Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

WASHINGTON. – Crescono gli interrogativi sulle possibili falle dell’Fbi nel prevenire gli attentati a Ny e in New Jersey del presunto sospetto, Ahmad Khan Rahami, che era stato segnalato anche dalla dogana per un suo viaggio in Pakistan prima che il padre lo denunciasse come ‘terrorista”, riferendo al Federal Bureau of investigation – come ha precisato al Nyt – i suoi interessi per i gruppi terroristici come al Qaida e la sua fascinazione per i video e la musica jihadista.

Nel frattempo spunta la simpatia del giovane americano di origini afghane anche per l’Isis, in particolare per Abu Muhammad al-Adnani, capo della propaganda e “portavoce” dell’Isis, nonché agitatore dei ”lupi solitari” che hanno insanguinato l’Europa, ucciso a fine agosto da un drone Usa. Nel suo taccuino, di cui il Nyt ha ottenuto una copia, Rahami indica il “fratello Adnani” come “guida” e cita la sua indicazione di “colpire gli infedeli nel loro cortile di casa”, riecheggiando l’appello lanciato in estate da Adnani a prendere di mira i nemici in qualunque modo e ovunque.

Finora del taccuino gli investigatori avevano lasciato filtrare solo gli apprezzamenti per Osama Bin Laden, l’imam americano-yemenita Anwar al-Awlaki e Nidal Hasan, il maggiore americano autore della strage di Fort Hood, senza alcun riferimento ad Adnani, braccio destro operativo del Califfo al-Baghdadi e coordinatore del terrorismo in Occidente.

Il riferimento ad al-Adnani potrebbe rafforzare l’ipotesi che anche Rahami sia un ‘lupo solitario’ ma gli investigatori stanno ancora indagando per accertare se qualcuno l’abbia aiutato e se avesse legami con gruppi terroristici. Un contributo potrebbe arrivare dalla moglie, tornata negli Usa da Dubai per collaborare con gli inquirenti.

Dal taccuino emerge inoltre una possibile frustrazione per un fallito tentativo di arrivare in Siria, usato come giustificazione per fare attentati in casa: in una pagina c’è la parola “bloccato”, seguita da una frase minacciosa, “avreste dovuto lasciarci incontrare la morte oltreoceano”. Nel mirino dell’Fbi anche un possibile viaggio ad Ankara, che risulta da documenti forniti dalla polizia di Ny alle dogane, per un periodo non specificato nel gennaio 2014.

Fu comunque il suo viaggio in Pakistan di quasi un anno ad insospettire le dogane, che al suo ritorno nel marzo 2014 lo segnalarono al National Targeting center, un’agenzia federale di intelligence in seno all’Homeland security creata dopo l’11 settembre per valutare potenziali minacce legate a passeggeri ad alto rischio. Una segnalazione girata anche all’Fbi e ad altre agenzie.

Cinque mesi dopo il padre di Rahami lo denunciò come ‘terrorista’ ma, nonostante questo secondo campanello d’allarme, il Federal Bureau of investigation non interrogò il giovane né trovò elementi per un’indagine più approfondita. Sul conto di Rahami c’erano anche le segnalazioni della sicurezza dell’Ap sulla simpatia per i talebani e il disprezzo per l’azione militare Usa in Afghanistan manifestati dal giovane quando lavorava come guardia notturna non armata in alcuni uffici amministrativi dell’agenzia di stampa.

Non è la prima volta che l’Fbi e l’intelligence Usa potrebbero aver trascurato i profili di potenziali lupi solitari: i dubbi erano sorti anche con l’autore della strage di Orlando, Omar Mateen, finito sotto esame negli anni precedenti ma senza esito, e con i fratelli ceceni Tsarnaev che insanguinarono la maratona di Boston dopo essere stati segnalati dai servizi segreti russi. Anche la Casa Bianca sembra avere dei dubbi, se il portavoce Johs Earnest ha detto di essere fiducioso che l’Fbi riesaminerà la vicenda “per determinare se c’è qualcosa di diverso che avrebbe potuto o dovuto fare per prevenire la violenza”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

11:44‘Ndrangheta: blitz Gdf, 54 fermi, 8 ton. coca sequestrati

(ANSA) - CATANZARO, 24 GEN - I finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro hanno eseguito, in tutta Italia, un'operazione per l'esecuzione di un provvedimento di fermo emesso dalla Direzione distrettuale di Catanzaro nei confronti di 54 persone accusate di essere coinvolte in un traffico internazionale di sostanze stupefacenti gestito dalla 'ndrangheta. Contestualmente i finanzieri hanno eseguito anche un sequestro di beni per un valore di circa 8 milioni di euro. Nel corso delle indagini, otto tonnellate di cocaina sono state sequestrate in Colombia mentre altri sequestri, nell'ordine di 60-100 chili per volta, sono stati effettuati in Italia ed in Europa. "L'operazione - ha detto il capo della Dda catanzarese Nicola Gratteri - conferma il rapporto privilegiato della 'ndrangheta con i narcos sudamericani con accordi in cui i ruoli si mischiano, e la grande capacità di gestire la vendita in molte regioni". Lo stupefacente arrivava in Italia prevalentemente attraverso i porti di Gioia Tauro, Genova e Napoli.

