Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

Pubblicato il 22 settembre 2016 da ansa

Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

Attentatore Ny si ispirava a Isis. Fbi su graticola

WASHINGTON. – Crescono gli interrogativi sulle possibili falle dell’Fbi nel prevenire gli attentati a Ny e in New Jersey del presunto sospetto, Ahmad Khan Rahami, che era stato segnalato anche dalla dogana per un suo viaggio in Pakistan prima che il padre lo denunciasse come ‘terrorista”, riferendo al Federal Bureau of investigation – come ha precisato al Nyt – i suoi interessi per i gruppi terroristici come al Qaida e la sua fascinazione per i video e la musica jihadista.

Nel frattempo spunta la simpatia del giovane americano di origini afghane anche per l’Isis, in particolare per Abu Muhammad al-Adnani, capo della propaganda e “portavoce” dell’Isis, nonché agitatore dei ”lupi solitari” che hanno insanguinato l’Europa, ucciso a fine agosto da un drone Usa. Nel suo taccuino, di cui il Nyt ha ottenuto una copia, Rahami indica il “fratello Adnani” come “guida” e cita la sua indicazione di “colpire gli infedeli nel loro cortile di casa”, riecheggiando l’appello lanciato in estate da Adnani a prendere di mira i nemici in qualunque modo e ovunque.

Finora del taccuino gli investigatori avevano lasciato filtrare solo gli apprezzamenti per Osama Bin Laden, l’imam americano-yemenita Anwar al-Awlaki e Nidal Hasan, il maggiore americano autore della strage di Fort Hood, senza alcun riferimento ad Adnani, braccio destro operativo del Califfo al-Baghdadi e coordinatore del terrorismo in Occidente.

Il riferimento ad al-Adnani potrebbe rafforzare l’ipotesi che anche Rahami sia un ‘lupo solitario’ ma gli investigatori stanno ancora indagando per accertare se qualcuno l’abbia aiutato e se avesse legami con gruppi terroristici. Un contributo potrebbe arrivare dalla moglie, tornata negli Usa da Dubai per collaborare con gli inquirenti.

Dal taccuino emerge inoltre una possibile frustrazione per un fallito tentativo di arrivare in Siria, usato come giustificazione per fare attentati in casa: in una pagina c’è la parola “bloccato”, seguita da una frase minacciosa, “avreste dovuto lasciarci incontrare la morte oltreoceano”. Nel mirino dell’Fbi anche un possibile viaggio ad Ankara, che risulta da documenti forniti dalla polizia di Ny alle dogane, per un periodo non specificato nel gennaio 2014.

Fu comunque il suo viaggio in Pakistan di quasi un anno ad insospettire le dogane, che al suo ritorno nel marzo 2014 lo segnalarono al National Targeting center, un’agenzia federale di intelligence in seno all’Homeland security creata dopo l’11 settembre per valutare potenziali minacce legate a passeggeri ad alto rischio. Una segnalazione girata anche all’Fbi e ad altre agenzie.

Cinque mesi dopo il padre di Rahami lo denunciò come ‘terrorista’ ma, nonostante questo secondo campanello d’allarme, il Federal Bureau of investigation non interrogò il giovane né trovò elementi per un’indagine più approfondita. Sul conto di Rahami c’erano anche le segnalazioni della sicurezza dell’Ap sulla simpatia per i talebani e il disprezzo per l’azione militare Usa in Afghanistan manifestati dal giovane quando lavorava come guardia notturna non armata in alcuni uffici amministrativi dell’agenzia di stampa.

Non è la prima volta che l’Fbi e l’intelligence Usa potrebbero aver trascurato i profili di potenziali lupi solitari: i dubbi erano sorti anche con l’autore della strage di Orlando, Omar Mateen, finito sotto esame negli anni precedenti ma senza esito, e con i fratelli ceceni Tsarnaev che insanguinarono la maratona di Boston dopo essere stati segnalati dai servizi segreti russi. Anche la Casa Bianca sembra avere dei dubbi, se il portavoce Johs Earnest ha detto di essere fiducioso che l’Fbi riesaminerà la vicenda “per determinare se c’è qualcosa di diverso che avrebbe potuto o dovuto fare per prevenire la violenza”.

(di Claudio Salvalaggio/ANSA)

Ultima ora

05:28Trump:Senato conferma Wilbur Ross segretario Commercio

NEW YORK - Il Senato americano conferma Wilbur Ross a segretario al Commercio dell'amministrazione Trump. Ross e' stato approvato con 72 voti a favore e 27 contrari.

