potrebbero aver trascurato i profili di potenziali lupi solitari: i dubbi erano sorti anche con l’autore della strage di Orlando, Omar Mateen, finito sotto esame negli anni precedenti ma senza esito, e con i fratelli ceceni Tsarnaev che insanguinarono la maratona di Boston dopo essere stati segnalati dai servizi segreti russi. Anche la Casa Bianca sembra avere dei dubbi, se il portavoce Johs Earnest ha detto di essere fiducioso che l’Fbi riesaminerà la vicenda “per determinare se c’è qualcosa di diverso che avrebbe potuto o dovuto fare per prevenire la violenza”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

02:25Ballottaggi: Giordani vince a Padova, Sboarina a Verona

(ANSA) - VENEZIA, 26 GIU - Il centrodestra si riprende Verona, che chiude così l'era di Flavio Tosi, il centrosinistra Padova, che lascia fuori di Palazzo Moroni il leghista Massimo Bitonci. Federico Sboarina, candidato di Fi e Lega, è il nuovo sindaco della città scaligera, dove con il 57,9% dei consensi ha battuto la candidata, e compagna di Tosi, Patrizia Bisinella (42,1%), che al secondo turno godeva anche dell'appoggio del Pd. Un ribaltone simbolico se letto attraverso la lente leghista, dato che Verona era una delle città su cui puntava per il successo il leader del Carroccio, Salvini, acerrimo avversario dell'ex leghista Tosi. A Padova vince il candidato 'civico' dei Dem Sergio Giordani, che, che grazie all'apporto fondamentale della 'Coalizione Civica' di Arturo Lorenzoni, strappa la poltrona di sindaco alla Lega, defenestrato dalla sua maggioranza nel novembre 2016. Giordani, imprenditore, ha conquistato il 51,8% dei voti del ballottaggio; Bitonci si è fermato al 48,2%.

00:39Comunali: Catanzaro, Abramo sindaco per la quarta volta

(ANSA) - CATANZARO, 25 GIU - É quasi certo un quarto mandato come sindaco di Catanzaro per Sergio Abramo, 59 anni, del centrodestra, imprenditore, sostenuto da sei liste. Exit poll e proiezioni gli attribuiscono una percentuale del 65,5%, nettamente superiore rispetto a quella del suo concorrente, Vincenzo Antonio Ciconte, 62 anni, del centrosinistra, appoggiato da 11 liste, per il quale il risultato che si profila é il 34,5%. Abramo, che al primo turno aveva ottenuto il 39,72%, é il sindaco uscente ed era stato primo cittadino a Catanzaro dal 1997 al 2005. Vincenzo Antonio Ciconte, primario cardiologo, che l'11 giugno aveva ottenuto il 31,04%, é stato sostenuto da 11 liste. "Il centrodestra - ha detto a caldo Abramo - quando é unito e riesce anche a rinnovare, con 7 donne che entreranno in Consiglio con la mia elezione, diventa vincente. A Catanzaro abbiamo sbaragliato Pd e 5 stelle". (ANSA).

00:37Ballottaggi: Italia, ha votato il 46,03%

(ANSA) - ROMA, 26 GIU - E' stata del 46,03% l'affluenza alle urne rilevata alle 23, alla chiusura dei seggi per i ballottaggi in 103 comuni chiamati al voto (il dato diffuso dal Viminale non tiene conto delle comunali in corso in Friuli Venezia Giulia e Sicilia). Al primo turno, alle ore 23, la percentuale dei votanti era stata del 58%.

00:19Calcio: Donnarumma, ‘attacco hacker, chiudo profili social’

(ANSA) - MILANO, 25 GIU - Si aggiunge un nuovo mistero sul caso Donnarumma. Il portiere del Milan annuncia di aver subito un "attacco hacker" sui propri account e di aver deciso quindi "di chiudere i social". Donnarumma aveva poco prima affidato a Instagram i suoi pensieri, aprendo alla possibilità di "rinnovare il contratto con il Milan" dopo gli Europei Under21, mentre nel pomeriggio aveva scritto un post su Twitter, spazzando via le voci su presunti screzi con il suo agente Mino Raiola, che a sua volta sempre su Twitter in serata aveva scritto in inglese: "Donnarumma x Haters 1-0. E adesso?" Il Milan per ora rimanda al giocatore ogni tipo di delucidazione.

00:19Ballottaggi:a Oristano vince l’astensione con il 44% votanti

(ANSA) - ORISTANO, 25 GIU - Crollo verticale dell'affluenza, in calo di quasi 20 punti, ad Oristano nel secondo turno delle elezioni amministrative. La percentuale di votanti alla chiusura dei seggi si ferma, infatti, al 43,9% rispetto al 61,9% del primo turno. (ANSA).

00:00Exit poll, avanza il centrodestra

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - I primi exit poll sembrano premiare il centrodestra ai ballottaggi delle Comunali segnati da una forte astensione. Lo schieramento è in testa a Genova, dove Emg per La7 attribuisce a Bucci tra il 50,5 e il 54,5% contro il 45,5-49,5% di Vincenzo Crivello del centrosinistra, a Catanzaro dove Piepoli/Rai dà Abramo avanti ad oltre il 56% contro il 40-44% di Vincenzo Antonio Ciconte del centrosinistra, a Verona dove il candidato sindaco Federico Sboarina (centrodestra) è al 52-56% contro Patrizia Bisinella (lista civica) al 44-48%. Il centrosinistra è avanti a Taranto, dove il candidato sindaco Rinaldo Melucci (centrosinistra) è al 49-53% su Stefania Baldassarri (centrodestra) al 47-51%. A Parma il sindaco Federico Pizzarotti (lista civica, ex Cinquestelle) è al 56,5-60,5% contro Paolo Scarpa (centrosinistra) al 39,5-43,5%. A L'Aquila è testa a testa tra i candidati sindaco Americo Di Benedetto (centrosinistra) e Pierluigi Biondi (centrodestra), entrambi al 48-52%.

23:32Ballottaggi: alle 23 chiusi regolarmente i seggi elettorali

(ANSA) - ROMA, 25 GIU - Si sono chiusi regolarmente alle 23 i seggi in 101 comuni nelle Regioni a statuto ordinario e in 10 nelle Regioni a statuto speciale per il turno di ballottaggio per l'elezione dei sindaci. Sono in totale 4.304.739 gli elettori, di cui 2.054.516 maschi e 2.250.223 femmine, e 5.184 le sezioni elettorali. Ventidue i capoluoghi interessati in questa tornata: Genova, Catanzaro, L'Aquila, Alessandria, Asti, Belluno, Como, Gorizia, La Spezia, Lecce, Lodi, Lucca, Monza, Oristano, Padova, Parma, Piacenza, Pistoia, Rieti, Verona, Taranto e Trapani. Subito dopo l'accertamento del numero dei votanti, inizierà lo spoglio delle schede. (ANSA).

Archivio Ultima ora