11:42Si lancia da balcone con figlio di tre anni, morti

(ANSA) - PADULA (SALERNO), 24 GEN - Un uomo di 45 anni si è lanciato dal balcone a Padula (Salerno) tenendo in braccio il figlioletto di soli tre anni. I due sono morti praticamente sul colpo. Sul posto della tragedia, avvenuta nelle vicinanze della piazza principale del piccolo centro del Vallo di Diano, sono intervenuti carabinieri della locale stazione ed i i vigili del fuoco del distaccamento di Sala Consilina.

11:32Thailandia: alluvioni nel sud, bilancio sale a 85 morti

(ANSA) - BANGKOK, 24 GEN - E' salito a 85 morti il bilancio delle alluvioni che nell'ultimo mese hanno colpito il sud della Thailandia. Lo ha annunciato ieri sera il dipartimento governativo per la prevenzione dei disastri naturali. Secondo il responsabile del dipartimento, Chatchai Promlert, le piogge monsoniche fuori stagione hanno causato danni o disagi a 1,7 milioni di persone, colpendo 580 mila case in 12 province meridionali, oltre a 2.300 scuole. Mentre in alcune zone il tempo è migliorato nell'ultima settimana, sette province rimangono ancora in gran parte sott'acqua, e in cinque di queste sono previste ulteriori precipitazioni nei prossimi due giorni.

11:32Scomparsa nell’Aretino: ‘frate uccise per evitare scandalo’

(ANSA) - AREZZO, 24 GEN - "Padre Gratien uccise Guerrina Piscaglia per evitare uno scandalo. Un atto istintivo. Aveva paura. Vedeva minacciate la salvaguardia del suo onore e la sua dignità di prete". E' la tesi che si legge nelle motivazioni della sentenza, pronunciata dalla Corte d'appello il 24 ottobre 2016, che ha condannato il frate congolese a 27 anni per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il caso è quello della donna scomparsa da Ca' Raffaello nell'Aretino il primo maggio 2014 il cui cadavere non è mai stato ritrovato. Padre Gratien si trova attualmente nel convento romano dei padri Premostratensi dove celebra messa e fa intensa vita di comunità. Non ha mai smesso di proclamarsi innocente.

11:32Musica: Orchestra femminile Afghanistan vince Freemuse Award

(ANSA) - KABUL, 24 GEN - 'Zohra', la prima ed unica orchestra femminile dell'Afghanistan, ha vinto l'edizione 2017 del Freemuse Award, riconoscimento assegnato con la finalità di promuovere la musica come motore della libertà. In un comunicato l'organizzazione ha ricordato che 'Zohra', che con i suoi strumenti tradizionali afghani si è esibita anche nel quadro del recente Forum di Davos, è composta unicamente da studentesse del'Istituto nazionale della Musica (Anim) che sta formando la prima nuova generazione di musiciste afghane degli ultimi 30 anni. Cercando di superare l'impasse e rilanciare la musica fra la gente, il professor Ahmad Sarmast ha avviato un coraggioso progetto educativo che ha portato all'apertura nel 2010 dell'Anim a Kabul. Fra i principali obiettivi dell'Istituto, vi è proprio quello di dare potere alle donne attraverso la musica. Così, 65 dei 200 studenti dell'Anim sono ragazze fra i 14 ed i 20 anni che hanno dato vita all'orchestra che si è già esibita in molte Nazioni.

11:28Siria: ribelli, disponibili a prolungamento colloqui Astana

(ANSA) - MOSCA, 24 GEN - Le trattative di Astana sulla crisi siriana potrebbero proseguire anche domani e quindi oltre i due giorni inizialmente previsti: lo sostiene il portavoce della delegazione dell'opposizione, Osama Abu Zeid. "Se i paesi garanti (Russia, Turchia e Iran, ndr) dicono di aver bisogno di piu' tempo, di un giorno in piu', saremo d'accordo", ha dichiarato Osama Abu Zeid. "Non siamo venuti qui per appena due giorni, abbiamo un obiettivo che deve essere raggiunto", ha poi aggiunto. Oggi si svolge la seconda giornata dei colloqui iniziati ieri nella capitale kazaka.

11:28Trump: Senato conferma Mike Pompeo capo della Cia

(ANSA) - WASHINGTON, 24 GEN - Mike Pompeo è il nuovo capo della Cia. La sua nomina è stata confermata dal Senato Usa, con 67 voti a favore e 30 contro (quasi tutti democratici). Donald Trump ha blindato così il settore della sicurezza della sua amministrazione, dopo la conferma del capo del Pentagono, James Mattis, e del consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Di origini italiane (è membro dell'Italian American Congressional Delegation), laureato in legge ad Harvard, Pompeo ha prestato servizio nell'esercito per qualche anno e successivamente ha lavorato come avvocato e imprenditore nel settore aerospaziale prima di entrare in politica con il Partito Repubblicano. Ex deputato del Kansas, 54 anni, è un esponente dei Tea Party. Membro a vita della National Rifle Association, è stato tra i più convinti oppositori all'Obamacare ed è contrario alla chiusura di Guantanamo. Pompeo è inoltre noto per essere stato tra i sostenitori del programma di sorveglianza dell'Nsa rivelato da Edward Snowden.

Archivio Ultima ora