05:14Trump attacca Nyt, ha intenti diabolici, scrive bugie

NEW YORK - Il New York Times ha ''intenti diabolici'': ''le sue storie sono sbagliate. Basta guardare agli ultimi due anni: hanno dovuto scrivere una lettera di scuse agli abbonati per aver sbagliato sulle elezioni''. Donald Trump sceglie il sito conservatore Breibart, che faceva capo allo stratega della Casa Bianca Steve Bannon, per tornare ad attaccare il New York Times, che ''scrive bugie''.

01:12SpaceX: Elon Musk invia intorno a Luna 2 ‘turisti’ nel 2018

(ANSA) - NEW YORK, 27 FEB - Elon Musk manda sulla Luna due privati cittadini. Il miliardario fondatore di Tesla e SpaceX annuncia che il prossimo anno due turisti dello spazio, e non astronauti della Nasa, saranno inviati in un viaggio privato a pagamento intorno alla Luna. Un viaggio fino a 643.000 chilometri, della durata di una settimana, per il quale i due hanno già lasciato un ''deposito significativo''. Il viaggio e' atteso nella seconda meta' del prossimo anno: i due cittadini privati inizieranno l'addestramento più avanti nel corso del 2017. I due, che non si conoscevano, sono stati presentati. Per Musk si tratta di una scommessa importante: le missioni private possono diventare un'importante fonte di ricavi.

00:38Calcio:Belotti,vincere classifica cannonieri è mio obiettivo

(ANSA) - ROMA, 27 FEB - "Gli applausi di tutto il Franchi? Fa sempre piacere ricevere gli applausi da tutta la gente perché vuol dire che sono sportivi oltre che tifosi. E' il bello del calcio. Queste sono le cose veramente belle del nostro sport". Il bomber del Torino Andrea Belotti esterna tutta la propria felicità, non solo per la doppietta che ha realizzato, ma anche per gli applausi ricevuti dalla tifoserie della Fiorentina. "All'inizio non riuscivamo a trovare le misure giuste, poi è uscito il cuore di questa squadra - dice ancora Belotti - e continuando così possiamo toglierci delle soddisfazioni. Punto a vincere la classifica dei cannonieri? Sicuramente, è un mio obiettivo ma se io sono lì è merito di tutti i miei compagni. Potevo segnarne uno in più se non avessi sbagliato il rigore, ma ormai è diventata una routine. Quest'anno non riesco a segnare dal dischetto, lavorerò per migliorare questo aspetto". Belotti si sente pronto per il grande salto? "Io sono pronto per il Toro e per fare bene in questa squadra".

00:18Calcio: Leicester, tifosi con maschere Ranieri e striscioni

(ANSA) - LEICESTER, 27 FEB - Maschere di gomma con il volto di Claudio Ranieri, e striscioni in italiano e in inglese ("Grazie Ranieri", "Thank you Claudio"). Così i tifosi del Leicester, impegnato oggi in casa nel 'Monday Night' di Premier League contro il Liverpool, hanno voluto testimoniare allo stadio la loro vicinanza al tecnico esonerato nei giorni scorsi dal club campione d'Inghilterra. Al suo posto sulla panchina delle 'Foxes' siede il tecnico ad interim Craig Shakespeare, ma i cori sono stati quasi tutti per Ranieri.

23:49Trump: Ap, capo Epa uso’ account email privato

(ANSA) - NEW YORK, 27 FEB - Nuova grana in vista per Scott Pruitt, l'uomo scelto da Donald Trump per guidare l'Epa, l'agenzia federale per la protezione dell'ambiente. Secondo alcuni documenti ottenuti dall'Associated Press, avrebbe occasionalmente utilizzato un account privato di posta elettronica quando prestava servizio come procuratore generale in Oklahoma. Pruitt davanti al Congresso aveva negato la circostanza, affermando di essersi sempre servito dell'account ufficiale dello stato.

23:42Pugilato: dal ring a S.Francesco, Moroni ambasciatrice pace

(ANSA) - ASSISI (PERUGIA), 27 FEB - 'Ambasciatrice della pace' nonostante sul quadrato picchiasse sodo. Ma in fondo, come dice la motivazione del riconoscimento che le è stato conferito "La forza è l'elemento che unisce e accomuna la pace alla boxe". Così ad Assisi, presso il fondaco della casa paterna di San Francesco, l'ex campionessa d'Europa Maria Moroni, autentica 'pioniera' del pugilato femminile in Italia (al punto che alcuni suoi cimeli fanno parte adesso del Museo del Pugilato inaugurato venerdì scorso), ha ricevuto assieme all'arbitro internazionale Claudio De Camillis la nomina di 'Ambasciatore della Pace nel Mondo' conferito da Assisi Pax International e quindi dai frati francescani. "E' la nomina più bella che potessi ricevere - è stato il commento di un'emozionata Moroni -, visto che per il ventennale Assisi Pax International ha scelto proprio noi del pugilato per spiegare che la forza si basa sulla non violenza, proprio come nella nobile arte".

Archivio Ultima ora